Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

L'arredamento di casa diventa vegano

NEWS Biancheria e cuscini18 Settembre 2019 ore 11:42
Dai complementi di arredo agli elementi tessili, dalle vernici ai detergenti per la pulizia domestica: idee e suggerimenti per vivere in una casa vegan friendly

Vivere in una casa vegana


Abbracciare uno stile di vita vegano è una scelta che interessa un numero crescente di persone. Dall’alimentazione all’abbigliamento, passando per i viaggi è possibile limitare lo sfruttamento animale e ambientale in ogni ambito, persino tra le mura di casa. In che modo?


L'arredamento diventa vegano theinterioreditor.com

L'arredamento diventa vegano theinterioreditor.com

L'arredamento diventa vegano theinterioreditor.com
Piumoni in fibra di eucalipto

Piumoni in fibra di eucalipto

Piumoni in fibra di eucalipto
Anche le sedute sono vegane

Anche le sedute sono vegane

Anche le sedute sono vegane
Elementi tessili vegani

Elementi tessili vegani

Elementi tessili vegani
Il Palo Santo per profumare la casa

Il Palo Santo per profumare la casa

Il Palo Santo per profumare la casa
Incensi sciamanici per una casa vegana

Incensi sciamanici per una casa vegana

Incensi sciamanici per una casa vegana
Detergenti eco per la pulizia domestica

Detergenti eco per la pulizia domestica

Detergenti eco per la pulizia domestica

Dai complementi di arredo a quelli tessili, dalle vernici ai detergenti per la pulizia domestica: basta arredare la propria abitazione scegliendo elementi e accessori vegan friendly.

Ecco, di seguito, alcune idee.


Casa vegana: attenti a vernici e pitture


Informarsi e imparare a leggere attentamente le etichette di ogni prodotto è il primo accorgimento da seguire per rendere gli ambienti vegani, a partire dalle pareti di casa .

Nelle pitture e nelle vernici che usiamo per tinteggiare muri e mobili, spesso, si nascondono ingredienti di origine animale contenenti la caseina, una proteina del latte utilizzata come adesivo e fissativo del colore. Come ovviare al problema? Possiamo optare per pitture vegan friendly che, oltre ad essere fatte con ingredienti vegetali, risultano meno nocive per la salute dell’ambiente e dell’uomo.

Via libera, quindi, a prodotti a base di argilla oppure oli vegetali come l’olio di arancio o di Aleurites che si ricava dalla spremitura dei semi di un albero cinese.
Attenzione anche agli impregnanti, tra questi sono consigliati gli olii di lino cotto, lavanda e girasole.

Artimestieri propone Vegancolor
Artimestieri, ad esempio, propone Vegancolor, una pittura murale composta da materie prime minerali e vegetali, con l’esclusione di petrolderivati e componenti animali.
È adatta alla decorazione delle pareti interne su tutti i tipi di intonaci vecchi o nuovi, su muri già pitturati e pannelli di cartongesso.

La confezione da 3,5 litri, perfetta per tinteggiare circa 40 mq, costa 31,89 euro.


Sì ai mobili vegan friendly


Dalla zona living alla camera da letto, dalla cucina al bagno: decidere di vivere in una casa vegana significa scegliere mobili e complementi d’arredo lavorati con materiali di origine vegetale. Le soluzioni sono davvero tante.

Non sono poche, infatti, le aziende e i designer che si concentrano su particolari metodi di lavorazione come i divani creati a partire dagli scarti di lavorazione delle mele.
Il merito di questa innovazione va a Cassina che in collaborazione con Philippe Starck, ha dato vita alla collezione Croquer La Pomme.

Il designer francese ha reinventato alcuni degli storici complementi d’arredo dell’azienda italiana, donandogli forme e colori nuovi e sostituendo la pelle animale con un materiale 100% vegetale. La serie si compone di sedici pezzi originali ed è disponibile per l’acquisto in edizione limitata.

