Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Coltivare il basilico

Il basilico, utilizzato per insaporire molti piatti, può essere facilmente coltivato nell'orto o anche sul balcone di casa, seguendo alcune semplici regole.
31 Gennaio 2013 ore 01:16 - NEWS Piante
basilico , pianta aromatica , orto , ocimum

Il basilico è una delle piante aromatiche più conosciute ed utilizzate nel nostro paese ed in gran parte dell'Europa. Impiegato soprattutto per insaporire molti tipi di piatti e di salse, questa pianta può essere coltivata molto facilmente sia sul balcone che nell'orto in campo aperto.

Per ottenere dei buoni risultati nella coltivazione domestica del basilico, è però necessario rispettare alcune semplici esigenze di questa pianta.


Caratteristiche del basilico


Il basilico è una pianta annuale di carattere erbaceo, caratterizzata da fusti dritti e che può raggiungere un'altezza massima di circa sessanta centimetri. La famiglia di appartenenza è quella delle Labiatae mentre il genere è l'Ocimum. Originaria dell'Asia tropicale, la pianta di basilico, grazie alle sue proprietà aromatiche, si è diffusa molto velocemente in Europa attraverso il Medio Oriente, specialmente in Italia e nel Sud della Francia. Il basilico è caratterizzato da foglie fornite di picciolo e dal colore variabile: a seconda dei casi, si va dal verde intenso a quello cupo, fino ad arrivare addirittura a sfumature violacee.
Basilico e pomodori
Il caratteristico aroma del basilico deriva poi dagli olii essenziali presenti proprio nelle foglie. A partire da giugno fino a settembre, avviene la fioritura, con fiori generalmente rosa o bianchi ma con caratteristiche comunque diverse a seconda dei casi.

Le varietà di basilico esistenti sono diverse. Tra quelle principali, troviamo il Cinnamom, originaria del Messico, dai fiori rosa malva e le foglie di tonalità comprese tra il verde oliva ed il marrone.

Esiste poi il basilico greco, la varietà Mimmum, adatta a climi freddi, dalle foglie piccole ed ovali e l'aspetto cespuglioso. La varietà Crispum invece prende il nome dalla caratteristica increspatura presenti sulle grandi foglie mentre la Purple Ruffles presenta steli dal colore rosso scuro e foglie piegate in corrispondenza della nervatura centrale.
Dal momento che il basilico teme la siccità, le piantine dovranno essere esposte in un luogo non troppo soleggiato mentre le irrigazioni dovranno essere abbastanza frequenti ed abbondanti cercando comunque di evitare pericolosi ristagni idrici che potrebbero causare muffe e altre malattie fungine.


Coltivazione e cura del basilico



Le foglie di basilico ad uso alimentare possono essere acquistate direttamente presso e aziende agricole.
La Ponzio, in provincia di Torino, produce e vende basilico in foglie intere o tritato, a seconda delle esigenze.
L'azienda a conduzione familiare Calcagno Paolo, invece, dal 1984 produce e vende basilico genovese per la preparazione del tipico pesto.
D'altra parte, la moltiplicazione del basilico è abbastanza semplice e può avvenire tranquillamente anche in ambito domestico attraverso la semina.
Per questo, acquistandone i semi, il basilico può essere piantato e coltivato nell' orto o anche direttamente sul balcone.
Il sito AMAZON vende direttamente online semi di basilico di diverse varietà, da quello italiano a quello greco, fino al più raro e decorativo basilico violetto.
Foglie di basilico
La semina, che deve avvenire nei mesi di marzo ed aprile, dovrà essere eseguita in pochi e semplici passaggi, in un semplice vaso.

I semi, molto piccoli, andranno disposti nel terreno in file parallele ed essendo di dimensioni molto ridotte non dovranno essere interrati ma semplicemente spinti sotto il terriccio in modo uniforme utilizzando un pezzo di legno piatto.

Il basilico non ha esigenze particolari in fatto di terriccio, ma è comunque consigliato preferirne uno molto fertile e ricco di humus, a ph neutro e soprattutto ben drenante, sempre per evitare che l'acqua fornita ristagni.
Scegliendo un terriccio particolarmente fertile, inoltre, sarà possibile evitare di concimare le piantine.

Una volta effettuata la semina, bisognerà mettere il contenitore in un luogo ombreggiato ad una temperatura ideale di circa venti gradi centigradi.
Per conservare costanti sia la temperatura che il grado di umidità, è consigliato coprire il vaso con un telo di plastica e provvedere ad inumidire il terreno somministrando frequentemente acqua attraverso uno spruzzatore.

Le prime piantine inizieranno a spuntare dopo circa otto-quindici giorni dalla semina. Una volta che le piante avranno emesso almeno quattro foglie ciascuna, potranno essere prelevate dal letto di semina e messe a dimora nel contenitore definitivo in gruppi di tre o quattro.
Basilico nel terreno
La pianta, una volta divenuta adulta, dopo circa un mese dalla semina, dovrà essere conservata sempre in un luogo mediamente soleggiato.
Un'eccessiva esposizione alla luce del sole, infatti, porta una rapida fioritura che favorisce il disseccamento della pianta e la perdita delle sue proprietà aromatiche.

