Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bonus edilizi e sconto in fattura non utilizzato, quali rimedi?

Lo sconto in fattura applicato dall'impresa ma non utilizzato può essere regolarizzato con un documento di natura extra contabile: requisiti e condizioni per risolvere
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali
Barra Progettazione Online

Bonus edilizi e sconto fattura


Lo sconto in fattura, come noto, è una modalità alternativa di fruizione dei bonus casa e, in particolare, dei bonus edilizia, come la cessione del credito.

Si tratta di una modalità alternativa rispetto alla detrazione diretta, ovverosia all’utilizzo del beneficio fiscale in quote annuali in ciascun periodo di imposta per ridurre il carico fiscale.

Sconto in fattura bonus edilizia
Generalmente si opta per lo sconto in fattura nel caso di incapienza, ovverosia nel caso in cui l’imposta lorda, che si è tenuti a versare all’Erario, risulti inferiore alle detrazioni conseguenti all’esecuzione dei lavori agevolabili e, pertanto, risultano non utilizzabili.

Altri casi, in cui risulta generalmente più conveniente optare per lo sconto in fattura, si realizza allorquando il contribuente sia soggetto passivo d'imposta determinata forfettariamente.


Come funziona lo sconto in fattura


A differenza della cessione del credito, lo sconto in fattura comporta per il beneficiario del bonus edilizio, l’esecuzione di un numero di adempimenti certamente minore e meno gravoso rispetto alla cessione del credito.

L’impresa che esegue l’intervento attua lo sconto direttamente in fattura e acquista il diritto di portare in detrazione dalle imposte il credito maturato a seguito dell’intervento o di cederlo a terzi.

In assenza di problematiche, qualora il credito maturato sia stato utilizzato, l’operazione si conclude.

Ma cosa accade nel caso in cui lo sconto fattura non sia stato utilizzato, a esempio, per mancanza dei presupposti?

Tale quesito è stato posto da una impresa contribuente, con istanza di interpello, a cui ha fornito chiarimento l’Agenzia delle entrate, con la risposta a interpello 5 dicembre 2022, n. 581.

Il parere vincolante, fornito dall’Agenzia, seppur reso in materia di Superbonus, si ritiene applicabile anche con riferimento agli altri bonus edilizi attualmente vigenti.

Tale circostanza trova conferma nel rinvio operato all’istanza di interpello 20 luglio 2022, n. 385.

È bene chiarire che, per l’Amministrazione, si tratta di un errore di facile risoluzione che non comporta conseguenze di particolare rilevanza da un punto di vista fiscale.


Sconto in fattura non utilizzato. Il caso esaminato dall’Agenzia


La questione sottoposta all’attenzione dell’Amministrazione finanziaria riguarda una fattura emessa dall’impresa che riporta uno sconto, di fatto successivamente non esercitato.

È utile ripercorrere brevemente i fatti che hanno portato alla risposta all’interpello, seppur per tratti essenziali.

Nel dettaglio, la fattura era stata emessa dall’impresa a dicembre 2021 ed era relativa a un primo Sal in materia di Superbonus.

Sconto in fattura e superbonus
Dopo l’emissione della fattura, a causa delle molte incertezze interpretative per l’applicazione del bonus edilizia e, in particolare, per il rilascio dell’asseverazione e del visto di conformità, l’opzione per lo sconto non veniva esercitata nei termini previsti dalla legge, fissati dalla legge per il 29 aprile 2022.

L’impresa, che aveva emesso fattura chiede all’Ufficio di conoscere le sorti della fattura e il comportamento da tenere, con riferimento allo sconto in fattura applicato e non utilizzato per regolarizzare la propria posizione ed evitare gravosi pagamenti o ulteriori conseguenze.


Documento extracontabile in caso di sconto in fattura non utilizzato


L’Amministrazione finanziaria, con la risposta all’interpello in commento, precisa che la fattura emessa, a seguito della realizzazione di lavori agevolabili, nella quale è esposto e applicato lo sconto fattura non utilizzato, non deve essere riemessa.

Il motivo a sostegno della non riemissione della fattura risiede nella interpretazione dell’art. 26, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633.

Tale norma, come noto, disciplina le ipotesi in cui è prevista la nuova emissione di un documentato contabile quale nota di credito a storno in caso, a esempio, del venir meno dell’operazione commerciale sottesa o per riduzione in tutto o in parte dell’imponibile esposto.




La nota di credito a storno, infatti, è un documento che consente l’annullamento della fattura già emessa, al fine di evitare pagamenti maggiori al Fisco.

Generalmente si usa per rimediare a errori o quando occorre restituire determinati importi esposti nella fattura che si intende annullare.

Secondo l’Agenzia delle entrate, la fattura, pur riportando l’indicazione dello sconto, come modalità di pagamento del corrispettivo, che poi non viene utilizzato, di fatto riporta correttamente l’imponibile e l’IVA, calcolata sull’intero corrispettivo pattuito al lordo dello sconto.

Di fatto la fattura così emessa pur riportando lo sconto in fattura, poi non utilizzato come forma di pagamento del corrispettivo, deve ritenersi di fatto del tutto corretta da un punto di vista fiscale e, pertanto, non deve essere riemessa.

