Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Bonus mobili: la risposta alle domande più frequenti

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali22 Giugno 2019 ore 09:46
Vediamo le risposte ad alcune tra le domande più frequenti sul bonus mobili, la detrazione per chi compra mobili ed effettua interventi di recupero su immobili.

Bonus mobili


Il bonus mobili o bonus arredi è la detrazione fiscale di cui può usufruire chi acquista beni mobili ed elettrodomestici ed effettua interventi di recupero del patrimonio edilizio prevista dall'art. 16, co.2, D.L. n. 63/2013.

La Legge di Bilancio per il 2019 (L. n. 145/2018) ha confermato la detrazione anche per il 2019 alle seguenti condizioni: deve trattarsi di spese sostenute nel 2018 per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (in classe A per i forni) per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

Bonus mobili 2019
L’acquisto di grandi elettrodomestici sprovvisti di etichetta energetica è ammesso all'agevolazione solo se, per quella tipologia, non sia ancora previsto l’obbligo di etichetta energetica.

Le spese devono essere finalizzate ad arredare l'immobile oggetto di intervento di recupero; sono ammessi alla detrazione per i mobili coloro che usufruiscono della detrazione sugli interventi di recupero.

L'intervento di recupero dev'essere stato iniziato dal 1 gennaio 2018.

La detrazione si ripartisce in dieci quote annuali di pari ammontare da ripartire tra gli aventi diritto. La detrazione ammonta al 50% delle spese sostenute, che non possono superare 10.000 euro (al netto di quelle per cui si è già usufruito dell'agevolazione nel 2018).


Ai fini della fruizione della detrazione, le spese su mobili ed elettrodomestici sono computate indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione.

Non si registrano grandi modifiche rispetto all'anno scorso, salvo il mutamento relativo al periodo di riferimento (lo scorso anno erano ammesse solo le spese sostenute nel 2018 per gli interventi iniziati a partire dal 1 gennaio 2017).

La detrazione in parola solleva spesso dubbi di vario genere a cui l'Agenzia delle Entrate ha tentato di dare risposta negli anni nei vari documenti di prassi e nella sua guida annuale dedicata specificamente proprio al bonus mobili.


Bonus mobili e detrazioni per ristrutturazioni


Allora, iniziamo con il primo tema, quello riguardante gli interventi edilizi ammessi alla detrazione fiscale a cui possono essere collegate le spese di acquisto di mobili ed elettrodomestici ai fini della fruizione del bonus mobili.

La domanda si è posta perché nelle versioni normative sino alla legge di stabilità 2016 (L. n. 208/2015) il testo si riferiva alla

detrazione di cui al comma 1 art. 16, co.2, D.L. 63/2013 ante 2017


laddove il comma 1 menzionava in generale tutti gli interventi che godono della detrazione detta per interventi di recupero e cioè quelli indicati nell'art. 16-bis, D.P.R. n. 917/1986.

Tale espressione portava alcuni a ritenere erroneamente che la detrazione sui mobili valesse per ogni intervento rientrante nell'elenco di cui all'art. 16-bis, D.P.R. n. 917/1986.


Domande frequenti su come ottenere il bonus mobili
Tale elenco, nonostante la dizione usata in gergo ristrutturazioni, comprende anche interventi che con il recupero degli immobili non hanno nulla a che fare.

Ebbene, per tali interventi la detrazione fiscale sui mobili è stata espressamente esclusa dall'Agenzia delle Entrate.

Oramai ciò risulta anche dalla nuova versione normativa già dal 2017 con l'aggiunta dell'inciso:

limitatamente agli interventi di recupero del patrimonio edilizio art. 16, co.2, D.L. 63/2013 post 2017


L'intervento di recupero può anche riguardare beni condominiali, però in questo caso gli arredi o gli elettrodomestici acquistati devono riguardare parti condominiali.

Dunque, gli interventi edili collegabili al bonus mobili sono:
manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti (sui singoli appartamenti sono esclusi i lavori di manutenzione lavori di manutenzione ordinaria); manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali; ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, anche se non rientranti nelle precedenti categorie, se è stato dichiarato lo stato di emergenza; restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia su interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi (fino al 31 dicembre 2014, entro 6 mesi) dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile.

Sono esclusi gli interventi di riqualificazione energetica.


Tempistica delle spese e degli interventi edili


È stato anche chiarito che le spese sui mobili possono essere sostenute anche prima di quelle dell'intervento edile. L'importante è che l'intervento risulti iniziato prima.

Il letto rientra tra gli acquisti bonus mobili

Dunque, fino al 31 dicembre 2016 le spese ammesse alla detrazione erano quelle sostenute tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016 e le spese sull'intervento edilizio dovevano essere sostenute dal 26 giugno 2012 (v. ad es. circ. 7E/2017); mentre, dal 2017 al 2019 sono ammesse le spese sostenute nell’anno e i lavori devono essere eseguiti nell’anno e in quello precedente.Così, per il 2019 sono ammesse le spese sostenute nel 2019 con riferimento a lavori edili iniziati a partire dal 1 gennaio 2018.

Mobili ed elettrodomestici ammessi alla detrazione


Non tutti i mobili e gli elettrodomestici sono ammessi alla detrazione.

L'Agenzia ad esempio ha incluso tra i grandi elettrodomestici i frigoriferi, congelatori, altri grandi elettrodomestici utilizzati per la refrigerazione, la conservazione e il deposito degli alimenti, lavatrici, asciugatrici; mentre tra i mobili vi sono letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze (v. circ. 7/2017).

Bonus arredi: divani e poltrone

Deve sicuramente trattarsi di mobili nuovi, dunque non usati (v. circ. 29/2013).
Sono ammessi anche i beni acquistati all'estero.


Bonus mobili e convivenza di fatto


Anche i conviventi di fatto possono, con decorrenza dal 1 gennaio 2016, usufruire, oltre che della detrazione sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, anche della detrazione del bonus mobili (v. ris. 64/2016 e circ. 8/2017).


Detraibilità della spesa per acquisto mobili e grandi elettrodomestici


L'importo massimo su cui detrarre è di 10.000 euro, prescinde dall'importo sostenuto per l'intervento edilizio ed è applicabile ad ogni unità immobiliare: dunque, se il contribuente esegue gli interventi su più immobili può usufruire della detrazione più volte.

Viceversa, se sulla stessa unità sono stati effettuati più interventi l'importo massimo è sempre di 10.000 euro (v. circ. 11/2014, risp. 5.7).

A differenza della detrazione per le spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, il bonus mobili non utilizzato in tutto o in parte non si trasferisce né in caso di decesso del contribuente, né in caso di vendita dell’immobile oggetto di intervento di recupero edilizio (v. circ. 21/2010 n. 21, risposta 2.2 e circ. 17/2015, risposta 4.6).


Bonus mobili e modalità di pagamento


Il pagamento va effettuato con bonifico ma non necessariamente con il bonifico appositamente predisposto per le spese di recupero del patrimonio edilizio, soggetto a ritenuta (v. circ. 29/2013).

Arredi agevolabili: tavoli e sedie

È ammesso l'utilizzo di carte di credito o carte di debito, mentre non è consentito l'utilizzo di assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento (v. circ. 7 del 2016, punto. 2.4).

Il bonus è ammesso anche in caso di acquisto mediante finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento effettui il pagamento con le modalità previste e il contribuente abbia copia della ricevuta del pagamento.

A seconda della tipologia di pagamento scelta, la spesa deve considerarsi sostenuta: - nel caso del bonifico, al momento dell’effettuazione dello stesso; - nel caso di pagamento con carte di credito e bancomat, il giorno di utilizzo della carta (evidenziato nella ricevuta di avvenuta transazione) e non il giorno di addebito sul conto; nel caso di pagamento tramite finanziamento, l’anno di sostenimento della spesa sarà quello di effettuazione del pagamento da parte della finanziaria v. circ. 11 del 2014, risposta 4.4 e circ. 7/2017


Infine, in sintesi, i documenti da conservare per il caso di controlli dell'Agenzia, sono:

  •  la ricevuta del bonifico;

  • ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito);

  • documentazione di addebito sul conto corrente;

  • fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.

Ulteriori informazioni saranno reperibili sono reperibili, oltre che sui documenti di prassi, sulla Guida Mobili dell'AdE.


Va effettuata la comunicazione all’ENEA?


In caso di acquisto di mobili ed elettrodomestici va effettuata la comunicazione all’ENEA prevista per le detrazioni per riqualificazione energetica e ristrutturazioni?

