Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bonus verde 2019: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate ha fornito ai contribuenti ulteriori chiarimenti e linee guida in merito agli interventi ammessi alla detrazione prevista dal bonus verde
10 Giugno 2019 ore 11:37 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Bonus verde: come funziona


Il bonus verde è stato riconfermato anche per il 2019 in quanto si è rivelato un ottimo strumento per migliorare la qualità ambientale delle aree urbane con interventi finalizzati alla implementazione del verde sia pubblico che privato.

L'agevolazione riconfermata dalla Legge di Bilancio 2019 del bonus verde, offre la possibilità di detrarre dall'imposta lorda IRPEF, un importo pari al 36% delle spese documentate sostenute fino al 31 dicembre 2019, per la sistemazione a verde di aree scoperte private e condominiali di edifici esistenti, comprese le pertinenze, recinzioni, impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi, coperture a verde e giardini pensili.

Sistemazione area a verde

Per sistemazione a verde si intende la fornitura e messa a dimora di piante o arbusti di qualsiasi genere o tipo, la riqualificazione di tappeti erbosi, con esclusione di quelli utilizzati per uso sportivo con fini di lucro, il restauro e il recupero del verde relativo a giardini di interesse storico e artistico, la realizzazione di coperture a verde, la realizzazione di giardini pensili.


Chi ha diritto al Bonus Verde 2019?


Tutti i contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile sul quale sono effettuati gli interventi e che hanno sostenuto le relative spese, possono usufruire del recupero fiscale.

La detrazione del 36% può essere richiesta non solo dal proprietario dell'immobile, ma anche da chi detiene l'immobile a titolo diverso, quindi ad esempio affitto o usufrutto.

Bonus verde e la cura del giardino conodominiale
Il beneficiario, dunque, può usufruire della detrazione, allegando la documentazione necessaria, come ad esempio il contratto di locazione, a dimostrare la detenzione del bene immobile, a prescindere dal titolo specifico.

Il pagamento delle spese sostenute deve essere tracciabile, quindi eseguito tramite strumenti di pagamento come bonifico bancario bancario o postale, etc.

La detrazione è applicabile su un importo massimo di 5.000 euro per ciascuna unità immobiliare ad uso abitativo ed è ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento delle spese ed in quelli successivi. Lo sconto riconosciuto è quindi pari ad un massimo di 1800 euro.

Il bonus verde è applicabile anche al verde condominiale, ovvero alle spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, sempre fino ad un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo.

Il singolo condomino ha diritto alla detrazione nel limite della quota a lui imputabile a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.


Le risposte e i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate


Il bonus giardini è una novità introdotta dall'ultima Legge di Bilancio rispetto alla quale in questi mesi sono stati posti numerosi quesiti dai contribuenti a seguito di alcuni dubbi sorti in merito a informazioni non sempre univoche e chiare.

In merito agli interventi per i quali è riconosciuto il bonus verde spesso si fa confusione circa la natura dell'intervento.
La norma stabilisce, infatti, che l'agevolazione è riconosciuta qualora l'intervento eseguito sia di natura straordinaria.

Si deduce quindi che tutte le opere e le prestazioni che invece abbiano natura non straordinaria ne innovativa, ma ordinaria quali la manutenzione ordinaria o la cura del verde, non rientrano tra quelli che possono godere del bonus del 36%.

Sistemazione a verde di aree pubbliche e private

Risultano dunque esclusi dalla detrazione gli interventi di semplice manutenzione, ovvero le spese di conservazione del verde esistente o relative alla manutenzione ordinaria annuale dei giardini preesistenti, non connesse ad un intervento innovativo o modificativo nei termini sopra indicati e i lavori eseguiti in economia.

Vediamo di seguito un riepilogo delle risposte e dei chiarimenti forniti ai contribuenti dall'Agenzia delle Entrate.


Spese di progettazione


La detrazione del 36%, come chiarito, è prevista per le spese di progettazione e manutenzione dei lavori su giardini e terrazzi o balconi.

