Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cessione del credito e sconto in fattura per la fruizione dei bonus casa

Detrazione diretta, sconto in fattura o cessione del credito? Tutte le alternative per massimizzare il vantaggio fiscale in caso di interventi edilizi sugli immobili
05 Febbraio 2021 ore 15:24 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Cessione del credito e sconto in fattura


Negli ultimi anni, i numerosi accadimenti naturali che hanno colpito il nostro Paese e, in particolare, alcune Regioni, hanno posto l’attenzione sulla necessità di intervenire sul patrimonio immobiliare, in alcuni casi, anche con importanti interventi strutturali.

Tali eventi calamitosi ci hanno messo di fronte a una dura verità: gran parte dei nostri immobili non soddisfa i requisiti di efficienza energetica e di sicurezza richiesti dalle più recenti normative in vigore.

Bonus casa, cessione credito e sconto in fattura

Il Governo, nell’ultimo decennio, al fine di porre rimedio a tale situazione, ha intrapreso una massiccia politica di risanamento, premiando l’impegno a rinnovare i nostri immobili, attraverso la previsione di importanti e soprattutto numerose misure agevolative e sconti fiscali.

A oggi è infatti possibile intervenire sulla propria casa con ampie possibilità di scelta: è previsto un bonus fiscale per (quasi) tutti i lavori realizzabili sugli immobili (bonus ristrutturazione, energetico, messa in sicurezza, nonché anche per riqualificare gli spazi verdi di complessi condominiali).


Sconto in fattura e cessione del credito: come usufruirne?


La detrazione fiscale, come noto, costituisce essenzialmente l’ammontare (determinato in percentuale o in misura fissa) delle spese che il contribuente può detrarre dall’imposta lorda, al fine di ridurre il debito nei confronti dell’Erario.

Le numerose detrazioni fiscali, previste dall’ordinamento tributario, sono elencate e disciplinate dall’art. 12 all’art. 16 bis, D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (c.d. TUIR).

Nell’ambito di tali oneri detraibili rientrano anche le spese documentate e sostenute per gli interventi sugli immobili.

Cessione credito o sconto in fattura: come funzionano
In linea generale, le modalità per beneficiare dei vantaggi previsti dalle agevolazioni fiscali del comparto casa, possono essere suddivise in due macrocategorie: utilizzo diretto della detrazione fiscale o, in alternativa, cessione del credito e sconto in fattura.

Lo sconto in fattura e la cessione del credito rappresentano modalità alternative di fruizione del beneficio fiscale, cioè strumenti che consentono al soggetto beneficiario delle norme agevolative, il quale non può portare in detrazione le spese sostenute, perché, a esempio incapiente, di optare per forme diverse di utilizzo dello sconto fiscale.


Detrazione fiscale diretta


Come rilevato, la prima modalità per usufruire dell’agevolazione fiscale, è la detrazione diretta.

Il soggetto che esegue l’intervento e che beneficia della detrazione può portare in detrazione, ai fini delle imposte sui redditi (IRPEF o IRES) l’ammontare complessivo delle spese sostenute e documentate per eseguire i lavori agevolabili, ripartendolo in quote costanti, generalmente considerando il periodo di imposta di sostenimento della spesa.

Per la maggior parte delle detrazioni fiscali, il beneficio fiscale deve essere portato in detrazione dalle imposte sui redditi per i successivi dieci anni (es. bonus facciate), in altri casi, per gli interventi rientranti nell’ormai noto Superbonus, il periodo durante il quale portare in detrazione i relativi costi è pari a cinque anni.

Un esempio relativo alla detrazione fiscale per interventi relativi al bonus facciate:

  • spesa sostenuta: € 100.000

  • Credito di imposta: € 90.000 (€ 100.000 x 90%)

  • Detrazione annuale: € 9.000 (€ 90.000 / 10)


Sconto in fattura


Lo sconto in fattura è un contributo fino a un importo massimo pari alla detrazione spettante, anticipato dal fornitore o dall'impresa che esegue gli interventi e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito fiscale ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Legge di Bilancio 2020, aveva posto un importante limite all’utilizzabilità dello sconto in fattura: di fatto, lo sconto immediato in fattura, praticato dal fornitore o dall’impresa, doveva essere uguale al valore nominale della detrazione prevista dalla norma agevolativa.

Ciò significa che, se uno specifico intervento riconosce il diritto a una detrazione pari al 50% delle spese sostenute, lo sconto doveva essere pari a tale percentuale detraibile.

