Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
archiviato

Bonus per l'acquisto di strumenti musicali

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali18 Aprile 2017 ore 09:12
La legge di bilancio per il 2017 prevede un bonus per l'acquisto di strumenti musicali da parte di studenti di determinati istituti. Vediamo di cosa si tratta.

Bonus strumenti musicali o bonus Stradivari


Sconto sul prezzoUna delle inziative che negli ultimi anni sono state adottate dal Governo in favore degli studenti e della ripresa dei consumi è quella del bonus per l'acquisto di strumenti musicali, chiamato anche da alcuni bonus Stradivari.

La previsione di quest'anno rispetto a quella del 2016 è più amplia, sia quanto all'ambito degli Istituti ammessi, sia quanto all'entità del contributo.

Vediamo dunque più da vicino di cosa si tratta.


Bonus strumenti musicali, le norme


Noi considereremo la posizione del consumatore-studente accennando a quella del venditore-produttore.

Innanzitutto ci occupiamo della norma prevista nell'art. 1, co. 626, L. 232 del 11 dicembre 2016, la legge di bilancio per il 2017, il quale prevede la concessione di un contributo una tantum a favore degli studenti frequentanti determinati istituti musicali per l'acquisto di uno strumento musicale.

La norma richiama l'altra precedente (e analoga) contenuta nell'art.1 co.984, L. di stabilità per il 2016 (cioè la L. 208/2015, cui si dovrà fare riferimento per criteri e modalità di riconoscimento).

Inoltre, la norma prevede l'emissione di un successivo provvedimento dell'Agenzia delle Entrate per l'indicazione delle modalità attuative: infatti, è stato emesso il recentissimo Provvedimento (Prot. 50771) dell'Agenzia delle entrate del 14 marzo 2017.

Il 31 marzo è stata poi emessa la Circolare n. 6E/2017, sempre dell'Agenzia delle entrate che offre ulteriori chiarimenti e specificazioni.

Come sempre, rimandiamo alla lettura integrale dei testi normativi.


Cos'è il bonus per gli strumenti musicali


In sostanza il beneficio previsto consiste in uno sconto al consumatore del 65% del prezzo finale dello strumento musicale, per un massimo di bonus di euro 2500 euro (l'anno scorso era di 1000 euro e comunque non poteva superare il costo dello strumento) e lo strumento da acquistare deve essere nuovo e coerente con l'indirizzo di studi.

La previsione è circoscritta all'anno 2017.

Il limite complessivo del beneficio ammonta a 15 milioni di euro.

Se si è già sfruttato il beneficio nel 2016, un successivo acquisto è quindi ammesso al netto del beneficio già goduto.

Il beneficio è anticipato dal venditore o produttore, il quale effettuerà lo sconto al consumatore e successivamente godrà del credito d'imposta di pari importo dello sconto.


Bonus per gli strumenti musicali, i beneficiari


Chi può beneficiare della norma?

Evidentemente chi studia musica, ma ciò non è sufficiente: gli studenti devono essere in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi per l’iscrizione all’anno 2016-2017 o 2017-2018.

Gli studenti devono poi essere iscritti presso determinati istituti.


Quali istituti beneficiano del bonus


MusicaQuest'anno la platea degli Istituti ammessi è più amplia rispetto all'anno scorso.

Come osserva l'Agenzia delle entrate nella circolare n. 6E/2017, nel 2016 il beneficio era fruibile solo dagli

studenti iscritti ai corsi di strumento del triennio e del precedente ordinamento dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati, mentre quest’anno possono accedere al beneficio gli studenti di tutti i corsi dei conservatori e degli istituti musicali pareggiati (preaccademici, biennio, triennio e precedente ordinamento), gli iscritti ai licei musicali e coreutici, limitatamente alle sezioni musicali, e gli iscritti alle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica ai sensi dell’articolo 11 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 212 (Circolare 6E/2017)

.

Detto decreto contiene la

disciplina per la definizione degli ordinamenti didattici delle Istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (DPR 212/2005)

l'art. 11 in particolare si occupa dell'autorizzazione a rilasciare i titoli di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica alle istituzioni non statali già esistenti alla data di entrata in vigore di quella legge.

In concreto, poi, gli istituti specificamente ammessi sono indicati nell'allegato1 del Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 14 marzo del 2017 (prot. 50771); l'elenco può subire delle modifiche per conseguenza delle variazioni dell'offerta formativa degli istituti durante l'anno.


Quali strumenti si possono acquistare col contributo


Lo strumento da acquistare deve essere nuovo e coerente con l'indirizzo prescelto o affine o complementare: tali qualità devono risultare dalle dichiarazioni di conformità provenienti dagli istituti sulla base di quanto indicato dall'allegato 2, del citato Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate.

È ammesso anche l'acquisto di un componente dello strumento, ma non di beni di consumo, come ance o corde.


Modalità per ottenere il contributo


Per usufruire del beneficio lo studente deve chiedere al proprio Istituto (che è tenuto a rilasciarlo), un certificato d’iscrizione dal quale devono risultare il cognome, nome, codice fiscale, corso e anno di iscrizione dello studente nonché lo strumento musicale coerente con il corso di studi).

Strumenti musicali
Chi ha chiesto il certificato per l'anno scorso e intende usufruire nuovamente del beneficio, deve richiedere un altro certificato.

Il certificato è redatto in duplice copia: una viene conservata dall’Istituto emittente e l'altra viene consegnata dallo studente al venditore-produttore al momento dell’acquisto dello strumento.

Il produttore o il rivenditore, a sua volta, conserverà il certificato per tutto il periodo in cui l'Agenzia potrà effettuare controlli; inoltre, la vendita dovrà essere documentata tramite fattura, anche semplificata, ricevuta fiscale o scontrino parlante il quale dovrà indicare oltre agli altri dati richiesti, il codice fiscale dello studente, il prezzo di vendita includente il contributo e l’IVA, nonché l’importo del contributo.


Credito d'imposta per venditore/produttore


Come anticipato, il venditore/produttore usufruirà di un credito d’imposta di ammontare pari al contributo riconosciuto agli studenti sotto forma di sconto, sempre nel limite delle risorse stanziate di 15 milioni di euro, che verranno assegnate in ordine cronologico.

Per fruire del credito d’imposta, il rivenditore o produttore, prima di concludere la vendita dovrà comunicare all’Agenzia delle Entrate il codice fiscale proprio, dello studente e dell’Istituto che ha rilasciato il certificato di iscrizione, lo strumento musicale acquistato, il prezzo di vendita includendo il contributo e l’IVA.

Le comunicazioni potranno essere effettuate dal 20 aprile 2017 (la richiesta del certificato da parte degli studenti potrà essere fatta prima) attraverso il servizio telematico Entratel o Fisconline dell’Agenzia delle Entrate o tramite gli intermediari abilitati.

Per ogni comunicazione inviata il sistema rilascerà apposita ricevuta attestante l'utilizzabilità o meno del credito di imposta in considerazione della capienza dello stanziamento, della correttezza dei dati inseriti, e della verifica dell'unicità del bonus richiesto; risulterà anche l'eventuale bonus già fruito nel 2016 e la differenza del credito ancora eventualmente spettante; quindi, la ricevuta indicherà la somma pari al 65% del prezzo di vendita dello strumento nel caso di prima fruizione, o l'importo del contributo residuo fruibile nel caso in cui lo studente abbia fruito del beneficio anche l'anno scorso.

Il credito d'imposta sarà utilizzabile dal venditore-produttore dal secondo giorno lavorativo dopo la data di rilascio della ricevuta; e sarà fruibile esclusivamente in compensazione (ai sensi dell’art., 17, D.Lgs. 241/1997, e successive modificazioni.

Se dopo l'emissione della ricevuta la vendita dello strumento musicale non dovesse concludersi, il rivenditore o il produttore invierà una comunicazione di annullamento della vendita affinché lo studente possa usufruire in futuro del beneficio.

In tal caso se il rivenditore-produttore dello strumento musicale che avesse già utilizzato in compensazione il relativo credito di imposta dovrà riversarlo.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus strumenti musicali
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Bonus strumenti musicali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.315 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Natale in Casa
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Finestra in PVC a 2 ante a Torino
    Finestra in pvc a 2 ante a torino...
    379.00
  • Robot rasaerba Wolf Garten
    Robot rasaerba wolf garten...
    549.98
  • Pistola doppia Elegant Claber
    Pistola doppia elegant claber...
    8.30
  • Cesoia elettrica sfoltirami cordless
    Cesoia elettrica sfoltirami...
    34.99
  • Amazon Echo Dot altoparlante intelligente
    Amazon echo dot altoparlante...
    44.99
Notizie che trattano Bonus strumenti musicali che potrebbero interessarti


Via libera al Bonus verde anche per il 2020

Fisco casa - Prorogata anche per il prossimo anno la detrazione fiscale del 36% relativa al bonus verde per gli interventi di sistemazione a verde nelle unità immobiliari.

Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera

Bonus facciate 2020: le ultimissime novità

Fisco casa - Bonus facciate: la detrazione al 90% per le spese di rifacimento delle facciate degli edifici si estende a professionisti, imprese e lavoratori autonomi. Le novità

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Bonus facciate: confermato per il 2020 con limiti di spesa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus facciate: Detrazione del 90% per chi effettua la ristrutturazione della facciata dello stabile condominiale o della sua abitazione. Quali i limiti di spesa

Arriva il bonus facciate nell'abito della Manovra di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La manovra di bilancio 2020 ha introdotto il Bonus Facciate con un credito fiscale che arriva al 90% utile per rimettere a nuovo numerosi condomini fatiscenti.

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.