Manutenzione del verde

Tra le spese di progettazione e manutenzione connesse all'esecuzione di tali interventi, la norma ammette che siano incluse, purché direttamente riconducibili all'intervento stesso, anche le spese sostenute per la realizzazione del progetto e in particolare riferite a indagini e stime approfondite relativamente al sito oggetto della progettazione come, ad esempio, valutazioni microclimatiche e ambientali, analisi del terreno, indagini fitoiatriche e fitostatiche sulla vegetazione eventualmente presente, rese da tecnici e specialisti.

Relativamente a queste spese l'Agenzia ha dimostrato inoltre maggiore flessibilità in merito ai pagamenti precisando che è sufficiente un bonifico tracciabile e non un bonifico parlante come è invece richiesto per la ristrutturazioni edilizie e che nel documento di spesa è sufficiente che la descrizione dell'intervento consenta di ricondurre la spesa sostenuta tra quelle agevolabili.


Alberi da giardino e piante in vaso



In merito agli alberi è stato chiarito che il bonus verde è riconosciuto per gli interventi mirati al mantenimento del buono stato vegetativo e alla difesa fitosanitaria di alberi secolari o di esemplari arborei di notevole pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale.

Rientrano quindi in questa definizione tutti gli esemplari salvaguardati ai sensi della legge 10/2013 la cui conservazione è strettamente collegata alla tutela del territorio e dell'ecosistema.

L'acquisto delle piante in vaso, invece, rientra nel bonus solo se le stesse rientrano in interventi di pesante trasformazione, cioè sono destinate e interventi come un radicale rinnovamento del giardino o la conversione di un cortile esistente in terra battuta.

Si precisa, inoltre, che l'acquisto di alberi, piante, arbusti, cespugli o specie vegetali in genere, finalizzato all'intervento straordinario di sistemazione a verde presso un soggetto fornitore diverso rispetto al soggetto che esegue la prestazione è compreso tra gli interventi agevolabili.

Sono agevolabili dunque gli interventi di sistemazione giardino o area interessata, comprese le prestazioni necessarie alla sua realizzazione, ovvero il contribuente ha la facoltà di rivolgersi a fornitori diversi per l'acquisto degli alberi, piante, arbusti, cespugli e specie vegetali e per la realizzazione dell'intervento.


Terrazzi e giardini


Nei chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sul bonus terrazzi e giardini viene ribadito che, nella definizione di giardini e terrazzi, rientrano anche i giardini pensili.

La detrazione è quindi prevista relativamente a alla realizzazione di fioriere e allestimento a verde permanente di balconi e terrazzi, purché si tratti sempre di interventi innovativi.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus verde: ultimi chiarimenti su interventi ammessi
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 6 voti.

Bonus verde: ultimi chiarimenti su interventi ammessi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.057 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus verde: ultimi chiarimenti su interventi ammessi che potrebbero interessarti


Il bonus verde si estende all'arredo da giardino

Fisco casa - Al bonus verde si aggiunge il bonus per arredare il giardino: gazebi, tavoli, sedie e divanetti da esterno. È quanto previsto da un emendamento al Decreto Rilancio

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Via libera al Bonus verde anche per il 2020

Fisco casa - Prorogata anche per il prossimo anno la detrazione fiscale del 36% relativa al bonus verde per gli interventi di sistemazione a verde nelle unità immobiliari.

Bonus casa: proroga con la Manovra 2021

Fisco casa - In attesa del testo definitivo della Legge di Bilancio, arriva la notizia della conferma, nel Documento programmatico di bilancio, dei bonus casa per il 2021.

Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Appena pubblicato il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2018 con le novità economiche e fiscali più importanti anche per chi effettuerà dei lavori in casa
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lorep85
Ciao, devo fare alcuni acquisti per il terrazzo, terrazzo oggetto di ristrutturazione. Ho visto che alcuni acquisti possono rientrare nel Bonus Verde ma l'agenzia specifica che...
lorep85 25 Marzo 2019 ore 19:49 3
Img monikan72
Ciao a tutti, chissà se qualcuno può aiutarmi! In primavera, vorrei eseguire dei lavori in giardino per creare una zona d'ombra, sono ancora indecisa se utilizzare...
monikan72 02 Gennaio 2019 ore 13:37 1