Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Corretto posizionamento dell'impianto autoclave

Installare un impianto autoclave è in molti casi la soluzione ideale per garantire continuità del servizio idrico e un'adeguata pressione dell'acqua agli utenti
- NEWS Impianti idraulici

Dove posizionare correttamente l'impianto autoclave?


Con il termine autoclave si intende generalmente l'impianto utile a incrementare la pressione dell'acqua potabile rispetto alla rete di distribuzione.
Molto spesso il termine pompa e il termine autoclave vengono utilizzati indistintamente, ma in realtà sono due cose diverse: la pompa autoclave è una apparecchiatura che serve a far aumentare la pressione in un liquido mentre l'autoclave è un impianto più complesso del quale la pompa fa parte.

Gli impianti autoclave vengono solitamente utilizzati per servire in maniera efficiente tutti gli utenti che abitano ad una certa altezza e ovviare agli inconvenienti dati dalla scarsa pressione dell'acqua proveniente dalla rete.

Impianto idrico e pressione dell'acqua
L'acqua potabile, infatti, raggiunge gli utenti a una pressione variabile, che dipende dal punto di consegna ma anche dal periodo della giornata e dall'andamento del consumo, responsabile delle perdite di carico nelle tubazioni. Solitamente, la pressione è nell'ordine di alcuni bar e poiché un bar, ovvero 1 kg/cm², equivale alla pressione esercitata da una colonna d'acqua alta poco più di 10 m, con la sola pressione di rete l'acqua può raggiungere un'altezza pari ad alcune decine di metri.
In palazzi di altezza superiore, ma anche in un palazzo di altezza minore, è dunque necessario l'utilizzo di un impianto autoclave per garantire a tutti una pressione dell'acqua al rubinetto sufficiente per il corretto funzionamento di alcuni apparecchi ed evitare un flusso d'acqua limitato e instabile.


Tipologie di impianto idrico


Gli impianti di distribuzione dell'acqua potabile impiegati nelle costruzioni civili si distinguono sostanzialmente in due categorie:

- impianti a caduta o a serbatoio aperto;

- impianti autoclave.


Impianti a caduta


Gli impianti a caduta sono costituiti da una pompa che riceve acqua dall'acquedotto e la invia a serbatoi direttamente collegati con l'atmosfera, che sono quindi aperti.

Impianto idrico e autoclave
Questi serbatoi vengono posizionati al disopra dell'ultima utenza da servire così da poter distribuire l'acqua esclusivamente per gravità. In tal modo, ovviamente, la pressione di uscita dell'acqua dai rubinetti sarà direttamente proporzionale alla differenza di quote tra il serbatoio e il rubinetto.

Quali sono gli elementi che costituiscono un impianto autoclave?


Gli impianti autoclave sono caratterizzati, invece, da serbatoi chiusi contenenti aria in pressione. Precisamente, gli elementi di cui è costituito un autoclave sono:

  • un serbatoio di accumulo per immagazzinare un certo quantitativo d'acqua in arrivo dalla rete;

  • una pompa elettrica, solitamente di tipo centrifugo, con portata e prevalenza adeguate;

  • un contenitore a pressione in cui è presente una camera d'aria, chiamato anche polmone;

  • un pressostato, cioè un interruttore in grado di accendere e spegnere la pompa in funzione della pressione dell'acqua.

CONSIGLIATO amazon-seller
Pressostato autoclave
Pressostato Di Potenza...
prezzo € 8.5
invece di € 22.5 COMPRA


Quando l'acqua, inviata dalla pompa, entra nel serbatoio, l'aria presente si comprime facendo aumentare così la pressione. Raggiunta la pressione massima stabilita, la pompa automaticamente si spegne. In tal modo, nel momento in cui si apre un rubinetto collegato con il serbatoio, si ha un piccolo aumento di volume dell'aria compressa e di conseguenza una piccola diminuzione di pressione che consente l'uscita dell'acqua dal rubinetto.

Al raggiungimento del valore minimo di pressione stabilito la pompa si riaccende e il ciclo ricomincia.

Impianto autoclave
Negli edifici a più piani si installano in genere più di un impianto autoclave a diversa pressione, necessario a servire i piani più bassi o quelli più alti. Gli impianti condominiali sono inoltre dotati di un interruttore orario che provvede a spegnere l'impianto nelle ore notturne per evitare rumori molesti.

Lo spegnimento notturno dell'impianto raramente causa disagi agli utenti sia perché di notte l'utilizzo dell'acqua è limitato, quindi le perdite di carico nell'acquedotto pubblico sono limitate, sia perché la pressione di consegna è maggiore che di giorno. Negli impianti autoclave più moderni, l'aria compressa è sostituita da una membrana in materiale elastico che consente di realizzare serbatoi più piccoli.


Dimensionamento dell'autoclave


Determinare il volume e la capacità dell'autoclave è una operazione da affidare senza dubbio a un tecnico esperto, il quale, dopo aver valutato lo stato dell'impianto idraulico esistente, proceda a dimensionare l'impianto in base alla quantità di acqua necessaria alle utenze, alla portata che il dispositivo deve generare e alla pressione da sviluppare per il corretto funzionamento.

