Comunione, condominio e ripartizione delle spese

NEWS DI Condominio08 Ottobre 2010 ore 12:36
Il codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece,
condominio , ripartizione spese , curatore
ComunioneIl codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece, come dice la stessa rubrica delle norme che lo regolano, può riguardare solo gli edifici.Nella comunione due o più soggetti sono comproprietari per una quota di un medesimo bene.Si pensi, per fare l'esempio più banale, a Tizio e Caio,marito e moglie, che acquistano congiuntamente la casa in cui stabiliranno l'indirizzo della loro vita coniugale, o ancora a Sempronio e Mevio eredi dell'appartamento del genitore defunto.Nel condominio, invece, accanto a dei beni di proprietà esclusive (altrimenti detti unità immobiliari o porzioni di piano) v'è un diritto di comproprietà su cose funzionali al godimento delle prime.L'elenco, non esaustivo ma meramente esemplificativo, è contenuto nell'art. 1117 c.c.Per portare alcuni esempi, si faccia riferimento alle scale, agli impianti fino ai punti di diramazione verso le singole unità immobiliari, ai lastrici solari, ecc.Tutte cose che devono considerarsi in condominio, salvo diversa disposizione degli atti d'acquisto o del regolamento di origine contrattuale.Il sol fatto d'essere comunisti o condomini comporta l'obbligo di contribuire alle spese necessarie alla conservazione dei beni oggetto del diritto di comunione o di condominio.Ciò vuol dire che gli oneri condominiali o della comunione devono essere suddivisi tra i comproprietari.Come devono essere ripartiti tali costi?ComunioneAl riguardo è necessario distinguere le soluzioni individuate dal legislatore per l'una e per l'altra forma di compartecipazione alla proprietà d'un bene.Ai sensi dell'art. 1101 del codice civile:Le quote dei partecipanti alla comunione si presumono uguali.Il concorso dei partecipanti, tanto nei vantaggi quanto nei pesi della comunione, è in proporzione delle rispettive quote.Ciò vuol dire che, salvo diversa disposizione degli atti d'acquisto, i comunisti saranno proprietari dell'immobile in misura paritaria: al 50% se sono due, al 33% se sono tre e via discorrendo.Così, per fare un esempio, se si rendessero necessari degli interventi di manutenzione il cui costo è pari ad € 10.000,00 ed i comproprietari sono due, ognuno dovrebbe sostenere € 5.000,00 di spese.Stesso discorso per ogni altra spesa, utenze comprese, salvo che, nel caso di queste ultime, l'uso del bene sia appannaggio di uno solo dei comunisti.Nel condominio, invece, ogni comproprietario partecipa alle spese in proporzione al valore millesimale della sua proprietà.La norma di riferimento è l'art. 1123 c.c. che specifica quali spese si debbano ripartire sulla base della così detta tabella generale e quali, invece, con quelle chiamate tabelle d'uso.Per riprendere gli esempi fatti in relazione alla comunione, si può affermare che le spese di conservazione devono essere ripartite sulla base dei millesimi di proprietà mentre, invece, quelle per le utenze con le summenzionate tabelle d'uso.
riproduzione riservata
Articolo: Comunione, condominio e ripartizione delle spese
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Comunione, condominio e ripartizione delle spese: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Enzo
    Enzo
    Lunedì 6 Dicembre 2010, alle ore 23:34
    Ho letto con interesse sulla ripartizione spese in regime di comunione, condominio. Però non ho saputo trovare risposta al mio caso, e che è il seguente:Siamo tre fratelli proprietari in misura diversa di una casa, e cioè due siamo proprietari in parti uguali al 40% ciascuno, e il terzo fratello al 20% in quanto a suo tempo no ha voluto partecipare all'acquisto di una porzione di casa vendutaci da una parente. ora dovendo installare un nuovo contatore e in diverso zona della casa rispetto all'attualeoltre alle spese dovute all'azienza elettrica ci sono in aggiunta spese di muratura per crene e e nicchia per il nuovo contatore. Come vanno ripartite queste spese tra noi visto le diverse quote di proprietà? grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Comunione, condominio e ripartizione delle spese che potrebbero interessarti
La nomina del curatore speciale del condominio

La nomina del curatore speciale del condominio

Liti tra condomini - La questione della nomina del curatore speciale del condominio, è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale.
Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite
Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Le spese per la manutenzione del tetto

Ripartizione spese - Quali sono le norme cui fare riferimento ai fini della ripartizione delle spese in condominio nel caso d'interventi al tetto? La risposta nell'articolo 1123 C.C.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Portierato e ripartizione delle spese

Condominio - Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.

Condominio minimo e spese urgenti

Condominio - Nel condominio minimo,così come in una normale compagine,le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.
REGISTRATI COME UTENTE
295.402 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.