Combattere i tarli

NEWS DI Bricolage legno09 Luglio 2013 ore 15:42
Il mobile tarlato, se da un lato dimostra la sua età ed è, per questo, apprezzato dagli amanti dell'antiquariato, dall'altro lancia un grido d'allarme. Combattere i tarli con un fai da te.

Il mobile tarlato, se da un lato dimostra la sua età ed è, per questo, apprezzato dagli amanti dell'antiquariato, dall'altro lancia un grido d'allarme.Essenze immuni da tarli
Infatti il legno tarlato, oltre ad imbruttirsi, perde consistenza e può arrivare addirittura a sgretolarsi.

Il legno preferito dagli insetti xilofagi non è né troppo giovane né troppo vecchio: è sufficientemente asciutto per consentire uno scavo agevole, ma non è eccessivamente duro.

I mobili molto antichi e tarlati non subiscono più l'attacco degli insetti.

Soltanto alcuni tipi di legno vengono assaliti dai tarli, mentre altri, come ad esempio il carrubbo e il pino marittimo, ne sono completamente (e fortunatamente) immuni.


Valutare i danni del mobile tarlato


Innanzitutto è necessario esaminare il mobile danneggiato dai tarli per verificare se essi sono sempre all'opera o se l'hanno abbandonato, in quanto ciascuna di queste situazioni richiede un intervento specifico.

Se su un mobile appaiono solamente fori vecchi significa che i tarli hanno ormai abbandonato il legno e non vi è necessità di ulteriore difesa, ma solo di un intervento di ripristino della superficie.

Se su un mobile appaiono anche fori “nuovi” vuol dire che alcuni tarli hanno abbandonato il legno ma altri sono ancora all'opera, in tal caso occorre combattere i tarli e rendere definitivamente “inospitale” il legno prima di procedere con il lavoro di ritocco finale.


L'esame del foro dei tarli


Legno tarlatoPrima di qualsiasi intervento antitarlo bisogna esaminare il legno ed osservare i fori dei tarli con una lente di ingrandimento.
Se sono puliti all'interno e i bordi sono ben disegnati e continui (1) significa che i tarli sono fuoriusciti da poco e che, probabilmente, altri tarli stanno ancora agendo all'interno.

In questo caso è necessario procedere a un intervento di “avvelenamento” antitarlo.Esame del foro del tarlo

Se, invece, i fori sono parzialmente occlusi da polvere e cera, ed i bordi sono sfrangiati (2), significa che i tarli hanno da tempo abbandonato il legno e si può passare direttamente all'opera di ripristino della superficie.


Avvelenare i tarli


Prodotti tarmicidiVi sono diversi sistemi per combattere i tarli, ma occorre tenere presente che in ogni caso la lotta è lunga e difficile. Un intervento effettuabile da chiunque consiste nell'avvelenare uno strato di legno il più possibile profondo in modo da uccidere le larve o gli insetti adulti che vi fossero nascosti.

L'avvelenamento del legno, inoltre, impedisce che altri insetti, in seguito, possano nutrirsi delle fibre del legno. Per ottenere questo risultato sono disponibili in commercio liquidi di tipo diverso, ma con caratteristiche simili.

Questi prodotti non sono particolarmente pericolosi da maneggiare ma, trattandosi pur sempre di veleni, vanno utilizzati con attenzione e tenuti in posti non accessibili ai bambini.



Prima di procedere all'intervento, il legno va pulito accuratamente in modo da asportare eventuale sporco che impedirebbe un diretto contatto col liquido antitarlo. Il liquido può essere applicato sul legno a pennello, con passate successive, mentre una parte di esso può essere inserita all'interno del legno iniettandolo con una siringa, dentro ai fori dei tarli.

Questi fori, ricordiamo, sono di uscita, per cui all'interno l'insetto non vi è più, però queste gallerie vengono riutilizzate dagli insetti adulti per porvi altre larve, quindi l'intervento è particolarmente utile. Il foro raggiunge l'interno del legno e permette al liquido di essere assorbito dagli strati più profondi.

I materiali indispensabili per agire contro i tarli: veleno liquido, veleno spray, cotone, siringa, sacchi neri della spazzatura, stucco per chiudere i pori, naftalina, telo di nylon.


3 - Usare la siringa nei fori


Combattere i tarli: usare la siringaSi inserisce l'ago della siringa in tutti i fori presenti sul mobile e si agisce sullo stantuffo delicatamente fino a quando il liquido riempie il foro.









4 - Usare la siringa anche nelle fessure del legno


Combattere i tarli: iniettare anche nelle fessureNon bisogna limitarsi solo ai fori:
spruzzare il veleno anche nelle fessure e nelle venature del mobile per garantire l'effetto del veleno del tempo.









5 - Rimuovere liquido in eccesso


Combattere i tarli: rimozione liquido in eccessoCon un batuffolo di cotone pulite il liquido in eccesso che è fuoriuscito:
certi tipi di veleno antitarlo possono macchiare il legno.










6 - Stendere il veleno a pennello


Combattere i tarli: stesura a pennello del velenoSi completa l'operazione stendendo il veleno a pennello su tutto il mobile.
Due mani possono bastare.














7 - Uso del veleno spray


Combattere i tarli: uso del veleno spraySi può usare anche il veleno spray da iniettare direttamente nei fori tramite il comodo tubicino erogatore.
I fori più piccoli però sono difficili da trattare.







riproduzione riservata
Articolo: Combattere i tarli
Valutazione: 4.37 / 6 basato su 73 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Combattere i tarli: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Combattere i tarli che potrebbero interessarti
Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Quando i tarli attaccano il legno bisogna intervenire il più presto possibile per evitare che col tempo i mobili possano risultare danneggiati irreparabilmente.
Riparare le spaccature delle gambe dei mobili

Riparare le spaccature delle gambe dei mobili

Le gambe dei mobili in legno sono delicate: la loro rottura richiede immediata riparazione per evitare di compromettere la stabilità dell'intera struttura.
Come riparare vecchie sedie

Come riparare vecchie sedie

Sedie vecchie e usurate possono acquisire facilmente nuovo fascino e vivere una seconda vita grazie ad alcuni semplici interventi di riparazione mirati.
Rinnovare le porte di casa

Rinnovare le porte di casa

A volte basta poco per rinnovare una porta e adattarla a diversi ambienti: se la struttura è in buone condizioni, la verniciatura può bastare e dare ottimi risultati.
Verificare l'integrità dei materiali

Verificare l'integrità dei materiali

Alcuni semplici accorgimenti per verificare la solidità e lo stato di conservazione di alcuni materiali della nostra casa.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.380 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Antica coppia di sedie inglesi del xix
    Antica coppia di sedie inglesi del...
    290.00
  • Elimina odore incendio
    Elimina odore incendio...
    500.00
  • Rotolo isolante in sughero supercompresso
    Rotolo isolante in sughero...
    37.91
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Porta siena finestratura
    Porta siena finestratura...
    591.00
  • Klover termostufa pellet kw 20 9 riscaldamento
    Klover termostufa pellet kw 20 9...
    3024.00
  • Deumidificazione elettrofisica a neutralizzazione di carica Latina
    Deumidificazione elettrofisica a...
    1.00
  • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9000+9000+12000 btu
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    1855.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.