Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Bonus prima casa quando l'acquisto dell'immobile è all'asta

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali16 Maggio 2019 ore 09:41
È possibile fruire delle agevolazioni prima casa acquistando un immobile tramite asta giudiziaria? Quali sono le condizioni da rispettare per il bonus prima casa?

Asta giudiziaria: chi può beneficiare del bonus prima casa


Comprare casa tramite un'asta giudiziaria può rivelarsi una soluzione alquanto vantaggiosa.
Con questa modalità di acquisto è infatti possibile acquistare un immobile anche ad un prezzo inferiore del 25% rispetto al suo prezzo di mercato.

Se si trova l'occasione giusta, l'acquisto di immobili oggetto di esproprio o di fallimento può certamente costituire un buon affare. Inoltre con una certa facilità (ad esempio consultando internet) si può venire a conoscenza delle abitazioni sottoposte a vendita forzata, aspetto questo che contribuisce ad incentivare questo meccanismo.

L'asta giudiziaria è una procedura conveniente se si pensa che la legge consente, anche a chi ha comprato casa da un tribunale, di fruire del bonus prima casa. Gli aspetti fiscali connessi a un acquisto importante, come quello di un'abitazione, sono sempre molto determinanti in riferimento alla decisione da prendere.

Bonus prima casa asta giudiziaria

Con bonus prima casa si intendono le agevolazioni fiscali a disposizione di chi acquista un immobile nel Comune dove il compratore contribuente ha stabilito la residenza o dove la trasferirà, entro il lasso di tempo pari a 18 mesi decorrenti dal giorno dell'acquisto.

Poiché il bonus prima casa consente uno sconto sul pagamento delle imposte (imposta di registro e IVA ridotte) dovute in caso di compravendita, è ancor più evidente la reale convenienza di questa modalità di acquisto. Si vuole così favorire la circolazione dei beni immobili oggetto di vendite giudiziarie, rilanciando il mercato immobiliare.

Ricordiamo che la vendita conclusa mediante asta giudiziaria è quella riguardante un immobile pignorato o appartenuto a un soggetto che ha subito una procedura fallimentare.
La vendita forzata di un immobile oggetto di esproprio, gestita dal tribunale oggi può avvenire anche attraverso la modalità telematica.

Di seguito faremo chiarezza sul tema concernente i benefici prima casa, illustrando quali siano i requisiti per poter rientrare nell'ambito di applicazione della normativa.


Requisiti per accedere al bonus prima casa


Per poter beneficiare delle agevolazioni fiscali prima casa, anche con acquisto tramite asta giudiziaria, è necessaria la presenza di alcune condizioni:

  • l'immobile oggetto della compravendita non deve essere di lusso (sono infatti escluse le categorie catastali A/1, A/8 e A/9);

  • l'acquirente non deve essere titolare esclusivo o in comunione dei beni con il coniuge, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e diritto di abitazione di altro immobile adibito ad abitazione, nel territorio del Comune in cui è situato l'immobile da acquistare;

  • il contribuente che acquista l'immobile agevolato non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione dei beni, su tutto il territorio nazionale di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione e nuda proprietà su altra casa adibita ad abitazione, acquista dal soggetto o dal coniuge, avvalendosi dei benefici prima casa;

  • chi acquista l'immobile agevolato deve avere stabilito la residenza nel Comune dove si trova l'immobile o deve effettuare presso di esso il trasferimento, rispettando il termine di 18 mesi dalla data dell'acquisto.


Bonus prima casa

Per poter mantenere i suddetti benefici fiscali, l'abitazione non deve essere venduta nei primi 5 anni dopo l'avvenuto acquisto, salvo che il soggetto non provveda a riacquistare un'abitazione nei successivi 12 mesi dalla vendita.

In caso di decadenza dalle agevolazioni, il compratore sarà costretto a pagare le tasse nella loro interezza, unitamente a interessi e sanzioni applicate.


Acquisto prima casa tramite asta giudiziaria: è possibile?



Conviene l'acquisto della casa mediante asta giudiziaria?

Le agevolazioni prima casa possono essere utilizzate anche in caso di immobile acquistato all'asta in tribunale?

La risposta è sì, tuttavia, come asserito con una recente sentenza (137/02/17) della Commissione provinciale di Sondrio, occorre rispettare alcune condizioni senza le quali non si avrà il diritto ai benefici.

Per poter fruire di uno sconto sulla tassazione quando si compra casa all'asta, requisito essenziale è che la richiesta di avvalersi del beneficio prima casa venga effettuata presso l'Agenzia delle Entrate, prima della registrazione del decreto di trasferimento emesso dal tribunale.

Ricordiamo che il decreto di trasferimento è il provvedimento con il quale il giudice delle esecuzioni trasferisce il bene immobile a chi lo ha acquistato tramite asta. La vicenda oggetto di esame da parte dei giudici nasce dalla richiesta di rimborso avanzata da un contribuente all'Agenzia delle Entrate dopo essersi aggiudicato all'asta un immobile.

Avvenuta la registrazione del decreto di trasferimento egli versava le imposte per intero,tuttavia dopo aver conseguito i requisiti relativi alla prima casa, chiedeva la restituzione delle somme a suo dire versate in eccesso.

