Rumore e sistemi di isolamento acustico in casa

NEWS DI Isolamento Acustico27 Novembre 2018 ore 15:59
Il comfort acustico ha la stessa rilevanza di quello termico. Vediamo come valutare le soluzioni più adatte per aumentare le performance della nostra abitazione

Migliorare il comfort acustico in casa


Si parla spesso di comfort abitativo, riferendosi a tutto ciò che contribuisce al raggiungimento delle condizioni ideali per il benessere psicofisico degli abitanti di un ambiente.
Purtroppo esso viene automaticamente collegato al benessere termoigrometrico, mentre vengono molto spesso trascurate tutte le altre componenti che lo determinano. Tra questi c’è il rumore, ovvero ciò che determina il comfort acustico.


Il benessere acustico contribuisce al comfort abitativo

Il benessere acustico contribuisce al comfort abitativo

Il benessere acustico contribuisce al comfort abitativo
L'inquinamento acustico è causa di stress

L'inquinamento acustico è causa di stress

L'inquinamento acustico è causa di stress
Pareti fonoassorbenti per interni migliorano anche la fruizione degli spazi

Pareti fonoassorbenti per interni migliorano anche la fruizione degli spazi

Pareti fonoassorbenti per interni migliorano anche la fruizione degli spazi
La coibentazione acustica pareti ci aiuta nei rapporti con il vicinato

La coibentazione acustica pareti ci aiuta nei rapporti con il vicinato

La coibentazione acustica pareti ci aiuta nei rapporti con il vicinato

Isolare termicamente una casa è si importante, ma lo è altrettanto garantire il benessere acustico, in quanto essere esposti a continui rumori crea nel migliore dei casi solo un piccolo fastidio, ma se ripetuti nel tempo essi possono rendere chi li subisce nervoso e stressato.


Inquinamento acustico: come tutelarsi?


In Italia la Legge Quadro 447 95 sull’inquinamento acustico, stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell’ambiente esterno e dell’ambiente abitativo.
Più specifico per gli ambienti abitativi è il DPCM 512 97 sui Requisiti Acustici Passivi negli edifici, normativa di riferimento per l’acustica in edilizia.

Nel caso in cui siate vittime di inquinamento acustico, se questo deriva da attività svolte all’interno dell’edificio, ci si può rivolgere ad un Tecnico Competente in Acustica Ambientale, il quale farà le misurazioni del caso e saprà individuare cause e soluzioni. Diversamente, se i rumori provengono dall’esterno è bene fare un esposto al proprio Comune, che si rivolgerà all’ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) competente per territorio.

Se state acquistando una casa di nuova costruzione, potreste tutelarvi, prima di concludere l’operazione, raccogliendo tutte le informazioni necessarie a capire se durante i lavori sono stati rispettati i parametri relativi al comfort acustico in edilizia.

Come misurare il rumore acustico
Dal 2010 è in vigore la Norma UNI 11367 relativa alla classificazione acustica in edilizia, in cui vengono date le linee guida su come valutare le performance acustiche di un edificio; al termine di questa valutazione viene redatta una certificazione contenente la classificazione acustica dell’edificio stesso.
Le classi prestazionali individuate dalla norma sono quattro: la prima classe indica il livello migliore, mentre la quarta il livello peggiore, sebbene per legge ci sono specifici standard minimi che devono essere assicurati.
La certificazione non è obbligatoria e, comunque, ad oggi solo pochi Comuni hanno posto la certificazione acustica come condizione per l’ottenimento dell’agibilità.

Tra le altre cose, il valore di un immobile cresce all’aumentare del comfort acustico.


I rumori in casa: tipologia e provenienza


La trasmissione del rumore può avvenire attraverso un mezzo solido o un mezzo aereo.
Nel primo caso parleremo di percussioni (ad esempio spostamento di mobili o rumori da calpestio), mentre nel secondo caso parleremo di vibrazioni (ad esempio la voce o le trasmissioni televisive).

I rumori in casa derivano da attività interne o esterne. Quelli interni possono provenire dal nostro appartamento o essere provocati dagli abitanti delle unità abitative contigue.
Essi possono essere generati dalla presenza di altre persone, da impianti, o da fonti esterne all’edificio, come il traffico, la presenza di locali per l’intrattenimento o di altre attività rumorose nelle vicinanze.

Pareti acustiche ci difendono dai rumori della strada
Per quanto riguarda i rumori dovuti a fonti interne possiamo schematizzarli come segue:

  • Rumori dei vicini per spostamento di mobili, voci troppo alte, elettrodomestici in funzione come TV e lavatrici

  • Rumori provenienti dalle altre abitazioni attraverso la cassa scale

  • Rumori dovuti a difetti strutturali.

Quest’ultimo tipo di rumori è legato principalmente a un collegamento rigido tra i vari elementi della struttura, in particolare solaio e pareti , ma anche scarsi o inesistenti isolamenti acustici degli elementi divisori tra unità abitative diverse. Una ulteriore causa sono gli impianti, che non dovrebbero mai essere realizzati all’interno delle pareti divisorie e in ogni caso dovrebbero essere rivestiti con materiali tali da evitare la propagazione dei suoni derivanti dal funzionamento degli stessi.


