• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Trattamento di un mobile con antitarlo e restauro

Per mobili antiche e non, il pericolo di un'infestazione di tarli del legno è sempre dietro l'angolo, fortunatamente esistono anche trattamenti antitarlo fai da te
Pubblicato il / Aggiornato il

Come restaurare un mobile antico con tarli


Il tarlo (Anobium punctatum) è un insetto xilofago, ovvero che si nutre di legno, chiamato anche tarlo del legno o dei mobili ed è estremamente comune nelle case.

Le femmine di questi coleotteri depongono le uova all'interno dei vecchi fori di sfarfallamento (i buchini che si vedono nei mobili) oppure tra le fessure del legno.
Le larve appena schiuse inizieranno a scavare gallerie per nutrirsi, fino alla loro completa metamorfosi. Le larve del tarlo del legno sono molto golose di cellulosa e di amido. Dalla pupa uscirà fuori un individuo adulto lasciando i tipici fori.

L'incubazione di questi animali all'interno dei mobili di legno può durare fino a 4 anni.


Come capire se un mobile è infestato dai tarli


Il primo indizio decisamente palese che indica un mobile tarlato è la presenza di fori, soprattutto se si trova il cosiddetto rosume. Questa può sembrare normale segnatura, ma in realtà sono gli escrementi dei tarli composti dalle fibre del legno.

La presenza del rosume accanto a un oggetto tarlato indica che questo è ancora la casa in piena attività di questi piccoli animaletti.

Buchi di tarli
Ambienti umidi favoriscono decisamente lo sviluppo dei tarli del legno.
I luoghi preferiti risultano essere cantine, garage, mobili all'aperto e in generale case poco vissute. Ciò non esclude che questi coleotteri possano trovarsi anche nelle comuni abitazioni in città.

CONSIGLIATO amazon-seller
Antirarlo
€ 1.29
COMPRA


Tutti questi segnali indicano che c'è un'infestazione in corso e che è necessario intervenire in maniera molto veloce.


Come restaurare un mobile tarlato


Prima di addentrarsi in quelli che sono i metodi fai da te, ecco una serie di interventi che è possibile far fare a dei professionisti. In alcuni casi, come per mobili molto grandi, intervenire da soli non sarà possibile per mere esigenze pratiche.

Sarà quindi possibile intervenire con aria calda tra gli 80°C e i 100 °C che non rovinerà gli oggetti ma che "tosterà" gli inquilini al suo interno.

Per far questo vengono utilizzati dei tubi che generano un ricircolo d'aria e permettono di raggiungere parti molto profonde dell'oggetto tarlato.

Un tarlo adulto
Anche l'impiego di microonde, per quanto possa sembrare strano, è un ottimo metodo, soprattutto per parti molto piccole. Tale trattamento, non utilizzando pesticidi, risulta essere ecologico e non rovinerà in alcun modo il legno da trattare, basta che non sia verniciato o smaltato.



Un ultimo metodo è il trattamento a gas, anche se il nome attualmente può ingannare. Un tempo, infatti, per eliminare i tarli venivano usate sostanze tossiche oggi vietate.

Ora viene semplicemente modificata l'atmosfera, eliminando ossigeno e inserendo CO2, in modo da provocare l'asfissia dei coleotteri.
Utile per un mobile antico perché risulta la soluzione meno invasiva.


Restauro mobili senza più tarli all'interno


Bisognerà prima controllare se questi insetti sono o no ancora presenti all'interno del mobile. Se i fori sono scuri è indice di una cessata attività dei tarli, ergo, si potranno chiudere i fori senza prima l'applicazione di un antitarlo legno.

È possibile procedere con dello stucco a cera, possibilmente dello stesso colore dell'oggetto che si sta trattando. Ottimi i bastoncini di cera della marca Ceranovecento.

Bastoncini cera per restauro NovecentoBastoncini di cera per restauro della Novecento

Se il danno presente sul mobile tarlato interessa parti strutturali, come ad esempio le gambe di sedie e tavoli, bisognerà fare delle iniezioni dentro i fori con colla vinilica diluita, in modo che riesca a penetrare in profondità.

Gravi danni causati da tarli
Per danni strutturali gravi, soprattutto per mobili antichi e molto pesanti, meglio affidarsi a un professionista perché l'integrità dell'oggetto potrebbe essere stata totalmente compromessa. Da fuori può non sembrare, ma quei piccoli fori possono svilupparsi anche molto in profondità.


Trattamento di un mobile tarlato


Prima di procedere bisognerà togliere tutto il rosume prodotto dall'attività dei tarli. L'ideale sarebbe utilizzare una pistola ad aria compressa ma, in alternativa, andranno benissimo anche una bomboletta ad aria compressa, oppure, aspirando via tutto direttamente con una siringa.