I modelli disponibili sul mercato sono numerosi e si caratterizzano per peso e dimensioni differenti in base al numero di utenze da rifornire e alla capacità totale necessaria.
In commercio esistono, inoltre, soluzioni da ingombri e peso ridotti, in modo tale da poter essere installati anche in soli 2 m3.


Posizionamento dell'autoclave


Il posizionamento dell'impianto autoclave è uno degli aspetti fondamentali al buon funzionamento dello stesso, il quale deve avvenire sempre in condizioni di sicurezza. Solitamente quando l'autoclave è utilizzata per soddisfare le esigenze di un intero condominio, si ritiene opportuno collocarla nel seminterrato affinché:

- possa poggiare su una base idonea a sorreggere il peso dell'impianto stesso;

- non ci sono particolari problemi di spazio;

- il rumore generato dal funzionamento può essere attutito dal locale di installazione.


Nel caso si verifichino guasti o perdite è sempre opportuno prevedere un invaso attorno al serbatoio, dotato di pompa idrovora di emergenza automatica, destinata allo svuotamento dell'acqua in eccesso in caso di malfunzionamento del sistema di troppo pieno.

Nei casi in cui l'autoclave debba servire solo gli inquilini posizionati ai piani superiori è possibile installare l'autoclave anche sul terrazzo, sempre dopo aver verificato, tramite un tecnico qualificato, la reale capacità portante del solaio, al fine di evitare pericolosi dissesti.

In questi casi è possibile scegliere autoclavi monoblocco, che contengono tutto l'impianto in un'unica struttura. Per garantire all'impianto lunga durata, ottimizzarne l'utilizzo e scongiurare il verificarsi dei cosiddetti colpi d'ariete, è sempre fortemente consigliato controllare periodicamente sia l'impianto elettrico sia l'impianto autoclave.


Quali sono i vantaggi dell'impianto autoclave?


L'utilizzo degli impianti autoclave rispetto a quelli a caduta presenta numerosi vantaggi tra cui:

  • la possibilità di alloggiamento dei serbatoi nei locali interrati piuttosto che sulle coperture, evitando così il sovraccarico dovuto al peso dell'acqua sulle strutture portanti dell'edificio;

  • una maggiore garanzia di igiene in quanto l'impianto è completamente isolato dall'esterno;

  • la possibilità di graduazione della pressione a seconda delle necessità.

riproduzione riservata
Articolo: Come posizionare un'autoclave
Valutazione: 3.90 / 6 basato su 61 voti.

Come posizionare un'autoclave: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Dany
    Dany
    Mercoledì 2 Febbraio 2022, alle ore 09:57
    Vorrei installare una cisterna da 5000 lt sul tetto di casa.
    Posso prelevare l'acqua direttamente per caduta senza l'ausilio di elettropompe?
    La cisterna la riempirei per gravità quando c'è acqua nell'acquedotto, e la svuoterei per gravità nei momenti in cui l'acquedotto è vuoto.
    La potrei installare sul tetto del mio appartamento.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Dany
      Mercoledì 2 Febbraio 2022, alle ore 19:20
      Può farlo per un uso non intensivo e limitato ad un solo punto di prelievo, non in pressione. Le rammento che per far funzionare correttamente tutti gli elettrodomestici come la lavatrice, lavastoviglie, caldaia, ecc. deve avere una pressione di almeno 1,5 bar che dall'impianto da Lei pensato non può avere. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Rachel
    Rachel
    Mercoledì 18 Novembre 2020, alle ore 07:02
    Vorrei mettere l’autoclave nel sottoscala.
    Il problema è che al di sotto del pianerottolo ho un’altezza di 1,60m e la lunghezza è massimo 2 m in una direzione e 1 m nell’altra.
    È possibile inserire l’autoclave in uno spazio così angusto?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Rachel
      Mercoledì 18 Novembre 2020, alle ore 15:43
      Di serbatoi ne trova di tutti i tipi e misure del tipo orizzontale e verticale. Non è un problema. Le apparecchiature occupano uno spazio minimo. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Rachel
        Rachel Pasquale
        Giovedì 19 Novembre 2020, alle ore 14:25
        A perfetto!
        E dal punto di vista normativo non c'è nulla che disponga in materia di illuminazione, aerazione, spazi minimi di manutenzione o simili?
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Rachel
          Giovedì 19 Novembre 2020, alle ore 19:21
          Non ci sono vincoli particolari. È consigliabile però mettere una sonda sonora o visiva di avviso sul troppo pieno in modo da evitare la fuoriuscita dell'acqua in caso di rottura del galleggiante. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Rachel
            Rachel Pasquale
            Giovedì 19 Novembre 2020, alle ore 21:39
            Grazie per la risposta.
            rispondi al commento
  • Rluigi
    Rluigi
    Venerdì 6 Marzo 2020, alle ore 12:35
    Un locale molto ampio dedicato all'autoclave può essere anche deposito di materiale per la pulizia del condominio?
    rispondi al commento
  • Alessandro
    Alessandro
    Domenica 12 Febbraio 2017, alle ore 00:04
    Parliamo di un appartamento al secondo piano.
    Volevo sapere se è corretto mettere un'autoclave con serbatoio in alto sopra al controsoffitto.
    E che tipo di autoclave mi consigliate?
    E grandezza del serbatoio? 
    rispondi al commento
  • Francesco
    Francesco
    Venerdì 25 Ottobre 2013, alle ore 20:16
    Vorrei istallare un impianto di autoclave con un serbatoio da max 100 litri per una singola abitazione ubicata a piano terra.
    rispondi al commento
    • Pasqualequarto
      Pasqualequarto Francesco
      Martedì 30 Agosto 2016, alle ore 13:06
      Anche 300 se puoi in base allo spazio è meglio dei 100 e i costi non si alterano tanto
      rispondi al commento
  • Andrea
    Andrea
    Lunedì 28 Gennaio 2013, alle ore 21:43
    Salve volevo sapere quanto costa un motorino per aumentare la potenza dell'acqua.
    rispondi al commento
    • Pasqualequarto
      Pasqualequarto Andrea
      Martedì 30 Agosto 2016, alle ore 13:12
      I costi variano dal fai da te o farlo fare da un idraulico.Una buona elettropompa va dai 90 ai 150 euro,bisogna poi aggiungere gli accessori dell'elettropompa 50 ? e poi devi decidere se il serbatoio di accumulo lo vuoi mettere in acciaio inox o in polietilene alimentare(in questo caso i costi sono uno il triplo dell'altro). poi una trentina di euro per la raccorderia e tanta buona volontà per il montaggio.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Come posizionare un'autoclave che potrebbero interessarti


