Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.
22 Aprile 2016 ore 13:24 - NEWS Regolamento condominiale

Regolamento di condominioÈ usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita:
È vietata la detenzione di animali domestici.

Non c'è che dire: un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

Ciò che spesso ci si chiede è se questa clausola sia sempre valida o se, invece, alle volte possa considerarsi inefficace.


Al riguardo, inserendosi nell'alveo del proprio consolidato orientamento, la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3705 del 15 febbraio 2011, ha ribadito che una simile limitazione è valida solamente allorquando la stessa sia contenuta in un regolamento condominiale d'orgine contrattuale.

Al fine d'inquadrare al meglio la vicenda è utile rammentare che solitamente si distinguono due tipologie di statuto del condominio;

a) il regolamento assembleare, ossia quello votato con le maggioranze prescritte dall'art. 1138 c.c. il cui contenuto deve essere limitato alle prescrizioni contenute nel primo comma dell'articolo testé citato;

b) il regolamento contrattuale che è quello adottato con il consenso di tutti i condomini (sul punto è indifferente se siano stati essi stessi a predisporlo o magari sia stato redatto dall'originario unico proprietario dell'edificio).


Solamente quest'ultimo tipo di regolamento può contenere norme che limitano il diritto d'uso delle unità immobiliari di proprietà esclusiva e delle parti comuni.

La ragione è molto semplice: salvo eccezionali casi previsti dalla legge, il diritto di proprietà può essere compresso solamente con l'esplicito consenso del suo titolare.

Per il possesso di animali (e più nello specifico di animali domestici) non si fa eccezione a questa regola.

Nel caso trattato dalla sentenza citata in principio il divieto di detenzione era contenuto in un regolamento di origine assembleare.Regolamento di Condominio

Secondo la Suprema Corte, che si ribadisce anche in quest'occasione s'è uniformata al proprio consolidato orientamento, si trattava di una disposizione illegittima in quanto le clausole del regolamento condominiale che impongono limitazioni ai poteri e alle facoltà spettanti ai condomini sulle parti di loro esclusiva proprietà incidono sui diritti dei condomini, venendo a costituire su queste ultime una servitù reciproca (Cass. 13164/2001); ne consegue che tali disposizioni hanno natura contrattuale, in quanto vanno approvate e possono essere modificate con il consenso unanime dei comproprietari, dovendo necessariamente rinvenirsi nella volontà dei singoli la fonte giustificatrice di atti dispositivi incidenti nella loro sfera giuridica: certamente, tali disposizioni esorbitano dalle attribuzioni dell'assemblea, alla quale è conferito il potere regolamentare di gestione della cosa comune, provvedendo a disciplinarne l'uso e il godimento.
Ciò posto, il divieto di tenere negli appartamenti i comuni animali domestici non può essere contenuto negli ordinari regolamenti condominiali, approvati dalla maggioranza dei partecipanti, non potendo detti regolamenti importare limitazioni delle facoltà comprese nel diritto di proprietà dei condomini sulle porzioni del fabbricato appartenenti ad essi individualmente in esclusiva (così Cass. 15 febbraio 2011 n. 3705).

riproduzione riservata
Articolo: Cassazione, regolamento di condominio e animali
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Cassazione, regolamento di condominio e animali: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.056 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Cassazione, regolamento di condominio e animali che potrebbero interessarti


Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento

Regolamento condominiale - Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto? Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?

Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Assemblea di condominio - Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?

La trascrizione del regolamento condominiale

Regolamento condominiale - La trascrizione è un atto di pubblicità giuridica che può riguardare anche il regolamento condominiale.Che cosa accade se non si effettua?

Cosa si intende per condominio pet friendly?

Regolamento condominiale - Il regolamento di condominio pet friendly è quello favorevole agli animali domestici. Possono dunque esistere anche regolamenti non pet friendly? Lo vediamo qui

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img simonecet
Salve, scusate ho fatto un errore nel titolo ma non mi lascia correggerlo ora..una mia amica ha appena acquistato un appartamento in un condominio, e con sua delusione ha scoperto...
simonecet 13 Marzo 2019 ore 17:16 8
Img feliceroma
Buon giorno a tutti, vorrei porvi un problema: il regolamento di condominio contrattuale può essere modificato a maggioranza?...
feliceroma 06 Agosto 2017 ore 14:43 1
Img tiziana86
Buongiorno, Vorrei acquistare una casa da ristrutturare, e vorrei capire bene cosa posso modificare in merito agli infissi.La casa è libera su tre lati, sul retro e sul...
tiziana86 20 Gennaio 2017 ore 08:45 1
Img didy
Buongiorno,sono proprietario di una seconda casa situata in un complesso condominiale formato da tre edifici che si affacciano sulla piscina condominiale.La piscina ha quattro...
didy 29 Luglio 2015 ore 17:42 1
Img mariaditomaso
Posseggo un appartamento al mare in un condominio formato da più corpi di fabbrica a schiera di numero di piani differenti (da 1 a 6).La coperture sono di vario tipo: in...
mariaditomaso 17 Febbraio 2014 ore 14:37 1