Canone Rai 2018: pagamenti e nuove soglie di reddito per l'esenzione

NEWS DI Fisco casa23 Marzo 2018 ore 09:53
Canone Rai 2018: quali sono le principali novità. Chi dovrà pagare la tassa e con quale modalità. Vediamo chi sono i cittadini esonerati e a quali condizioni.

Canone Rai 2018: aumento delle soglie di reddito per l’esonero


A partire dallo scorso mese si è ampliata la platea dei soggetti che potranno beneficiare dell’esenzione dal pagamento del canone Rai. Stiamo parlando degli over 75, a favore dei quali sono stati innalzati i limiti di reddito per poter essere esentati dalla tassa.
La soglia di reddito per non essere obbligati a versare il canone tv è infatti passata da 6.713,98 euro a 8.000 euro. Lo ha deciso il Ministero dell'economia con il decreto firmato il 19 febbraio scorso, insieme al Ministro dello sviluppo economico.

Canone Rai 2018
Lo scopo del provvedimento è stato quello di far crescere il numero di anziani che possano fruire dell’esenzione. L’obiettivo che si vuole raggiungere è la tutela delle fasce più deboli, cioè quegli anziani più poveri che sarebbero gravati oltremisura dal possesso della televisione.
L’effetto di questa misura, in linea con i valori promossi dallo stesso servizio pubblico radiotelevisivo, è stato quello di aumentare gli aventi diritto all’esonero, che sono passati così da 115.000 a circa 350.000.

Il limite reddituale fa riferimento ai redditi dichiarati nell’anno precedente a quello per il quale viene fatta richiesta di esenzione. Si dovrà considerare il reddito complessivo familiare derivante dalla somma dei redditi del contribuente e del coniuge convivente.
L’esenzione dal pagamento può essere richiesta unicamente per la tv nella casa dove è stata fissata la residenza.
Vediamo di seguito chi deve pagare il canone Rai, quali sono le modalità di pagamento e chi è esonerato.


Chi deve pagare il canone Rai


Il canone Rai è l’imposta cui è obbligato chiunque detenga uno o più apparecchi televisivi nell’abitazione di residenza o in altra abitazione. Al fine del versamento della tassa l’effettivo utilizzo dell’apparecchio tv è irrilevante e ciò che conta è il semplice possesso.

La presenza di apparecchi aventi la capacità di ricevere segnali radiotelevisivi, come tablet, smartphone o computer, determina il pagamento del canone? Con un comunicato del 2012 la Rai ha escluso che l’utilizzo di tali apparecchi per la visione di programmi televisivi possa comportare un obbligo di pagamento.

A quanto ammonta il canone Rai per coloro che sono obbligati a pagarlo?
La Legge di Bilancio 2018 non ha apportato alcuna variazione rispetto all’anno precedente per quanto concerne l’importo da versare per l’abbonamento tv.
La tassa da pagare sarà pari a 90 euro che verranno riscosse, come già stabilito per lo scorso anno, tramite la bolletta dell’energia elettrica. L’importo viene infatti addebitato direttamente nella bolletta della luce a coloro che risultano titolari di un contratto di fornitura elettrica residenziale.
Si tratta di 9 euro al mese per il periodo che va da gennaio a ottobre di ogni anno.


Canone Rai esenzione over 75
Che succede in caso di mancato pagamento canone Rai? Le conseguenze del mancato versamento del canone rai non si riflettono sulla fornitura dell’energia elettrica.
Nessuna interruzione della corrente da parte dell’ente erogatore del servizio. Quest’ultimo si limiterà a fare una segnalazione all’Agenzia delle Entrate che provvederà ad attivare la procedura per il recupero dell’importo non corrisposto.

La cifra sarà maggiorata delle sanzioni che vanno da 200 euro a 600 euro.
In caso di mancato pagamento della somma complessiva, il Fisco invierà al contribuente la cartella esattoriale.


Chi è esente dal canone Rai


La domanda di esenzione dal pagamento del canone Rai può essere presentata innanzitutto da chi ne ha diritto per motivi di reddito e di età.
Ci sono altre situazioni che possono comportare l'esonero canone Rai.
Non dovranno versare l'imposta coloro che, pur avendo una utenza elettrica in casa, non possiedono alcun apparecchio televisivo.

