Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Il legno strutturale escluso dal decreto contro il caro materiali?

Nel decreto contro il caro materiali del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili sarà escluso dalla lista dei prodotti il legno strutturale?
- Detrazioni e agevolazioni fiscali
Barra Preventivi Online

Il decreto contro il caro materiali esclude il legno strutturale?


Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili contro il caro materiali sembra non considerare il legno strutturale.

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, a seguito dei danni prodotti dal caro materiali, ha predisposto un apposito decreto. Il provvedimento, che regolerà la lista dei prodotti oggetto di compensazione in materia di caro materiali, all'interno dei bandi pubblici, sembra non considerare il legno. Per il comparto industriale legato al settore dell'edilizia in legno, sono stati stimati 140 cantieri, 60 milioni di perdite ed esuberi sino a 1.800 unità.

La conseguenza che potrebbe prodursi, se non fosse trovata quanto prima una soluzione, inquadrando con chiarezza la situazione del legname da costruzione, all'interno del decreto, potrebbe essere quella di innescare un pericoloso effetto domino su tutto il settore delle costruzioni.

Decreto Caro materiali, il legno non è incluso
Il presidente di Assolegno di FederlegnoArredo, Luigi Marchetti, ha spiegato che le perdite potrebbero essere ancora più ampie, dal momento che la situazione riguarderà tutte le opere in cui si prevede l'utilizzo del materiale legno, come per esempio nella realizzazione di una copertura.

Difatti, anche in quest'ipotesi, secondo Luigi Marchetti, la compagine appaltante avrà delle difficoltà di accesso al fondo di compensazione, previsto dal Governo e, considerato che nel 2021 il legno da costruzione ha subito aumenti tra il 180% e 230%, sono previste conseguenze negative sia per la filiera che per la collettività, in termini di servizi e di infrastrutture non completate.

In conclusione, considerando l'attuale momento storico, in cui la sostenibilità è l'obiettivo primario dell'Europa e perno delle politiche del governo nazionale, è impensabile che venga scarsamente considerato il legno strutturale quale materiale sostenibile per eccellenza.
Materiale che più di ogni altro prodotto è in grado di aiutare il settore edile nel processo di transizione ecologica, portando a considerare il comparto delle costruzioni non più fonte di emissione di CO2, ma possibile bacino di stoccaggio della stessa.

riproduzione riservata
Caro materiali, il legno escluso dal decreto MIMS
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Caro materiali, il legno escluso dal decreto MIMS: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti