Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Bonus Facciate: quanto costa ristrutturare le facciate di un edificio?

NEWS Facciate e pareti24 Ottobre 2019 ore 13:37
Con la manovra 2020 il governo ha proposto di inserire tra le detrazioni fiscali il Bonus Facciate. Ma quanto costa ristrutturare la facciata di un edificio?

Legge di Bilancio 2020: Bonus facciate


La proposta del governo di inserire nella prossima legge di Bilancio, con la manovra 2020, il Bonus Facciate con la possibilità di detrarre, con un credito fiscale del 90% della spesa sostenuta in dieci rate annuali, ha acceso l’interesse di molti, in particolare della singola proprietà privata.

Bonus facciate e costi di ristrutturazione
Va precisato, però, che già esistono gli incentivi, bonus fiscale, legati soprattutto a lavori condominiali con la detrazione fiscale del 50%.

La legge di bilancio 2020 dà una bella boccata di ossigeno sia per i proprietari che fanno fatica a mantenere un immobile in buono stato conservativo, sia per l’edilizia che è avversata da una perenne crisi che ha portato una perdita di numerosi addetti negli ultimi dieci anni.


Ma quanto costa ristrutturare le facciate di un edificio?


L’ammontare varia a seconda del tipo di intervento, per la casa o del condominio, dai materiali impiegati che fanno lievitare non poco l’importo.

Bonus facciate: manovra 2020
Altra condizione da valutare è lo stato in cui versa l’intera struttura del fabbricato soprattutto se questa è stata realizzata in cemento armato con sporti.


Quali sono le voci che portano a un aumento della spesa?


La prima voce di spesa che influisce per un 20% sul bilancio complessivo sono i ponteggi che in molti casi sono necessari laddove si è impediti per motivi di viabilità o luoghi impervi, come ad esempio: vanelle, cortili chiusi interni, centri storici, ecc., a montare una piattaforma mobile o un carro gru. In questa eventualità la manodopera diventa predominante.

La seconda voce che grava sulle spalle dei proprietari, in centro storico o periferia, sono gli interventi posti in essere per ripristinare, salvaguardare le strutture in cemento armato come i balconi aggettanti, le velette, i pilastrini dei terrazzi o dei lastrici, ecc. che sono quelli maggiormente colpiti dal tempo e dall’azione degli agenti atmosferici.
L’intervento più eseguito è la ricostruzione del copriferro ammalorato previo trattamento delle armature metalliche in perenne ossidazione.

Ristrutturazione facciata: bonus e voci di spesa
La terza voce, altrettanto importante ma meno influente, sono il rifacimento parziale o totale degli intonaci che a seconda dello stato di degrado in cui versano, comporta un aumento delle quantità con la conseguente incidenza sul portafogli.
Le malte più usate sono i premiscelati a base di calce, additivati a seconda degli usi a cui sono destinati, come ad esempio: cementizi, fibrorinforzanti, deumidificanti, termoisolanti, ignifughi, ecc.

La quarta voce è rappresentata dal tipo di tinteggiatura che si vuole dare all’intonaco e quindi dalla maggiore o minore resistenza all’azione degli agenti esterni e dal tempo.
La tipologia di finitura va dalla semplice pittura a calce, al quarzo, ai silicati, ai silossani o elastometriche a seconda della composizione della materia prima.


Quanto costa rendere più belle le nostre case?


Per dare un’idea di massima a chi non è del settore o per farsi sommariamente quattro conti, sono di seguito riportati dei prezzi unitari per metro quadrato di facciata, tenendo conto di una condizione di base dell’intervento di carattere ordinario.

Sono esclusi dal calcolo gli interventi straordinari minuziosi o suscettibili di analisi approfondite che vanno analizzati caso per caso e che richiedono il rifacimento dell’intonaco oltre il 50% della superficie.

  1. Il costo per metro quadro di facciata con una finitura con tinteggiatura a calce, misurata linearmente e senza detrarre vani di infissi esterni (porta finestre e finestre), è di €. 69,00

  2. Il costo per metro quadro di facciata con una finitura con tinteggiatura al quarzo, misurata linearmente e senza detrarre i vani di infissi esterni (porta finestre e finestre), è di €. 77,00

  3. Il costo per metro quadro di facciata con una finitura con tinteggiatura ai silossani, misurata linearmente e senza detrarre i vani di infissi esterni (porta finestre e finestre), è di €. 85,00

  4. Il costo per metro quadro di facciata con una finitura con tinteggiatura a elastometriche, misurata linearmente e senza detrarre i vani di infissi esterni (porta finestre e finestre), è di €. 92,00

Preventivi Whatsapp

Escluse dal calcolo
dei costi di ristrutturazione delle facciate, da compensarsi a parte, gli onorari per le competenze tecniche per la redazione di un progetto, dove è richiesto, del computo metrico estimativo e la direzione dei lavori, oltre ai permessi comunali per l’occupazione temporanea di suolo pubblico, diritti e tasse.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus Facciate: quanto costa?
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 8 voti.

Bonus Facciate: quanto costa?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.532 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Restauro conservativo facciate
    Restauro conservativo facciate...
    1000.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Rifacimento tetti e ripristino facciate Milano
    Rifacimento tetti e ripristino...
    150.00
  • Pannelli per isolamento Isover XL 4+ e XL K 4+
    Pannelli per isolamento isover xl...
    7.46
Notizie che trattano Bonus Facciate: quanto costa? che potrebbero interessarti


Arriva il bonus facciate nell'abito della Manovra di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La manovra di bilancio 2020 ha introdotto il Bonus Facciate con un credito fiscale che arriva al 90% utile per rimettere a nuovo numerosi condomini fatiscenti.

Bonus casa: possibile la proroga con la Legge di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus casa ci sarà: è quanto affermato dal Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Palombelli. Ecco le novità in merito agli incentivi per i lavori in casa

Manovra 2020: Piano casa da 1 miliardo

Piano casa - Nella Legge di Bilancio 2020 sarà previsto un fondo di un miliardo a sostegno delle locazioni e dell'edilizia popolare: accesso agli affitti e rigenerazione urbana

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Appena pubblicato il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2018 con le novità economiche e fiscali più importanti anche per chi effettuerà dei lavori in casa

Pignoramento del conto corrente per chi non paga Imu e Tari

Fisco casa - Se passa un emendamento alla Legge di Bilancio 2020, i contribuenti potrebbero vedersi bloccati conti correnti per IMU e TARI non pagate. Ed è subito polemica.

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Bonus per rinnovare tetti e facciate

Fisco casa - L'Assemblea Capitolina ha approvato la delibera contenente il bonus fiscale per chi rinnova tetti e facciate delle case e dei palazzi romani. Si estenderà ad altre città?

In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera