Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Bonus facciate: mosaico in vetromattone rientra?

Ok al bonus facciate per il rifacimento del rivestimento esterno in vetromattone delle facciate lato strada; ma le norme sulla prestazione energetica si applicano?
19 Ottobre 2020 ore 10:13 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

L’Agenzia delle Entrate sul bonus facciate per i lavori sul vetromattone


Con la risposta a interpello n. 287 del 28 agosto 2020 l’Agenzia delle Entrate risponde che sì, il bonus facciate è ammesso anche per l’intervento di rifacimento completo del rivestimento esterno in vetromattone delle facciate lato strada.

studio detrazioni fiscali
Vediamo quindi l’iter percorso dall’Ufficio nel fornire la risposta in questione: prima però concediamoci un breve ripasso delle norme che riguardano la detrazione del bonus facciata ed in particolare vediamo quali interventi sulla facciata sono agevolabili con la misura in parola.


Bonus facciate 2020: quali i lavori sulla facciata?


Ricordiamo che essa è stata introdotta dalla Legge di Bilancio per il 2020 (la legge n. 160/2019) che, in particolare, se ne occupa ai commi da 219 a 224 dell’art. 1.

Si tratta di una detrazione dall’imposta lorda del 90%, senza limiti di spesa, da effettuarsi sulle spese sostenute per interventi sulla facciata e da ripartire in dieci quote annuali di pari importo nell’anno in cui sono sostenute le spese ed in quelli successivi.

Secondo le attuali previsioni sono agevolabili le spese sostenute nel 2020.

L’intervento può riguardare solo edifici posti nelle zone comunali A e B (secondo la individuazione del D.M. n. 1444/1968).

Mosaico in vetro

Dunque, per tornare alla domanda circa quali sono gli interventi ammessi alla detrazione ricordiamo le norme in primis si riferiscono:

agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti Legge n. 160/2020


Qualora i lavori di rifacimento, laddove non siano di sola pulitura o tinteggiatura esterna, riguardino interventi influenti dal punto di vista termico o interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio, devono soddisfare i requisiti di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015, e, con riguardo ai valori di trasmittanza termica, i requisiti di cui alla tabella 2 dell'allegato B al decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 marzo 2008.

In tali casi, ai fini delle verifiche e dei controlli si applicano i co. 3-bis e 3-ter dell'art. 14 D.L. n. 63/2013. Ricrodiamo in proposito la pubblicazione in G.U. del 5 ottobre del decreto per i requisiti tecnici per l'accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici.

Si applicano le norme del regolamento recante norme di attuazione e procedure di controllo di cui all'art. 1 della legge n. 449/1997 in materia di detrazioni per interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all'art. 16-bis del testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) di cui al D.P.R. n. 917/1986.

Sono ammessi alla detrazione solo gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi.

Con la Circ. n. del 14 febbraio 2020 sono stati poi forniti chiarimenti sulla detrazione in parola.


Bonus facciate e mosaico: il quesito e la soluzione prospettata


In particolare, il quesito attiene ai lavori di sostituzione del rivestimento in mosaico delle facciate di un condominio degli anni Settanta: la facciata, a parte il piano terreno rialzato, è rivestita interamente in vetrocemento; pertanto, osserva l’istante, nell'edificio non sono presenti parti di involucro opaco verticale intonacate.

Non sono previsti lavori di efficientamento energetico.

Aggiunge l’istante che non sarebbe possibile realizzare un intervento di isolamento termico a cappotto ma solo un intervento di coibentazione della facciata tramite insufflaggio della cassavuota.

Dunque, l’istante chiede se la sola esecuzione del rifacimento del rivestimento in tessere di mosaico rientri nel bonus facciate e se, ove sia necessario a tal fine effettuare il predetto intervento di coibentazione tramite insufflaggio della cassavuota, si debbano rispettare i “requisiti minimi” del decreto ministeriale 26 giugno 2015 e i valori limite di trasmittanza indicati nel decreto ministeriale 11 marzo 2008.

Secondo l’istante l’intervento di rifacimento del rivestimento in vetromattone rientra nell’agevolazione dal momento che la norma si riferisce al rinnovo degli elementi costitutivi della facciata esterna dell'edificio; egli ritiene inoltre l’intervento non influente dal punto di vista termico in quanto non interesserebbe più del 10% dell’intonaco della superficie disperdente.

