Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cessione del credito a un familiare: si può fare?

L'Agenzia delle Entrate ha finalmente confermato la possibilità di cedere il credito di imposta derivante da interventi previsti dai bonus casa anche a familiari
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Cessione del credito a un familiare: il via libera dalle Entrate


Uno degli interrogativi che sono stati più volte riproposti nelle scorse settimane riguarda la possibilità di cedere il credito fiscale di imposta, che origina da interventi previsti da norme agevolative, anche a un familiare.

A seguito dell'entrata in vigore del Decreto Rilancio che, come noto, ha notevolmente ampliato l'ambito oggettivo e soggettivo di applicazione della cessione del credito a quasi tutti i bonus fiscali previsti, il dubbio sulla possibilità di far ricomprendere i soggetti privati e, nello specifico, i familiari fra coloro i quali possono acquisire il beneficio è diventato sempre più pressante.

Cessione credito familiare
Sul punto, prende finalmente posizione l'Agenzia delle Entrate, rispondendo a un quesito pubblicato su Fisco Oggi.

La domanda formulata, pur riguardando nello specifico il bonus ristrutturazioni, deve ritenersi suscettibile di ampia applicazione e, dunque, esteso anche per le generalità dei bonus per i quali è prevista la possibilità di cedere il credito di imposta.


Il dettato normativo ampio consente la cessione del credito al familiare


Vediamo il percorso argomentativo che ha portato l'Agenzia a mettere nero su bianco la possibilità di procedere alla cessione credito in favore di un familiare.

Secondo l'Amministrazione finanziaria, poiché il dettato normativo dell'art. 121 del Decreto Rilancio, non pone limitazioni in ordine ai soggetti che possono acquisire il credito, è possibile fare rientrare nella definizione normativa di altri soggetti, contenuta nel citato articolo, anche il familiare.

Alla luce del nuovo indirizzo interpretativo, è possibile procedere con la cessione del credito anche, a esempio, nei confronti di genitori, non essendo, dunque, necessaria la sussistenza di un collegamento del cessionario con il rapporto/intervento che ha dato origine alla detrazione.

La precedente interpretazione dell'Agenzia delle Entrate in materia di cessione del credito


Lo stesso dubbio si era posto diversi anni indietro, quando il D.L. n. 63/2013, aveva previsto la cessione del credito oltre che ai fornitori e, per gli incapienti, alle banche, anche agli altri soggetti privati.

In concreto, stessa generica formulazione, ma, come vedremo cambia l'orientamento dell'Agenzia.

In quella circostanza, infatti, il dettato normativo faceva riferimento sostanzialmente alla medesima categoria di altri soggetti.

Al riguardo, l'Amministrazione aveva ragionato in modo diametralmente opposto, interpretando in senso restrittivo la definizione di altri soggetti privati, circoscrivendola ai soli soggetti collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione (in tale senso, circolare 18 maggio 2018, n. 11/E, al paragrafo 3 e conformemente, risposta a istanza di interpello dell'Agenzia delle Entrate, 23 luglio 2019, n. 298).


Come fare la cessione credito imposta a un familiare?


Chiarito che si può dunque cedere il credito di imposta a favore di un familiare, vediamo come è possibile farlo a livello pratico.

Seguendo il ragionamento posto alla base dell'Amministrazione finanziaria nella risposta al contribuente, cerchiamo di applicarlo anche per individuare le modalità concrete da seguire per effettuare la cessione del credito a un familiare.

Modalità cessione credito familiare
Non sussistendo specifiche e diverse indicazioni, quantomeno a oggi, la cessione del credito a un familiare dovrebbe essere eseguita nelle medesime modalità con le quali si procedere alla cessione, per esempio, nei confronti di un fornitore.

Vediamo quali sono queste modalità.

Comunicazione della cessione del credito all'Amministrazione finanziaria


Come noto, nelle ipotesi in cui si opti, in luogo della detrazione diretta, per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, questa scelta deve essere sempre comunicata all'Agenzia delle Entrate, mediante apposita comunicazione.

Quest'ultima è reperibile sul sito istituzionale. La comunicazione deve avvenire nel rispetto del termine previsto (per le spese eventualmente sostenute nel 2020 il termine, dopo diverse proroghe, è stato fissato al 15 di aprile).

In tale comunicazione, il cedente personalmente o tramite professionista abilitato o CAF, oltre all'indicazione della tipologia di intervento eseguito, deve esporre gli estremi e gli elementi identificativi del soggetto (in particolare, codice fiscale) a cui si intende cedere il credito di imposta.

A sua volta, il cessionario (ovverosia il contribuente terzo anche familiare che riceve il credito di imposta) può avere contezza dell'avvenuta operazione di cessione, accedendo al cassetto fiscale, dove sono indicati gli estremi del credito acquistato.
Successivamente, può accettarlo o anche rifiutarlo.

Visto di conformità nella cessione del credito


Per completezza è importante precisare che, nel caso in cui i crediti derivino da interventi previsti dal Superbonus 110%, la comunicazione all'Agenzie delle Entrate può essere trasmessa solo dai professionisti abilitati, poiché è necessaria l'apposizione del visto di conformità.

Per tutti gli altri bonus ordinari diversi dal Superbonus, non occorre il citato visto di conformità e, pertanto, il cedente può presentare anche personalmente tale informativa all'Agenzia.

Visto conformità cessione credito
Una volta accettati i crediti, questi sono visibili nel cassetto fiscale e utilizzabili in compensazione dalle imposte sui redditi, tramite Modello F24.

In alternativa alla compensazione, per il tramite della medesima piattaforma messa a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, i crediti ricevuti possono essere ulteriormente ceduti.


Contratto di cessione del credito


Oltre ai descritti passaggi salienti della procedura di cessione del credito di imposta, potrebbe in ogni caso essere utile e opportuno regolare tale operazione.

Ad esempio, predisponendo un apposito contratto di cessione del credito, normato civilisticamente dall'art. 1260 c.c., analogamente a come si procederebbe qualora si scegliesse di vendere il credito a un intermediario finanziario e, dunque, con una ordinaria cessione del credito banca.




Si ritiene vantaggioso per entrambe le parti procedere, in via cautelativa, alla conclusione di una scrittura privata con la quale regolare la gestione dell'operazione di cessione del credito di imposta.

riproduzione riservata
Articolo: Cessione del credito a un familiare
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Cessione del credito a un familiare: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Luigirufolo
    Luigirufolo
    6 giorni fa
    Quindi da quello che leggo non si può cedere il credito di imposta ad un familiare con reddito fisso che potrebbe recuperarlo tramite 730?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
338.862 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Cessione del credito a un familiare che potrebbero interessarti


Bonus edilizi: ecco i Codici tributo da indicare nel modello F24

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate ha comunicato l'elenco dei codici tributo da indicare nell'F24 in caso di cessione del credito o sconto in fattura post 17 febbraio 2022

Superbonus 110: ok alla quarta cessione del credito dal 1 Maggio

Leggi e Normative Tecniche - Dal 1 Maggio le banche potranno effettuare la quarta cessione del credito relativa al Superbonus 110 a favore dei propri correntisti. Vietata la cessione parziale

Stop a cessione del credito nel 2022: previsto solo per Superbonus 110

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dopo l'esclusione dello sconto in fattura e della cessione del credito dalla Legge di Bilancio 2022 è stata richiesta la proroga di questi due strumenti al 2024

Superbonus: il Decreto Aiuti semplifica la cessione del credito

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Decreto Aiuti ha facilitato la cessione di credito per il Superbonus. Le banche potranno infatti cedere il credito a non retail, alias a soggetti qualificati

Cessione del credito e fondi bloccati: cosa succede se la banca non paga?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sulla piattaforma delle cessioni dei crediti edilizi risultano oltre 5 miliardi di euro non ancora accettati dai cessionari. A chi tocca rispondere in questo caso?

Cessione del credito: come sapere se è stata accettata oppure no?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Decreto antifrode ha introdotto controlli preventivi per la cessione del credito. Ecco come verificare se l'operazione di cessione del credito è andata a buon fine

Sconto in fattura e cessione del credito previsto nuovo modello online

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate ha previsto un nuovo modello online per comunicare la scelta di una delle due opzioni dello sconto in fattura o della cessione del credito

Superbonus 110% e cessione del credito: possibili 3 cessioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A seguito delle proteste, il Governo ha disposto un correttivo sull'obbligo di una sola cessione del credito, inserendo alcune modifiche nel decreto Milleproroghe

Superbonus 110%: proroga al 31 marzo del termine per comunicare la cessione del credito o lo sconto in fattura

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Slitta al 31 marzo il termine per poter inviare all'Agenzia delle Entrate il modulo con il quale optare per la cessione del credito in caso di Superbonus 110%
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img xcloudx
Buongiorno,Vorrei usufruire della cessione del credito tramite banca per le spese sostenute nel 2022 sulla costruzione di box pertinenziale auto della mia abitazione.Per la...
xcloudx 09 Maggio 2022 ore 12:03 4
Img monami
Salve,ho utilizzato il bonus facciate pertanto ho pagato le fatture e ho asseverazione prezzi.Posso recarmi presso Poste a fare cessione oppure prima devo farmi fare certificato...
monami 18 Gennaio 2022 ore 14:03 1
Img stefanorenzetti
Salve,sto effettuando lavori di ristrutturazione (detrazione 50%), iniziate, pagate e finite entro aprile 2021.Per poter vedere il credito d'imposta a Poste Italiane (ricevendo...
stefanorenzetti 13 Marzo 2021 ore 17:59 1
Img luisolp
Salve, il condominio in cui abito dovrebbe effettuare dei lavori di coibentazione sfruttando il superbonus 110 e cedendo il credito ad una Esco. Contemporaneamente io vorrei...
luisolp 28 Febbraio 2021 ore 11:12 3
Img albemai20
Buongiorno,spero qualcuno possa aiutarmi.Io ho aperto pratica di ristrutturazione per lavori di efficientamento energetico sulla mia abitazione. Mi segue uno studio che ha...
albemai20 29 Gennaio 2021 ore 15:27 1