Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Coltivazione e cura del Capelvenere in giardino e in vaso

NEWS Piante27 Febbraio 2020 ore 15:34
Una pianta adatta alla coltivazione sia in giardino sia in appartamento è il capelvenere che necessità di ambiente fresco e umidità e ha proprietà benefiche.

Capelvenere: felce sempreverde dal fogliame delicato


Chi cerca una pianta un pò originale che si possa coltivare sia fuori che dentro casa, come pianta da appartamento, può pensare di prendere in considerazione una pianta molto antica.

Questa è il capelvenere, un tipo di felce conosciuto anche con il nome Adiantum capillus veneris. Le felci sono piante verdi senza semi nè fiori e sono tra le prime abitanti del pianeta Terra. Molto antiche per origine crescono in natura, diffondendosi e riproducendosi a mezzo spore, e amano un ambiente piuttosto umido.


Capelvenere pianta

Capelvenere pianta

Capelvenere pianta
Coltivare il Capelvenere in vaso

Coltivare il Capelvenere in vaso

Coltivare il Capelvenere in vaso
Capelvenere pianta sempreverde

Capelvenere pianta sempreverde

Capelvenere pianta sempreverde
Capelvenere: pianta da interno come da esterno

Capelvenere: pianta da interno come da esterno

Capelvenere: pianta da interno come da esterno
Pianta di capelvenere, particolare del fogliame

Pianta di capelvenere, particolare del fogliame

Pianta di capelvenere, particolare del fogliame

La loro coltivazione è possibile anche in ambienti domestici. La pianta porta immediatamente un tocco di verde grazie alle sue fronde. Tra i tanti tipi di felci ci soffermiamo sul capelvenere pianta che rientra nella famiglia delle Adiantaceae.

Una felce particolare. il Capelvenere
La colorazione della pianta, come altre specie, è di un verde brillante e l'aspetto è etereo, infatti, il fogliame è davvero particolare, leggero e decorativo.

Anche per questa ragione nelle composizioni floreali a cura di esperti fioristi sempre alla ricerca di abbinamenti innovativi, il capelvenere compare di frequente, donando al bouquet movimento, volume e leggerezza, con un tocco di verde che rende contrastanti le corolle.


Caratteristiche del capelvenere


Nonostante l'aspetto così delicato che può far pensare a una pianta fragile, il capelvenere riesce ad adattarsi a vari contesti e temperature senza molta fatica.

Il nome della pianta fa riferimento alla chioma della Dea a testimonianza che un fogliame così delicato è davvero l'elemento caratterizzante di questo vegetale. Per altri si riferisce alla barba di Giove. Le foglie sono piccole, la loro forma unica, triangolare e a ventaglio con il bordo frastagliato e irregolare.


Coltivazione Capelvenere: consigli utili


In natura, le dimensioni di questa pianta diventano notevoli perché cresce in prossimità di corsi d'acqua, all'ombra e nell'umidità. In casa , ovviamente, l'habitat è lontano da quello naturale umido e ombroso, quindi bisogna prestare attenzione e seguire alcuni consigli di coltivazione per veder crescere la pianta sana e robusta.

Capelvenere in vaso
La pianta, che può essere acquistata direttamente in vaso, anche su Amazon, non va solo innaffiata con frequenza, ma anche nebulizzata con uno spruzzino affinché le gocce d'acqua possano mantenerla umida e fresca non solo alle radici ma anche sulle fronde.

Una casa sana e abitabile ha difficilmente un clima ad alto tasso di umidità ed è di raro scarsamente esposta al sole. Per aiutare la pianta di capelvenere a crescere bene e in salute anche dentro casa, un buon trucco è inserire le palline di argilla espansa o anche sassi in un vaso di diametro maggiore rispetto a quello che contiene la pianta.

CONSIGLIATO
Capelvenere pianta
Seeds è il pacchetto set...
prezzo € 7.99
COMPRA


Questo andrà parzialmente coperto d'acqua per far sì che la pianta sia circondata da umidità sana che non genera muffa. L'evaporazione, dal basso all'ato, porterà acqua alla pianta.

Dove posizionale il Capelvenere in casa


In casa poi prestiamo attenzione a dove vogliamo collocare la pianta in vaso: ovviamente mai vicino a fonti di calore, quindi termosifoni, caminetti e stufe, ma nemmeno a diretto contatto con la luce del sole. Fanno male ugualmente anche folate di vento, naturali o artificiali, provocate da sistemi di condizionatore. La stanza più adatta perché umida per natura è il bagno.

Questo vale per la coltivazione dentro casa. In giardino, invece, è importante posizionarla in un punto che rispecchi le sue naturali esigenze. Visto che può essere contenuta in un vaso, a terra o sospeso, potete disporla ai piedi di un albero o comunque in una posizione non assolata, ma al riparo da raggi caldi e diretti che potrebbero farla seccare. Meglio lasciare che prenda luce filtrata da rami o fronde di altre piante, magari più alte.

Quando e come innaffiare il Capelvenere


Vaporizzare la pianta è un gesto che le darà immediatamente vita e renderà il suo aspetto rigoglioso. Chi in giardino ha una fontanella o un pozzo può scegliere quell'angolo come spazio ideale per la coltivazione della pianta. Le innaffiature non dovranno mancare nè in estate nè in inverno, essere regolari e costanti, accompagnate anche dalla vaporizzazione diffusa.

Capelvenere foglie a ventaglio
Quante volte bisogna eseguirla?

La risposta migliore è vedere e toccare la terra nel vaso: questa pianta richiede terreno sempre umido quindi non lasciate mai che la terra si secchi.

Le radici devono mantenersi sempre fresche ed è preferibile non usare acqua del rubinetto, in molti casi troppo ricca di calcare.

Il terreno ideale


Per la coltivazione dobbiamo sempre ricordare che il capelvenere è un'erbacea rizomatosa.
Il terreno migliore per ospitarla è composto da torba e un pò di sabbia.
Un modo per render il terreno migliore è aiutarlo con il concime, liquido o in polvere.

Quando necessario la pianta si può rinvasare. Quando la pianta è in salute, ma soffre la mancanza di spazio, bisogna dividere il rizoma per vedere moltiplicare la pianta.

Da un grande esemplare se ne possono ottenere due o di più: ciascuna verrà messa in una vaso da sola e con le giuste cure e il concime crescerà come quella originale.


Capelvenere: un pianta con tanti poteri benefici per l'organismo



A volte capita di conoscere una pianta ma non i suoi poteri terapeutici, altre volte al contrario, iniziamo a conoscere una pianta perché l'associamo a proprietà benefiche per l'organismo o la bellezza.

Partiamo proprio dall'estetica: questa pianta è utile per la sua azione vigorosa sul cuoio capelluto e per contrastare la caduta dei capelli.

La stessa contribuisce a favorire la digestione, è diuretica, lenisce da raffreddamento, tosse e disturbi alle vie respiratorie non gravi.

Agisce anche contro le emorragie, contribuendo a tenere la pressione sanguigna sotto controllo.

Dettaglio foglie di capelvenere
Ovviamente, lo ricordiamo come sempre, è un aiuto ma non va a sostituire i farmaci specifici per queste patologie o disturbi. Ha un'azione anti radicali liberi per mantenere giovane i tessuti, salvaguardare il cuore e il sistema circolatorio e contrasta anche l'asma.

Spesso il capelvenere per tutte queste ragioni si trova in commercio come ingrediente principale di infusi e tisane o sciroppi naturali. Per l'azione terapeutica della pianta si utilizzano e raccolgono le foglie.

riproduzione riservata
Articolo: Capelvenere: coltivazione in giardino e in vaso
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Capelvenere: coltivazione in giardino e in vaso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.209 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Acimax valagro ml 500
    Acimax valagro ml 500...
    9.88
  • Multiplanter attrezzo piantatore per bulbi e piante
    Multiplanter attrezzo piantatore...
    33.67
  • Agrumax concime liquido ml 500
    Agrumax concime liquido ml 500...
    9.57
  • Maggiorana gentile marietta
    Maggiorana gentile marietta...
    2.20
Notizie che trattano Capelvenere: coltivazione in giardino e in vaso che potrebbero interessarti


Piante in bagno

Giardinaggio - Gli appassionati del verde saranno contenti di disporre qualche pianta anche in bagno.

Fiori e piante per decorare la cucina

Piante - Dagli esemplari aromatici per cucinare a quelli officinali per riscoprire i rimedi della nonna: la cucina cambia faccia con le piante verdi e i fiori da interno

Anthurium, Frecce di Cupido

Giardino - L'Anthurium è una pianta erbacea singolare per l'aspetto delle sue infiorescenze, il suo nome deriva dal greco: ànthos significa fiore mentre ourà indica la coda

Alocasia, orecchie di elefante

Giardino - L'Alocasia è una pianta della famiglia delle Aracee la cui bellezza è legata alla forma particolare ed alle notevoli dimensioni delle foglie, detta orecchie di elefante.

Cicuta Maculata

Giardino - La cicuta, passata alla storia come veleno di Socrate, è un'erbacea comune, subalpina, di tipo biennale con fiori ad ombrello e foglioline frstagliate.

Coltivazione e caratteristiche Alchechengi

Piante - L'alchechengi è una pianta medicinale particolarmente utilizzata, che si contraddistingue per una fioritura bianca e piccoli frutti arancio commestibili.

Belladonna, velenosa e utile

Giardino - Conosciuta fin dall'antichità per le proprietà velenose anche gravi, la belladonna è una pianta caratterizzata da bacche nere e una fioritura abbondante.

Feijoa: protagonista in giardino

Piante - La Feijoa è una pianta scenografica e abbastanza facile da coltivare, che regala fioriture prolungate e frutti, utilizzabili in cucina.

Sedum in autunno

Giardino - Anche se le inflorescenze perdono i loro brillanti colori, il Sedum Semptember Glow spicca in giardino anche in autunno, con i suoi capolini secchi.