Condensa Vetri

NEWS DI Infissi23 Febbraio 2012 ore 14:43
La presenza di condensa sui vetri degli infissi ha origine da diversi fattori ambientali e di costruzione e può essere combattuta con specifici accorgimenti.
vetri , condensa , condensa sui vetri , vetrate isolanti

Il fenomeno della formazione di condensa sulle vetrate isolanti si può presentare in tre diverse forme. Considerando un pacchetto-vetro, come quelli largamente diffusi e usualmente costituiti da due lastre di vetro da 4 millimetri di spessore, con una intercapedine di poco più di un centimetro, la condensa può formarsi sulla faccia esterna del pacchetto-vetri, sulle facce interne degli stessi vetri o sulla faccia rivolta all'interno dell'ambiente.

Condensa sul vetroIn una qualsiasi struttura sono generalmente presenti ponti termici, dove col termine ponte termico si intende il contatto tra materiali diversi che induce la presenza di caratteristiche termiche significativamente differenti da quelle circostanti, queste ultime caratterizzate da una omogeneità di presenza di materiali. I ponti termici sono tra i principali responsabili della formazioni di condensa sulle strutture degli edifici e quindi anche sulle vetrate.


Condensa e infissi


La condensa superficiale sugli strati interni dei vetri si manifesta più spesso negli angoli: questi ultimi, infatti, tendono a raffreddarsi rapidamente rispetto al resto della superficie vetrata, proprio perché quasi sempre a contatto con la struttura dell'infisso contenente il vetro. Il problema viene generalmente arginato dalle case produttrici a mezzo di intercalari nell'intercapedine del vetro, costituiti da materiali compositi, quindi particolarmente isolanti, che permettono di ridurre il fenomeno di formazione della condensa.

Analogamente, è possibile trovare in commercio pacchetti-vetro caratterizzati dalla presenza di distanziatori (in materiali isolanti) interposti tra i vetri interni e quelli esterni, che permettono di mantenere i vetri interni ad una temperatura maggiore con conseguente limitazione della formazione di condensa, negli angoli. Sulla superficie esterna del vetro, la formazione di condensa si manifesta raramente negli angoli, inversamente a quanto accade all'interno, poiché i bordi del vetro esterno si riscaldano maggiormente rispetto al resto della superficie.

Quindi il punto più freddo della superficie esterna di vetro si trova orientativamente nella zona centrale, in corrispondenza della quale le dispersioni termiche sono minori rispetto alle zone circostanti.

Naturalmente il maggiore disagio per le condizioni abitative è provocato dalla formazione di condensa sulle superfici interne del vetro dell'infisso, fenomeno dipendente da una serie di fattori tra cui il clima esterno, la temperatura dell'aria interna, la produzione di umidità nell'ambiente delimitato dalla vetrata in questione, le caratteristiche di ventilazione dell'ambiente, la temperatura superficiale della parete sulla quale è allocato l'infisso, il gradiente di temperatura tra l'ambiente interno e quello esterno.

Il fenomeno della formazione di condensa, correlato ai fattori descritti, naturalmente si amplifica in particolari ambienti come il bagno e la cucina, caratterizzati generalmente dalla presenza di vapori dell'acqua calda sanitaria o da umidità causata dalle attività in essi svolte.


Limitare formazione della condensa


Condensa per irraggiamento sulla volta celesteUna soluzione per limitare la formazione di condensa è infatti basata sull'abbattimento di tali vapori, attraverso il loro convogliamento all'esterno dell'edificio, unitamente all'adozione di accorgimenti in termini di ventilazione e riscaldamento degli ambienti.

La formazione di condensa sulla superficie esterna del pacchetto vetrato si ha quando la sua temperatura è nettamente inferiore a quella dell'aria esterna, praticamente al di sotto del suo punto di rugiada (ovvero la temperatura a cui il vapore acqueo contenuto nell'aria passa dalla fase gassosa a quella di liquido).

Per i vetri semplici non si ha quasi mai sulla superficie esterna una temperatura inferiore alla temperatura dell'aria esterna, il che impedisce qualsiasi condensazione sulla faccia stessa, diversamente da quanto accade per i pacchetti costituti da più vetri. In questi ultimi la formazione di condensa si ha a seguito della mancanza di tenuta dell'aria o dei gas inerti posti nelle intercapedini tra i vetri.