, ma solo per alcuni acquisti: dal 2018 è infatti prescritta la comunicazione all’ENEA anche per l’acquisto di (alcuni) elettrodomestici.

Si deve trattare comunque di acquisti collegati ad interventi di recupero.

Sul sito dell’ENEA è possibile trovare maggiori informazioni. In ogni caso, è stato chiarito dall’Agenzia delle Entrate che la mancata comunicazione non pregiudica la fruizione della detrazione (v. Circolare n. 46E/2019).

riproduzione riservata
Articolo: Bonus mobili e le domande più frequenti
Valutazione: 5.11 / 6 basato su 9 voti.

Bonus mobili e le domande più frequenti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Stefano Gentili
    Stefano Gentili
    Mercoledì 25 Settembre 2019, alle ore 17:15
    Salve posso pagare con PAYPAL l'acquisto di beni mobili?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Stefano Gentili
      Lunedì 30 Settembre 2019, alle ore 15:59
      17) Ciao, l’Agenzia delle Entrate ha affermato in sintesi che per le detrazioni per mobili ed elettrodomestici bisogna aver pagato con bonifico o con carte di credito o debito (bancomat) e che non è consentito effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Qui la guida (v. in part. Pag. 5) https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Bonus+mobili+it_Guida_Bonus_Mobili_Maggio2019.pdf/be2e6bb2-62e1-ace7-6c30-3d23da2a137c 
      rispondi al commento
  • Morris1971
    Morris1971
    Mercoledì 18 Settembre 2019, alle ore 22:53
    Sto effettuando lavori di ristrutturazione nella mia abitazione (avviati con regolare CILA inviata al Comune).
    Lavori iniziati ad "Agosto 2019" e non ancora conclusi.
    DOMANDA: l'acquisto di alcuni mobili per completare una vecchia cucina rientrano nel Bonus Mobili 2019, oppure no?
    Purtroppo online leggo troppe versioni contrastanti, tra cui quella secondo la quale la ristrutturazione deve essere stata "avviata" nel 2018 (e poichè io l'ho avviata nel 2019, ne sarei fuori).
    Dov'è la verità?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Morris1971
      Lunedì 23 Settembre 2019, alle ore 17:52
       Ciao, non sono un ‘esperta, ma secondo me puoi. Nel 2017 L’Agenzia delle Entrate ha chiarito il dubbio con riferimento al 2017 e allora il testo della legge era uguale a quello di oggi (con l’unica differenza che i lavori dovevano essere iniziati “a partire dal 2016”, mentre oggi dice “a partire dal 2018”). Quindi, secondo me, puoi. Qui il link della risposta dell’AdEhttps://www.fiscooggi.it/posta/bonus-mobili-ed-elettrodomestici-0Ti mando anche il link alla guida sulal detrazione, così vedi anche ad es. quali mobili ed elettrodomestici sono ammessi https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Bonus+mobili+it_Guida_Bonus_Mobili_Maggio2019.pdf/be2e6bb2-62e1-ace7-6c30-3d23da2a137cCiao 
      rispondi al commento
  • Elenamako
    Elenamako
    Mercoledì 21 Agosto 2019, alle ore 11:06
    Sul sito dell'Enea scarico gli elettrodomestici, ma il resto della cucina (tavolo, sedie, credenze ecc.) anche quelli devo scaricare sempre su Enea o solamente in fase di compilazione 730?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Elenamako
      Lunedì 30 Settembre 2019, alle ore 17:41
      Ciao, non sono un’esperta, ma da quanto ho capito, non tutti i mobili ed elettrodomestici sono soggetti alla comunicazione all’ENEA, ti mando la guida dell’Ade https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Bonus+mobili+it_Guida_Bonus_Mobili_Maggio2019.pdf/be2e6bb2-62e1-ace7-6c30-3d23da2a137ce il link alla pagina dell’ENEA http://www.acs.enea.it/ristrutturazioni-edilizie/ 
      rispondi al commento
  • Goitosordello
    Goitosordello
    Domenica 4 Agosto 2019, alle ore 16:13
    Vorrei sapere se posso detrarre le spese per immobili con due pratiche edilizie distinte sullo stesso immobile o meglio io ho fatto una scia nel 2014 e chiusa nel 2016 ho speso 7000 euro di mobili poi nel 2018 nuova pratica ed ho speso 10000 euro ma al CAAF mi hanno fatto detrarre solo 3000 euro per la somma totale di 10000 è giusto?
    Va calcolato la somma nuova di 10000?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Goitosordello
      Martedì 24 Settembre 2019, alle ore 16:40
