Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Canoni di locazione non tassati se non sono percepiti

I proprietari di immobili locati che non abbiano riscosso i canoni per morosità del conduttore non sono tenuti dichiarare i redditi e a pagare le relative imposte
03 Giugno 2021 ore 09:42 - NEWS Fisco casa

Canoni da locazione e ultime novità fiscali


Ci sono importanti novità, introdotte dal Decreto Sostegni (D.L. 22 marzo 2021 n. 41), che saranno certamente accolte con particolare favore da proprietari di immobili che abbiamo stipulato un contratto di locazione.

La legge 21 maggio 2021, n. 69 che ha converito il citato Decreto Sostegni, entrato in vigore lo scorso 22 maggio 2021, ha sostanzialmente previsto la non tassazione dei canoni di locazioni di immobili a uso abitativo se non riscossi.

Novità fiscali canoni locazione non riscossi
Si tratta di una norma che ha chiaramente lo scopo di dare maggior respiro a molte famiglie che, per motivi diversi, e anche indirettamente sono state colpite dalla pandemia da Covid 19.

Tale novità normativa avrebbe effetto già con riferimento al periodo di imposta 2020.


Tassazione canone locazione non riscosso


La riforma è tutta contenuta nel novellato art. 26, primo comma, TUIR che negli ultimi anni, soprattutto in ragione della grave situazione epidemiologica è stato più volte ritoccato dal Legislatore fiscale.

La formulazione ante riforma del citato art. 26 TUIR prevedeva che, con esclusivo riferimento agli immobili concessi in locazione per uso abitativo, i proventi derivanti da contratti di locazione se non percepiti, non concorrono a formare il reddito dal momento della conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore nel contratto di affitto.

In altri più specifici termini, il proprietario di immobile concesso in locazione che non aveva riscosso il canone locazione poteva non considerare tali proventi ai fini del calcolo delle imposte in sede di dichiarazione dei redditi, soltanto a partire dal termine del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità.

Canone locazione procedimento giurisdizionale
Tale procedura, si sa, può durare diverso tempo e nelle more il proprietario era costretto a dichiarare i proventi derivanti da canoni di locazione mai riscossi e, di fatto, a pagare imposte per importi non incassati.


Canone di locazione non riscosso e intimazione di sfratto per morosità e ingiunzione di pagamento


Lo scorso anno il Legislatore fiscale ha modificato il contenuto dell’art. 26 TUIR, anticipando il momento a partire dal quale è possibile per il proprietario non pagare le imposte sui redditi per canoni di affitto non riscossi per morosità.

La modifica normativa è stata introdotta dall’art. 3 quinques, D.L. 30 aprile 2019 n. 34.

Tale norma, nella sua formulazione in vigore dal 30 giugno 2019 prevede che redditi derivanti da contratti locazione abitativa, se non percepiti, non concorrono a formare il reddito, a condizione che la mancata percezione sia comprovata dall'intimazione di sfratto per morosità o dall'ingiunzione di pagamento.

Decorrenza della riforma in materia di locazione


Secondo la novellata disciplina, il proprietario dell’immobile che non riscuote il canone di locazione mensile ha il diritto di sospendere la tassazione dei canoni non riscossi già a partire dal momento della notifica dell'intimazione dello sfratto per morosità o dell’ingiunzione di pagamento.

La riforma, secondo il D.L. 30 aprile 2019 n. 34, trovava applicazione in relazione ai contratti di locazione stipulati a partire dal 1 gennaio 2020.

Per tutti i contratti di locazione stipulati precedentemente a tale data, tale riforma non era applicabile, con la conseguenza che i proprietari di immobili a uso abitativo che non percepivano i proventi derivanti da contratto affitto casa, conclusi prima del 2020, erano tenuti a indicare, in ogni caso, tali canoni di affitto nella dichiarazione dei redditi persone fisiche.

Intimazione di sfratto per canoni di locazione non riscossi per morosità


Nel caso in cui il proprietario intende far decorrere la sospensione della tassazione dei canoni da locazione non percepiti per morosità, al momento dell’ingiunzione di cui all’art. 658 c.p.c. si ritiene che la data utile da considerare è rappresentata dalla notifica al conduttore della intimazione, a cura dell’Ufficiale giudiziario.


Non tassabili i canoni di locazione non riscossi nel 2020


Ultima modifica normativa in ordine alla non tassabilità del canone di locazione non riscosso è stata introdotta dal Decreto Sostegni e, in particolare, dalla Legge di conversione.

Si tratta di una ulteriore norma di supporto introdotta a favore di proprietari che concedono in locazione immobile a uso abitativo.

L’art. 6-septies del DL 41/2021, attua la riforma in due importanti punti:

  • abroga il secondo comma, dell’art. 3-quinquies del DL 34/2019, in base al quale la nuova disciplina dettata dal novellato art. 26 del TUIR trovava applicazione solo per i contratti stipulati a decorrere dal 1° gennaio 2020;

  • amplia l’applicazione dell’art. 26 del TUIR, includendovi i canoni di affitto derivanti dai contratti di locazione di immobili non percepiti a decorrere dal 1° gennaio 2020, indipendentemente dalla data di stipula del contratto.

