Come mettere in sicurezza gli elementi aggettanti

NEWS DI Restauro edile25 Luglio 2014 ore 00:24
Il degrado degli elementi aggettanti negli edifici è diventato un problema molto diffuso: ecco alcuni metodi per un risanamento definitivo senza più pericoli.

Cosa sono gli elementi aggettanti in un edificio


Un generico edificio è composto di più parti, partendo dalla quota del piano di campagna, se si va al di sotto di essa, ci sono le fondazioni, ovvero quegli elementi che hanno la funzione di scaricare il peso dell'intero edificio sul terreno, al di sopra di queste vi sono poi le strutture portanti che si suddividono in elementi verticali, pilastri, ed elementi orizzontali, travi che appunto determinano con il loro intreccio la struttura dell'edificio se si fa riferimento ad edifici in cemento armato, il quale verrà poi perimetrato da muri, che in gergo tecnico vengono definiti tompagnature esterne.

balconeMa in ogni edificio ci sono anche degli elementi che appunto vengono definiti aggettanti, come i balconi, i cornicioni di coronamento che si solito sono molto decorati e si trovano in corrispondenza del solaio di copertura dell'edificio.

Questi elementi vengono definiti aggettanti, poichè sporgono o sono a sbalzo rispetto al filo dell'edificio e quindi risentono particolarmente dell'attacco degli agenti atmosferici in particolar modo vento e pioggia che con la loro azione portano ad un degrado del materiale di cui questi elementi sono costituiti, diminuendo la loro sezione resistente e rendendoli quindi più deboli.

Il materiale dipende dal tipo di struttura di cui stiamo parlando infatti sia balconi che cornicioni aggettanti possono essere realizzati con cemento armato o in muratura.


Cosa succede agli elementi aggettanti degli edifici?


L'azione atmosferica su elementi costruttivi esposti direttamente ad essa può portare anche allo sgretolamento degli stessi. Se si fa riferimento ad un balcone la problematica pericolosa a cui si può andare incontro è quella relativa alla caduta di calcinacci e di parti d' intonaco dall'intradosso del balcone.

Questo accade perché spesso a causa di una sbagliata installazione della ringhiera, l'acqua piovana scorrendo lungo i piantoni verticali della ringhiera s'infiltra all'interno della soletta del balcone andando a intaccare le armature metalliche di questo che tendono ad espandersi e a far esplodere il copri ferro.

Questo porta poi all'ammaloramento della parte di calcestruzzo rimanente che diventando debole tende a sgretolarsi e a cadere sottoforma di calcinacci.

La stessa cosa accade per i cornicioni altri elementi aggettanti dell'edificio, che però vengono colpiti direttamente dalle intemperie, anche in questo caso, il calcestruzzo o la muratura che li costituisce tende ad indebolirsi e successivamente a sgretolarsi, ecco perché spesso vediamo che i cornicioni dei palazzi sono tutti avvolti da reti contenitive di sicurezza, che appunto hanno la funzione di contenere la caduta di calcinacci dall'alto.

teli di sicurezza ( di lancellottirestauro)Questa problematica trova maggiore diffusione nelle zone vicino al mare, infatti l'azione degli agenti atmosferici coadiuvata dall'aereosol marino porta alla nascita di fenomeni di degrado, che vengono definiti sotto pelle, e che si riscontrano sulle superfici esterne realizzate in calcestruzzo armato di tutti gli edifici e anche sugli sporti balconi che come elementi aggettanti sono maggiormente colpiti.


Gli interventi possibili negli elementi aggettanti


Quando ci si ritrova ad avere a che fare con situazioni del genere, quindi elementi aggettanti molto degradati, la prima cosa da fare è metterli in sicurezza, le tecniche possono essere le più svariate così come la scelta dei diversi materiali.

Spesso non è possibile installare dei ponteggi, quindi bisogna intervenire con una tecnica che viene definita alpinistica, c'è un'azienda specifica nel settore che appunto si occupa di questi particolari lavori di ristrutturazione , Ediliziacrobatica SpA, e si avvale di muratori acrobatici, che sono in grado di eseguire con le massime competenze i lavori di messa in sicurezza.

muratori acrobatici ( di EdilAcrobatica)Questi muratori sono letteralmente sospesi in aria con delle funi e in questa posizione eseguono il disgaggio delle parti in distacco, ovvero le rimuovono completamente per evitare ulteriori cadute, e poi intervengono risanando dapprima i ferri di armatura con prodotti della Mapei come ad esempio il Mapefer, oppure della KERAKOLL spa, Geolite, successivamente poi mettono in sicurezza il manufatto con una boiacca composta da aggreganti, elementi protettivi, acqua e cemento.