Per questo, non appena iniziano spuntare i primi fiori, sarà necessario cimare tutti i fusti con le dita. Una buona dose di ombra nelle ore più calde della giornata, al contrario, stimola lo sviluppo di foglie più ampie ed una maggiore produzione delle proprietà aromatiche della pianta.

La temperatura ideale dovrà essere invece compresa tra i venti ed i venticinque gradi senza mai scendere al di sotto dei dieci, mentre le annaffiature dovranno essere sempre frequenti ed abbondanti.
Per questo motivo, per la messa a dimora in vaso, andrà scelto un contenitore di terracotta, per consentire al terreno di respirare.

Trattandosi di una pianta annuale, inoltre, per mantenere a lungo la sua coltivazione , è consigliato effettuarne la semina ogni due o tre mesi nel corso dell'anno mentre il rinvaso andrà effettuato in primavera, al momento della semina.
Pianta di basilico in vaso
Nel caso invece insorgano delle malattie, sarà preferibile acquistare delle nuove piante o provvedere di nuovo alla semina. Questo perché il basilico viene impiegato a scopo alimentare e l'eventuale impiego di prodotti chimici potrebbe essere nocivo.

Le foglie infine, per il loro utilizzo a fresco, dovranno essere raccolte gradualmente e tagliate con tutto il picciolo.
La loro conservazione può avvenire o in barattoli di vetro, opportunamente coperte da un po' di olio di oliva, oppure attraverso congelamento.

riproduzione riservata
Articolo: Coltivare il basilico
Valutazione: 4.83 / 6 basato su 12 voti.

Coltivare il basilico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Agostino Simeoni
    Agostino Simeoni
    Martedì 2 Luglio 2013, alle ore 20:46
    Gradirei sapere perché le foglie del basilico diventano nere.
    rispondi al commento
    • Pegasoengineering
      Pegasoengineering PEGASO ENGINEERING Srl Agostino Simeoni
      Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 10:30
      Per Agostino Simeoni: Di solito le foglie di basilico che scuriscono sono il sintomo di marciume radicale, la cui causa è un'eccessiva irrogazione.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.397 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Coltivare il basilico che potrebbero interessarti


Basilico profumato

Piante - Molto utilizzato in cucina, il basilico è un'aromatica molto profumata, facile da coltivare e da conservare, per il consumo invernale.

Orto cittadino

Orto e terrazzo - Pomodori, melanzane, zucchine, basilico e menta direttamente dal giardino alla tavola? Eccovi un po' di consigli per curare il vostro personale orto cittadino.

Basilico minimum a palla

Piante - Il basilico minimum, conosciuto anche con il nome di basilico greco, è molto decorativo e caratterizzato da piccole foglie a sviluppo compatto a sfera.

Aneto come coltivarlo

Piante - Tra le piante aormatiche meno conosciute e comunque facili da coltivare troviamo l'aneto, con i fiori gialli e i suoi semi speziati dal sapore intenso.

Giugno, cure in giardino

Giardino - La splendida fioritura delle rose, che è iniziata a maggio, ormai sta per concludersi, ma dei piccoli interventi permetteranno di avere ancora delle rose in fiore.

Ortaggi di attesa e a rapido sviluppo

Orto e terrazzo - Come predisporre il nuovo orto, sfruttando gli ortaggi di attesa e quelli a rapido sviluppo, garantendosi prodotti freschi per motlo tempo.

Semina di febbraio

Giardinaggio - Con l'arrivo della metà di febbraio iniziano le operazioni di semina sia allaperto che in semenzaio, per l'orto di primavera e pe le verdure estive.

Vaso automatizzato

Giardino - Il giardinaggio non è una passione semplice a cui dedicarsi: non solo occorrono tempo e pazienza per curare come si deve le piante ma, a volte, bisogna

Terreno per semenzaio

Giardino - Il mese di dicembre è il periodo ideale per prepararsi alle semine invernali, scegliendo innanzitutto un terreno per il semenzaio idoneo per la germinazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img agata92
Buongiorno a tutti. Vi scrivo perché sono disperatamente alla ricerca di consigli. Abbiamo da tempo portato a termine i lavori di ristrutturazione della Nostra nuova casa...
agata92 03 Novembre 2020 ore 10:20 4
Img queltaleale
Signori buondì Volevo intanto mettervi al corrente di un prodotto che ho usato recentemente (spero possa aiutare qualcuno) per una mia porta vecchia Milano. Questa porta...
queltaleale 09 Ottobre 2020 ore 12:54 10
Img queltaleale
Buondì, ho un portoncino vecchia Milano da dove entro nella mia abitazione. Il portoncino da sul cortile interno del mio stabile. Il portoncino è messo nel complesso...
queltaleale 28 Settembre 2020 ore 16:16 3
Img etonnara
Buongiorno, nel 2013, in un ampio intervento di recupero edilizio, ho sostituito tutti i serramenti, incluso il portoncino d'ingresso, attingendo all'eco-bonus del 65% per gli...
etonnara 30 Luglio 2020 ore 13:18 3
Img spizzy
Buongiono a tutti, mi presento: mi chiamo Tiziano sono un semplice operaio. Prossimamente acquisterò un televisore da 65 pollici e ho deciso di fissarla al soffitto. Mi...
spizzy 14 Maggio 2020 ore 23:07 4