archiviato

Caldaia a cippato

NEWS DI Impianti30 Dicembre 2011 ore 15:43
La caldaia a cippato è un tipo di caldaia a biomassa che utilizza un combustibile ligneo, il cippato, costituito da legno vergine ridotto in piccolissime scaglie.

Che cos'è il cippato?


La tecnologia delle caldaie a cippato ha compiuto passi da gigante a partire dagli anni '80, quando questo tipo di caldaie avevano un rendimento dell'ordine del 50-60%, mentre oggi raggiungono il 90% per cui hanno prestazioni comparabili con le comuni caldaie a gas.

La caldaia a cippato è un tipo di caldaia a biomassa, che quindi utilizza un combustibile ligneo-cellulosico, che è appunto il cippato.
Questo termine deriva dall'inglese chip e indica del legno vergine ridotto in piccolissime scaglie, cha hanno dimensioni che vanno da qualche millimetro al centimetro.

Il cippato si ottiene utilizzando appositi attrezzi agricoli detti cippatrici che lavorano e trasformano gli scarti delle lavorazioni agricole, come residui di potatura o di pulizia di boschi, scarti dell'industria agro-alimentare, tipo lolla del riso, sansa della spremitura delle olive, noccioli e/o gusci di frutta, ecc.

Vantaggi del cippato


Trattandosi di una biomassa, è chiaro che stiamo parlando di una fonte di energia economica e rinnovabile, perché l'utilizzo degli scarti dell'agricoltura costituisce il presupposto per la ricrescita delle specie vegetali, purchè naturalmente il loro utilizzo non ne superi l'accrescimento. Ad esempio, la quantità di scarti dei boschi, non deve superare la naturale ricrescita del bosco stesso.

Il suo utilizzo, poi, non produce gas nocivi per l'atmosfera, perché la quantità di anidride carbonica che si genera durante la combustione è pari alla quantità che le piante hanno assorbito con il processo di fotosintesi clorofilliana, per cui il bilancio complessivo è nullo.

Inoltre il cippato, per le sue ridotte dimensioni, è di facile trasporto e non crea certamente quei problemi di pericolosità che possono essere connessi al trasporto di combustibili liquidi e gassosi.

Oltre a produrre meno emissioni inquinanti e una minore quantità di cenere, queste caldaie hanno anche il vantaggio di essere completamente automatiche.

Stoccaggio del cippato


Le caldaie a cippato richiedono un sito di stoccaggio del combustibile, che per un impianto domestico può essere costituito da un piccolo silo, da dove il combustibile viene trasportato da una coclea dosatrice che lo immette direttamente nella camera di combustione.

Per le caldaie di piccola taglia, si possono utilizzare dei semplici serbatoi posizionabili nel locale caldaia. Oppure si possono realizzare strutture esterne in legno, appoggiate su una base in cemento, adiacenti al locale caldaia. Spesso il locale è posto in posizione interrata per facilitare lo scarico del materiale.

È importante che nel silo non si possano verificare infiltrazioni d'acqua, perché il cippato deve essere sempre asciutto e inoltre l'ambiente deve resistere sia al fuoco che alla pressione del materiale depositato.

Per caldaie di potenza superiore ai 35 kW ci sono tre obblighi normativi:
- il locale caldaia deve avere una porta indipendente accessibile dall'esterno;
- copia del progetto dell'impianto va consegnata ai vigili del fuoco;
- la realizzazione dell'impianto va comunicata all'ISPESL.

Tipi di caldaie a cippato


Le caldaie di questo tipo possono essere distinte in due grandi categorie, in base al tipo di combustione e alla potenza erogate: quelle a griglia fissa e quelle a griglia mobile.

Le prime sono quelle più semplici e quindi meno costose e più diffuse, ed hanno una media potenza compresa in genere tra i 25 e i 400-500 kW. Esse devono essere alimentate con un cippato di qualità, con pezzatura uniforme e umidità inferiore al 30-40%.

Le seconde invece, che vanno dai 500 kW a diversi MW, sono molto più complesse ed hanno di conseguenza anche un costo più elevato.
Questo tipo di caldaie può utilizzare diversi tipi di biomasse legnose non omogenee e con un maggiore grado di umidità.

Funzionamento della caldaia a cippato


L'accensione del cippato può avvenire sia manualmente, sia automaticamente per mezzo di dispositivi sia elettrici sia a combustibile liquido (bruciatore pilota).
In alcuni modelli esiste la funzione di mantenimento braci, che consente alla caldaia di mantenere una piccola quantità di brace accesa durante le pause di funzionamento, consentendo così la riaccensione immediata al riavvio dell'impianto.

Nelle versioni automatiche un microprocessore gestisce e regola il processo automatico di caricamento e la successiva combustione, con l'ausilio di una sonda lambda che analizza i fumi di scarico e invia i dati al microprocessore.
Uno specifico software legge questi dati e in base ad essi regola la quantità di combustibile trasportato dalla coclea e la quantità di comburente (aria) da insufflare per far avvenire la combustione.

Un impianto di riscaldamento che utilizza la caldaia a cippato prevede in genere un boiler di accumulo connesso alla caldaia mediante uno scambiatore di calore grazie ai quali vi è disponibilità di acqua calda anche molte ore dopo l'eventuale spegnimento della caldaia e pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria in estate, quando la caldaia è spenta.

