Deliberazioni ed assicurazione dell'edificio

NEWS DI Condominio03 Agosto 2010 ore 11:41
Una recente pronuncia della Corte di Cassazione (la n. 16011 del 7 luglio 2010) ci consente di tornare a parlare del contratto d'assicurazione e della competenza a deciderne la stipula.

Una recente pronuncia della Corte di Cassazione (la n. 16011 del 7 luglio 2010) ci consente di tornare a parlare del contratto d'assicurazione e della competenza a deciderne la stipula.Deliberazione
Né il codice civile né le leggi speciali prevedono l'obbligatorietà dell'assicurazione per l'edificio in condominio.
Ciò nonostante è ormai prassi consolidata soprattutto, nelle compagini condominiali particolarmente complesse, che si decida di stipulare una polizza che copra la responsabilità civile per i danni che le parti comuni possono provocare ad i terzi o ai condomini stessi.

Si pensi, per fare un esempio, alla caduta dalla scale, ai danni da infiltrazioni e via discorrendo.
Due le domande più ricorrenti:
a) l'amministratore è competente a stipulare il contratto senza la preventiva autorizzazione assembleare?
b) se è l'assemblea a dover decidere, con quale maggioranza sarà tenuta a deliberare?
La sentenza succitata risponde in modo chiaro e preciso agli interrogativi posti.
Quanto alla competenza dell'amministratore, il giudici di legittimità si sono riportati puntualmente ad una loro precedente decisione resa nel 2007.
In quell'occasione la Corte regolatrice ebbe a significare che l'amministratore non è legittimato a concludere il contratto d'assicurazione del fabbricato se non abbia ricevuto la autorizzazione da una deliberazione dell'assemblea dei partecipanti alla comunione.
A questa conclusione deve pervenirsi per la decisiva ed assorbente considerazione che la disposizione dell'art. 1130 c.c., comma 4 obbligando l'amministratore (l'amministratore deve compiere) ad eseguire gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio, ha inteso chiaramente riferirsi ai soli atti materiali (riparazioni di muri portanti, di tetti e lastrici) e giudiziali (azioni contro comportamenti illeciti posti in essere da terzi) necessari per la salvaguardia dell'integrità dell'immobile, tra i quali non può farsi rientrare il contratto d'assicurazione, perché questo non ha gli scopi conservativi ai quali si riferisce la norma dell'art. 1130 c.c., ma ha come suo unico e diverso fine quello di evitare pregiudizi economici ai proprietari dell'edificio danneggiato
(così Cass. 3 aprile 2007 n. 8233).Deliberazione
Ciò non toglie tuttavia che la stessa assise condominiale possa ratificare l'operato dell'amministratore e quindi avallare la scelta, fatta autonomamente dallo stesso, di stipulare una polizza assicurativa a tutela delle parti comuni dello stabile.
Quanto alle maggioranze la sentenza n. 16011/10 prende posizione in relazione ad un contratto assicurativo particolare in quanto lo stesso era di durata decennale purtuttavia la pronuncia pare riferirsi in generale a tutti i contratti.
In tal caso, ci dice il Supremo Collegio va radicalmente escluso che la conclusione di un contratto di assicurazione di un fabbricato da parte dell'amministratore richieda il consenso di tutti i condomini, potendo invece essere deliberato dall'assemblea, anche se di durata ultranovennale, con la maggioranza qualificata di cui all'art. 1136 c.c., commi 2 e 4 (dunque, con la stessa maggioranza sia in prima che in seconda convocazione) giacché, pur eccedendo l'ordinaria amministrazione, non rientra nell'ambito delle innovazioni, per le quali soltanto l'art. 1136 c.c., comma 5, prevede una maggioranza ancora più qualificata (così Cass. 7 luglio 2010 n. 16011).
In relazione alle maggioranze sorge qualche dubbio quelle previste dal secondo e quarto comma sono relative alle deliberazioni in prima convocazione e a ben determinate ipotesi (nomina e revoca amministratore, liti, ecc.).
Trattandosi d'ipotesi ben nominate, dunque, non si comprende quest'applicazione analogica.
Non è chiaro, inoltre, per quale motivo debba raggiungersi sempre la maggioranza qualificata indicata dal secondo comma;
anche se la stipula volesse essere equiparata agli atti di straordinaria amministrazione (al pari della manutenzione straordinaria) solo la notevole onerosità del contratto giustificherebbe l'assimilazione a quella categoria d'interventi.

riproduzione riservata
Articolo: Deliberazioni ed assicurazione dell'edificio
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Deliberazioni ed assicurazione dell'edificio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Nicoletta Sblano
    Nicoletta Sblano
    Venerdì 29 Novembre 2013, alle ore 19:47
    Gent.mo avv. Gallucci, la ringrazio per la risposta, ma l'amministratore, che non ha ancora provveduto all'impermeabilizzazione del lastrico solare, sostiene che l'assicurazione non prevede detta spesa, tant'è che ha già riscosso le quote a settembre.
    Dice che non hanno ancora pagato tutti.
    Ammesso che sia vero, secondo me, una spesa urgente va fatta subito anche prendendo la somma mancante dal fondo cassa.
    Che ne pensa?
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Nicoletta Sblano
      Mercoledì 4 Dicembre 2013, alle ore 13:02
      Che probabilmente è il caso di valutare con un legale eventuali azioni per accelerare la risoluzione della vicenda.
      rispondi al commento
  • Nicoletta Sblano
    Nicoletta Sblano
    Giovedì 14 Novembre 2013, alle ore 12:33
    Gent.mo avv.to Gallucci, il 28/6/2013 è stata deliberata l'impermeabilizzazione, urgente e necessaria, del lastrico solare posto sul mio appartamento.
    Avuto ampio mandato e riscosse le quote a settembre, l'amm.re non ha ancora provveduto a far eseguire i lavori.
    Cosa posso fare senza incorrere in costose lungaggini legali?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Nicoletta Sblano
      Lunedì 18 Novembre 2013, alle ore 08:59
      Invii una lettera di messa in mora chiedendo l'immediata esecuzione della dellbera indicata.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Deliberazioni ed assicurazione dell'edificio che potrebbero interessarti
L'assemblea e le spese extra condominiali

L'assemblea e le spese extra condominiali

Condominio - L?assemblea di condominio, tanto nella sede ordinaria, tanto in quella straordinaria, ha una competenza generale sulla gestione conservazione delle parti
Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?
Comunicazioni all'assemblea

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Assicurazione condominiale

Mutui e assicurazioni casa - Il contratto di assicurazione del condominio non è obbligatorio e può essere firmato dall'amministratore solamente a seguito di un'autorizzazione assembleare.

Polizza RC professionale dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Se è richiesto dall'assemblea condominiale, l'amministratore della compagine deve stipulare una polizza di responsabilità civile per l'esercizio della professione.

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Delibera assembleare di approvazione dei lavori ed eccesso di potere

Condominio - Tra i profili d'illegittimità di una delibera assembleare v'è anche l'eccesso di potere, ossia l'esercizio del diritto in modo distorto

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
REGISTRATI COME UTENTE
295.403 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione facciate Bologna
    Ristrutturazione facciate bologna...
    35.00
  • Pannelli coibentati
    Pannelli coibentati...
    45.00
  • Roboformula pompa dosometrica
    Roboformula pompa dosometrica...
    49.90
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.