La collezione Croquer La Pomme di Cassina
Non solo mele: altri materiali vegetali vengono oggi lavorati da varie aziende per ideare alternative sempre più performanti. Tra questi, c’è il Piñatex, un materiale paragonabile al cuoio per resa e aspetto, fatto dalle foglie di ananas.

Chi ama divani e poltrone di pelle, piume, lana e seta può rivestirli con prodotti sintetici che hanno un aspetto simile; uno di questi è l’alcantara, materiale ecofriendly, 100% carbon neutral, ovvero a emissioni zero.

Siete tra gli estimatori dei mobili di legno?
L’importante è che questo sia prodotto in foreste gestite responsabilmente e che possegga le certificazioni FSC (Forest Stewardship Council) e PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification).
Il legno riciclato, ad esempio, può essere il protagonista dei pavimenti di casa; in alternativa, è possibile optare per il sughero o la moquette, se realizzata in fibre vegetali.

Il legno di faggio a doghe, con giunti di caucciù, invece, rappresenta la scelta ideale per dare forma a un letto vegano. Materiali vegan friendly anche per quanto riguarda il materasso.
Le soluzioni di lattice naturale o nella versione lattice naturale misto a fibre di cocco, foderate con cotone o derivati dalla soia e dalle alghe, assicurano il massimo del comfort.

Casa vegana: materasso di lattice ortopedico Marcapiuma
Marcapiuma
presenta il materasso ortopedico di lattice, con rivestimento di aloe vera, per un riposo naturale e rigenerante. Il modello singolo si trova a partire da 225,99 euro.


Eleganza e comfort con i tessuti vegani


Non solo mobili: se desiderate vivere in una casa che rispetta gli animali e l’ambiente, è importante prestare attenzione alle imbottiture e ai tessili di ogni ambiente domestico.

No, quindi, a coperte di lana o seta; queste possono essere sostituite con accessori sintetici o creati con il bambù, una fibra vegetale dalle innumerevoli proprietà e applicazioni.

Via libera poi ai piumoni in fibra di eucalipto; si tratta di un materiale simile al bambù ma vanta un ciclo di lavorazione più ecologico e sostenibile. Fresco d’estate e caldo d’inverno, risulta particolarmente confortevole e pratico: si asciuga rapidamente e non si stropiccia.

Breeze, il piumone lanciato da Buffy ne è la prova. Realizzato sia all’esterno che nell’imbottitura da fibre e foglie di eucalipto, risulta completamente biodegradabile e traspirante; è studiato per regolare la temperatura corporea, così da garantire un sonno confortevole in ogni stagione.

Breeze, il piumone lanciato da Buffy
Al momento l’azienda vende esclusivamente negli Stati Uniti ma non è escluso possa arrivare presto anche in tutta Europa. Il prezzo di ogni prodotto è di 210 dollari; tuttavia, è possibile provarlo gratuitamente per un breve periodo di tempo prima di decidere se comprarlo o meno.

Consigliata anche la biancheria da letto di Lyocell o Tencel, una fibra sintetica fatta con materiali biodegradabili.

I cuscini, invece, necessitano di imbottiture prive di piume d’oca.
In commercio, esistono modelli contenenti fiocchi di polpa di bambù o imbottiti con fiori di lavanda, farro e grano saraceno, elementi naturali che aiutano a distendere al meglio i muscoli durante il riposo notturno.

La scelta vegan interessa pure il tessile per il bagno. Spazio ad asciugamani e accappatoi di lino e cotone biologico. Ne è un esempio la collezione Naturae di Gabel 1957 di cotone grezzo non candeggiato, né sovratinto.

Gli asciugamani della linea Naturae di Gabel 1957
Il set formato da un asciugamano più grande e uno ospite costa 24 euro.

Materiali vegan friendly riguardano persino tende e tappeti . Cotone, bambù, juta: le soluzioni sono davvero tante. Che ne dite del tappeto per il bagno di Grund?
Realizzato con filato di cotone organico, garantisce morbidezza e durata.

Il tappeto per il bagno di Grund
È disponibile in differenti misure e colori a partire da 40,95 euro.