Rosume di tarli. Foto Amazon
Se il mobile è verniciato bisognerà procedere con una siringa mentre, se non lo è, l'antitarlo potrà tranquillamente essere applicato con un pennello.

Inserimento dell'antirarlo con siringa. Foto AmazonFase di inserimento con siringa dell'antirarlo. Foto Amazon

Perché l'antitarlo funzioni alla perfezione il mobile andrà insacchettato completamente, cercando di togliere tutta l'aria al suo interno.

Dovrà rimanere in queste condizioni per almeno 40 giorni, al termine dei quali il mobile dovrebbe risultare finalmente libero da questo pericoloso infestante.
Per far in modo che il mobile risulti perfettamente sigillato bisognerà utilizzare dello scotch carta.


Migliori antitarlo per legno


I prodotti antitarlo di Cera Novecento indubbiamente rappresentano una soluzione di qualità assoluta. Questo liquido per la lotta a tutti gli insetti che attaccano il legno è indicato per tutti i tipi di legno ed è disponibile anche in formato spray e con siringa.

CONSIGLIATO amazon-seller
Antitarlo prodotto
€ 12.03
COMPRA


In alternativa anche Dixi antitarlo è un'ottima soluzione, soprattutto perché venduto in formato da 5 litri, ottimo per ampie superfici da trattare.
Non risulta particolarmente tossico ma è sempre meglio per l'applicazione, procedere come indicherò nel paragrafo successivo.


Avvertente sull'uso dell'antitarlo


Bisogna fare molta attenzione con questi prodotti. Sono presidi medici chirurgici, spesso tossici sia per l'uomo che per gli animali domestici.

L'applicazione andrà effettuata munendosi sia di guanti che di mascherina e occhiali protettivi, in luogo ben aerato e assolutamente non ingerire o inalarne i fumi.

tarlo , antitarlo , trattamento antitarlo , infestazione
riproduzione riservata
Come restaurare un mobile colpito dai tarli
Valutazione: 3.88 / 6 basato su 141 voti.
gnews

Come restaurare un mobile colpito dai tarli: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Patricia
    Patricia
    Domenica 25 Settembre 2016, alle ore 18:57
    Complimenti! Articolo interessantissimo e chiarissimo.

    Vorrei condividere la mia esperienza dei trattamenti e prodotti antitarlo che ho usato. I migliori prodotti sono a base di permetrina, sostanza molto efficace per uccidere i tarli ma innocua per l'uomo.

    Sono molti i prodotti che contengono il principio attivo Permetrina. Purtroppo ho sempre avuto il gran problema del odore penetrante che lasciano a lungo sui mobili.

    Quasi impossibile rimetterli in casa! Il problema piu grande si presenta con i mobili tappezzati. Cosa fare quando i tarli sono sotto la tappezzeria?

    Voglio condividere con voi questo prodotto per il trattamento antitarlo a base di permetrina, il quale è completamente inodore e non macchia la stoffa http://artedelrestauro.it/prodotti-restauro/antitarlo-permetrina.html

    Lo uso da più di tre anni e vi garantisco che i tarli non sono mai tornati.

    Spero che il mio consiglio sia stato utile. A presto!
    rispondi al commento
    • Fiol73
      Fiol73 Patricia
      Mercoledì 27 Settembre 2017, alle ore 15:45
      Mi scusi ma il link al prodotto non e' piu' attivo.
      Puo' fare una foto e pubblicarla o dirmi la marca che lei usa?
      rispondi al commento
      • Bianca2
        Bianca2 Fiol73
        Mercoledì 10 Giugno 2020, alle ore 15:50
        In effetti il link non funziona.
        Io ho usato un prodotto a base di permetrina, senza particolare odore e che non ha macchiato le stoffe.
        Non so se è lo stesso che indicava la signora Patricia.
        Quello che ho usato io si chiama Lignum at, marca HDG.
        rispondi al commento
  • Blauturkis
    Blauturkis
    Venerdì 19 Ottobre 2012, alle ore 19:34
    ... e il forno a microonde, cose ne pensa?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.225 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img rosalbaperillo
Buonasera, Sono in fase di ristrutturazione. Ho il contatore del gas in casa e non posso spostarlo. È a circa 1,70 dal pavimento e io avevo pensato di mettere,su quella...
rosalbaperillo 19 Gennaio 2020 ore 15:51 1
Img onda976
Salve, a breve inizerò la costruzione di una villetta bifamiliare per me e i miei genitori a Roma zona Infernetto a circa 10km dal mare di Ostia. Casa sarà ben...
onda976 11 Maggio 2017 ore 15:30 2