Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Demolizione selettiva

Riciclare i materiali edili derivati dalla demolizione di un edificio oggi è possibile. Come? Con la demolizione selettiva, ecosostenibile e conveniente.
11 Giugno 2010 ore 13:31 - NEWS Progettazione

Demolire significa distruggere. Ma ci sono diverse modalita' per farlo. È possibile infatti progettare razionalmente la fase della demolizione di un edificio. Per ottimizzare la raccolta, aumentare il riciclo e riutilizzare il piu' possibile i materiali edilizi. Che possono essere valorizzati al massimo e gestiti in modo intelligente. In poche parole, salvati.

DemolizioneMa procediamo con ordine. Innanzi tutto è bene ricordarsi che la demolizione è una fase importante del processo edilizio.

In passato nei cantieri edili la demolizione a mano, ossia quella eseguita con il martello da fabbro, il piede di porco e, in seguito, la fiamma ossidrica, consentiva un più facile riutilizzo delle parti costituenti l'edificio.

Successivamente sono stati introdotti macchinari più sofisticati – martelli pneumatici, esplosivi, gru, ruspe – ma anche più invasivi. Questi infatti se da un lato riducono di gran lunga i tempi necessari per la demolizione, dall'altro trasformano gli edifici in macerie. Si crea insomma una massa indistinta di detriti, più difficili da catalogare ed eventualmente riciclare.

Pensare alla demolizione in termini di ecosostenibilità significa invece adottare una progettazione intelligente. Un metodo valido è quello della demolizione selettiva, anche definito smontaggio selettivo degli edifici. Lo scopo è quello di aumentare concretamente il livello di riciclabilità degli scarti generati nel cantiere di demolizione, qualunque sia la configurazione di partenza dell'edificio. Si utilizzano quindi parti di una vecchia costruzione per dar vita a una nuova. Analizziamole singolarmente.

DemolizioneMuri. Con la demolizione selettiva, i muri più alti degli edifici si abbattono con i metodi tradizionali, ovvero con mezzi meccanici dotati di braccio sufficientemente lungo. In questo modo molti mattoni si mantengono integri e, dopo essere stati selezionati e separati dai calcinacci, possono essere riutilizzati. Le parti più basse del muro, non demolite con l'uso di una ruspa, vengono smontate manualmente e i mattoni risultanti ripuliti e accatastati.

Pavimentazioni. Per la demolizione delle mattonelle della pavimentazione avviene la stessa cosa: dopo averle rimosse con appositi strumenti, vengono ripulite ed accatastate.

Copertura. Della copertura, se attentamente demoliti, si possono riutilizzare travi, correnti, tavolato e coppi. Si parte dai coppi, ovvero dallo strato superiore della copertura, che vengono demoliti manualmente. Si provvede poi allo smontaggio delle travi, da rimuovere necessariamente con l'ausilio di un mezzo meccanico.

DemolizioneI restauratori e, più in generale, tutti coloro che operano su edifici storici cercano di preservare travi e materiali antichi, magari trattandoli, per evitare di sostituirli cancellando così una testimonianza storica. Si tratta quindi di adottare queste tecniche anche nelle costruzioni più recenti.

Paesi come Belgio, Olanda e Danimarca già si distinguono per aver introdotto politiche che promuovono il riciclo e di fatto l'80% dei materiali C&D, ovvero provenienti da attività di costruzione e demolizione. In Italia, invece, complice la possibilità di reperire materie prime ad un costo contenuto, la percentuale dei rifiuti riutilizzati e riciclati non arriva neanche al 9%. Eppure il risparmio, secondo uno studio condotto negli Stati Uniti sul costo della demolizione selettiva calcolata su sei edifici, si aggira intorno al 37% rispetto a quella tradizionale.

Certamente per realizzare la demolizione selettiva è necessario coinvolgere committenti, progettisti, enti pubblici ed ogni altro soggetto interessato. Insomma, un lavoro di team che non risparmia nessuno. Ma una strada assolutamente da percorrere per rispettare l'ambiente e ottimizzare le risorse.

riproduzione riservata
Articolo: Demolizione selettiva
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Demolizione selettiva: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giuseppe
    Giuseppe
    Giovedì 25 Agosto 2016, alle ore 07:46
    Dopo aver letto e trovato molto interessante questo articolo, volevo porre una domanda.

    Nel caso in cuoi volessi fare una demolizione selettiva fatta a mano mattone per mattone ,ovviamente dopo aver rimosso le tegole i conventini le travi, trattando le travi e riponedole sotto un tetto per un secondo utilizzo o anche per rivenderlo, come anche i mattoni.

    Allora vi spiego dovrei demolire a mano un rustico fatto solo di mattoni rossi, solo tra il primo piano e la mansarda ci sono quasi 30.000 mattoni rossi,  poi il piano terra ha un soffito che bisogna per forza smaltire essendo di materiale non riutilizabile perche conpromesso da tempo, anche se qualcosa.

    Insomma se ha ben capito vorrei con tutte le carte burocratiche essere in regola con una regolare impalcatura messa in sicurezza e poter da privato dopp il lavoro mettermi li e ricavare i mattoni rossi che hanno 120 anni.

    In modo da demolire il rustico risparmiando il piu possibile,  posso farlo?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.518 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Demolizione selettiva che potrebbero interessarti


Demolire e ricostruire con maggiori volumi ma stesse distanze è consentito

Leggi e Normative Tecniche - Il DL Semplificazioni 2020 modifica il Testo Unico dell' Edilizia (Dpr 380 del 2001) in riferimento ad interventi di demolizione e ricostruzione. Vediamo le novità

Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Sicurezza delle opere in laterizio non strutturali

Progettazione - Errori da evitare nella realizzazione dei tamponamenti e tramezzature in zona sismica.

L'alternativa allo smaltimento dei rifiuti di cantiere

Restauro edile - Il problema dello smaltimento rifiuti in cantiere edile. Siamo davvero sicuri che si tratti di rifiuti? Come gestirli e come ottimizzare gli scarti da cantiere.

Upcycling

Affittare casa - Il riciclo creativo o anche upcycling è una pratica che ci aiuta a risparmiare risorse e a ridurre le emissioni in atmosfera, secondo la logica della blue economy

Detrazione per demolizione con ricostruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibilità di accedere alla detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie per chi procede con la demolizione e la ricostruzione di un edificio residenziale.

Stop alle demolizioni in Campania?

Normative - Il presidente del Consiglio ha annunciato ierii di aver pronto un provvedimento per bloccare temporaneamente le demolizioni degli edifici abusivi in Campania.

Demolizioni e recupero del materiale di risulta

Restauro edile - L'utilità di recuperare il materiale di risulta proveniente dalla demolizione di vecchie costruzioni rispettando l'ambiente insieme alla memoria storica del sito

Giornata nazionale del riciclo

Bioedilizia - Il due ottobre arriva in venti piazze d'Italia la Prima Giornata Nazionale del Riciclo e della Raccolta Differenziata di Qualità organizzata dal CONAI e dal Ministero dell'Ambiente.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img franco.rossi
Buona sera a tutti, vi scrivo per chiedervi un consiglio circa un appartamento, interamente da ristrutturare, che sto per acquistare. Nella struttura attuale, soggiorno, cucina, 3...
franco.rossi 24 Aprile 2019 ore 11:18 2