Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Climatizzazione a pavimento: come realizzarla con spessori minimi

Le nuove soluzioni per climatizzazioni radianti a pavimento, offrono il vantaggio di poter contare su spessori ridotti. Ecco una breve panoramica sui prodotti.
14 Ottobre 2015 ore 18:00 - NEWS Impianti di climatizzazione

Climatizzare con impianto radiante a pavimento nelle ristrutturazioni


Tra i tipi di impianto per climatizzare un'abitazione quello a pannelli radianti è senz'altro tra i più efficaci ed efficienti, anche se ancora non diffuso abbastanza.
Un grande aiuto in questo senso lo sta offrendo negli ultimi tempi l'affermazione, sempre più ampia nel settore edile, delle costruzioni prefabbricate secondo i dettami della bioedilizia.


È sicuramente più facile, in fase di progettazione ex novo secondo tali principi, inserire un sistema di climatizzazione radiante in una struttura che già prevede tutta una serie di accorgimenti a livello di materiali e di modalità costruttive particolari e incentrate sul tema della massima efficienza energetica e sostenibilità ambientale.

Sui vantaggi dell'adozione di un sistema radiante per climatizzare non ci sono più dubbi, a cominciare dall'assenza di ingombri inutili come i termosifoni, per cui la distribuzione in pianta degli arredi risulta molto più libera.
Il vantaggio maggiore, però, è dato proprio dal fatto che il calore è distribuito per irraggiamento e solo dove serve, senza disperdersi in alto, come avviene nei sistemi con radiatori (sensazione piedi freddi/testa calda), che si traduce in un miglior comfort abitativo.

A contribuire ulteriormente al comfort è la mancanza di moti convettivi di aria, sia in caso di riscaldamento che raffrescamento, con conseguente assenza di polveri spostate nell'ambiente stesso.


L'integrazione di questi sistemi con fonti di energia rinnovabile rappresenta un ulteriore vantaggio in termini di rispetto ambientale, oltre che di risparmio in bolletta, visto che le temperature di esercizio sono molto più basse (in alcuni casi dimezzate) rispetto a quelle utilizzate nei sistemi tradizionali.

Anche il settore delle ristrutturazioni si mostra particolarmente sensibile, ultimamente, a questi temi e il pavimento radiante assume finalmente un'importanza fondamentale, soprattutto alla luce degli ultimi sviluppi tecnologici che ne agevolano ancora di più la messa in opera anche in situazioni diverse da quella delle nuove costruzioni.


Climatizzare con impianto radiante a basso spessore


Rispetto al passato, le nuove soluzioni tecniche per realizzare pavimenti radianti offrono l'enorme vantaggio di poter contare su spessori ridottissimi.
Questo le rende ideali in caso di ristrutturazioni, dove il progetto prevede la posa in opera su pavimento esistente, oppure nel caso in cui viene rimosso il vecchio rivestimento e non si vogliono cambiare le porte né ridurle in altezza con tagli alla base.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Cappellotto, Spiderex
Cappellotto srl produce il sistema Spiderex, con cui è possibile realizzare impianti di climatizzazione con spessori di soli 3 cm, con grande vantaggio sia per il cliente che per l'installatore. È la conformazione particolare del reticolo e delle bugne che rendono necessario un massetto di soli 8 mm, per cui lo spessore finale totale si riduce a non più di 30 mm.

Minore spessore del massetto significa anche minore inerzia del sistema di climatizzazione, per cui bastano soltanto 30 minuti affinché la messa a regime sia completa, rispetto ai normali tempi tecnici dei sistemi tradizionali a pavimento, ovvero 4/5 ore.
L'ottimizzazione dei consumi è assicurata sia per il riscaldamento che per il raffrescamento.

Il risparmio energetico è massimo perché Spiderex sfrutta i sistemi a bassa temperatura come le caldaie a condensazione. Il comfort ambientale è dunque assicurato, con una temperatura di mandata di soli 30°C, quando normalmente questa si aggira sui 35°C/37°C dei tradizionali pavimenti radianti.
L'omogeneità della distribuzione termica in tutto il massetto permette un migliore scambio con l'ambiente esterno, a tutto vantaggio del comfort climatico.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Cappellotto, Spiderex posa in opera
Anche l'installazione di questo sistema è particolarmente agevole grazie all'incastro indeformabile tra i pannelli, alla possibilità di camminarci sopra durante la posa senza pericolo di deformare le tubazioni, all'assenza di clip per bloccare le tubazioni.
Queste ultime sono multistrato e di diametro 17 mm (a differenza delle tradizionali con diametro 10/12 mm), consentendo quindi di realizzare circuiti più lunghi e quindi con un minore numero di connessioni ai collettori.

Spiderex è disponibile in varie versioni, con e senza isolamento: in poliuretano, polistirolo bianco, polistirolo con grafite o polistirolo elasticizzato.


Facilità di montaggio e flessibilità nei nuovi sistemi radianti sottili


Sempre per rimanere in questo specifico settore, vi segnalo anche il sistema per pavimenti radianti a basso spessore Klima Renew, realizzato da Giacomini.
Anche questo sistema nasce per rispondere efficacemente alla esigenza di poter realizzare pavimenti radianti anche laddove lo spessore necessario all'alloggiamento dell'impianto è particolarmente ridotto, come accade sovente nelle ristrutturazioni.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Giacomini, Klima Renew
Per questo impianto sono disponibili gli speciali pannelli Spider in materiale plastico oppure i pannelli in fibrogesso. Nel primo caso i tubi alloggiati hanno diametro 16/18 mm, in modo da poter garantire perdite di carico contenute rispetto a quelli tradizionali, grazie alla possibilità di avere lo stesso tipo di circuiti.

