• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Bonus facciate 2022: come funziona

Quali sono le novità in tema di bonus facciate 2022. Vediamo a chi spetta e quali sono i requisiti per accedere al bonus per il rifacimento delle facciate di edifici
Pubblicato il

Bonus facciate 2022: che cos'è


Il Bonus facciate 2022 è l'agevolazione fiscale che consiste in una detrazione d'imposta pari, a partire dal 1° gennaio 2022, al 60% delle spese sostenute per interventi volti al recupero o restauro della facciata esterna di edifici esistenti.

Per le spese effettuate fino al 31 dicembre 2021 la detrazione era pari al 90% ma, a seguito dell'approvazione della Legge di Bilancio 2022 l'aliquota è stata ridotta al 60% fino al 31 dicembre 2022.

Bonus facciate 2022
La detrazione è ammessa purché le spese siano documentate ed effettuate tramite bonifico bancario o postale e viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
Non sono previsti limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.


Su quali immobili viene riconosciuto il Bonus facciate 2022


Il Bonus facciate 2022 viene riconosciuto su edifici esistenti, appartenenti a qualsiasi categoria catastale, inclusi gli immobili strumentali.

Condizione fondamentale è che gli edifici siano situati nelle zone A e B, come da articolo 2 del decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a esse assimilabili in conformità alle normative della Regione e ai regolamenti edilizi comunali.

Altri requisiti sono richiesti per i lavori che influiscano dal punto di vista termico o che interessino oltre il 10% dell'intonaco della superficie lorda disperdente complessiva dell'edificio (interventi dunque non di sola pulitura o tinteggiatura).

In tali casi è necessario che siano accertati i requisiti di cui al decreto Mise del 26 giugno 2015 nonché quelli relativi ai valori di trasmittanza termica di cui alla tabella 2 allegata al Decreto Mise del 11 marzo 2008. Sarà l'Enea, nella fattispecie, a dover effettuare, secondo precise procedure, i controlli circa la sussistenza delle condizioni richieste.


Gli interventi ammessi al Bonus Facciate 2022


Sono ammessi all'agevolazione fiscale gli interventi di rinnovamento e consolidamento:

  • sulle strutture opache della facciata;

  • sui balconi;

  • su ornamenti e fregi;

  • grondaie, pluviali;

  • parapetti e cornici.

Sono compresi gli interventi di sola pulitura o tinteggiatura esterna.

Sono comprese anche spese correlate agli interventi principali quali:

  • installazione dei ponteggi;

  • smaltimento dei materiali;

  • le tasse (IVA e imposta di bollo);

  • diritti pagati per poter richiedere i titoli abilitativi al Comune;

  • la tassa per l'occupazione del suolo pubblico.


Rifacimento facciata esterna
Non sono ammessi al beneficio fiscale gli interventi eseguiti sulla facciata interna dell'edificio, eccezion fatta per il caso in cui la facciata risulti visibile dalla strada o dal suolo ad uso pubblico.


A chi spetta il Bonus Facciate 2022


Possono beneficiare della detrazione al 60% tutti i contribuenti (residenti e non residenti) nel territorio dello Stato che possiedano (a qualsiasi titolo) l'immobile sul quale vengono eseguiti gli interventi.

I beneficiari sono soggetti Irpef o soggetti passivi Ires e la detrazione non è dovuta a chi è titolare esclusivamente di redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva.

Possono beneficiarne dunque proprietari o inquilini, così come persone fisiche o imprese. Deve essere necessario un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o di sostenimento delle spese, se anteriore.


Modalità di fruizione del Bonus facciate 2022


Abbiamo visto che il bonus facciate può essere utilizzato in dichiarazione dei redditi poiché consiste in un rimborso in quote annuali di pari importo per la durata di 10 anni. La detrazione si deve far valere nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in cui sono state sostenute le spese e nei successivi nove periodi di imposta.

Questa non è l'unica modalità di utilizzo poiché, ai sensi dell'articolo 121 del Decreto Rilancio 2020, sono previste anche due modalità alternative:

  • un contributo di pari ammontare alla detrazione fiscale spettante, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto al fornitore che ha effettuato gli interventi (il cosiddetto sconto in fattura) al quale viene riconosciuto un credito di imposta che potrà essere ceduto ad altri soggetti;

  • la cessione di un credito d'imposta corrispondente alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.


La scelta dello sconto in fattura o della cessione del credito deve essere comunicata all'Agenzia delle Entrate in via telematica e avvalendosi di apposito modello entro il 16 marzo dell'anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione.


Le novità introdotte con la Legge di Bilancio 2022


Oltre alla riduzione dell'aliquota, che passa dal 90% al 60% per il 2022, la Legge di Bilancio 2022 ha portato con sé ulteriori novità.

Sono stati, infatti, recepiti i contenuti del Decreto Antifrode in base al quale chi sceglie la cessione del credito o lo sconto in fattura dovrà presentare il visto di conformità e l'asseverazione della congruità dei prezzi applicati.

Requisiti bonus facciate 2022
Ricordiamo che se la Legge di Bilancio ha escluso tali certificazione per i lavori in edilizia libera e per quelli di importo inferiore ai 10.000 euro, bisogna tener presente che il bonus facciate non ammette deroghe, non rientrando tra i bonus per i quali è stata prevista la semplificazione.

In caso di rifacimento della facciata, dunque, le certificazioni saranno sempre necessarie.


Decreto Sostegni ter


Altra novità recentissima arriva con l'approvazione della bozza del Decreto Sostegni ter e si tratta della stretta sulle cessioni del credito.

L'articolo 26 del provvedimento prevede infatti il blocco della cessione del credito multipla e, a partire dal 7 febbraio 2022, i contratti che saranno sottoscritti in violazione delle disposizioni saranno considerati nulli.

In pratica il credito d'imposta sarà cedibile una sola volta.
Ecco che l'ennesima modifica finalizzata a contrastare le frodi sui bonus casa potrebbe bloccare le imprese e la realizzazione dei lavori.

riproduzione riservata
Bonus facciate 2022, tutte le novità
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.
gnews

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.843 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img simonepieretti
Buongiorno a tutti,ho ristrutturato casa con intenzione di portarmi in detrazione il bonus per 10 anni, dal momento che nessuno faceva più sconto in fattura o cessione del...
simonepieretti 26 Ottobre 2023 ore 16:17 3
Img emanuele santia
Buon pomeriggio,mi sono appena iscritto al gruppo per cercare di capirci qualcosa in più per il riscatto de sisma bonus.Chiedo scusa in anticipo se è un post doppio...
emanuele santia 02 Ottobre 2023 ore 09:44 2
Img robi77
Buongiorno,ho modesta unifamiliare, Cilas e relazione termotecnica per fotovoltaico/efficientamento presentata in Comune entro 30 giugno per superbonus fallito per crediti...
robi77 31 Maggio 2023 ore 19:50 3
Img claman21
Buona sera a tutti .Vi chiedo un chiarimento in merito al bonus casa 50%.Nel 2022 ho aperto la pratica per il superbonus 110 e chiusa poi questo mese, marzo2023 ... il tutto con...
claman21 27 Marzo 2023 ore 17:00 3
Img farlocco antonia2
Buongiorno,abito in um mini condominio dove a giorni inizieranno i lavori.L'impresa mi ha comunicato che la società con cui ha un accordo quadro che gli acquisterà...
farlocco antonia2 08 Febbraio 2023 ore 15:10 2