Per rimediare all’errore l’impresa è tenuta a integrare la fattura

con un separato documento extra fiscale, al solo fine di documentare il mancato pagamento della prestazione attraverso lo sconto» e rilevare la somma da saldare.


Recupero degli importi e applicazione a tutti i bonus edilizi


A seguito della integrazione della fattura e della regolarizzazione dell’operazione il committente può procedere a saldare il corrispettivo e fruire del beneficio fiscale mediante la detrazione diretta o la cessione del credito.

Alle medesime conclusioni, come anticipato, è giunta, in altre occasioni, l’Agenzia delle entrate, con la risposta all’interpello 20 luglio 2022, n. 385, in materia di bonus facciate.

In tale circostanza, è stato affermato che il fornitore che abbia emesso fattura nel 2021, afferente gli interventi che accedono al bonus facciate, senza riportare correttamente lo sconto ai sensi dell'art. 121, D.L. n. 34/2020, non può ricorrere alla nota di variazione in diminuzione ex art. 26, secondo comma, D.P.R. n. 633/72.

Il beneficiario del bonus facciate, invece, nel caso in cui abbia pagato esclusivamente il 10% del corrispettivo totale della fattura non corrisponde il restante 90% della fattura, che doveva essere oggetto di sconto e potrà accedere all'agevolazione:

  • per il 10% delle spese effettivamente sostenute nel 2021, mediante fruizione diretta della detrazione dall'imposta lorda nella misura del 90% nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno d'imposta 2021;

  • per il restante 90% del corrispettivo indicato nella fattura, se pagato nel 2022, mediante fruizione diretta della detrazione dall'imposta lorda nella misura del 60% nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno d'imposta 2022 o, in alternativa, ricorrendo alla cessione del credito ex art. 121 del DL 34/2020.

riproduzione riservata
Bonus edilizi: sconto in fattura non usato quali rimedi
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Bonus edilizi: sconto in fattura non usato quali rimedi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
342.032 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus edilizi: sconto in fattura non usato quali rimedi che potrebbero interessarti

Stop a cessione del credito nel 2022: previsto solo per Superbonus 110

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dopo l'esclusione dello sconto in fattura e della cessione del credito dalla Legge di Bilancio 2022 è stata richiesta la proroga di questi due strumenti al 2024

Bonus edilizi: ecco i Codici tributo da indicare nel modello F24

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate ha comunicato l'elenco dei codici tributo da indicare nell'F24 in caso di cessione del credito o sconto in fattura post 17 febbraio 2022

Sconto in fattura Superbonus: che succede se manca la comunicazione all’AdE

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cosa fare se si è optato per lo sconto in fattura in caso di Superbonus 110 ma non è stata effettuata nei termini la dovuta comunicazione all'Agenzia delle Entrate

Possibile proroga Superbonus 110 per villette senza tetto ISEE

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Avanzata dai partiti la richiesta al Parlamento Italiano di prorogare il Superbonus 110% senza il limite reddituale di 25mila euro per le villette unifamiliari

Bonus facciate: come beneficiarne anche nel 2022

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il sottosegretario al ministero dell'Economia e delle Finanze Federico Freni spiega quando è possibile beneficiare dell'incentivo Bonus facciate anche nel 2022.

Superbonus: come recuperare sconto in fattura parziale in caso di pro-rata IVA

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di IVA indetraibile, l'Agenzia delle Entrate spiega come beneficiare della detrazione del 110% dell'imposta non detratta rimasta a carico del contribuente

Cessione del credito e sconto in fattura: ecco cosa cambia!

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con le novità del decreto Sostegni ter, le regole per la cessione del credito e lo sconto in fattura potrebbero ancora cambiare a scapito di imprese e cittadini

Novità Superbonus 110: prezzi fissi e più controlli antifrode

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Indicate le azioni che il Governo metterà in campo per evitare che a causa di eventuali frodi possa essere pregiudicata la credibilità di tutti i Bonus edilizi.

Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img farlocco antonia2
Buongiorno,abito in um mini condominio dove a giorni inizieranno i lavori.L'impresa mi ha comunicato che la società con cui ha un accordo quadro che gli acquisterà...
farlocco antonia2 05 Febbraio 2023 ore 12:22 1
Img alfio22
Buonasera,qlc conosce bene i requisiti per fare domanda restauro casa con il superbonuis 90% ?Ho una pensione inail causa infortunio, viene considerata come reddito?viene...
alfio22 30 Gennaio 2023 ore 13:06 4
Img alessandro la ventura
Buongiorno,a breve inizierò i lavori a casa e volevo un chiarimento:Molto probabilmente mi affiderò a Leroy Merlin per la maggior parte dei lavori sui quali...
alessandro la ventura 15 Gennaio 2023 ore 18:47 1
Img sotrebla
Buongiorno a tutti.Spero che qualcuno di Lor Signori, abbia una risposta per il mio quesito.Lavori fotovoltaico ultimati, ma con molti problemi per cu, non è stata da me...
sotrebla 10 Gennaio 2023 ore 12:05 2
Img nes23
Salve,io e la mia compagna stiamo definendo l'acquisto di una casa che è suddivisa in due unità distinte (con partitee rendite catastali distinte, entrambe categoria...
nes23 05 Gennaio 2023 ore 13:07 2