      Ciao, non sono un’esperta, ma credo che il CAF abbia ragione: la guida  a pag.  4 specifica che il limite di 10.000 euro è riferito all’immobile e che in caso di più lavori in più unità immobiliari il limite di 10.000 va moltiplicato per il numero di unità; quindi, si potrebbe concludere che più lavori sullo stesso immoblie comportino comunque il massimo di euro 10.000 da calcolare in toto. Però, mi viene una domanda: quanto alle detrazioni per ristrutturazioni, l’Ade ha specificato che se si fanno più lavori sullo stesso immobile e si tratta di prosecuzioni, il tetto massimo dev’essere calcolato complessivamente, mentre, se si tratta di lavori autonomi, no. Mi chiedo se la stessa distinzione si può fare sulle detrazioni per i mobili, che sono legate a quelle sulle ristrutturazioni. Potresti rivolgere il quesito direttamente all’AdE (in forma tracciabile è sempre meglio).Qui la guida, ciaohttps://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Bonus+mobili+it_Guida_Bonus_Mobili_Maggio2019.pdf/be2e6bb2-62e1-ace7-6c30-3d23da2a137c 
      rispondi al commento
  • Elisa4
    Elisa4
    Martedì 16 Luglio 2019, alle ore 13:07
    Vorrei richiedere il bonus mobili/ristrutturazione ma il mio IRPEF è troppo basso quindi quest'anno non riceverei nulla.
    Devo fare comunque la dichiarazione 730 o la faccio direttamente l'anno prossimo?
    Non vorrei perdere tutto il bonus perchè non l'ho dichiarato quest'anno.
    Il 730 precompilato sul sito riporta i bonifici e fatture relativi alla ristrutturazione ma non li calcola, in quanto non detraibili credo. Posso confermare quella o devo farne fare un'altra dal commercialista?
    rispondi al commento
  • Puntoevirgola
    Puntoevirgola
    Mercoledì 3 Luglio 2019, alle ore 14:06
    Ho effettuato sostituzione degli infissi con i quali ho diritto al bonus mobili.
    Ho acquistato piani di lavoro di una cucina e un lavello sempre per la cucina.
    Questi acquisti rientrano nel bonus mobili?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Puntoevirgola
      Lunedì 29 Luglio 2019, alle ore 19:58
      Ciao, non sono un’esperta … quelli che indichi non rientrano negli elenchi della mobilia ammessa o esclusa esplicitamente … ma gli elenchi sono solo esemplificativi… credo di sì..qui la guidahttps://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/AI+guide+italiano/Bonus+mobili+it/Guida_Bonus_Mobili_Maggio2019.pdf 
      rispondi al commento
  • Rolando1
    Rolando1
    Martedì 6 Novembre 2018, alle ore 12:02
    Sto eseguendo dei lavori da solo, lavori di riqualificazione dell'immobile a me intestato.
    Ho acquistato i materiali edili con bonifici parlanti.
    Essendo lavori che non sono soggetti a denuncia ASL posso scaricare i lavori eseguiti?
    Vorrei sostituire gli infissi per ottenere il bonus del 50% devo fare richiesta all'Enea?Wolfes
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Rolando1
      Giovedì 8 Novembre 2018, alle ore 16:50
      Cosa intendi per "scaricare i lavori"? Se i lavori sono in proprio puoi ottenere le detrazioni sulle solo spese sostenute per l'acquisto del materiale. Per la sostituzione degli infissi puoi detrarre solo se effettui una modifica degli infissi precedenti. In generale sì, da quest'anno, anche per le detrazioni da ristrutturazioni va fatta la comunicazione all'ENEA, ma: non credo che la procedura sia ancora operativa e mi sfugge se la comunicazione febba essere fatta anche da chi fa i lavori in proprio..Qui la guida dell'Ade valida fino al 31 dicembre 2018.https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/AI+guide+italiano/Ristrutturazioni+edilizie+it/Guida_Ristrutturazioni_edilizie_2018.pdf 
      rispondi al commento
      • Rolando1
        Rolando1 Svevavolo
        Venerdì 9 Novembre 2018, alle ore 07:55
        Grazie della risposta, si intendevo solo scaricare i materiali di acquisto.
        rispondi al commento
  • Svevavolo
    Svevavolo
    Mercoledì 24 Ottobre 2018, alle ore 16:32
    Ciao, il documento programmatico per il bilancio 2019 parla solo di proroga, non specifica a quali condizioni. E comunque, visto che il documento proprio ieri è stato respinto dalla UE, dobbiamo attendere gli sviluppi della situazione. Tra qualche tempo sapremo qualcosa di più, torna a scriverci più avanti se vuoi.
    rispondi al commento
  • Lindakr8
    Lindakr8
    Domenica 21 Ottobre 2018, alle ore 08:48
    Ho visto che il Bonus Mobili é stato prorogato anche a tutto il 2019.
    Io ho effettuato ristrutturazione nel 2017.
    Posso usufruire del bonus anche per mobili acquistati nel 2019, oppure no? 
    Linda