Partiamo da quest'ultimo caso, ovvero da coloro che, non possedendo una tv in casa, non intendono pagare i 90 euro del canone in bolletta.
Il mancato possesso di una televisione deve essere dimostrato dal cittadino, poiché per la legge sussiste una presunzione di detenzione di un apparecchio televisivo in presenza di una fornitura elettrica. Il pagamento tramite la bolletta della luce è stato attivato al fine di limitare l’evasione dell'imposta. Insomma, se vi è una utenza elettrica presso l’abitazione dove è stata fissata la propria residenza, si presume ci sia anche una tv.

Ecco perché, qualora effettivamente la tv non ci sia, è necessario chiedere l’esenzione dal pagamento del canone.Quali sono le modalità per la richiesta esenzione canone tv?

Sarà necessario inviare il modulo di autocertificazione di non possesso della tv all’Agenzia delle Entrate in via telematica. Il modello, il cui quadro A dovrà essere compilato, è messo a disposizione degli utenti sul sito della Rai e dell’Agenzia delle Entrate.
La dichiarazione sostitutiva dovrà essere presentata con cadenza annuale (entro il 31 gennaio) qualora permanga la mancata detenzione della tv.

Pagamento canone Rai 2018
Per inviare la domanda il richiedente (intestatario dell’utenza elettrica) potrà inoltrare direttamente il modulo tramite internet, avvalendosi delle credenziali Fiscoline o Entratel rilasciate dalla stessa Agenzia delle Entrate, una volta effettuato l’accesso al sito.
Come soluzione alternativa, si ricorda che la presentazione telematica potrà essere effettuata da intermediari abilitati come Caf o professionisti.

Qualora non si voglia utilizzare la modalità online, la domanda di esenzione potrà essere inoltrata a mezzo di lettera raccomandata al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate, ufficio di Torino 1, s.a.t. - sportello abbonamenti tv - casella postale 22 - 10121 Torino. Alla domanda si dovrà allegare un valido documento di identità.

In caso di esonero, dovutò all'età e al non superamento dei limiti di reddito ( anziani con età pari o superiore a 75 anni di età e con un reddito annuo familiare sino a 8.000 euro), la domanda di esenzione dovrà essere effettuata, anche in questo caso, presentando l’apposito modulo contenente la dichiarazione sostitutiva. Si prevedono le seguenti modalità:

- recarsi presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;

- in alternativa, inviare la domanda tramite raccomandata all’indirizzo sopra riportato.

Le date utili per poter provvedere alla richiesta di esenzione per il canone rai 2018 sono le seguenti:

- il 30 aprile 2018, per chi presenta la richiesta di esenzione dal pagamento al fine di essere esonerato tutto l’anno;

- il 31 luglio 2018, ulteriore scadenza stabilita per chi fruisce della esenzione a partire dal secondo semestre.

Qualora le condizioni di reddito per poter presentare la domanda di esenzione dovessero rimanere nel tempo, non sarà più necessario presentare ulteriore richiesta.

Il cittadino che abbia provveduto al pagamento del canone pur in presenza dei requisiti che ne legittimavano l’esonero dal pagamento, potrà chiedere il rimborso presentando un'apposita istanza. L’Agenzia delle Entrate, a questo scopo, ha pubblicato un apposito modello che potrà essere reperito sul sito delle Entrate o della Rai. Le modalità per richiedere il rimborso sono le stesse previste per la domanda di esenzione.

Si ricorda che è possibile richiedere il rimborso per i canoni arretrati che sono stati pagati pur in presenza dei requisiti per l’esonero negli anni dal 2008 al 2015.
Al modello si dovrà accompagnare la dichiarazione sostitutiva che attesti il possesso dei requisiti.
L'Agenzia delle Entrate provvederà a effettuare le opportune verifiche e il rimborso dovrà essere effettuato dalle società che forniscono il servizio di energia elettrica.


