Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Bonus videosorveglianza e sicurezza, tutto quello che c'è da sapere

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali10 Marzo 2017 ore 10:04
Chi vuole beneficiare del bonus sicurezza e videosorveglianza per il 2016 deve proporre apposita domanda tra il 20 febbraio e il 20 marzo tramite via telematica.

Che fine ha fatto il bonus sicurezza della legge di stabilità 2016?


Che fine ha fatto il bonus sicurezza e videosorveglianza della legge di stabilità 2016?

Semplicemente, è stata, per quanto bella, una meteora.

Vediamo di cosa si trattativa e come si può oggi sopperire alla mancanza.

Cos'era dunque il cosiddetto bonus sicurezza e videosorveglianza?

impianto di allarmeLa legge di stabilità per il 2016 (L. 208/2015) all'art.1, co. 982 aveva previsto un credito d'imposta ai fini dell'imposta sul reddito (nel limite totale di 15 milioni di euro per il 2016) per le spese sostenute - da persone fisiche al di fuori dell'esericizio dell'attività di lavoro autonomo o di impresa – per l'installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o allarme, o connesse alla stipula di contratti con istituti di vigilanza; spese che dovevano essere - ma ci sembra pleonastica la precisazione operata dalla legge - «dirette alla prevenzione di attività criminali».

La norma prevedeva poi l'emanazione di un decreto ministeriale, entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge di stabilità, per la definizione dei criteri e delle procedure per l'ottenimento del beneficio, nonché per il recupero del medesimo nei casi di fruizione illegittima, nonché le ulteriori disposizioni finalizzate al mantenimento della spesa nei 15 milioni di cui sopra.

Quel decreto ministeriale, è stato pubblicato nella GU del 22.12.2016.

Con il D.M. innanzitutto, veniva chiarito che l'agevolazione valeva solo per le spese sostenute nel 2016 (la legge di stabilità si era riferita al 2016 solo indicando il limite complessivo entro cui doveva ammettersi il credito d'imposta).

L'ambito temporale del beneficio era quindi delimitato al 2016.

Bonus Sicurezza: tipologia di spesa
E l'ambito temporale è rimasto tale anche con le successive leggi di bilancio, che non hanno previsto alcunché riguardo al bonus in parola.

Come già detto, si doveva trattare di spese sostenute al di fuori attività di impresa o di lavoro autonomo, a meno che, aggiungeva il decreto, esse non si riferissero ad un immobile adibito «promiscuamente all'esercizio d'impresa o di lavoro autonomo e all'uso personale o familiare del contribuente»; in tal caso il credito era riconosciuto, ma ridotto della metà.


Calcolo del credito d'imposta e modalità di riconoscimento del bonus


Bonus sicurezza: impianto di videosorveglianzaPer ottenere il credito d'imposta, chi rientrava nella categoria indicata dalla norma doveva inviare per via telematica un'istanza all'Agenzia delle Entrate.

Nell'istanza i soggetti richiedenti dovevano indicare l'importo delle spese agevolabili sostenute nel 2016.

Sulla base del rapporto tra risorse stanziate e richieste pervenute, l'Agenzia delle Entrate avrebbe individuato la percentuale massima spettante a ciascun richiedente come credito d'imposta.

Il decreto poi rispondeva ad uno dei quesiti più diffusi posti dalla norma - quello riguardante la cumulabilità tra il beneficio in questione e le altre agevolazioni di natura fiscale riguardanti le stesse spese - e la risposta era no, non era cumulabile.


Fruizione del credito d'imposta per ottenere il bonus sicurezza


Il credito d'imposta doveva essere indicato nella dichiarazione dei redditi per il 2016 ed era utilizzabile in compensazione (ai sensi dell'art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241).

A tal fine, il modello F24 utilizzato per il pagamento doveva essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici offerti dall'Agenzia delle Entrate; in alternativa, le persone fisiche non titolari di redditi d'impresa o di lavoro autonomo (dunque non coloro che chiedevano di usufruire del beneficio con riferimento ad immobili utilizzati promiscuamente («all'esercizio d'impresa o di lavoro autonomo e all'uso personale o familiare del contribuente») potevano utilizzare il credito spettante in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi.


Il credito d'imposta eventualmente non utilizzato avrebbe potuto essere fruito nei periodi di imposta successivi.

Naturalmente, se l'Agenzia avesse accertato la non spettanza dell'agevolazione, avrebbe proceduto al recupero dell'importo.


Modalità e termini di presentazione dell'istanza


È stato poi emesso l'annunciato provvedimento dell'Agenzia delle entrate (il n. 33037 del 14 febbraio 2017, riguardante «Modalità e termini di presentazione dell'istanza»).

Il provvedimento specificava il contenuto che doveva avere l'istanza, prevedendo che ai fini della richiesta di attribuzione del credito d’imposta, i beneficiari erano tenuti a comunicare all’Agenzia delle Entrate: il proprio codice fiscale, il codice fiscale del fornitore del bene o servizio, le fatture (numero, data e importo comprensivo dell'iva) relative ai beni e servizi acquisiti, specificando se la fattura è relativa ad un immobile «adibito promiscuamente all’esercizio d’impresa o di lavoro autonomo e all’uso personale o familiare del contribuente».

Bonus sicurezza e videosorveglianza: telecameraL’istanza poteva essere presentata solo in via telematica direttamente da parte dei soggetti abilitati o tramite i soggetti incaricati (di cui ai commi 2-bis e 3 dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322), come ad es. i commercialisti.

Per ogni istanza inviata, il sistema avrebbe rilasciato relativa ricevuta.

