Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

NEWS Condominio07 Dicembre 2011 ore 15:41
Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.

Servitù in condominioAl momento della costruzione e vendita di una serie di edifici, tutti autonomi e tra loro separati, il costruttore impone alle parti comuni di uno di essi una servitù di passaggio a favore di altro edificio.

Successivamente gli edifici vengono acquistati e si costituiscono in autonomi condomini.

Nel corso del tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio di quella servitù.


Il conflitto diviene tale che risulta improcrastinabile un'azione giudiziaria tendente a fare chiarezza sulla vicenda. In casi del genere, ci si domanda spesso, a chi spetta la competenza a decidere e quindi ad intraprendere l'azione?

Sicuramente non all'amministratore.Questo, almeno, è il parere espresso in più occasioni dalla Corte di Cassazione.
Così, ad esempio, è stato affermato che l'amministratore non è legittimato all'esperimento di azioni reali contro i singoli condomini o contro terzi dirette ad ottenere statuizioni relative alla titolarità, al contenuto o alla tutela di diritti reali dei condomini su cose o parti dell'edificio condominiale che esulino dal novero degli atti meramente conservativi (al cui compimento l'amministratore è autonomamente legittimato ex art. 1130 c.c. n. 4 cod. civ.) (sent. 3 aprile 2003 n. 5147), come è confermato da quelle norme (come, ad es. l'art. 460 c.c.) che, nel menzionare gli atti conservativi, escludono che fra di essi siano comprese le azioni che incidono sulla condizione giuridica dei beni cui gli atti stessi si riferiscono (sent. 24 novembre 2005 n. 24764) (cfr. Cass. 6 febbraio 2009 n. 3044).

Se non spetta all'amministratore, sulla base dei propri poteri, sarà compito dell'assemblea agire a tutela del diritto di servitù?

Servitù in condominioAnche sul punto la soluzione non è chiarissima.
Non può negarsi che l'esercizio del diritto incide sulla piena fruizione delle cose comuni ma l'assemblea, nella sua più generale competenza, può decidere sulla gestione e conservazione delle parti comuni ma non anche sui diritti reali ad essa inerenti.
D'altra parte la servitù non è costituita a favore del condominio ma dei singoli comproprietari o meglio delle unità immobiliari di loro proprietà.

Stando così le cose a chi spetta il diritto di agire per ottenere tutela?
Ogni condomino, in proprio o assieme ad altri potrà prendere l'iniziativa di far valere in giudizio le ragioni riguardanti la servitù.

Ci si potrebbe domandare: ma allora perché non può deciderlo l'assemblea se, poi, il gruppo può intraprendere quest'azione?

Il motivo è semplice: il gruppo decide solo per se stesso mentre la deliberazione assembleare è obbligatoria per tutti.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio, servitù e ruolo dell'amministratore
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Condominio, servitù e ruolo dell'amministratore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.513 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Montascale curvilinei Handicare 2000 Style
    Montascale curvilinei handicare...
    7000.00
  • Montascale curvilinei Handicare 2000 Smart
    Montascale curvilinei handicare...
    7000.00
  • Tagliasiepi elettrico
    Tagliasiepi elettrico...
    139.00
  • Cesta porta biancheria
    Cesta porta biancheria...
    24.20
Notizie che trattano Condominio, servitù e ruolo dell'amministratore che potrebbero interessarti


Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Condominio - L?assemblea, per quella che è la definizione comunemente accolta da dottrina e giurisprudenza, è il luogo in cui i condomini assumono le decisioni

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Spese condominiali straordinarie ed appartamento in comunione tra coniugi separati

Ripartizione spese - Nel caso di appartamento in comunione tra coniugi separati, il provvedimento di assegnazione della casa e le statuzioni sulle spese non hanno effeto per il condominio.

Obbligazioni condominiali sono parziarie o solidali?

Ripartizione spese - Basta con i recuperi dell'intero credito contro un solo condominio; tutti devono pagare ma ognuno deve farlo nel limite della propria quota millesimale, vediamo...

Comodato e spese condominiali

Ripartizione spese - Il comodato d'uso è un contratto da cui deriva un diritto personale di godimento. La relazione tra comodato e spese condominiali e i vantaggi per il comodante.

Impianti condominiali posizionati nelle parti di proprietà esclusiva

Parti comuni - La presenza di impianti condominiali nelle parti di proprietà esclusiva può essere indice dell'esistenza di servitù costituite per destinazione del padre di famiglia.

Ritardo nei pagamenti delle quote condominiali e poteri dell'assemblea

Assemblea di condominio - Quali sono i poteri dell'assemblea nel caso di ritardo nei pagamenti delle rate condominiali? Ridotti al minimo a meno che non decida di intervenire sui poteri riconosciuti all'amministratore.

Parcheggio, servitù e condominio

Condominio - Il parcheggio rende più comodo l'uso della proprietà ma non rappresenta mai un'utilità nel senso richiesto dalla legge per la costituzione di una servitù.

Assemblea e autorità giudiziaria

Condominio - L'assemblea è sovrana! Quante volte, di fronte ad una decisione assunta in sede di riunione, alcune sentenze specificano che le decisioni dell?assise sono obbligatorie per tutti i condomini, assenti e dissenzienti inclusi.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img joss
Buongiorno,mi sono iscritto al forum in quanto ho apprezzato i suoi pareri e quindi ringrazio in anticipo per chi replicherà al seguente quesito:al fine di adeguare la...
joss 05 Gennaio 2014 ore 13:57 1
Img alby1953
Buongiorno ho un piccolo problema da risolvere,- Nel mio piccolo condominio, 14 appartamenti, una parte di condomini (5) vuole realizzare un'ascensore, hanno fatto il progetto e...
alby1953 06 Ottobre 2013 ore 14:13 3
Img ftripic
Ciao a tutti,vorrei sapere qual'è la maggioranza qualificata in una assemblea condominiale per deliberare sulla attribuzione di spazi comuni (parcheggi).grazief.
ftripic 04 Gennaio 2014 ore 22:59 1
Img savevita
Nel palazzo vogliono istallare dei fari per evitare i furti questi dovrebbero essere istallati sui muri della casa.Io sostengo che le luci non impediscono i furti tanto più...
savevita 22 Gennaio 2014 ore 17:36 1
Img mauro6300
Buongiorno,ogni anno l'assemblea condominiale approva, a maggioranza, il versamento di 2 rate straordinarie, non finalizzate, per ogni condomino, siamo arrivati ad avere sul conto...
mauro6300 20 Novembre 2013 ore 11:42 2