Altri casi di esonero canone Rai


Oltre ai casi di esonero che abbiamo menzionato finora si deve ricordare che esistono altre categorie di persone che non sono tenute al pagamento del canone Rai:
- invalidi civili degenti presso una casa di riposto;
- i Militari delle Forze Armate Italiane;
- Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato;
- i rivenditori e i negozi che effettuano le riparazioni delle tv;
- Agenti diplomatici e consolari per quei paesi che prevedono lo stesso trattamento nei confronti dei diplomatici italiani.

riproduzione riservata
Articolo: Canone rai 2018: pagamenti ed esenzioni
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 3 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Canone rai 2018: pagamenti ed esenzioni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Paolo
    Paolo
    Martedì 31 Gennaio 2017, alle ore 13:27
    Oggi non riuscirò a presentare la domanda di non possesso, per cui mi inseriranno il canone in bolletta?
    Sarebbe la prima volta visto che sono uscito dallo stato di famiglia dei miei e l'anno scorso non avevo la tv e avevo presentato la domanda .
    Come funziona in questi casi? 
    rispondi al commento
  • Simone
    Simone
    Sabato 28 Gennaio 2017, alle ore 17:16
    Io ho pagato nel 2016 per scadenza dei termini di presentazione della domanda di non possesso.
    Adesso sono costretto a tenermi il balzello (visto che non è piu possibile richiedere il sugellamento) o basta presentare entro il 31 la domanda di non possesso?
    Anche questa cosa vi pare corretta, rimuovere la possibilità di suggellamento?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Simone
      Lunedì 30 Gennaio 2017, alle ore 16:44
      La dichiarazione di non detenzione va fatta ogni anno, nei termini di legge per tutto il tempo in cui perdura la non detenzione. 
      rispondi al commento
  • Gianni
    Gianni
    Venerdì 27 Gennaio 2017, alle ore 01:25
    Credo che mi sono perso un passaggio: può una semplice circolare obbligare il cittadino a dichiarare ogni anno di non essere nella condizione di pagare una tassa?
    Perché il cittadino deve provare di non usufruire del servizio?
    Perché aggiungere un ulteriore adempimento quando basterebbe aggiungere due caselline al cud o al 730?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Gianni
      Venerdì 27 Gennaio 2017, alle ore 10:33
      Sono d'accordo con te sul fatto è un'assurdità che la dichiarazione abbia valore annuale; ad ogni modo è la stessa legge sul canone rai (R.D. 246/1938), come modificato dalla legge di stabilità del 2016, (e non una circolare) che lo prevede.
      rispondi al commento
  • Luigi
    Luigi
    Lunedì 23 Gennaio 2017, alle ore 11:35
    Questa mattina del  23/01/2017 mi sono presentato all'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate di Nola(NA), per consegnare la dichiarazione sostitutiva (di non possesso) relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato per il 2017, mi è stato risposto, che non è più possibile presentare la dichiarazione presso un qualsiasi sportello dell'Agenzia delle Entrate, e che essa, deve essere inviata esclusivamente mediante plico postale raccomandato direttamente all'ufficio dell'Agenzia delle Entrate di Torino (il cui indirizzo e riportato in calce al modello stesso di dichiarazione), oppure per via telematica.
    Mi chiedo e chiedo all'Agenzia delle Entrate e a chi per essa, se io non mi trovo i soldi della raccomandata che naturalmente dovrà essere anche R.R., quindi a maggior ragione non mi trovo nemmeno i soldi per andare a Torino con qualsiasi altro mezzo a pagamento (escludendo altre spese occorrenti, soggiorno, pernottamento, ecc., nel caso non fosse possibile raggiungere Torino in orario d'ufficio), e se io non mi ritrovo una casella PEC gratuita (che prima ogni cittadino poteva avere, e che ci è stata tolta!!), perché naturalmente all'indirizzo dell'Ufficio di Torino si potrà trasmettere solo da un indirizzo PEC; oppure mi rivolgo ad un' intermediario, il quale naturalmente si farà pagare (più della raccomandata!!).
    Allora che faccio? Arrivo un momento a piedi a Torino?
    rispondi al commento
    • Bubuzzo
      Bubuzzo Luigi
      Lunedì 23 Gennaio 2017, alle ore 12:51
      Sig. Luigi, si rassegni, o meglio rassegnamoci tutti, solo con raccomandata, la PEC NON FUNZIONA!!!!
      Noi cittadini non siamo tutelati e i signori politici non fanno niente per dare un diritto lecito a chi paga le tasse.
      rispondi al commento
      • Svevavolo
        Svevavolo Bubuzzo
        Giovedì 26 Gennaio 2017, alle ore 11:30
        Effettivamente dalla pagina delle FAQ dedicata al canone rai l'Agenzia comunica che può essere utilizzato anche l'inivo per pec "purché la dichiarazione stessa sia sottoscritta mediante firma digitale, coerentemente con quanto previsto dagli articoli 48 e 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'Amministrazione Digitale).La dichiarazione firmata digitalmente dovrà essere inviata mediante PEC all'indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it, entro gli stessi termini previsti dal provvedimento del Direttore dell'Agenzia per le altre modalità di invio (plico raccomandato senza busta o invio telematico)." Che dire... se la pec non funziona, (ri)armiamoci di pazienza e utilizziamo le altre modalità!
        rispondi al commento
  • Pasquale
    Pasquale
    Domenica 22 Gennaio 2017, alle ore 15:22
    Ma le utenze intestate ad aziende, devono fare la dichiarazione di non detenzione di apparecchi redio televisivi oppure sono esclusi in automatico?
    rispondi al commento
    • Bubuzzo
      Bubuzzo Pasquale
      Lunedì 23 Gennaio 2017, alle ore 12:57
      Per quello che è capitato alla mia azienda l'anno scorso, non è stata inviata nessuna comunicazione e non ci è stata notificato nessun pagamento in bolletta. L'ideale sarebbe forse di utilizzare il cassetto fiscale per dichiarare il non possesso.
      Saluti
      rispondi al commento
  • Tedwallenberg
    Tedwallenberg
    Sabato 21 Gennaio 2017, alle ore 16:15
    E, proseguendo, spero di poter vivere abbastanza per vedere che questi esponenti e rappresentanti di una vera e propria ASSOCIAZIONE a DELINQUERE di stampo mafioso si siano sparati a CAMERE RIUNITE, dall'estrema destra all'estrema sinistra, nessuno esclusooooooo!!!
    rispondi al commento
  • Tedwallenberg
    Tedwallenberg
    Sabato 21 Gennaio 2017, alle ore 16:06
    E così ogni anno, per questi mocciosi, io dovrei andare a fare una R.R.R. per dikiarare di NON possedere un apparekkio tv??? MA MI FACCINO LU PIACERE,,,,
    rispondi al commento
  • Bubuzzo
    Bubuzzo
    Giovedì 19 Gennaio 2017, alle ore 16:59
    Abbiamo provato ad inviare la Dichiarazione Sostitutiva di non detenzione apparecchio TV tramite PEC all'indirizzo adibito al servizio telematico, cioé cp22.sat@postacertificata.rai.it ma il sistema restituisce errore. Credo abbiamo fatto uno sgambetto, a questo punto rassegnatevi alla raccomandata senza busta. Ragazzi che organizzazione!... a delinquere
    rispondi al commento
  • Loredana
    Loredana
    Venerdì 18 Novembre 2016, alle ore 10:33
    Io ho una tv ma siccome che guardo solo i canali esteri con una parabola, devo pagare il canone?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Loredana
      Lunedì 21 Novembre 2016, alle ore 18:18
      Sì, il pagamento è dovuto in ragione del possesso, non in relazione a come si usa l'apparecchio.
      rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Canone rai 2018: pagamenti ed esenzioni che potrebbero interessarti
Esenzione canone tv per ultra 75enni

Esenzione canone tv per ultra 75enni

Gli ultra 75enni con determinati requisiti possono presentare apposita dichiarazione all'Agenzia delle Entrate per essere esonerati dal pagamento del canone tv.
Canone Rai 2018: come chiedere l'esenzione

Canone Rai 2018: come chiedere l'esenzione

Per l'esenzione dal pagamento del canone Rai 2018 i cittadini hanno tempo fino al 31 gennaio. Qual è l'apposito modulo da utilizzare e come deve essere inviato?...
Canone TV: abbonamento Rai

Canone TV: abbonamento Rai

Imposta sulla detenzione di un apparecchio televisivo: ecco una mini guida sul canone di abbonamento Rai, dall'esenzione alla disdetta, fino al decesso del titolare.
Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.
Riduzione del canone di locazione

Riduzione del canone di locazione

Nel caso di locazioni immobiliari destinate all'uso abitativo, non sempre, anzi quasi mai, il canone di locazione può essere abbassato senza nuovo accordo tra le parti.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.513 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Mitsubishi electric climatizzatore condizionatore inverter split 18000
    Mitsubishi electric climatizzatore...
    433.00
  • Unical climatizzatore inverter dual 9000+9000 9+9 air
    Unical climatizzatore inverter...
    1215.00
  • Cordivari frame plus h1832 l586
    Cordivari frame plus h1832 l586...
    1280.00
  • Catenaccio di sicurezza
    Catenaccio di sicurezza...
    3.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 25.00
foto 2 geo Napoli
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.