Detrazioni fiscali casa 2019: il bonus ristrutturazione

NEWS DI Fisco casa17 Dicembre 2018 ore 09:39
Bonus per la casa, proroghe e novità. Nuovi adempimenti per gli interventi di ristrutturazione nell'unità immobiliare. Di seguito indicazioni utili in materia.

Agevolazioni fiscali per ristrutturazione


Detrazioni fiscali
riconfermate per il 2019 a favore di coloro che effettuano lavori di ristrutturazione, di riqualificazione energetica e di adeguamento sismico.

La legge di Bilancio 2019 proroga infatti le agevolazioni fiscali previste per molte spese sulla casa; non vi sono modifiche sostanziali rispetto allo scorso anno.

Unica novità di rilievo è che da novembre 2018 chi effettua lavori di ristrutturazione che comportano anche un risparmio energetico e/o utilizzo di fonti rinnovabili sarà tenuto a darne comunicazione all’Enea. Si tratta di fatto di un nuovo adempimento burocratico, analogo a quello già previsto per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

L’obiettivo connesso a tale procedura è rendere possibile il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico collegato all’esecuzione di interventi di recupero edilizio.

Bonus ristrutturazioni
Vediamo più nel dettaglio chi ha diritto alle detrazioni fiscali, per quali tipologie di interventi e quali sono le regole per beneficiare degli incentivi fiscali.

L’agevolazione fiscale più conosciuta prevista in caso di interventi di recupero del patrimonio edilizio è quella di cui all’articolo 16 bis del dpr 917/86 (testo unico delle imposte sui redditi) che consiste in una detrazione dall’Irpef pari al 36% delle spese sostenute per il recupero edilizio, fino a un ammontare complessivo delle stesse pari a 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare.
Il decreto legge 83/2012 ha elevato al 50% la percentuale di detrazione spettante al contribuente e a 96.000 € il limite della spesa detraibile. Tali valori sono stati prorogati negli anni dalle Leggi di Bilancio che si sono succedute.

L’attuale Legge di Bilancio proroga al 31 dicembre 2019 la detrazione fiscale Irpef pari al 50% per le spese sostenute dal contribuente per interventi di restauro, manutenzione, messa in sicurezza dell’immobile, eseguiti presso abitazioni o svolti su parti comuni degli edifici condominiali.
Si potrà fruire della detrazione spese ristrutturazione se queste verranno pagate con bonifici e se sono state sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019.


Bonus ristrutturazione: di cosa si tratta e chi può chiederlo


Il bonus ristrutturazioni edilizie è una misura fiscale che consiste nella possibilità di detrarre dall’Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) parte dei costi sostenuti per la ristrutturazione dell’abitazione o di parti comuni di edifici condominiali.

Detrazioni fiscali ristrutturazioni
Nello specifico, per i lavori eseguiti sulle singole unità abitative si potrà beneficiare del 50% delle spese sostenute, con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Chi potrà fruire del bonus ristrutturazione?


Potranno godere dell'agevolazione i contribuenti assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche, residenti o meno nel territorio dello stato, che siano proprietari, possessori o detentori sulla base di un titolo idoneo, dell'immobile sul quale sono stati effettuati i lavori.
Rientrano nel novero dei beneficiari anche i titolari di diritti reali o personali di godimento sugli immobili oggetto di intervento che hanno sostenuto i costi degli interventi edilizi.

Hanno diritto alla detrazione, inoltre, sempre che sostengano i costi e risultino intestatari dei bonifici e delle fatture:

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell'immobile oggetto dei lavori;

  • il coniuge separato al quale sia stato assegnato l'immobile intestato all'altro coniuge;

  • il componente dell'unione civile;

  • il convivente more uxorio che non sia proprietario dell'immobile oggetto di intervento né comodatario, in riferimento alle spese sostenute a far data dal 1 gennaio 2016.

Può richiedere la detrazione anche chi esegue in proprio i lavori di ristrutturazione, limitatamente alle spese sostenute per l'acquisto dei materiali impiegati.


Detrazioni fiscali ristrutturazioni: quali sono le tipologie di interventi


Di seguito indichiamo quali sono le tipologie di intervento su singole unità immobiliari per i quali spetta l'agevolazione del 50%; si tratta degli interventi riportati alle lettere b), c) e d) dell'articolo 3 del Dpr 380/2001:

  • manutenzione straordinaria;

  • restauro e risanamento conservativo;

  • ristrutturazione edilizia;

  • ricostruzione o ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, purché sia stato dichiarato lo stato di emergenza;
  • eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori o montacarichi;
  • lavori finalizzati alla realizzazione di strumenti idonei a favorire la mobilità interna ed esterna all'abitazione per le persone con disabilità gravi;

  • interventi finalizzati all'adozione di misure dirette a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di soggetti terzi;

  • interventi finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell'inquinamento acustico;

  • interventi volti al conseguimento di risparmi energetici;

  • interventi finalizzati all'adozione di misure antisismiche;

  • interventi di bonifica dall'amianto e di esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici.

Non sono ammessi alla detrazione fiscale gli interventi di manutenzione di carattere ordinaria (agevolazione prevista solo per i lavori in ambito condominiale).
Unica deroga all'esclusione è che i lavori rientrino in un intervento più ampio di ristrutturazione.

