Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come agire per limitare i danni da dissesto idrogeologico

Quali sono le caratteristiche e le tipologie di movimenti franosi e come intervenire in caso di dissesto idrogeologico mediante uno studio di monitoraggio e prevenzione
- NEWS Restauro edile

Il dissesto idrogeologico e le frane


Il dissesto idrogeologico è un problema molto frequente nel territorio italiano. Racchiude i fenomeni di compromissione del suolo, tra cui l'erosione, le alluvioni e le frane che, pur innescandosi a seguito di fenomeni meteorologici, come ad esempio piogge intense, hanno come causa predominante le attività umane.

Movimenti franosi di un versante
Altro parametro da considerare è il tipo di terreno: esistono dei territori più predisposti all'insorgere di fenomeni franosi, quindi alla degradazione del suolo.

Quando si verifica un caso di dissesto idrogeologico c'è il rischio che l'ambiente circostante possa essere compromesso, soprattutto se in presenza di abitazioni, da considerarsi come un evento catastrofico.

Per tale motivo occorre provvedere alla prevenzione mediante interventi mirati.

Cosa sono le frane


Le frane sono provocate da un distacco, per azione della gravità, di grandi quantità di materiali rocciosi da versanti che, per scivolamento o caduta, discendono verso il basso. Morfologicamente le frane hanno tre zone, una di distacco, una in cui ha luogo il movimento e una di accumulo.

Edificio soggetto a frane
Oltre ai rischi dipendenti dalle condizioni meteorologiche, le cause sono imputabili sia alla deforestazione, poiché l'assenza di radici in grado di trattenere il terreno danneggia la stabilità del pendio, sia alla forte edificazione che porta a un aumento della fragilità del suolo.

Il territorio appenninico, ad esempio, rientra nelle aree a rischio, in quanto presenta rocce argillose facilmente sgretolabili.

Tipi di movimenti franosi


Esistono diversi tipi di frane a seconda dei movimenti franosi:

  • Frane di crollo: molto rapide, dove le masse rocciose in caduta libera, si muovono con rimbalzi e rotolamenti dei materiali franati;

  • Scorrimenti traslazionali: si verificano in corrispondenza di una superficie di distacco piana, dovuta a una discontinuità nella struttura del terreno, avente velocità lente o rapide dipendenti da acque sotterranee che rendono il piano di scivolamento maggiormente incline allo scorrimento;

  • Scorrimenti rotazionali: in questo caso avviene un movimento rotazionale intorno a un punto posizionato al di sopra del baricentro della massa rocciosa, producendo una superficie curvilinea;

  • Espansioni laterali: il movimento della massa rigida rocciosa avviene a causa delle deformazioni plastiche di un terreno sciolto argilloso su cui si poggia;

  • Colamenti: movimenti franosi lenti dovuti all'impregnarsi nei terreni sciolti di acqua per uno spessore di qualche metro, molto frequenti su terreni argillosi;

  • Ribaltamenti: si verificano a causa di sforzi intorno a un punto di rotazione collocato al di sotto del baricentro della massa rocciosa;

  • Frane complesse: combinazione di più tipi di frane precedenti.


Cosa fare per eliminare il rischio di frane


Per evitare che si incorra nel problema del dissesto idrogeologico, sono previste delle attività di monitoraggio e prevenzione del rischio nei luoghi soggetti a movimenti franosi.


Erosioni da frane causate da forti piogge

Erosioni da frane causate da forti piogge

Erosioni da frane causate da forti piogge
Disegno di frane

Disegno di frane

Disegno di frane
Distruzione di edifici a causa delle frane

Distruzione di edifici a causa delle frane

Distruzione di edifici a causa delle frane
Frane del terreno

Frane del terreno

Frane del terreno

È importante controllare i dati microclimatici e le condizioni del territorio, cercando di evitare di costruire in posti in cui è frequente il rischio idrogeologico. Non solo, è molto importante anche tener conto delle caratteristiche del suolo e degli eventuali rischi in caso di edificazione.

Il miglioramento può avvenire se si effettuano alcuni interventi tra cui la stabilizzazione dei pendii, il rimboschimento o l'adeguamento dei corsi d'acqua.


Interventi di rimboschimento per evitare le frane


Il rimboschimento rappresenta quel processo atto a recuperare le superfici boschive montane o collinari per diminuire il rischio di frane.

Abbiamo già anticipato che è grazie alle radici degli alberi che il terreno è più protetto e consolidato, esse infatti hanno la capacità di legare le particelle del suolo rinforzandole e abbassandone l'erodibilità.



Le radici garantiscono un supporto al suolo, fissando lo strato superiore instabile alla roccia sottostante stabile.