Era ammesso l'invio di un'unica richiesta (riguardante tutte le spese sostenute nel 2016).

Nel caso di invio di più istanze da parte di uno stesso soggetto, sarebbe stata ritenuta valida l’ultima istanza presentata.

Come previsto dal decreto, il provvedimento individuava anche il periodo nel quale si poteva presentare l'istanza e cioè dal 20 febbraio al 20 marzo 2017.

Il credito d’imposta maturato poteva essere utilizzato solo in compensazione per il pagamento delle imposte (ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. n. 241/1997), presentando il modello F24 esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

Chi non era titolare di reddito d’impresa o di lavoro autonomo poteva utilizzare il credito anche in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

Ecco un link al pieghevole dell'Agenzia delle entrate sul beneficio.


Bonus sicurezza e detrazioni fiscali sulla casa


Come anticipato, le leggi di bilancio successive a quella del 2016 non hanno confermato il credito d'imposta in parola.

Il beneficio dunque, previsto espressamente per il 2016, non esiste dal 2017 al 2019.

Cosa si può fare allora se si sostengono spese del genere dopo il 2016?

Una soluzione c'é: permangono, infatti, le detrazioni previste per le ristrutturazioni.

Quanto alle detrazioni per ristrutturazioni, il beneficio, previsto senza limite temporale, (ex art. 16-bis, DPR 917/1986) consiste nella detrazione dall'imposta lorda pari al 36% delle spese sostenute, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, da un po' di anni a questa parte, come molti sspranno, in virtù di norme con vigenza limitata nel tempo, la percentuale è salita al 50% e l'ammontare complessivo delle spese è salito a 96.000 euro, salvo le eccezioni espresse.

Bonus videosorveglianza: impianto di sicurezza digitaliTornando al discorso, ricordiamo che l'art.1 lett.f, D.P.R. n. 917/1986 ammette al beneficio della detrazione – tra gli altri - gli interventi relativi «all'adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi».

In questo caso sono ammesse ad es., le spese sostenute per:

installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti; fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline (Guida dell'Agenzia delle Entrate 2019).



Nella guida dell'AdE sono espressamente escluse le spese sostenute per stipulare il contratto con l'istituto di vigilanza.

Inoltre, è stato chiarito che in questo caso, per atti illeciti si intendono quelli penalmente rilevanti.

Naturalmente, data l'esclusione - nel provvedimento dell'Agenzia delle Entrate - della cumulabilità tra il beneficio in parola ed altri riguardanti le stesse spese, per il 2016 per il 2016 si poteva usufruire, avendone i requisiti, dell'uno o dell'altro (non di entrambi).

Ricordiamo inoltre che gli impianti di sicurezza rientrano nell'elenco dei beni significativi, cioè di quei beni la cui cessione, (nell'ambito di interventi di manutenzione su immobili residenziali e solo in caso di appalto) è soggetta all'aliquota iva del 10% fino a concorrenza della prestazione, al netto del valore dei beni stessi.

Altri interventi utili ad assicurare la sicurezza possono godere della detrazione per riqualificazione energetica: ad es., l'installazione di portoni può godere anche della detrazione per riqualificazioni energetiche qualora vi sia l’attestazione dei requisiti di transmittanza; per tale intervento la detrazione per riqualificazioni energetiche fino al 31 dicembre 2019 dovrebbe essere secondo chi scrive pari al 50%: infatti, per le finestre, cui i portoni sono stati equiparati con la circ. 21/2010, dal 2018 la percentuale è stata abbassata al 50%; all’atto pratico sarebbe comunque opportuno avere una conferma dell'effettiva detrazione mediante la proposizione di con un interpello all’AdE.

Anche in questo caso è obbligatoria la scelta tra un beneficio fiscale e l’altro, non essendo, le detrazioni per ristrutturazioni e quelle per riqualificazioni energetiche, cumulabili.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus sicurezza e videosorveglianza
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Bonus sicurezza e videosorveglianza: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
306.697 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Cancello di sicurezza estensibile verniciato exten
    Cancello di sicurezza estensibile...
    260.00
  • Cancello di sicurezza estensibile zincato exten
    Cancello di sicurezza estensibile...
    205.00
  • Barra di sicurezza per vasistas
    Barra di sicurezza per vasistas...
    47.00
  • Grate di sicurezza
    Grate di sicurezza...
    490.00
  • Occhiali di sicurezza DeWalt
    Occhiali di sicurezza dewalt...
    12.94
  • Carta da parati patchwork
    Carta da parati patchwork...
    6.99
Notizie che trattano Bonus sicurezza e videosorveglianza che potrebbero interessarti
730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

Fisco casa - L'Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per inviare al Fisco i dati relativi alle spese effettuate per lavori di ristrutturazione nell'ambito condominiale
Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Detrazioni fiscali per la casa: ecco le guide aggiornate dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sul sito dell'Agenzia delle Entrate sono scaricabili le guide aggiornate sulle detrazioni fiscali per ristrutturazione, risparmio energetico, acquisto di mobili

Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus: non spetta a chi acquista casa da impresa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se l'impresa che esegue lavori di recupero del patrimonio edilizio e risparmio energetico vende l'immobile? I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Imposte ipotecali e catastali: niente pagamenti in contanti dal 1° gennaio 2018

Catasto - Niente più contanti dal 1° gennaio 2018 per pagare imposte ipotecarie e catastali. Lo ha detto l'Agenzia delle Entrate con un comunicato dello scorso 2 dicembre

Come funziona il trasferimento del bonus mobili?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus mobili e detrazione per lavori di ristrutturazione edilizia sono connessi tra loro ma c'è un'importante differenza tra le due riguardante il trasferimento