Richiama, in proposito quanto asserito nello specifico, dalla Circ. n. 2/E del 2020 e cioè che:

se parti della facciata sono rivestite in piastrelle o altri materiali che non rendono possibile realizzare interventi influenti dal punto di vista termico se non mutando completamente l'aspetto dell'edificio, la verifica, circa il superamento del limite del 10 per cento, va fatta eseguendo il rapporto tra la restante superficie della facciata interessata dall'intervento e la superficie totale lorda complessiva della superficie disperdente Circ. 2E/2020

In questo caso, conclude l’istante, essendo l’edificio interamente ricoperto da mosaico, tale rapporto sarebbe pari a zero.


Bonus facciate e mosaico: un excursus delle norme sugli interventi


Vediamo ora cosa risponde l’Agenzia delle Entrate

L’Ufficio, dal canto suo, dopo una breve carrellata delle norme, ricorda che (oltre a quanto già menzionato fin d’ora da chi scrive) da un punto di vista degli interventi ammessi per gli aspetti che qui rilevano, la detrazione si applica agli interventi edilizi finalizzati al decoro urbano e, in particolare, diretti al recupero o restauro della facciata esterna e riguardanti solo le strutture opache della facciata, balconi o ornamenti e fregi.

Ricorda ancora l’AdE che sono ammessi al bonus gli interventi sull'involucro esterno visibile dell'edificio, e cioè sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell'edificio, che sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno) e, in particolare, quelli sugli elementi della facciata che rientrano nella struttura opaca verticale.

interventi sulla facciata esterna
Quanto agli interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino il rifacimento dell’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio, questi devono soddisfare le prescrizioni in materia energetica previste per tali interventi.

Parliamo dei requisiti indicati nel decreto del Ministro dello sviluppo economico del 26 giugno 2015, il decreto requisiti minimi, che definisce le modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici, compreso l’utilizzo delle fonti rinnovabili, nonché le prescrizioni e i requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici e delle unità immobiliari.

Definisce altresì i valori limite della trasmittanza termica delle strutture opache verticali componenti l'involucro edilizio indicati nell'Allegato B alla Tabella 2 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 marzo 2008 coordinato con il decreto 26 gennaio 2010.

Ai fini del bonus facciate, occorre comunque che i valori delle trasmittanze termiche delle strutture opache verticali da rispettare siano quelli inferiori tra quelli indicati nell'Allegato B alla Tabella 2 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 marzo 2008 coordinato con il decreto 26 gennaio 2010 e quelli riportati nell'appendice B all'allegato 1 del decreto 26 giugno 2015 requisiti minimi.

Il calcolo della percentuale del 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio, ai fini della individuazione delle opere agevolabili, va effettuato tenendo conto del totale della superficie complessiva disperdente; in sostanza, l'intervento deve interessare l'intonaco per oltre il 10% della superficie lorda complessiva disperdente (pareti verticali, pavimenti, tetti, infissi) confinante con l'esterno, vani freddi o terreno.

Come rammentato dall’istante, anche l’Agenzia ricorda che nella Circ. n. 2E del 2020 è stato precisato che:

se parti della facciata sono rivestite in piastrelle o altri materiali che non rendono possibile realizzare interventi influenti dal punto di vista termico se non mutando completamente l'aspetto dell'edificio, la verifica, circa il superamento del limite del 10 per cento, va fatta eseguendo il rapporto tra la restante superficie della facciata interessata dall'intervento e la superficie totale lorda complessiva della superficie disperdente Circ. 2E/2020



Bonus facciate e vetrocemento: si applicano le norme sulla riqualificazione?


Passando al caso concreto, l’AdE precisa che il richiamo (nel co. 220) alle prescrizioni del decreto requisiti minimi non introduce un diverso e ulteriore adempimento da porre in essere previsto ai soli fini dell'applicazione del bonus facciate, ma piuttosto, ribadisce gli obblighi imposti dal decreto che deve essere applicato a prescindere dalla scelta del contribuente di fruire di specifiche agevolazioni fiscali.

Il citato D.M. 26 giugno 2015, infatti, rammenta l’AdE - nel rispetto dei criteri generali di cui all’art. 4, co. 1, D.Lgs. n. 192/ 2005 - si applica agli edifici pubblici e privati, nuova costruzione o sottoposti a ristrutturazione.

Mosaico vetroso

In particolare
, rileva l’AdE, secondo l’art.8 del detto D.Lgs. n.192/2005, il progettista o i progettisti, nell’ambito delle rispettive competenze, devono inserire i calcoli e le verifiche previste dal decreto nella relazione tecnica di progetto, che attesta la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e dei relativi impianti termici.

La relazione tecnica dev’essere depositata dal proprietario dell’edificio, o da chi ne ha titolo, presso le amministrazioni competenti, insieme con la dichiarazione di inizio dei lavori complessivi o degli specifici interventi proposti, o alla domanda di acquisizione del titolo abilitativo.

Inoltre, sempre ai sensi dell’art.8, la conformità delle opere realizzate rispetto al progetto e alle sue eventuali varianti e alla relazione tecnica, e l’attestato di qualificazione energetica dell’edificio come realizzato, devono essere asseverati dal direttore dei lavori e presentati contestualmente alla dichiarazione di fine lavori al comune di competenza cui è demandata la definizione delle modalità di controllo, ai fini del rispetto delle prescrizioni del detto decreto.

Inoltre, l’AdE aggiunge che con il D.M. 26 giugno 2015 sono stati definiti gli schemi e le modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto, per nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti, interventi di riqualificazione energetica.

In conformità alla detta normativa, nella Circ. n. 2/E del 2020, si è precisato che il decreto “requisiti minimi” ed il D.M. 11 marzo 2008 non si applicano nei soli casi di esclusione previsti dallo stesso D. Lgs. n. 192 del 2005 (art. 3 co.3), e cioè, per quel che qui interessa, per gli edifici ricadenti nell'ambito della disciplina della parte seconda e dell'articolo 136, co. 1, lett.b) e c), del D.Lgs. n. 42/2004 (il Codice dei beni culturali e del paesaggio), e cioè:

a) le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale, singolarità geologica o memoria storica, ivi compresi gli alberi monumentali;

b) le ville, i giardini e i parchi, non tutelati dalle disposizioni della Parte seconda del presente codice, che si distinguono per la loro non comune bellezza D.Lgs n. 42/2004


Il successivo co. 3-bis. dell’art. 136 cit. prevede poi che gli immobili di notevole interesse pubblico sono esclusi dall'applicazione del predetto decreto legislativo solo se, previo giudizio dell’autorità (competente al rilascio dell'autorizzazione ai sensi del codice di cui al citato decreto legislativo n. 42 del 2004), il rispetto delle prescrizioni implichi:

un’alterazione sostanziale del loro carattere o aspetto, con particolare riferimento ai profili storici, artistici e paesaggistici D.Lgs. n. 42/2004



Bonus facciate e vetromattone: la risposta dell’Agenzia delle Entrate


Premesso ciò, l’Agenzia ritiene che il caso di rifacimento completo del rivestimento esterno in vetromattone delle facciate lato strada, che il condominio intende effettuare, rientri nell’ambito di applicativo del bonus facciate.

Tuttavia, dal momento che l’intervento non sembra rientrare nella mera pulitura e tinteggiatura della facciata – la qual cosa comporterebbe in linea di principio, l’obbligo di applicazione delle prescrizioni del decreto “requisiti minimi” e del decreto 11 marzo 2008 - va valutato se sussistono quegli impedimenti tecnici che, come indicato nella Circ. n. 2/E del 2020, non rendono possibile realizzare sull’edificio interventi influenti dal punto di vista termico se non mutandone completamente l’aspetto.

La verifica della sussistenza dell’obbligo di applicare il decreto "requisiti minimi" e il decreto 11 marzo 2008, in base alle disposizioni che regolano l’osservanza del predetto decreto - da cui si prescinde esclusivamente nei casi di interventi ininfluenti dal punto di vista termico, quali quelli di mera ripulitura o tinteggiature nonché quelli di rifacimento di una piccola parte di intonaco (nelle percentuali definite sopra) - nonché degli impedimenti che non rendono possibile realizzare interventi influenti dal punto di vista termico, presuppone tuttavia, competenze tecniche eaccertamenti della situazione di fatto che non possono formare oggetto di interpello.

In conclusione, ai fini dell’applicazione del bonus facciate, spetterà all’istante dotarsi dell’adeguata dimostrazione del fatto che l’intervento non è soggetto all’obbligo di rispetto di specifici requisiti minimi di prestazione energetica, anche in funzione della dimensione della superficie interessata rispetto alla superficie dell'involucro edilizio, atteso che, in base a quanto sopra chiarito, le caratteristiche architettoniche degli edifici non costituiscono una causa di esclusione dall'applicazione del predetto decreto che opera automaticamente.


L’Agenzia evidenzia anche che nel caso in cui l'intervento di coibentazione non sia eseguito sulla superficie esterna della struttura oggetto dell'intervento ma, come prospettato dall'Istante, mediante insufflaggio della cassavuota risultando, quindi, irrilevante dal punto di vista del decoro urbano, le relative spese non possono essere ammesse al bonus facciate.

Per tale intervento, i condomini potranno, eventualmente, fruire della detrazione per l’efficientamento energetico, nota ai più come ecobonus che tra i vari casi agevola gli interventi sulle strutture opache verticali e orizzontali delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno, effettuando gli adempimenti specificamente previsti per tale detrazione.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus facciate: ammesso anche il vetromattone
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Bonus facciate: ammesso anche il vetromattone: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.091 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus facciate: ammesso anche il vetromattone che potrebbero interessarti


Bonus facciate 2020: le ultimissime novità

Fisco casa - Bonus facciate: la detrazione al 90% per le spese di rifacimento delle facciate degli edifici si estende a professionisti, imprese e lavoratori autonomi. Le novità

Arriva il bonus facciate nell'abito della Manovra di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La manovra di bilancio 2020 ha introdotto il Bonus Facciate con un credito fiscale che arriva al 90% utile per rimettere a nuovo numerosi condomini fatiscenti.

Bonus facciate: confermato per il 2020 con limiti di spesa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus facciate: Detrazione del 90% per chi effettua la ristrutturazione della facciata dello stabile condominiale o della sua abitazione. Quali i limiti di spesa

Bonus casa: proroga con la Manovra 2021

Fisco casa - In attesa del testo definitivo della Legge di Bilancio, arriva la notizia della conferma, nel Documento programmatico di bilancio, dei bonus casa per il 2021.

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

Bonus facciate: vale anche per la facciata interna?

Fisco casa - È possibile accedere al bonus facciate in caso di lavori su pareti che solo in parte siano visibili dalla strada. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate.

Bonus facciate 2020: vale anche se l’edificio è coperto da recinzioni?

Fisco casa - Il Bonus facciate non spetta se la parete esterna non è visibile dalla strada o da suolo di uso pubblico. Vediamo il punto di vista dell'Agenzia delle Entrate.

Bonus facciate 2020: rientra anche il ponteggio?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Spese accessorie comprese tra quelle che danno diritto alla nuova detrazione fiscale per la tinteggiatura di facciate e balconi, prevista dalla manovra 2020.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bruno cima
Qualcuno sa se si possa accedere al bonus facciate in caso di violazioni non sanate nel condominio?...
bruno cima 01 Novembre 2020 ore 16:11 3
Img gianlucatavella
Buongiorno a tutti, ho chiesto all'ufficio edilizia privata del mio comune in che zona del PGT rientra la mia abitazione, ai fini di verificare la fattibilità di...
gianlucatavella 27 Ottobre 2020 ore 07:12 2
Img lorecase1
Buongiorno, vorrei utilizzare il bonus facciate puramente per tinteggiare la facciata di casa. Devo richiedere della "abilitazioni amministrative" in Comune?Nel caso, quali?Grazie...
lorecase1 08 Ottobre 2020 ore 07:50 2
Img ruggerorodoero
Saluti a tutti, vi illustro brevemente il mio caso:Edificio costruito primi anni 90, due piani con due appartamenti per piano dei quali risultano in visura catastale 1 completato...
ruggerorodoero 11 Settembre 2020 ore 10:13 3
Img luigimaggi
Ciao a tutti, piacere sono Luigi e nuovo sul forum. Chiedevo cortesemente qualche info a riguardo del Bonus Facciate. Vi spego brevemente i lavori che dovrei realizzare:...
luigimaggi 21 Giugno 2020 ore 22:58 2