In altri termini, i canoni da locazione non percepiti nel periodo di imposta 2020 non concorrono a formare il reddito imponibile e non devono essere indicati nella dichiarazione redditi 2021, relativa alla scorsa annualità.


Come fare la dichiarazione dei redditi 2021?


Per effetto delle citate riforme normative, allorquando il proprietario entro il termine di presentazione della dichiarazione redditi 2021 o del modello 730 abbia notificato l’ingiunzione di pagamento o l’intimazione di sfratto al conduttore nel contratto di affitto che non abbia corrisposto i redditi dovuti a partire dal 1° gennaio 2020, potrà dichiarare solo i redditi effettivamente percepiti nel 2020.
Dichiarazioni fiscali
Nelle ipotesi in cui il proprietario non abbia percepito alcun reddito di locazione a causa della morosità del conduttore locazione, verrà assoggettata a tassazione la rendita catastale.

Dichiarazione dei redditi e 730


I modelli delle dichiarazioni dei redditi 2021 e del modello 730 devono essere ancora aggiornate e probabilmente adeguate.



In attesa delle istruzioni ufficiali, proviamo a fornire qualche suggerimento per la compilazione delle dichiarazioni fiscali.

  • se si procede alla compilazione dichiarazione dei redditi e non è stato percepito nessun canone di locazione mensile, in tal caso, nel quadro RB della denuncia dei redditi, nel rigo RB1, in colonna 7 Casi particolari si dovrà indicare il codice 4. Se, invece, parte dei redditi sono stati percepiti rimane tutto invariato con l’aggiunta della compilazione della colonna 6 Canone di locazione, ove sarà indicato solo l’ammontare dei canoni da locazione effettivamente percepiti;

  • se si è un contribuente obbligato alla presentazione del modello 730 e non è stato percepito nessun canone di affitto nel rigo B1, del quadro B, alla colonna 7 “Casi particolari” dovrà essere esposto il codice 4. Se il canone affitto è stato riscosso solo in parte, in tal caso, nel quadro B del modello 730, nel rigo B1, nella colonna 7 “Casi particolari”, occorrerà indicare il codice 4 e nella colonna 6 “Canone di locazione” saranno esposti solo i canoni effettivamente percepiti.

riproduzione riservata
Articolo: Canoni di locazione non percepiti e dichiarazione redditi
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Canoni di locazione non percepiti e dichiarazione redditi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Canoni di locazione non percepiti e dichiarazione redditi che potrebbero interessarti


Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Nuovo modello RLI per la registrazione e la rinegoziazione del canone d'affitto

Affittare casa - Dal 1° settembre obbligatorio l'uso di un nuovo modello RLI per la registrazione contratti di locazione immobiliari e per la richiesta revisione canone d'affitto.

Detrazioni per inquilini

Affittare casa - Esistono alcune agevolazioni fiscali grazie alle quali è possibile detrarre dall'IRPEF una parte delle spese sostenute per il pagamento dei canoni di locazione.

Contratto d'affitto per studenti

Affittare casa - Per porre rimedio al malcostume degli affitti in nero agli studenti, è stata creata una forma specifica di contratto di locazione, pensato per le loro esigenze.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Cosa deve fare il proprietario per i canoni di locazione non pagati

Proprietà - Sul canone di locazione di un immobile ad uso abitativo, il proprietario ottiene un reddito soggetto a tassazione. Ma che cosa succede se l'inquilino non paga?

Detrazione degli affitti per studenti fuori sede: quali sono le modalità?

Affittare casa - Detrazione dal modello 730/2020 delle spese sostenute dagli universitari fuori sede per l'anno di imposta 2019. Previsto un rimborso Irpef per studente del 19%.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img maurizio35
Caso: Posso stipulare entro il 20 giugno un contratto di locazione "canone concordato" con decorrenza 1 agosto p.v.? Evidentemente procederò alla registrazione entro 30...
maurizio35 08 Giugno 2018 ore 16:12 1
Img jirobatu
Buongiorno a tutti. I miei genitori hanno una casa di proprietà intestata ad entrambi, mia madre è morta ad agosto 2017 quindi ora siamo rimasti mio padre, io e mia...
jirobatu 21 Marzo 2018 ore 20:13 2
Img anto1977
Buonasera,che tipo di documenti bisogna presentare per poter usufruire della detrazione per ristrutturazione?...
anto1977 28 Giugno 2015 ore 08:46 5
Img maryquant
Buongiorno.E' possibile avere dall'Agenzia delle Entrate la copia del contratto di locazione dell'alloggio comune stipulato per conto del condominio dall'amministratore e copia...
maryquant 24 Maggio 2015 ore 08:30 1