Per quali altre spese spetta l'agevolazione fiscale?



  • Spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali;

  • spese per l'effettuazione di perizie e sopralluoghi;

  • oneri di urbanizzazione.

Per non commettere errori e poter essere ammessi ai benefici fiscali in caso di spese di ristrutturazione, riteniamo opportuno ricordare che si potrà consultare la guida pubblicata lo scorso 23 novembre dall’Agenzia delle Entrate, con molte informazioni relative ai diritti dei cittadini e alle procedure da rispettare per godere delle agevolazioni fiscali.


Interventi di ristrutturazione sulle parti comuni di edifici condominiali


Abbiamo visto che anche per i lavori di ristrutturazione di parti comuni di stabili condominiali è possibile fruire della detrazione del 50%, con un limite massimo di spesa pari a 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Le parti comuni sono quelle di cui all'articolo 1117, numeri 1, 2 e 3 del codice civile.

La detrazione spetta ad ogni singolo condomino in base alla quota millesimale.
Il beneficio è dovuto in base all'anno in cui è stato effettuato il bonifico da parte dell'amministratore di condominio. Quest'ultimo è tenuto a certificare l'ammontare della spesa pagata e la quota parte millesimale riferibile a ciascun condomino.


Come richiedere il bonus ristrutturazione


Per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni 2019 il contribuente dovrà riportare nella propria dichiarazione dei redditi i dati catastali che identificano l’immobile oggetto di intervento, gli estremi di registrazione dell’atto che costituisce titolo idoneo a provare la proprietà o il possesso dell’edificio.

La detrazione fiscale deve essere ripartita in 10 quote annuali di uguale importo, nell'anno in cui la spesa è stata effettuata e in quelli successivi.

La detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio non può essere cumulata con l'agevolazione fiscale prevista per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici (anch'essa del 50%). Qualora i lavori eseguiti rientrino in entrambe le fattispecie, il contribuente può fruire per le medesime spese, solo dell'uno o dell'altro beneficio.

È fondamentale conservare tutta la documentazione che provi l’avvenuto pagamento e l'effettuazione del lavoro. Si tratta dei documenti indicati nel provvedimento del 2 novembre 2011 del Direttore dell'Agenzia delle Entrate.

Interventi di ristrutturazione
I documenti necessari per usufruire del bonus ristrutturazioni 2019 saranno i seguenti:

  • Comunicazione ASL competente per territorio

  • Domanda di accatastamento, nel caso in cui l'immobile non sia ancora censito

  • Ricevute di pagamento dell'IMU, qualora sia dovuto il pagamento

  • Delibera dell'assemblea di approvazione dell'esecuzione dei lavori con tabella millesimale di ripartizione delle spese, nel caso gli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici condominiali

  • Dichiarazione di consenso da parte del possessore dell'immobile all'esecuzione dei lavori, qualora questi vengano eseguiti dal detentore, se diverso dai familiari conviventi

  • Abilitazioni amministrative previste dalla legge edilizia in relazione alla tipologia di lavoro da eseguire (ad esempio concessioni e autorizzazioni)

  • Ricevuta dell'avvenuta trasmissione dei dati all'Enea, obbligatoria dal mese di novembre, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici.

Per gli acquisti contemporanei di abitazione e box, è necessario un documento attestante il vincolo di pertinenza del box con la casa . Ultima precisazione da fare è che per fruire della detrazione fiscale è indispensabile che i lavori vengano pagati mediante bonifico bancario o postale.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus Ristrutturazione 2019
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.

Bonus Ristrutturazione 2019: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Mercoledì 19 Dicembre 2018, alle ore 20:06
    Buongiorno, tecnicamente l'entrata in vigore della Legge di Bilancio è prevista per il primo gennaio 2019; in merito al bonus ristrutturazioni i contenuti sono stati definiti salvo ulteriori ritocchi nel corso dell'ultimo iter parlamentare. Gli aspetti fondamentali sono già stati definiti dall'Agenzia delle Entrate nella guida aggiornata al 23 novembre 2018.Cordiali saluti
    rispondi al commento
  • Ken23
    Ken23
    Martedì 18 Dicembre 2018, alle ore 18:24
    Leggo "proroga già approvata per il 2019" in forza della legge di bilancio 2019. 
    Ad oggi non è ancora stat approvata ed è ancora in tumultuosa discussione...
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Bonus Ristrutturazione 2019 che potrebbero interessarti
Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.
Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti
Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Bonus ristrutturazioni: quando spetta al familiare convivente

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quando il familiare convivente può fruire del bonus ristrutturazione per i lavori eseguiti sull'immobile di proprietà del familiare. Ecco i chiarimenti del Fisco

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.

Guide aggiornate alle novità 2015 sulla detrazione 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle entrate ha aggiornato le guide on line sulle detrazioni fiscali per la casa, la detrazione 50% per la ristrutturazione e al 65% per la riqualificazione.

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Bonus fiscali e Piano Casa

Normative - La Risoluzione 4/E del 4 gennaio 2011 dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che i bonus fiscali del 36% e del 55% possono essere richiesti anche per alcuni interventi previsti dal Piano Casa.

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate
REGISTRATI COME UTENTE
297.885 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Claber
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.