Condizionamento fai da te e Regolamento CE 303/08

NEWS DI Impianti08 Agosto 2013 ore 16:56
Chi lavora su sistemi con gas fluorurati deve conseguire un patentino e non è più possibile fare una ricarica del condizionatore o una riparazione come fai da te.

regolamento europeo 303/08

Con l'attuazione del regolamento Europeo numero 303 dell'anno 2008, tutti i tecnici che lavorano su sistemi contenenti gas fluorurati devono conseguire un patentino, noto come patentino del frigorista.

Il fine del regolamento, attuato in Italia con il D.P.R. 42 dell'anno 2012, è quello di disciplinare le procedure adottate dai tecnici, per limitare le emissioni di sostanze fluorurate in ambiente che incrementano l'effetto serra.

Tutti possiamo contribuire alla limitazione dell'effetto serra assicurandoci che chi fa manutenzione alla macchine di condizionamento, che abbiamo in casa o in ufficio, sia munito del patentino che ne attesti la conoscenza delle corrette procedure lavorative da adottare.

Il regolamento Europeo 303/08 nel salvaguardare l'ambiente ha, tuttavia, limitato notevolmente le possibilità di agire sulle proprie macchine di condizionamento, a tutti gli appassionati del fai da te.

Questi ultimi, infatti, pur avendo le attrezzature ed i materiali necessari con i quali effettuare, all'occorrenza, delle manutenzioni ordinarie o delle vere e proprie riparazioni, non possono più compiere tutte le operazioni che coinvolgono dei gas frigorigeni, come la ricarica, l'aggiunta etc.

Inoltre, per il prossimo futuro si prevede che le macchine di condizionamento siano vendute sprovviste del gas frigorigeno, al posto del quale dovrà esserci dell'azoto in pressione.


L'azoto, che è un gas inerte potrà poi essere sostituito nelle macchine, con la giusta quantità di gas frigorigeno, solo da personale specializzato ed anche l'acquisto dei gas frigorigeni potrà essere effettuato solo da tecnici patentati.


Il fai da te per le macchine di condizionamentoPer gli appassionati del fai da te restano poche operazioni da poter fare sulle proprie macchine di climatizzazione, tra esse: la manutenzione ordinaria che prevede la sostituzione e/o il lavaggio dei filtri, la igienizzazione delle batterie con gli spray che si trovano facilmente in commercio e la verifica del corretto funzionamento del differenziale (con il tasto TEST) del dispositivo di protezione della linea di alimentazione elettrica della macchina.


Corrente, temperature e pressioni macchine di condizionamento
Per tutti coloro che hanno un minimo di competenze tecniche, il corretto funzionamento di una macchina di condizionamento può essere verificato con la misura della corrente elettrica assorbita, delle temperature e delle pressioni del fluido frigorigeno.

Con la pinza amperometrica è possibile verificare che le correnti assorbite dalla macchina siano pari a quelle indicate sui dati di targa, i valori saranno diversi a seconda che la macchina funzioni in climatizzazione estiva o invernale.

attacco manometroI più esperti potranno verificare gli assorbimenti del compressore, individuandone la fase di alimentazione. Essi dovranno essere circa pari all'80% del valore di corrente complessivo assorbito dalla macchina.

Le verifiche delle pressioni e delle temperature del fluido frigorigeno di una macchina di climatizzazione sono dipendenti dal tipo di gas della macchina, tra i gas frigorigeni HFC (idrofluorocarburi) il più diffuso è l' R410A.

Per una comune macchina, in modalità di climatizzazione estiva, (ad es. alla temperatura di 24°C) la coppia di valori di pressioni e temperature da verificare per il fluido R410A sono 0° C e 7 bar, allacciando il manometro all'uscita dell'evaporatore ed in prossimità dell'ingresso del compressore (tubo largo nella foto sopra).


Tali valori sono quelli in corrispondenza dei quali si ha l'evaporazione del fluido a spese dell'aria che lambisce la batteria della macchina e viene rimessa fredda in ambiente. Sullo stesso tratto di tubo, con un termometro a contatto o con uno laser, sarà possibile misurare la cosiddetta temperatura di aspirazione.

coppia manometricaUna differenza, tra la temperatura di aspirazione e quella di evaporazione, pari ad un valore compreso tra 5 °C ed 8 °C sarà indicativa di un corretto funzionamento della macchina.

Una differenza oltre il range descritto indicherà una scarsa presenza di fluido all'interno dello split (unità interna della macchina), mentre, una differenza al di sotto dal range descritto indicherà un'eccessiva quantità di fluido nella macchina.

Infine osserviamo che una macchina scarsa di fluido avrà assorbimenti di corrente inferiori a quelli nominali, tali assorbimenti saranno superiori a quelli nominali nel caso di una macchina caricata eccessivamente di fluido. In ogni caso, sarà necessario l'intervento di un tecnico frigorista patentato.

riproduzione riservata
Articolo: Condizionamento fai da te e Regolamento CE 303/08
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Condizionamento fai da te e Regolamento CE 303/08: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Condizionamento fai da te e Regolamento CE 303/08 che potrebbero interessarti
Manutenzione Condizionamento

Manutenzione Condizionamento

Fai da te - Prima di sottoporre i condizionatori ad un utilizzo continuo di diverse ore al giorno è opportuno effettuare qualche manutenzione fai-da-te e semplici controlli.
Impianto di condizionamento alternativo

Impianto di condizionamento alternativo

Impianti - Un nuovo sistema di condizionamento per ogni ambiente.
Sistemi di controllo Hvac

Sistemi di controllo Hvac

Impianti - I sistemi Hvac rappresentano un valido aiuto per ridurre le emissioni e controllare gli impianti delle nostre case.

Climatizzazione VRV

Impianti - La climatizzazione con i sistemi VRV permette il contemporaneo raffrescamento e riscaldamento di diversi ambienti, con recupero dell'energia termica.

Sistemi di raffrescamento e riscaldamento

Impianti di climatizzazione - Una caratteristica comune a tutti i nuovi sistemi per la climatizzazione degli edifici è l'integrazione delle diverse fonti di energia, siano esse rinnovabili oppure no.

Consumo energetico degli impianti domestici

Impianti - L'attuale situazione economica spinge a riflettere sulle cause principali che determinano lo spreco energetico degli edifici e a trovare le soluzioni piu' adatte.

Climatizzazione centralizzata

Impianti - Gli impianti di climatizzazione centralizzazti si sono diffusi sempre più negli ultimi anni, l'assenza di ingombri e la silenziosità tra i principali vantaggi offerti.

Integrazione Pompe di Calore

Impianti di riscaldamento - Le pompe di calore possono necessitare di integrazioni per aumentare le prestazioni in termini di produzione energetica, nel caso di particolari condizioni climatiche.

L'impianto di climatizzazione invisibile con la canalizzazione

Impianti di climatizzazione - Informazioni utili sull'impiato di condizionamento canalizzato. Caratteristiche, vantaggi e svantaggi che comporta, in termini economici e di comfort abitativo.
REGISTRATI COME UTENTE
295.741 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Tavolino europeo rustico a due ripiani
    Tavolino europeo rustico a due...
    120.00
  • Haier climatizzatore inverter classe a++ tundra 9000
    Haier climatizzatore inverter...
    450.00
  • Vemer cronotermostato settimanale touch screen a batterie
    Vemer cronotermostato settimanale...
    82.50
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.