La presenza di piante migliora le caratteristiche idrologiche, in quanto tramite l'evapotraspirazione, è possibile prelevare l'umidità dal suolo e disperderla nell'aria.

Le foglie, inoltre, sono in grado di assorbire l'acqua di pioggia diminuendone di conseguenza l'infiltrazione nel terreno.
La vegetazione gioca quindi un ruolo essenziale per la riduzione del rischio idrogeologico.


Ingegneria naturalistica per prevenire le frane


L'ingegneria naturalistica è in grado di offrire metodologie per ridurre il rischio di frane, adoperando materiali quali legno, pietra o acciaio.
Terra & Ambiente costruisce delle strutture a basso impatto ambientale ottimali sia per la sicurezza che per la qualità.

Idrosemina per prevenire le frane
Tra le varie tipologie di strutture troviamo le terre armate utilizzate per la realizzazione di muri di sostegno, le palificate semplici, per consolidare versanti, formate da incastellature di pali in legno collegati mediante chiodature e le palificate doppie in legno, tridimensionali che hanno la qualità di essere molto flessibili.

Importante l'idrosemina, tecnica che permette di realizzare prati su superfici molto complesse, essenziale per il ripristino ambientale. È una soluzione dai costi molto ridotti, ottimale per il sostegno dei terreni.


Sostegno e protezione da frane


TENAX si occupa di proporre soluzioni per la protezione dei versanti.
Il sistema Tenax T-BLOCK presenta una facciata a blocchi di calcestruzzo adatto per realizzare muri di contenimento.

Blocchi di calcestruzzo per la prevenzione da frane
Posato a secco, non necessita di manodopera e i blocchi sono in calcestruzzo vibrocompresso con finitura facciavista collegati alle geogriglie di rinforzo.
Esse ottimizzano le proprietà meccaniche, combinando resistenza a trazione con quella a compressione, in modo da realizzare un materiale con caratteristiche perfezionate.

La sua vita utile è di circa 120 anni e presenta requisiti di antigelo, idrorepellenza e resistenza al fuoco.

riproduzione riservata
Articolo: Come prevenire i movimenti franosi del suolo
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 6 voti.

Come prevenire i movimenti franosi del suolo: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Luisa
    Luisa
    Martedì 22 Febbraio 2022, alle ore 17:03
    Un possibile intervento potrebbe essere anche quelli dei terrazzamenti?
    rispondi al commento
    • Marta H.
      Marta H. Luisa
      Martedì 22 Febbraio 2022, alle ore 17:36
      Si certo, i terrazzamenti sono utili per ovviare al problema della ripidità di un versante. Infatti sono considerati un elemento ottimale per l'ingegneria naturalistica
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.107 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Come prevenire i movimenti franosi del suolo che potrebbero interessarti


Rischio idrogeologico e abusivismo

Progettazione - L'alluvione in Sardegna riporta alla luce i problemi che affliggono il territorio italiano: il rischio idrogeologico e lo sfruttamento eccessivo del territorio.

Crepe sotto controllo

Ristrutturazione - Il monitoraggio è il metodo migliore per individuare le cause di una fessura, ed è l'unico mezzo per conoscerne con certezza i movimenti e prevederne l'evoluzione.

Nuovo Condono in arrivo?

Normative - Nei prossimi giorni sara' portato in Consiglio dei Ministri il DL che blocca i provvedimenti di demolizione in Campania e riapre i termini per il condono edilizio del 2003.

Condono edilizio per opere abusive su un'area con vincolo idrogeologico

Leggi e Normative Tecniche - Si può condonare un'opera abusiva realizzata su un'area soggetta a vincolo idrogeologico? La risposta a tale quesito in una recente sentenza del Consiglio di Stato

Piattabanda

Architettura - La piattabanda è un particolare tipo di architrave in mattoni o pietre conce, dal comportamento strutturale simile a quello di un arco a sesto molto ribassato.

Strumenti e finalità del monitoraggio dei dissesti strutturali

Restauro edile - Il monitoraggio strutturale è fondamentale per individuare le cause dei dissesti, controllarne l'evoluzione e individuare i metodi di consolidamento più adeguati.

Lesioni da sorvegliare

Ristrutturazione - Il monitoraggio delle lesioni in modo semplice ed efficace

Proroga del Piano Casa Sardegna al 31 dicembre 2017

Piano casa - La L.R.n. 33/2016 proroga la scadenza del Piano Casa Sardegna al 31/12/2017, gli obiettivi:la riqualificazione del patrimonio e la limitazione del consumo del suolo.

Le novità del Piano Casa approvato dalla Regione Liguria

Piano casa - Ecco le conferme, le variazioni e tutte le novità previste e contenute nel Piano Casa 2016 recentemente approvato dalla Regione Liguria guidata da Giovanni Toti