Danni all'abitazione privata a causa di lavori pubblici e assicurazione

NEWS DI Mutui e assicurazioni casa12 Settembre 2015 ore 00:28
In caso di danni all'abitazione del privato per lavori pubblici paga anche l'assicurazione se dalla interpretazione del contratto risulta che i lavori sono assicurati.

Risarcimento del danno


Lavori a un marciapiedeVi è poco da discutere: chi causa un danno ad altri è tenuto a pagare.

Il principio, oltre che ovvio sotto l'aspetto della convivenza civile e pacifica, per chi volesse farsi venire qualche dubbio, si applica in quanto prescritto dalla norma generale di cui all'art. 2043 c.c., per il quale chi con dolo o colpa causa ad altri un danno ingiusto è tenuto a risarcire il danno prodotto.

Così è anche se il danno è all'abitazione di un terzo ed è causato dall'esecuzione di lavori su area pubblica.

Naturalmente, fermo restando sempre l'accertamento dei fatti.


Danni all'immobile privato per lavori sulla pubblica via


Dunque, se ad esempio, in occasione dei lavori di manutenzione del marciapiede posto su area pubblica, si producono danni all'abitazione del privato, l'impresa appaltata può essere condannata, insieme al comune, al risarcimento del danno.

Così ad esempio è stato deciso nel recente giudizio conclusosi con la sentenza n. 17581 della Corte di Cassazione del 3 settembre 2015.

Va altrettanto da sè che se i lavori sono oggetto di un contratto di assicurazione, paga, sempre dietro i dovuti accertamenti, anche l'assicurazione, chiamata in giudizio a manlevare i responsabili.


Individuazione del rischio coperto dalla polizza assicurativa


Tale il principio.

InfiltrazionePer accertare se l'assicurazione è tenuta a pagare bisogna però essere certi che quei lavori e quei danni siano inclusi nel rischio assicurato nella polizza.

Quindi, nel caso all'esame della sentenza citata, i giudici dovevano stabilire se può essere che la semplice esclusione testuale in contratto dell'evento dai rischi assicurati liberi l'assicurazione dall'obbligo di manleva.

Secondo i giudici di primo e secondo grado (Giudice di Pace e Tribunale) , poteva essere.

E infatti, essi avevano deciso che la compagnia assicurativa dovesse essere esclusa dal pagamento del risarcimento del danno.

L'assicurazione, come si dice in termini tecnici, non doveva dunque manlevare l'impresa.

E ciò in quanto essi giudici ritenevano decisiva l'esclusione testuale: infatti, innanzitutto, le condizioni generali della polizza contro la responsabilità civile escludevano dal rischio assicurato i danni per bagnamento derivanti da acqua piovana o agenti atmosferici in genere; altra circostanza di rilievo era considerata il fatto che l'estensione espressa in polizza ai danni da bagnamento era prevista solo per i casi di lavori di costruzione e manutenzione degli edifici.

E tale non veniva ritenuta dai giudici l'attività di manutenzione del marciapiede pubblico.

Secondo la Corte di Cassazione, invece, adita in grado di Legittimità esclusivamente per l'esclusione dell'assicurazione dall'obbligo di risarcire, no.

Il principio di fondo su cui si basano i giudici della Cassazione è quello per cui, oltre al dato testuale, nell'attività di interpretazione volta a individuare e delimitare cosa fosse oggetto della polizza al momento della stipula, si deve tenere conto del fatto che la polizza era stata stipulata con riferimento allo specifico contratto di appalto stipulato tra il comune e l'impresa e che pertanto l'oggetto della garanzia doveva essere ricostruito tenendo conto della natura dei lavori di cui al contratto.

Nello specifico i danni erano consistiti nella produzione di infiltrazioni d'acqua derivanti da attività di rifacimento del marciapiede.

Pertanto, per quanto la clausola estendesse espressamente la copertura al solo caso di costruzione e manutenzione di edifici, essa, secondo la sentenza, va interpretata estensivamente sino a includere i lavori edilizi in genere, tra i quali rientrerebbe certamente quello di rifacimento del marciapiede.

L'oggetto dela garanzia va individuato insomma tenendo conto anche della volontà delle parti.