Manutenzione sistema autoclave

Impianti idraulici - I problemi di pressione dell'acqua, soprattutto per le abitazioni in edifici con diversi piani, sono solitamente risolti con l'utilizzo di sistemi ad autoclave.

Installazione di un'autoclave in condominio

Manutenzione condominiale - L'impianto di sollevamento dell'acqua, più spesso detto autoclave spesso diventa indispensabile anche nei condomini, quindi chi decide l'installazione di impianto autoclave?

Presscontrol e autoclave con vaso d'espansione

Impianti idraulici - Per un corretto funzionamento dei dispositivi installati nella rete idrica degli alloggi, occorre mantenere costante la pressione del circuito impiantistico.

Manutenzione dei serbatoi idrici

Impianti - Procedure da rispettare per garantire la sicurezza e l'igiene dei serbatoi idrici.

Funzionamento, regolazione e pulizia del Pressostato nell'impianto Autoclave

Impianti idraulici - Il pressostato è un elemento importante dell'impianto autoclave, comanda l'azionamento e lo spegnimento della pompa elettrica in base alla pressione dell'acqua.

Impianto idraulico

Impianti idraulici - L'impianto idraulico domestico deve svolgere tre funzioni: procurare l'acqua, distribuirla ai vari locali della casa, smaltire le acqua nere, quelle di scarico.

Bonus idrico: in arrivo 1000 euro per sostituire rubinetti e sanitari

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In arrivo, con l'ultimo emendamento alla Legge di Bilancio, il bonus idrico: 1000 euro per la sostituzione di sanitari, docce e rubinetteria a risparmio idrico

Bonus idrico: attivo il numero verde

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È stato appena attivato un numero verde attraverso il quale il MITE risponderà a tutte le richieste, dubbi, informazioni e delucidazioni in merito al bonus idrico

Bonus idrico 2022: come inviare la domanda on line

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Da giovedì 17 febbraio 2022 è possibile richiedere il bonus idrico sulla piattaforma messa a punto dal Mite. Attivo anche un call center per maggiori informazioni
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img federica tornabuoni
Ciao a tutti, spero possiate aiutarmi. Ho da poco finito la ristrutturazione del mio appartamento, e nel bagno ho fatto installare un miscelatore termostatico. Non so dire il...
federica tornabuoni 05 Agosto 2022 ore 10:10 3
Img ale.lava.fusa.89
Buongiorno,spero di trovare qualche altra persona nella mia stessa situazione e sapere come muovermi e/o comportarmi con l’acqua di casa.Ho fatto fare gli esami...
ale.lava.fusa.89 02 Luglio 2022 ore 10:13 3
Img giodeco
Buongiorno, nel mio condominio il consumo dell'acqua viene diviso in base ai millesimi, essendoci un unico contatore.Nel mio caso sono penalizzato in quanto in appartamento siamo...
giodeco 29 Giugno 2022 ore 12:26 11
Img aisenauer
Salve a tutti,nella zona dove sto per fortuna l'acqua diretta c'è sempre, però una tantum capita che per un guasto per un'intera giornata manchi (due, tre volte...
aisenauer 19 Giugno 2022 ore 13:23 14
Img augusto rosci
Buongiorno,come da titolo ho una questione da porre.Ho un box di proprietà all'interno di una autorimessa condominiale.Il box di mia proprietà è posto al...
augusto rosci 21 Maggio 2022 ore 10:27 2