La caldaia a cippato viene utilizzata per produrre energia termica per il riscaldamento, energia elettrica o entrambe negli impianti che utilizzano la cogenerazione o micro-cogenerazione.

Poiché il funzionamento di una caldaia a cippato è comunque complesso, se ne consiglia l'utilizzo in grandi condomini, enti pubblici, alberghi, ospedali, grossi capannoni industriali o addirittura per piccole centrali per la produzione di energia.
Anche perché è importante dire che per questo tipo di combustibile occorre un volume di materiale che è di circa il triplo rispetto a quanto necessario nel caso del pellet, per cui se non si ha lo spazio sufficiente, è preferibile orientarsi verso quest'ultimo tipo di combustibile.

Gli apparecchi di piccola taglia, per le utenze domestiche, hanno costi ancora troppo alti, ma la maggior parte delle caldaie a cippato sono progettate per poter facilmente bruciare anche legno in ciocchi, ramaglie e pellet.

www.pelletitalia.org
www.eta-italia.it
www.uniconfort.com
www.energiazero.it

riproduzione riservata
Articolo: Caldaia a cippato
Valutazione: 4.56 / 6 basato su 16 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Caldaia a cippato: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Alfo Natale
    Alfo Natale
    Giovedì 3 Novembre 2016, alle ore 15:31
    Vorrei ricevere delle informazioni in merito ai costi di messa in opera e della caldaia.
    rispondi al commento
  • Bruno Cometto
    Bruno Cometto
    Martedì 4 Dicembre 2012, alle ore 19:37
    Volevo un consiglio su caldaie a cippato di potenza tra i 20 e i 40 kw che in molti mi riferiscono di vari problemi legati al cippato che avendo umidità intrinseca porta a problemi di scarso rendimento e ridotta durata della caldaia stessa.
    Mentre le caldaie di potenze superiori avendo temperature più alte questo problema viene quasi odel tutto annullato. Grazie
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Bruno Cometto
      Mercoledì 5 Dicembre 2012, alle ore 09:54
      Per BRUNO COMETTO: confermo che il cippato ha un'umidità maggiore rispetto al pellet (il migliore è quello di legno di faggio) e che occorrono caldaie di potenza un po' maggiorata.
      Tuttavia, per sapere quella necessaria nel suo caso bisognerebbe conoscere il luogo in cui si trova la casa e il volume da riscaldare, quindi è opportuno rivolgersi ad un termotecnico.
      rispondi al commento
  • Ing. Emiliano Fabi
    Ing. Emiliano Fabi
    Giovedì 6 Settembre 2012, alle ore 12:00
    Volevo avere informazioni su venditori di caldaie domestiche per cogenerazione.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Caldaia a cippato che potrebbero interessarti
Temperatura Fumo Caldaia

Temperatura Fumo Caldaia

Il sistema di scarico dei fumi delle caldaie costituisce parte integrante dell'impianto gas e richiede una specifica progettazione per potenze superiori ai 35 kW.
Caldaia Dentro o Caldaia Fuori Casa ?

Caldaia Dentro o Caldaia Fuori Casa ?

La scelta del posizionamento della caldaia in una casa è generalmente frutto di un mix di considerazioni tecniche ed emotive, oltre a quelle legate ai vincoli spaziali.
Blocco Caldaia

Blocco Caldaia

Il cattivo funzionamento di una caldaia si verifica quasi sempre quando si ha bisogno che funzioni, erogando acqua calda sanitaria o attivando il riscaldamento.
Funzioni Caldaia

Funzioni Caldaia

Molte funzioni di una caldaia in maniera del tutto trasparente per gli utenti, permettono di salvaguardarne la sicurezza ed il corretto funzionamento.
Installazione Caldaia

Installazione Caldaia

La maggior parte delle caldaie, quelle che troviamo nelle comuni abitazioni hanno una potenza tra i 24 kW ed i 32 kW, per la produzione di acs e riscaldamento.
usr REGISTRATI COME UTENTE
292.336 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rinnai scaldabagno scaldino gas infinity 32e esterno
    Rinnai scaldabagno scaldino gas...
    1720.00
  • Rinnai scaldabagno gas infinity 20e esterno classe
    Rinnai scaldabagno gas infinity...
    860.00
  • Impianto riscaldamento tradizionale
    Impianto riscaldamento tradizionale...
    10.00
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Cartuccia sedimenti 5 mcn ricambio
    Cartuccia sedimenti 5 mcn ricambio...
    11.71
  • Gazebo australia 3x3
    Gazebo australia 3x3...
    499.00
  • Grate sicurezza in-ferro
    Grate sicurezza in-ferro...
    210.00
  • Hafro vasca da bagno professional whirlpool airpool
    Hafro vasca da bagno professional...
    5480.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Policarbonato online
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 25.00
foto 2 geo Napoli
Scade il 24 Agosto 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 50.00
foto 4 geo Como
Scade il 31 Agosto 2018
€ 350.00
foto 2 geo Monza e Brianza
Scade il 31 Agosto 2018
€ 10 000.00
foto 1 geo Torino
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.