Alcuni principi sull'interpretazione dei contratti


E ciò sulla base del principio di intepretazione dei contratti secondo cui, oltre al dato letterale, bisogna tenere in considerazione la comune volontà delle parti quale emerge dal complesso dell'atto e dalla natura dell'affare (art. 1362 e 1363 c.c.) (Cass. n. 17581/2015).

Altrimenti, si prosegue in sentenza, non si comprenderebbe quale fosse in questo caso (caso per il quale il contratto era stato specificamanete sottoscritto) il rischio effettivamente coperto: infatti, erano i lavori di rifacimento del marciapiede quelli per i quali era stata richiesta la stipulazione della polizza come presupposto per la concessione dell'appalto.

La sentenza richiama inoltre i principi di buona fede, secondo cui il contratto va interpretato in base a buona fede della parti (v. art. 1366 c.c.); di conservazione del contratto, secondo cui il contratto o le singole clausole dello stesso, vanno interpretati nel senso in cui possono avere qualche effetto, anzichè in quello secondo cui non ne avrebbero alcuno (v. art.1367 c.c.); e di interpretazione contro l'autore della clausola, secondo cui le clausole inserite nelle condizioni generali di contratto o in moduli o formulari predisposti da uno dei contraenti s'interpretano, nel dubbio, a favore dell'altro (v. art. 1370 c.c.).

Vi è poi un dato normativo rilevato dalla ricorrente, e meno dalla sentenza in commento, e cioè quello per cui in materia di appalti pubblici alcune norme impongono all'esecutore dei lavori di dotarsi di una polizza assicurativa che tengano indenni le amministrazioni da danni a terzi (v. oggi artt. 125, d.p.r. n. 207/2010 e 129, D.Lgs. n. 163/2006).

riproduzione riservata
Articolo: Danni all'abitazione privata, lavori pubblici e assicurazione
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Danni all'abitazione privata, lavori pubblici e assicurazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Danni all'abitazione privata, lavori pubblici e assicurazione che potrebbero interessarti
Marciapiede scivoloso? Il condominio paga i danni

Marciapiede scivoloso? Il condominio paga i danni

Condominio - Il condominio,quale custode dei beni comuni,è responsabile per i danni da essi provocati a meno che non riesca a dimostrare un caso fortuito
Decreto Sviluppo

Decreto Sviluppo

Normative - Via libera in Consiglio dei Ministri al Decreto Sviluppo, che prevede misure anche per il settore casa.
Decreto Sviluppo ed Edilizia Privata

Decreto Sviluppo ed Edilizia Privata

Normative - Lo scorso 9 luglio l'Aula del Senato ha approvato in via definitiva il Decreto Sviluppo, contenente norme riguardanti l'edilizia privata, che quindi diventa definitivamente legge.

Permesso di Costruire in deroga

Normative - Una recente sentenza del TAR Piemonte ribadisce la possibilità di chiedere Permessi di Costruire in deroga anche per i privati, rispettando precise condizioni.

Eta' e Robustezza Casa

Ristrutturazione - Le Norme Tecniche delle Costruzioni stabiliscono, tra l'altro, che il progettista dichiari la durata di vita nominale del manufatto che va a progettare.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Capitolato d'appalto: quando va utilizzato

Leggi e Normative Tecniche - Il capitolato d'appalto è un documento che regola i rapporti tra l'appaltante e l'appaltatore, obbligatorio negli appalti pubblici, opzionale nei lavori privati

Materiali Strutturali

Normative - I materiali ed i prodotti per uso strutturale devono rispondere a specifici requisiti, devono essere identificati, qualificati ed accettati dalla direzione lavori.

Caduta in condominio: quando chiedere il risarcimento del danno

Liti tra condomini - In caso di caduta in condominio chi risponde dei danni? Quando sussiste la responsabilità del condominio per custodia delle parti comuni. Vediamo cosa dice legge
REGISTRATI COME UTENTE
295.781 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cancelletto estensibile 1510
    Cancelletto estensibile 1510...
    556.00
  • Cancelletto estensibile classico
    Cancelletto estensibile classico...
    329.00
  • Resina decorativa spatolata
    Resina decorativa spatolata...
    100.00
  • Tetra pond algofin ml 250
    Tetra pond algofin ml 250...
    11.71
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.