    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Lindakr8
      Mercoledì 24 Ottobre 2018, alle ore 16:33
      Ciao LindaKr8, il documento programmatico per il bilancio 2019 parla solo di proroga, non specifica a quali condizioni. E comunque, visto che il documento è stato respinto dalla UE dobbiamo attendere gli sviluppi della situazione. Tra qualche tempo sapremo qualcosa di più di tutta questa vicenda.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
307.875 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidatebook
  • Saint-Gobain ISOVER
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Coppia di tavolini in legno laccato
    Coppia di tavolini in legno laccato...
    360.00
  • Coppia di poltrone francesi laccate e dipinte
    Coppia di poltrone francesi...
    1350.00
  • Coppia di poltrone di design borsani in
    Coppia di poltrone di design...
    2500.00
  • Pittura shabby chic
    Pittura shabby chic...
    29.00
  • Cera neutra shabby chic
    Cera neutra shabby chic...
    49.70
Notizie che trattano Bonus mobili e le domande più frequenti che potrebbero interessarti


Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Bonus casa: possibile modificare il 730 precompilato 2019

Fisco casa - Disponibile online la dichiarazione dei redditi precompilata 2019: possibile modificare tutti dati presenti e integrare gli importi relativi ai bonus sulla casa.

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Appena pubblicato il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2018 con le novità economiche e fiscali più importanti anche per chi effettuerà dei lavori in casa

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Agevolazioni prima casa anche se si possiede altro immobile in affitto

Leggi e Normative Tecniche - Si può beneficiare del bonus prima casa nel caso in cui si è proprietari di altro immobile dato in locazione. Vediamo i chiarimenti della Corte di Cassazione.

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Aumenti tariffe energia

Normative - L'inizio del nuovo anno si presenta piuttosto difficile per le famiglie italiane, visto che dal primo gennaio sono scattati gli aumenti delle tariffe di luce e gas.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img vaffer78@gmail.com
Buonasera,volevo chiedere se qualcuno sa se posso detrarre le spese di installazione dell'impianto di ventilazione meccanica (VMC) usufruendo del BONUS MOBILI (Spese per l&rsquo...
vaffer78@gmail.com 16 Gennaio 2014 ore 15:01 1
Img eraclius
Buongiorno a tutti,eccomi di nuovo qui a chiedere informazioni relative a lavori da effettuare a casa.Dovremmo spostare la cucina da una parete a quella opposta (nella stessa...
eraclius 20 Maggio 2015 ore 08:43 4
Img vania79
Salve,mi sono appena iscritta a questo forum, perché ho bisogno di una risposta urgente.Il mio compagno deve iniziare tra poco tempo, la ristrutturazione di un immobile...
vania79 10 Gennaio 2014 ore 09:18 4
Img 30061984
Salve,io e la mia fidanzata, entrambi under 35, stiamo per concludere l'acquisto di una casa che andremo poi a ristrutturare.Conviviamo in una casa in affitto con regolare...
30061984 14 Novembre 2015 ore 11:20 2
Img bissa40
Amici di Lavorincasa.it, mi occorre la vs. esperienza.Dunque, entro il 2015 dovrei rifare integralmente il bagno, per il quale potrei usufruire della agevolazione fiscale del...
bissa40 14 Maggio 2015 ore 12:48 2