Asta giudiziaria e agevolazioni prima casa
La richiesta, respinta dall'Agenzia delle Entrate giungeva, dinnanzi alla Cpt di Sondrio che si pronunciava in via definitiva sulla questione. Il giudice respingeva il ricorso e affermava quanto segue: le vendite avvenute mediante asta giudiziaria possono certamente beneficiare del bonus prima casa qualora l'acquirente dichiari di avvalersi delle agevolazioni fiscali contestualmente all'istanza di partecipazione all'asta giudiziaria.

Se la dichiarazione non viene resa contestualmente si potrà presentare con un atto integrativo successivamente, fino alla emissione del decreto di trasferimento da parte del tribunale.
Tuttavia l'stanza non avrà alcun valore e il bonus prima casa non potrà essere accordato se la dichiarazione avvenga dopo la registrazione del decreto di trasferimento presso l'Agenzia delle Entrate, momento questo che costituisce un limite insuperabile.

Nel caso trattato dalla Commissione tributaria provinciale di Sondrio la richiesta di rimborso da parte del contribuente, pervenuta con ritardo, veniva dunque respinta e nessuna agevolazione fiscale poteva essere concessa.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus prima casa con acquisto all'asta
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Bonus prima casa con acquisto all'asta: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Laura
    Laura
    Martedì 7 Luglio 2020, all or 00:35
    Vorrei partecipare ad un asta ministeriale di un bene strumentale che vorremmo trasformare in abitazione principale, per cui dovremmo fare il cambio d’uso da bene commerciale (A10) a residenziale.
    Possiamo usufruire dei benefici prima casa?
    La liquidatrice ci ha riferito che per volontà del proprietario del bene si applica l’IVA AL 22%, in caso di società c’è il reverse charge e quindi l’IVA non si paga.
    Io vorrei tanto ci fosse la possibilità di pagare l’iva al 4%, ho speranze?
    rispondi al commento
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Giovedì 23 Maggio 2019, all or 17:38
    Buongiorno Maria,La dichiarazione di avvalersi dei benefici deve essere fatta contestualmente all'istanza di partecipazione all'asta o comunque prima della registrazione del decreto di trasferimento. Questo legittimera' gli sconti sulle imposte
    rispondi al commento
  • Maria
    Maria
    Giovedì 23 Maggio 2019, all or 09:20
    Non mi è chiaro se il bonus prima casa per acquisto all'asta è una procedura da fare dall'acquirente o se è in automatico all'atto dell'acquisto
    Se è da richiedere come si fa?
    rispondi al commento
  • Massi0401
    Massi0401
    Mercoledì 22 Maggio 2019, all or 13:23
    Chi è portatore di 104 ha diritto a qualche agevolazione su acquisto casa all' asta?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.515 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus prima casa con acquisto all'asta che potrebbero interessarti


Agevolazioni prima casa anche se si possiede altro immobile in affitto

Leggi e Normative Tecniche - Si può beneficiare del bonus prima casa nel caso in cui si è proprietari di altro immobile dato in locazione. Vediamo i chiarimenti della Corte di Cassazione.

Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

Bonus prima casa: possibile la proroga dei termini ordinari per evitare decadenze

Comprare casa - All'esame del Governo un intervento legislativo finalizzato alla proroga dei termini per riacquistare o vendere al fine di evitare decadenze bonus prima casa.

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus: non spetta a chi acquista casa da impresa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se l'impresa che esegue lavori di recupero del patrimonio edilizio e risparmio energetico vende l'immobile? I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Comunicazione Enea: slitta ad aprile il termine per l'invio dati bonus casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Slitta la scadenza per la trasmissione all'Enea dei documenti relativi a lavori di ristrutturazione che comportino un risparmio energetico o energia rinnovabile
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img emmeelle57
Buonasera.Abbiamo deciso di acquistare all'asta un immobile di categoria C/3 per fare un piccolo investimento.Considerato il prezzo e la zona, pur non avendo avuto la...
emmeelle57 07 Aprile 2015 ore 17:40 1
Img marcocaeran
Buongiorno,vorrei porvi un quesito, mio padre ha una casa vecchia grande dove tuttora vive, l'idea sarebbe quella di dividere la casa frazionandola in due, fare un passaggio di...
marcocaeran 09 Luglio 2015 ore 09:24 2
Img agav
Buongiorno,ho perso a causa di una grave malattia la mia compagna e sto facendo le pratiche per la successione sono erede testamentaria, testamento registrato regolarmente, volevo...
agav 19 Agosto 2015 ore 12:54 3
Img kaiser soze
Un mio amico ha acquistato più di 5 anni fa una casa con le agevolazioni per la prima casa.Per motivi famigliari non è riuscito a portare la residenza entro 18 mesi...
kaiser soze 12 Aprile 2011 ore 15:10 2
Img emmeemme
Buongiorno,ho un dubbio legato ad una successione (che non è ancora stata presentata, ma è in scadenza imminente) che poi porterà ad una divisione tra eredi...
emmeemme 13 Luglio 2015 ore 18:46 1