I pannelli in fibrogesso prevedono invece l'alloggiamento di tubi di minore diametro, 12 mm, ricoperti con massetto autolivellante. In entrambi i casi l'inerzia termica è minima.

A seconda del tipo di posa in opera si sceglie un modello di pannello della serie Spider, realizzato in PPR ad alta resistenza: R979SY001 con base adesiva da incollare direttamente sul pavimento esistente, R979SY011 con piolini per incastro su strato isolante liscio già presente, R979SY021 accoppiato a una lastra di 6 mm di spessore di strato isolante, con valore λ=0,028 W/mK.


Climatizzazione con sistema radiante ultrasottile senza massetto


Un'ottima alternativa, sempre in caso di ristrutturazioni, è rappresentata dai sistemi a secco realizzati in fibrogesso ma che non necessitano di massetto. Panthe-Dry Gex di Pantherm, ad esempio, è composto da un pannello in fibrogesso brevettato per una speciale modalità di posa ed uno spessore ridotto che va dai 18 mm ai 28 mm, escluso l'eventuale isolante termico.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Pantherm Panthe-Dry Gex e Iso-Gex
Il sistema esiste nelle due versioni Gex e Iso-Gex, laddove la differenza consiste nella presenza o meno di EPS isolante di 10 mm accoppiato nella parte inferiore.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Pantherm Panthe-Dry Gex
Il ridotto spessore e l'assenza del massetto offrono il grande vantaggio di poter utilizzare tale sistema in presenza di vecchie pavimentazioni, con riduzione di tempi e costi di cantiere per i mancati lavori di smantellamento e smaltimento dei vecchi materiali, laddove è possibile.
La certificazione di materiale e sistema ecocompatibile rappresenta un ulteriore valore aggiunto.

riproduzione riservata
Articolo: Climatizzazione radiante a basso spessore
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

Climatizzazione radiante a basso spessore: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.267 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Climatizzazione radiante a basso spessore che potrebbero interessarti


Novità per impianti radianti

Impianti - Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti si stanno sempre più diffondendo nelle nostre abitazioni, anche grazie agli incentivi fiscali per l'istallazione

Pavimenti radianti ribassati

Impianti - Il nuovo sistema di riscaldamento radiante a pavimento permette un piu' ampio utilizzo rispetto ai tradizionali impianti.

Pannelli Radianti Freddi e Caldi

Impianti - I pannelli radianti possono essere installati sia a pavimento che a soffitto ed in entrambi i casi sono in grado di fornire energia termica calda o fredda.

Climatizzatore radiante

Impianti - Massimo comfort e la riduzione dei consumi energetici

Comfort radiante

Impianti di riscaldamento - L'aspetto che maggiormente condiziona il comfort all'interno di un ambiente è sicuramente la temperatura, i sistemi radianti la regolano e la controllano.

Riscaldamento a pavimento: caratteristiche e vantaggi

Impianti di riscaldamento - Caratteristiche, vantaggi e funzionalità dei moderni sistemi di riscaldamento a pavimento. Il controllo della climatizzazione non è mai stato così semplice.

Riscaldamento efficiente, pavimento radiante

Impianti di riscaldamento - Sistema ideale per riscaldare nelle stagioni fredde e raffrescare in quelle calde, garantendo il comfort termico in ogni periodo dell'anno a costi contenuti.

Tecnologia del riscaldamento a pavimento e suoi vantaggi

Impianti - La scelta di utilizzare il pavimento radiante in sostituzione dei classici termosifoni può aiutare a distribuire meglio i vari ambienti in un appartamento.

La posa dei parquet sui massetti radianti

Pavimenti e rivestimenti - In presenza di riscaldamento a pavimento cosa cambia quando il pavimento è costituito non da materiali convenzionali come ceramiche o marmo ma da parquet in legno?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img cm999
Buonasera,sono nuovo del forum e vorrei chiedervi qualche consiglio.Sto valutando se acquistare una casa in un condominio anni 70 con riscaldamento a pavimento condominiale.Nel...
cm999 24 Maggio 2021 ore 23:57 1
Img fly68
Salve, sto per acquistare una casa già ultimata e con riscaldamento a pavimento.Vorrei spostare un muro divisorio interno allargando una stanza di circa 50 cm: è...
fly68 28 Aprile 2021 ore 12:12 4
Img bedocasa
Salve,mi trovo nella situazione di dover sostituire una caldaia a condensazione in una soluzione abitativa di circa 200 mq disposta su tre piani due dei quali (reparto giorno e...
bedocasa 14 Aprile 2021 ore 09:52 3
Img licius
Salve a tutti,circa 3 anni fa ho acquistato una casa su due piani.Al piano terra, da capitolato, era presente il sistema di riscaldamento a pavimento.Il primo piano l'ho...
licius 12 Aprile 2021 ore 10:26 1
Img phobos90
Ciao a tutti,premetto che sono totalmente inesperto su questo campo.Ho comprato da poco un appartamente degli anni 70 a Milano con riscaldamento a pavimento centralizzato (credo...
phobos90 19 Marzo 2021 ore 08:34 5