Accessori vegani in ogni stanza


Il design vegano è attento ai dettagli e agli accessori, perfetti per arredare con gusto e cura ogni ambiente domestico. Il cuscino di Jessica Russell Flint, privo di piume d’oca, renderà preziosi il divano o il letto di casa. Imbottito con microfibra anallergica e decorato a mano con fantasia di ispirazione messicana, si può acquistare a partire da 28 sterline.
Ispirazione messicana per il cuscino Jessica Russell FlintSi respira aria d’Oriente, invece, con le ceste della linea Exotico di Andrea Fontebasso 1760. La loro poliedrica funzione le rende accessori decorativi e utili contenitori sia per l’indoor che l’outdoor.

La linea Exotico di Andrea Fontebasso 1760
Grande versatilità e praticità pure per i cestini Vintage Indigo di Lola & Mawu
Fatti con paglia non trattata ma colorata naturalmente con un processo di trasferimento del colore da petali e foglie, possono essere utilizzati sia come porta oggetti che porta vasi.

I cestini Vintage Indigo di Lola & Mawu
È possibile comprarli a 42 sterline, contribuendo ad aiutare le donne delle cooperative del Ghana che li intrecciano a mano.

Il design vegano impreziosisce la cucina con il set di barattoli bianchi Bioku di Ekobo. Realizzati in bambù biodegradabile e coperchio di sughero, si trovano su Yellowa al costo di 14 euro ciascuno.
I barattoli bianchi Bioku di EkoboEleganza minimal e sostenibile per Vege-Table, i taglieri da cucina di Seletti che come sottolinea il nome, riprendono le forme di ortaggi e vegetali.

Vege-Table, il tagliere da cucina di Seletti
A caratterizzarli, il legno grezzo di betulla e il bordo colorato, ottenuto con colori atossici e anallergici. Quello a forma di peperone si può avere a 50 euro.


Profumare la casa in maniera naturale


Uno degli accorgimenti per rendere la propria abitazione più accogliente è quello di tenerla in ordine, pulita e profumata. In che modo?
Anche in questo caso, bisogna optare per idee vegan friendly come le candele, capaci di ricreare una suggestiva atmosfera olfattiva e visiva con poco.

Al bando, però, le classiche soluzioni a base di cera d’api o ottenute con il sego, grasso di equini, ovini e bovini; in commercio, infatti, esistono alternative vegane come le candele di soia o di stearina, un insieme di grassi vegetali ricavati dalla palma.
Su Etsy, ci sono differenti profumazioni.

Candele di soia per la casa vegana

Non solo candele, però: sono tanti i metodi green, amici degli animali e dell’ambiente, che consentono di profumare in maniera del tutto naturale. Uno di questi è il Palo Santo, un incenso naturale il cui aroma ricorda quello dell’anice e della menta, arricchito da note agrumate.

Basta bruciarne per qualche secondo un’estremità; una volta spento, gli spazi saranno pervasi da una piacevole fragranza. Oltre a coprire gli odori sgradevoli di fumo o dei cibi cotti, il Palo Santo tiene lontani gli insetti, soprattutto le zanzare; inoltre, la sua fragranza è considerata rilassante e distensiva, ecco perché il suo impiego è consigliato dopo una lunga e stancante giornata di lavoro. Si può acquistare facilmente online.

Palo Santo
Un altro esempio è dato dagli smudge stick; noti come incensi sciamanici, sono un insieme di erbe aromatiche essiccate, unite fra loro in fascette, che vengono incendiate all’estremità come un normale incenso. Tra le erbe più utilizzate la lavanda, il rosmarino, la salvia, il pino e il cedro.

Gli stick possono essere comprati in rete o fatti in casa, coltivando e raccogliendo le erbe aromatiche che si preferiscono, facendole essiccare a testa in giù per qualche giorno, già legate con dello spago naturale come la canapa o il lino.

Gli smudge stick
Tra gli altri metodi green per profumare la casa, c’è il pot-pourri, i chicchi di caffè, i batuffoli impregnati di oli essenziali o le piante in vaso, da distribuire in vari angoli domestici.

Che ne dite, poi, di realizzare un deodorante spray fai da te?
È sufficiente dare vita a una soluzione a base di acqua, bicarbonato, succo di limone e una decina di gocce di olio essenziale a proprio piacimento, inserirla all’interno di uno spruzzino e spruzzarlo su tende, tappeti e divani per amplificarne l’effetto profumante.


Filosofia vegana pure per le pulizie di casa


Sposare una filosofia di vita vegana significa prendersi cura della propria abitazione, puntando su detersivi ecologici e biodegradabili.

Un esempio? Tra i prodotti presenti in commercio, bisogna scegliere quelli certificati Ecobiocontrol o gli Ecolabel; in alternativa, è possibile cimentarsi nel fai da te.

Basta un buon detersivo per i piatti e della cenere del camino per avere uno sgrassatore perfetto ed ecologico; lo stesso possiamo fare usando il carbonato di sodio o soda solvay, una sostanza alcalina che disgrega i grassi.

È sufficiente, infine, ricorrere a una soluzione di acido citrico e acqua per ottenere un prodotto per la pulizia domestica che può essere impiegato in diversi modi, ancor più se aggiungiamo un po’ di detersivo per i piatti o del balsamo per capelli. Provare per credere.

riproduzione riservata
Articolo: Casa vegana: come scegliere l'arredamento
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 3 voti.

Casa vegana: come scegliere l'arredamento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
307.895 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Kone
  • Weber
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Progetto d'arredamento per ristrutturazione
    Progetto d'arredamento per...
    150.00
  • Grande arazzo francese raffigurante battaglia di re
    Grande arazzo francese...
    1950.00
  • Trumeau antico
    Trumeau antico...
    5625.00
  • Specchiera francese laccata e dipinta a cineseria
    Specchiera francese laccata e...
    1400.00
  • Amazon Echo altoparlante intelligente
    Amazon echo altoparlante...
    29.99
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    13.18
Notizie che trattano Casa vegana: come scegliere l'arredamento che potrebbero interessarti


Fiere del settore Casa

Arredamento - Quello che ci apprestiamo a trascorrere sarà un week-end all?insegna degli appuntamenti fieristici dedicati al mondo della casa.Dal centro al nord Italia

Foglia oro

Arredamento - La foglia oro e' una lavorazione molto elegante che viene utilizzata per decorare pareti, mobili e oggetti d'arredamento.

Arredare con uno sguardo al passato

Arredamento - La nuova collezione di complementi d'arredo ideata da SPEEDY Italia, sposa il design più innovativo per creare un arredo elegante e sofisticato.

Novità da Amazon: due brand di arredamento in Italia

Complementi d'arredo - Amazon, colosso nell'e-commerce, lancia nuovi brand nel mondo dell'arredamento: sul mercato italiano ci saranno Movian e Alkove. Scatta la competizione con Ikea

Fiera del Levante 2007

Arredamento - Dall'8 al 16 Settembre si svolgeranno, nell'ambito della Fiera del Levante di Bari, due importanti appuntamenti fieristici, aventi cadenza annuale, riguardanti la casa.

Fiera del Levante 2009

Arredamento - Dal 13 al 21 settembre si svolgeranno a Bari, nell?ambito della Fiera del Levante, le edizioni 2009 del Salone dell?Arredamento e della Fiera Edil

A Pavia ritorna Home 2019, l'evento fieristico dedicato alla casa

Complementi d'arredo - Home Pavia 2019 è la mostra che mette al centro la casa con nuove idee per arredare la propria abitazione, secondo gli stili e le tendenze più in voga del momento

Design Contest

Arredamento - È un bel gioco, quello del designer. Pensare un progetto, creare un oggetto, vederlo prodotto e commercializzato dalle grandi firme dell?arredamento

Il legno usato nell'arredamento

Arredamento - Il recupero della tradizione nell'utilizzo del legno antico per lo più dalle vecchie baite di montagna