Questa soluzione viene molto utilizzata soprattutto in quegli edifici, dove appunto per problemi logistici e di spazio è complicato se non impossibile montare un ponteggio.

Un'altra tecnica di rinforzo per elementi aggettanti quali appunto cornicioni e balconi è quella proposta da Lancellotti Restauro che nel suo ciclo d'intervento propone dapprima un intervento di riparazione, seguito da una ricostruzione della sezione originaria dell'elemento, successivamente poi vi è la fase di messa in sicurezza in modo definitivo dell'elemento, mediante l'impiego di tessuti in fibra di vetro o carbonio strutturale, note anche come FRP, al fine di impedirne in modo efficace il successivo degrado.

messa in sicurezza di un cornicione ( di lancellottirestauro)Ovviamente la casistica alla quale si può andare incontro è la più svariata, ogni intervento deve essere fatto e pensato, facendo riferimento alla situazione, cercando di risanare e rinforzare nel modo meno invasivo possibile.

La tecnologia più moderna oggi permette di migliorare questo sistema di messa in sicurezza realizzando un FRP con speciali miscele di resine che poi verranno inglobate all'interno di malte umide essenzialmente a base di calce. In questo modo il tempo di intervento verrà ridotto notevolmente poiché non si dovranno attendere i lunghi tempi di presa per la maturazione delle malte applicate.

La tecnica che quindi viene utilizzata e che adopera questi tessuti in vetro strutturale prende il nome di fasciatura e riesce a porre fine a due problematiche importanti quando si ha a che fare con situazioni del genere: la prima è di impermeabilizzare l'estradosso, cercando nel contempo di salvaguardare eventuali cadute di porzioni di laterizi e calcestruzzo dall'estradosso.

I tessuti strutturali in vetro, sono più economici del carbonio, e riescono a risolvere il problema della caduta dei calcinacci, evitando anche il ricorso alle reti verdi di sicurezza.

riproduzione riservata
Articolo: Come mettere in sicurezza gli elementi aggettanti
Valutazione: 5.20 / 6 basato su 10 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Come mettere in sicurezza gli elementi aggettanti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Come mettere in sicurezza gli elementi aggettanti che potrebbero interessarti
Balconi aggettanti e danni alle parti comuni

Balconi aggettanti e danni alle parti comuni

I balconi aggettanti sono parti di proprietà esclusiva e come tali bisogna considerarli ai fini del risarcimento del danno che causano...
Casa sicura in caso di terremoto

Casa sicura in caso di terremoto

E' possibile rendere sicura la propria abitazione in caso di terremoto adottando alcune regole di comportamento e semplici accorgimenti a bassissimo costo.
Restauro dei cornicioni

Restauro dei cornicioni

Consigli operativi per una corretta manutenzione dei cornicioni.
Rinforzare con le reti in fibra di acciaio e di basalto

Rinforzare con le reti in fibra di acciaio e di basalto

Le reti in acciaio e in fibre di basalto rappresetano una soluzione semplice, compatibile e durevole nel tempo per consolidare le strutture di qualsiasi natura.
Danni provocati dai volatili

Danni provocati dai volatili

Sistemi e procedure per prevenire il rischio di contaminazione dell'ambiente dal guano dei volatili.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.380 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Casseforme per cornicioni in polistirene Padova
    Casseforme per cornicioni in...
    12.90
  • Restauro facciate palazzi d'epoca
    Restauro facciate palazzi d'epoca...
    35.00
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Gesso, imbiancatura e velatura
    Gesso, imbiancatura e velatura...
    700.00
  • Sezionale Royal Mantova
    Sezionale royal mantova...
    1375.00
  • Porte corazzate certificate
    Porte corazzate certificate...
    1200.00
  • Tubo poroso 25 mt claber
    Tubo poroso 25 mt claber...
    35.38
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.