• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Come coltivare e prendersi cura della bardana

Tanti consigli utili per coltivare la bardana (Arctium Lappa), la pianta dai fiori color porpora, rinomata per le numerose proprietà antisettiche e depurative.
Pubblicato il

Bardana maggiore


La Bardana maggiore (Arctium lappa, il nome scientifico) è una pianta erbacea biennale della famiglia delle Asteraceae. Costituita da radici a fittone, viene spesso raccolta allo stato selvatico oppure coltivata soprattutto per le sue numerose proprietà terapeutiche.
Cresce dai 50 ai 150 cm, e ha grandi foglie cuoriformi, ruvide e dai margini seghettati. La pagina superiore è verde brillante, mentre quella inferiore è molto chiara, bianco-verde.

In estate fanno la loro comparsa i fiori: raggruppati in un capolino a forma di sfera, sono di un vivace color porpora, e sono avvolti da un involucro a squame lineari che culmina in un apice curvo e uncinato.

Ecco perché la bardana è nota anche come l'erba che si attacca ai vestiti. Ma può attaccarsi anche al pelo degli animali, favorendo in questo modo la propagazione della varietà botanica lontano dalla pianta madre.

A loro volta, i fiori sviluppano un frutto, un achenio di colore scuro.


Arctium lappa: dove cresce in Italia


La bardana selvatica è diffusa nell'area eurasiatico-temperata e quindi, in Italia, è presente in tutte le regioni, eccetto la Sicilia.

bardana pianta immagini - foto PixabayBardana pianta immagini - foto Pixabay

Cresce nei terreni incolti e lungo i bordi delle strade in posizione ben esposta al sole. In montagna la si trova fino a un'altitudine massima di 1700 metri.


Bardana pianta


Possiamo anche coltivare la Bardana maggiore per sfruttare il suo potenziale ornamentale e/o le sue benefiche proprietà.

Pianta bardana - foto PixabayPianta bardana - foto Pixabay

Coltivarla è semplice perché si tratta di una pianta molto resistente e che ha poche esigenze.

Cresce bene sia in pieno sole che a mezz'ombra poiché sopporta bene il caldo; in Inverno resiste fino a 10°C.


Semi di bardana


Nelle zone con inverni miti, la bardana maggiore può essere coltivata direttamente nell'orto; nei luoghi dove invece gli inverni sono rigidi, è meglio preferire la coltivazione in vaso sul terrazzo, così da poterla riparare nei mesi più freddi.

Per la coltivazione nell'orto, prima di procedere con la semina, il terreno va ripulito da eventuali erbacce infestanti e lavorato per bene, togliendo sassi, pietre e radici di altre piante, così da renderlo morbido e soffice.

Piccioli di bardana - foto PixabayPiccioli di bardana - foto Pixabay

Prima della semina, si consiglia di distribuire un concime naturale come lo stallatico pellettato. Rastrellare quindi il terreno per farlo assorbire bene e poi procedere con l'irrigazione.

Una volta eseguite queste lavorazioni preliminari, aspettare 7-8 giorni prima di procedere con la distribuzione dei semi.

La semina va fatta a spaglio e, una volta distribuiti i semi, coprirli con 0,5 cm circa di terriccio. Annaffiare abbondantemente.



Il periodo migliore per seminare va da aprile a giugno.


Cura della bardana


Per coltivare la bardana si deve usare un terriccio specifico per piante orticole.

Dopodiché, per stimolarne crescita e fioritura, durante la bella stagione (da maggio a settembre), una volta ogni 2 settimane, somministrare del fertilizzante liquido per piante aromatiche diluito nell'acqua d'irrigazione.

bardana foglia - foto PixabayBardana foglia - foto Pixabay

Subito dopo la messa a dimora, la bardana va annaffiata con regolarità.
Poi, gli esemplari adulti, si accontentano dell'acqua piovana; vanno irrigati solamente in estate e in caso di lunghi periodi caldi e siccitosi.

Le piante in vaso, invece, necessitano di irrigazioni più costanti per mantenere il terriccio sempre umido. In ogni caso, non bisogna mai esagerare con l'apporto idrico perché i ristagni di acqua nel sottovaso possono provocare marciumi radicali.


Quando fiorisce la bardana


La bardana fiorisce in piena estate. A partire dal mese di luglio, fino a settembre, produce fiori di forma globulare di un bel viola intenso, riuniti in piccoli grappoli.


Radice di bardana


La radice è la parte di bardana che viene più utilizzata. È una radice a fittone che penetra nel terreno fino a 40-45 cm di profondità.

Con un diametro variabile, da 3 a 6 cm, è cilindrica, piuttosto carnosa e presenta varie ramificazioni.

CONSIGLIATO amazon-seller
Fertilizzante piante aromatiche
€ 8.99
invece di € 9.45 COMPRA


Viene usata per preparare estratti, rimedi fitoterapici ed erboristici.


Quando si raccoglie la bardana


Le radici si possono raccogliere nell'autunno del secondo anno di vegetazione, a fioritura avvenuta, oppure durante la primavera del secondo.

Vanno estratte dal terreno e poi lavate; le foglie, invece, si raccolgono da aprile a giugno.


Come si riproduce la bardana


Il metodo più diffuso per riprodurre la bardana è per seme.


Bardana proprietà


La bardana è nota come pianta officinale per via delle sue numerose proprietà terapeutiche, che sono:

  • diuretiche
  • depurative
  • antiseborroiche
  • ipoglicemizzanti
  • antidiabetiche
  • antiacneiche
  • antiforuncolose
  • antisettiche
  • antidiarroiche
  • antieczematose
  • antibiotiche
  • immunostimolanti
  • antipsoriasi


A cosa serve la bardana


Viste le sue innumerevoli proprietà, possiamo tranquillamente dire che la bardana esercita un'azione utile ed efficace contro i batteri e le infiammazioni.

Bardana acne


Una delle applicazioni più note della bardana è contro le affezioni cutanee, in special modo acne e foruncoli. Ha infatti proprietà antisettiche.

Bardana benefici - foto PixabayBardana benefici - foto Pixabay

Per preparare una lozione adatta per pelli grasse, impure o affette da acne, bisogna mettere qualche pezzetto di radice fresca in acqua e lasciar macerare per circa 5 ore, e poi applicare l'impasto ottenuto sul viso.

In alternativa, far bollire in 250 ml di acqua 25 gr di radice ridotta in piccoli pezzi per una decina di minuti. Trascorso il tempo indicato, filtrare e far raffreddare.

Passare il liquido ottenuto con un batuffolo di cotone sulla pelle pulita.

L'operazione va ripetuta ogni giorno, mattina e sera.

Bardana capelli


La bardana è utile per rinforzare le chiome. A tal scopo, risultano utili le frizioni effettuate col succo delle foglie.

bardana foglie giganti - foto PixabayBardana foglie giganti - foto Pixabay

In alternativa, si possono fare anche degli impacchi. Prendere una manciata di foglie fresche di bardana, di salvia, timo e rosmarino. Sminuzzarle tutte insieme, poi unirvi il tuorlo di un uovo e un paio di cucchiai di rum.

Mescolare con cura e applicare l'impasto ottenuto sulla radice dei capelli.
Coprire il capo con una salvietta bagnata in acqua bollente e ben strizzata.

Lasciare in posa per 10 minuti e poi sciacquare con abbondante acqua con il succo di mezzo limone.


Bardana tisana: come si prepara


L'infuso a base di bardana funziona come ottimo diuretico. Per prepararlo, prendere 500 ml di acqua e mettervi 10-15 gr di radice di bardana.

Tisana bardana - foto PixabayTisana bardana - foto Pixabay

Far bollire per una decina di minuti, filtrare e bere la mattino a digiuno.


Che sapore ha la bardana


Ha un gusto caldo, amaro e al tempo stesso tendente al dolce.


Bardana controindicazioni


Se ne sconsiglia l'assunzione e l'impiego da parte delle donne in gravidanza e/o che stanno allattando.

riproduzione riservata
Coltivazione e cura della Bardana
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.929 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI