Cosa si intende per Catasto?

NEWS DI Catasto15 Luglio 2014 ore 12:11
Per Catasto si intende l'insieme degli atti che identificano le proprietà immobiliari con le loro caratteristiche e l'individuazione della proprietà a cui appartengono.

Che cos'è il Catasto?


Per Catasto si intende l'insieme degli atti che identificano le proprietà immobiliari attraverso le loro caratteristiche e l'individuazione della proprietà a cui appartengono.

Nel nostro glossario tecnico definiamo il catasto come l'inventario di tutti i beni immobili, terreni e fabbricati esistenti, adatto a facilitare l'individuazione con la conseguente disponibilità degli immobili e a definire il contenzioso tributario fra i proprietari di immobili e lo Stato.

planimetria catastoSi tratta della definizione comunemente accettata e desumibile dai testi di legge attualmente vigenti che si occupano di disciplinare la materia.

Attualmente le principali norme cui fare riferimento sono:

-il R.D. (regio decreto) n. 1572/31 (Testo unico delle leggi sul nuovo catasto);
-il R.D. n. 2153/38 (Regolamento per la conservazione del nuovo catasto terreni );
-R.D.L. (regio decreto legge) n. 652/39 convertito il legge n. 1249/39 (Accertamento generale dei fabbricati urbani, rivalutazione del relativo reddito e formazione del nuovo catasto edilizio urbano).

A queste norme bisogna aggiungere tutta una serie di atti normativi (tra i più importanti si ricorda il D.P.R. n. 650/72 ed il più recente D.P.R. n. 138/98 di riordino della mataria) che hanno modificato i testi appena citati.

La funzione del catasto è quella di censire tutte le proprietà immobiliari presenti sul territorio italiano.

Recita l'art. 1 del R.D. n. 1572/31:
Sarà provveduto, a cura dello Stato, in tutto il regno, alla formazione di un catasto geometrico particellare uniforme fondato sulla misura e sulla stima, allo scopo:
1° di accertare le proprietà immobili, e tenerne in evidenza le mutazioni;
2° di perequare l'imposta fondiaria.


Gli atti del catasto sono divisi per Comune censuario. Questo corrisponde, in genere, al Comune amministrativo, anche se alcuni comuni sono divisi in più Comuni censuari.

catasto terreniIl catasto si divide in Nuovo Catasto Terreni (N.C.T.) e Nuovo Catasto Edilizio Urbano (N.C.E.U.), a seconda che censisca terreni o fabbricati urbani.

L'obbligo dell'accatastamento nasce da una duplice esigenza. Dal punto di vista urbanistico rappresenta una catalogazione grazie alla quale è possibile conoscere l'immobile in caso di trasferimento. Dal punto di vista fiscale, serve a conoscere la rendita, cioè il reddito annuo ricavabile da cui si ottiene il valore del fabbricato, sulla base della quale vengono calcolate le imposte.

In pratica, a fianco alla finalità puramente censuaria ve n'è una più propriamente fiscale che mira ad assegnare una rendita (così detta catastale) ad ogni singolo immobile al fine di calcolare la esazione tributaria.


Quando è necessario accatastare?


Vale la pena a questo punto – tenendo a mente che, tanto quando di parla di terreni, tanto quando si fa riferimento agli edifici, la funzione del catasto è sostanzialmente analoga – capire cosa debba fare il titolare (sia esso proprietario, usufruttuario , ecc.) di un diritto reale su un bene immobile per essere in regola in relazione alla disciplina catastale.

Per praticità, dunque, faremo riferimento agli adempimenti cui è tenuto il proprietario di un edificio (sia esso unifamiliare o un'unità immobiliare sita in un condominio).

Bisogna procedere all'accatastamento in ognuno dei seguenti casi:
- nuova costruzione;
- ampliamento di edificio esistente;
- variazione del numero di unità immobiliari;
- frazionamento di unità immobiliare;
- cambiamento di destinazione d'uso;
- ristrutturazione che comporti modifica di categoria o rendita.

accatastamento nuova costruzioneSe si tratta di edificio di nuova costruzione, il costruttore sarà tenuto a darne comunicazione agli uffici competenti (ossia agli uffici provinciali dell'ex Agenzia del Territorio, la quale altro non è che un'articolazione del Ministero delle finanze) al fine di consentire l'inserimento dell'immobile tra quelli censiti e di permettere la sua valutazione ai fini del calcolo della rendita catastale.

Quando si costruisce un nuovo edificio le pratiche da presentare investono prima di tutto il Catasto Terreni.
Se il fabbricato, infatti, interesserà solo una parte del terreno originario, che dovrà essere frazionato in più particelle, allora sarà necessario presentare un tipo di frazionamento.

Il tipo mappale va invece presentato indipendentemente dalla presenza di un frazionamento, ogni volta che ci sono cambiamenti conseguenti l'edificazione urbana.

Entrambe queste denunce richiedono la conoscenza dei punti fiduciali: si tratta di coordinate analitiche note o coordinate cartografiche di riferimento, che servono per il calcolo delle altre coordinate. Per individuarli bisogna effettuare un rilievo topografico di precisione, che richiede l'utilizzo di strumenti come il tacheometro, o la stazione totale dotata di distanziometro elettro-ottico.

Contestualmente alla presentazione del tipo mappale, va effettuata la denuncia al Nuovo Catasto Edilizio Urbano procedendo alla suddivisione dell'edificio in subalterni, che individuano ogni singola unità immobiliare o pertinenza.

docfaPer effettuare un accatastamento il tecnico abilitato (architetto, ingegnere o geometra) dovrà seguire quattro fasi:
1) identificazione catastale e toponomastica;
2) calcolo della consistenza, che viene misurata in vani per gli immobili civili e in metri quadrati per quelli commerciali;
3) attribuzione della categoria;
4) attribuzione della classe.Questo lavoro viene elaborato mediante l'impiego del software Docfa, predisposto dall'Agenzia del Territorio in base alla Nuova Normativa Catastale.

Una volta censita, ogni unità immobiliare sarà identificata dai seguenti elementi:
- il Comune di appartenenza;
- il foglio di mappa;
- il numero di mappale;
- il subalterno;
- il numero di partita catastale;
- la consistenza;
- la ditta intestataria;
- la rendita catastale.

Gli immobili sono divisi in categorie, in base alla destinazione. Quelli di tipo residenziale sono identificati dalla lettera A.

Nel caso di trasferimento di diritti reali su beni immobili (si pensi alla compravendita di un appartamento, o alla costituzione dell'usufrutto) i soggetti interessati dovranno darne comunicazione all'Agenzia del Territorio competente. Questa operazione prende il nome di voltura.


Come accedere ai dati catastali


L'accesso al contenuto dei dati catastali è libero, sicché qualunque persona può recarsi presso gli uffici competenti per ottenere un controllo dei dati relativi ad un immobile (c.d. visura catastale).

Essa può essere fatta in due modi:
a) nominalmente, ossia chiedendo l'elenco degli immobili che risultano essere nella disponibilità di un soggetto (es. si può chiedere di avere una visura su Tizio);
b) per immobile, cioè domandando in relazione ad singolo immobile (in tal caso è necessario essere in possesso dei dati catastali, ossia foglio, particella, subalterno ecc.).

La visura si base sulla mappatura del territorio dalla quale è possibile risalire ai dati castali del singolo immobile.

Ogni mappa catastale, che solitamente ha estensione comunale, si divide per sezioni, fogli e particelle e sublaterni.

Queste ultime, o i subalterni nel caso di particelle divise in più unità immobiliari, permettono d'individuare, nell'ambito del foglio di riferimento (vale a dire delle zona di città presa in esame), con precisione il bene immobile del quale si chiedono informazioni.

È necessaria, ai fini di comprendere compiutamente l'effettivo valore legale della visura catastale,una precisazione.

La visura catastale non è probante.
Che cosa significa ciò?

Vuol dire che per avere certezza che un dato immobile sia effettivamente di proprietà di una determinata persona, è necessario effettuare una visura presso l'ufficio della Conservatoria dei registri immobiliari.

In sostanza, a parte il valore ai fini tributari, chi volesse avere certezza della proprietà di un edificio o di un'unità immobiliare può prendere spunto dalla visura catastale per poi avere conferma di quanto in essa riportato attraverso una visura presso la Conservatoria.

riproduzione riservata
Articolo: Catasto: che cos'è?
Valutazione: 5.13 / 6 basato su 16 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Catasto: che cos'è?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gil86
    Gil86
    Martedì 15 Luglio 2014, alle ore 16:03
    Un articolo davvero interessante che finalmente spiega in modo chiaro cosa si deve richieder e come si deve procedere quando si vuole individuare un immobile.. o una qualsiasi proprietà...
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Catasto: che cos'è? che potrebbero interessarti
Nuovo iter per il Catasto

Nuovo iter per il Catasto

Avviata una fase sperimentale per la nuova procedura di iscrizione in Catasto di immobili di nuova costruzione.
Proroga sanatoria catastale

Proroga sanatoria catastale

Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.
Effettuare volture catastali online

Effettuare volture catastali online

La voltura catastale è necessaria in quanto consente di aggiornare i dati relativi a chi possiede diritti sugli immobili iscritti al catasto e in caso di successione.
Commissioni censuarie catastali

Commissioni censuarie catastali

Il CdM ha varato la bozza del primo decreto attuativo della Riforma del Catasto, riguardante le commissioni censuarie, che dovranno stimare le nuove rendite catastali.
Visure catastali alle Poste

Visure catastali alle Poste

Oggi è possibile richiedere le visure catastali presso gli uffici postali, per ottenere un certificato catastale sarà sufficiente fornire il proprio codice fiscale o i dati identificativi dell?immobile.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.318 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione villa
    Ristrutturazione villa...
    89.00
  • Ristrutturazione bagno Caserta e dintorni
    Ristrutturazione bagno caserta e...
    6500.00
  • Ristrutturazione appartamento 80 mq Caserta
    Ristrutturazione appartamento 80...
    700.00
  • Ristrutturazione appartamento Caserta e dintorni
    Ristrutturazione appartamento...
    400.00
  • Samsung climatizzatore inverter dual split 9000+12000 btu
    Samsung climatizzatore inverter...
    1389.00
  • Cancelletti di sicurezza estensibili
    Cancelletti di sicurezza...
    176.00
  • Ristrutturazione capannoni Milano e dintorni
    Ristrutturazione capannoni milano...
    299.00
  • Lucernai pedonabili
    Lucernai pedonabili...
    330.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.