In quest'ultimo caso, la sostituzione della vetrata è necessaria, tenendo presente che, in generale, esse dovrebbero avere una garanzia di dieci anni. La formazione di condensa sulla faccia esterna è funzione di diversi fattori: il flusso di calore generato all'interno dell'ambiente, la differenza di temperatura esistente tra la superficie interna e quella esterna del vetro, il valore di trasmittanza dello stesso vetro, lo scambio convettivo con l'aria esterna e le dispersioni per irraggiamento verso la volta celeste, quest'ultimo influenzato dalla maggiore o minore copertura del cielo.

riproduzione riservata
Articolo: Condensa Vetri
Valutazione: 3.96 / 6 basato su 24 voti.

Condensa Vetri: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mimomix1
    Mimomix1
    Mercoledì 15 Novembre 2017, alle ore 09:28
    Mi pare ci sia qualche imprecisione alla fine dell'articolo: la condensa é sul vetro esterno e non nell'intercapedine del vetrocamera ergo si denota che il vetro, magari anche basso emissivo, sta funzionando, trattenendo le radiazioni infrarosse dentro casa e di sottraendo calore dal vetro esterno!
    Non sono un ingegnere, ne un esperto in termodinamica, sono solo un collissore di neuroni (due!).
    Perdonate l'eventuale ulteriore imprecisione, Mimomix.
    rispondi al commento
  • Luca D
    Luca D
    Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 11:38
    Viene messa siliporite o Setaccio Molecolare più comunemente chiamato "sale".
    Esso ha il compito di incamerare l'umidità in maniera irreversibile.
    La sigillatura deve avvenire in breve tempo e, considerato che la quantità di sale solitamente è ampiamente superiore al necessario, basterebbe eseguirla in giornata.
    I tempi di reazione dei sali possono variare in base alle condizioni climatiche ma per sicurezza, non si devrebbero mai superare le 24 ore.
    rispondi al commento
  • Luca
    Luca
    Domenica 17 Febbraio 2013, alle ore 09:33
    Salve. Io vorrei sapere che materiale viene introdotto all'interno delle canaline del vetrocamera, é silicio?
    Nella fase di assemblaggio del vetrocamera, le canaline, una volta riempite con questo materiale, devono essere sigillate quanto prima per evitare una perdita della sua efficacia, oppure non succede niente se rimangono non sigillate per qualche giorno?
    Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Condensa Vetri che potrebbero interessarti
Come arrestare la formazione di muffa e condensa

Come arrestare la formazione di muffa e condensa

Risanamento umidità - Alcune dritte su come ridurre e limitare la formazione di muffa e conseguente umidità all'interno dei nostri ambienti, per effetto della condensa.
Vetri speciali per finestre

Vetri speciali per finestre

Infissi - Tra gli elementi che compongono una finestra, i vetri sono senz?altro tra i più importanti, sia per ciò l?isolamento acustico che per quello termico
Il fenomeno della condensa

Il fenomeno della condensa

Progettazione - La condensa che si manifesta all'interno delle strutture edilizie e' una delle cause piu' diffuse che compromette la vivibilita' degli ambienti domestici e la salute dell'uomo.

Doppi vetri

Vetrate - I doppi vetri, o vetrocamera, sono composti da due lastre di vetro singolo distanziate tra loro da un'intercapedine che può anche essere riempita con un gas nobile.

Acqua dal climatizzatore

Impianti di climatizzazione - Un semplice filo di ferro può essere utilizzato per verificare che il tubo di smaltimento della condensa non sia otturato o rimuovere la piccola otturazione presente.

Smaltimento condensa caldaie

Impianti di riscaldamento - Apparentemente innocua, la condensa prodotta dalle caldaie è soggetta a complesse norme di smaltimento in Italia ed in Europa mirate alla sicurezza.

Vetri speciali

Infissi - Il vetro, anche in seguito all'introduzione di nuove tecnologie, diventa sempre più uno strumento utile nella progettazione di interni ed esterni

Individuare i fenomeni di condensa

Ristrutturazione - Studiare le cause che comportano l'insorgenza della condensa consente di verificare le zone della struttura edilizia soggette a questo fenomeno.

Per un buon isolamento termico: umidità, dispersioni e termografia

Isolamento termico - La presenza e le prestazioni dell'isolamento termico di un edificio possono essere verificate grazie alla termografia, tecnica sempre più diffusa di recente
REGISTRATI COME UTENTE
293.243 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cameretta a ponte milano
    Cameretta a ponte milano...
    690.00
  • Cameretta a ponte
    Cameretta a ponte...
    1290.00
  • Ponte giulio copriwater serie casual
    Ponte giulio copriwater serie...
    42.00
  • Ponte giulio staffe di fissaggio in acciaio
    Ponte giulio staffe di fissaggio...
    38.85
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.