Quali materiali ci vengono in aiuto?


Esistono due tipi di materiali a cui affidarsi per perseguire un ottimo comfort acustico.
Il primo tipo è rappresentato dai materiali che hanno un potere fonoassorbente. Appartengono a questa categoria quei prodotti che hanno la capacità di assorbire le onde sonore, attutendo i rumori. Essi sono suddivisi in cinque classi, dalla A alla E, dove la A rappresenta l’optimum.

L’altra tipologia di materiali è quella che possiede la proprietà del fonoisolamento. Si tratta in questo caso di prodotti capaci di riflettere l’energia rimandandola nell’ambiente di provenienza e limitando, quindi, il passaggio ad uno spazio adiacente.
In alcuni casi queste due proprietà si uniscono per dare un prodotto completo.

É da sottolineare, inoltre, che un buon isolamento acustico garantisce anche quello termico, mentre non sempre è vero il contrario.


Sistemi di isolamento acustico: come raggiungere il benessere acustico


Per difenderci dai rumori molesti ci sono varie possibilità.
Sarebbe meglio pensare a monte a costruire edifici che rispettino i requisiti acustici passivi previsti dalla legge.

Nel caso di nuove costruzioni bisogna mantenere alcuni accorgimenti, come evitare che il collegamento tra parete e pavimento avvenga in modo rigido, così come quello tra questo e il battiscopa, realizzare adeguatamente gli intonaci e gli impianti, evitare che nelle intercapedini passi troppa aria, installare correttamente gli infissi. Si possono poi realizzare dei tramezzi fonoisolanti o inserire dei materassini fonoassorbenti nei sottofondi, che garantiscono la insonorizzazione acustica soffitti, come Isolmant Fibra HD, un prodotto molto performante e con un’attenzione alla sostenibilità.

Sistema acustico Isolmant Fibra HD
Intervenire sull’esistente non sempre è possibile e in ogni caso non è semplice, sia perché richiede interventi anche molto invasivi sia perché ci potrebbero essere dei vincoli strutturali difficili da superare. In ogni caso l’intervento dovrebbe essere sempre globale e mai solo puntuale, in modo da assicurarsi che non siano rimasti dei ponti acustici.

Innanzitutto è bene contattare un tecnico esperto che valuti l’entità dell’inquinamento acustico cui si è sottoposti, per capire, una volta individuate anche le cause, se e come sia il caso di intervenire.


Come attutire i rumori della strada


Se ci troviamo di fronte ad un vero e proprio caso di inquinamento acustico proveniente dall’esterno, perché ci troviamo in una zona prossima agli aeroporti, alle stazioni ferroviarie o più semplicemente in zone molto trafficate o con attività commerciali molto rumorose, e vogliamo attutire i rumori della strada si può intervenire mediante una sostituzione degli infissi, in quanto le pareti in genere sono già ben isolate.

Per quanto riguarda gli infissi, sarebbe opportuno preferire quelli isolanti a doppio vetro di materiale idoneo come il PVC. Non basta, però, scegliere solo l’infisso giusto, ma è necessario che esso venga anche installato correttamente, sigillando opportunamente lo spazio che si crea tra serramento e falso telaio.

In casi estremi si potrebbe pensare anche di installare un doppio infisso, in modo da aumentare la protezione, o di creare delle pareti acustiche interne costituite da pannelli in cartongesso contenenti materiale isolante.

Un altro elemento da non sottovalutare sono i cassonetti, anche questi da insonorizzare con dei materiali ad hoc.

Il rumore esterno può venire anche dalla cassa scale attraverso la porta di ingresso. In questo caso bisogna sostituirla con una più performante, che sia blindata e con un buon potere fonoisolante. Un esempio sono le porte blindate Silvelox Spa che garantiscono sicurezza e benessere acustico.

Isolamento acustico interno: porte blindate Silvelox

Cosa fare se il rumore proviene dai vicini


Spesso nella realizzazione dei condomini si pone scarsa attenzione all’isolamento delle pareti divisorie tra due unità abitative diverse. É da lì che possono venire i rumori. In questi casi si può semplicemente utilizzare un isolante acustico per pareti divisorie o creare delle pareti isolanti acustiche, consapevoli che in questo caso si perdono 10-15 cm di spazio nell’ambiente in cui si va ad intervenire.

Da evitare, comunque, di mettere gli impianti all’interno delle pareti divisorie, e realizzare le tracce in modo non speculare perché si potrebbero creare dei vuoti acustici che provocano rimbombo.

Una cosa analoga può succedere quando si realizza male un intonaco. A tal proposito, esistono degli intonaci utilizzati proprio per la correzione acustica, come Diathonite Acoustix di DiaSen Srl con potere fonoassorbente e isolante, per l’eliminazione del riverbero e la riduzione della rumorosità degli ambienti.

Intonaco Diathonite Acoustix con potere fonoassorbente
Se il rumore proviene dall’abitazione che sta al piano superiore, si può realizzare un controsoffitto acustico con pannelli fonoassorbenti adeguati, che anche in questo caso riducono l’altezza degli ambienti, ma ci risolvono il problema di come attutire i rumori dei vicini.
Un esempio è il controsoffitto acustico Knauf Sistema Acustika D112.

Controsoffitto acustico Knauf
Esistono poi delle soluzioni che uniscono isolamento acustico ed estetica, come i quadri acustici fonoassorbenti proposti da Innovacustica

I quadri acustici Innovacustica con potere fonoassorbente

Il rumore causato dagli impianti


Un capitolo a sè lo meritano gli impianti. Generalmente sono gli scarichi a generare più fastidi tra gli appartamenti confinanti. Per risolvere il problema si dovrebbero sostituire gli impianti vecchi con altri più nuovi che sono naturalmente silenziati.

Diversamente si possono rivestire le tubazioni con apposite guaine acustiche, come Trocellen Isolmass 11 che evita il contatto tra pareti e condotte aiutando a ridurre il livello di rumorosità delle stesse ed è inoltre un prodotto atossico.


Quando il rumore viene dall’interno della casa


Spesso i rumori sono provocati proprio da elementi che abbiamo in casa o dalle nostre abitudini. Oltre agli accorgimenti di cui abbiamo già detto sopra, sarebbe opportuno controllare il buon funzionamento di tutti gli elettrodomestici, preferendo quelli di nuova generazione che sono migliori anche dal punto di vista della silenziosità e verificare che le guarnizioni delle porte interne siano efficaci.

Elettrodomestici obsoleti possono ridurre il comfort acustico
Possiamo poi migliorare le performance acustiche di certe stanze più frequentate o più rumorose installando dei pannelli fonoassorbenti. E, infine, se siamo in fase di ristrutturazione, potremmo anche pensare ad un pavimento flottante con inserimento di isolamenti acustici all’interno. Infine, anche i tendaggi, i tessuti, i materiali di cui sono fatti i mobili e le varie finiture contribuiscono al comfort acustico. Il legno dei mobili o del parquet, ad esempio, aiutano molto ad attutire i rumori.


Le detrazioni fiscali


In ultimo, un aspetto interessante per le nostre tasche è che l’installazione di sistemi di isolamento acustico sono soggetti a detrazione IRPEF del 50% per interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria fino al 31 dicembre 2018 per le singole unità immobiliari e fino al 31 dicembre 2021 per i condomini.

L'isolamento acustico è soggetto ad incentivi IRPEF
Inoltre, se l’isolamento acustico garantisce anche un miglioramento dell’efficienza termica dell’involucro, si può usufruire dell’Ecobonus.

riproduzione riservata
Articolo: Comfort acustico in casa
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 6 voti.

Comfort acustico in casa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Comfort acustico in casa che potrebbero interessarti
Rumori Impianti Termici

Rumori Impianti Termici

Impianti di riscaldamento - Il contenimento o la limitazione dell'inquinamento acustico, o semplicemente del rumore, costituisce un fattore di qualità non trascurabile per le moderne abitazioni.
Contenere Rumore Impianti

Contenere Rumore Impianti

Impianti - Impianti di climatizzazione, diffusione e trattamento dell'aria devono essere progettati con attenzione al contenimento ed all'abbattimento del rumore prodotto.
Comfort acustico

Comfort acustico

Isolamento Acustico - Consigli progettuali per ottenere l'adeguato comfort acustico in un edificio.

Silenziatori fonoassorbenti

Progettazione - Consigli per un corretto isolamento acustico della cucina.

Attenuazione dei rumori di vicinato

Ristrutturazione - Si parla spesso di attenuazione dei rumori di vicinato o del rumore del traffico esterno, ci si dimentica delle pareti, in molti appartamenti, con effetto carta velina.

Rumori intollerabili e diritto al silenzio

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di

Protezione dal rumore in copertura

Tetti e coperture - Intervenire per isolare acusticamente un'abitazione è un'operazione che richiede uno studio attento della zona e dei materiali, ecco come intervenire in copertura.

Isolamento acustico dei solai

Isolamento Acustico - Una possibile soluzione al problema del rumore può essere quella di interporre tra i vari strati del solaio del materiale fonoassorbente che attutisca i rumori.

Difendersi dal Rumore

Impianti - Case nuove e ristutturate devono avere parametri acustici certificati perchè l'isolamento acustico incide sulla qualità della vita e sul loro valore commerciale.
REGISTRATI COME UTENTE
296.461 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Isolamento acustico
    Isolamento acustico...
    450.00
  • Riduttore acustico Helix 34 per fori di ventilazione
    Riduttore acustico helix 34 per...
    24.59
  • Riduttore acustico Ufo per fori di ventilazione
    Riduttore acustico ufo per fori di...
    16.39
  • Controsoffitto nuvolato s1
    Controsoffitto nuvolato s1...
    3.50
integra
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Policarbonato online
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.