Sconto in fattura impresa appaltante
Con l’entrata in vigore del Decreto Rilancio, 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni dalla Legge 17 luglio 2020, n. 77, tale limite è venuto meno.

Lo sconto in fattura può, dunque, prevedere uno sconto fino a un importo massimo pari alla detrazione spettante.

Stante l’eliminazione di tale limite, le situazioni che possono verificarsi sono sostanzialmente due, da adattare chiaramente allo specifico caso concreto.

Come funziona lo sconto in fattura?


Facciamo qualche esempio, supponendo di eseguire questa volta lavori rientranti nel Superbonus:

  • 1° caso: sconto pari al corrispettivo dovuto

    Totale fattura € 10.000
    Sconto € 10.000
    Credito imposta ceduto al fornitore € 11.000 (10.000x110%), utilizzabile in compensazione o cedibile

  • 2 ° caso: sconto parziale rispetto al corrispettivo dovuto

    Totale fattura € 10.000
    Sconto € 6.000
    Credito imposta ceduto al fornitore € 6.600 (6.000x110%), utilizzabile in compensazione o cedibile
    Il contribuente può utilizzare direttamente in detrazione o cedere il credito rimasto pari a € 4.400 (4.000 x 110%)


Cessione del credito


L’altra modalità alternativa di fruizione del beneficio fiscale è rappresentata dalla cessione del credito o, più precisamente, dalla cessione detrazione fiscale.

Preliminarmente occorre precisare che il contratto di cessione del credito è un istituto contrattuale, disciplinato dall’art. 1260 c.c., in forza del quale il creditore originario (cedente) trasferisce la titolarità del proprio diritto ad altro soggetto (cessionario).

Cessione credito imposta banca
In ambito fiscale, la cessione del credito consente al contribuente beneficiario che ha eseguito interventi agevolabili di cedere l’importo corrispondente alla detrazione spettante.

In altri più specifici termini, l’importo complessivo detraibile si trasforma in un credito d’imposta in capo al cessionario che a sua volta può cederlo ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Cessione credito di imposta: come procedere?


Soggetti interessati all’acquisto del credito derivante dagli interventi agevolati, sono certamente ma non esclusivamente gli istituti di credito. Ciò significa che, allorquando si intenda optare per la cessione della detrazione, occorre procedere preventivamente alla stipula di un contratto, ad esempio con una Banca.

Negli ultimi mesi diversi sono i prodotti finanziari, emanati dai principali istituti di credito (a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo si richiamano le proposte formulate da Unicredit, Intesa San Paolo, Banca Carige).

Ognuno di tali prodotti prevede specifiche condizioni, anche in considerazione dell’intervento agevolabile che si vuole eseguire (Superbonus 110% o altre detrazioni fiscali) e diversi obblighi dichiarativi per il contribuente cedente e anche diverse condizioni soprattutto economiche.

Il recente Legislatore fiscale, al fine di agevolare il ricorso alle modalità alternative di fruizione del beneficio fiscale, ha previsto ampia flessibilità nell’utilizzo della cessione del credito e sconto in fattura.

In particolare, soprattutto con riferimento a interventi agevolabili al 110%, è possibile ricorrere alla cessione del credito anche in relazione a ciascuno stato di avanzamento lavori a condizione che:

  • le cessioni in corso d’opera non siano più di due per ciascun intervento complessivo;

  • ogni singolo stato di avanzamento lavori deve riguardare almeno il 30% dell’importo complessivo dei lavori.


Tale ampia facoltà di utilizzo, è stata ribadita dall’Amministrazione finanziaria, la quale con la circolare 8 agosto 2020, n. 24/E, ha stabilito l’individualità del diritto di opzione.



Nel caso in cui più soggetti sostengano spese per interventi realizzati sul medesimo immobile di cui sono possessori, ogni singolo soggetto beneficiario della detrazione può scegliere se usufruire direttamente della detrazione o, in alternativa, esercitare le opzioni previste dello sconto in fattura o della cessione del credito, indipendentemente dalla scelta operata dagli fruitori dell’agevolazione.

Ciò comporta che, soprattutto in contesti condominiali, per interventi sulle parti comuni degli edifici, non occorre che il condominio nel suo insieme opti per lo sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

Ogni singolo condomino ha ampia possibilità di scelta.

Sarà onere dell’amministratore effettuare il riparto millesimale delle spese per le quote degli inquilini interessati.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus casa, cessione credito e sconto in fattura
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 10 voti.

Bonus casa, cessione credito e sconto in fattura: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.261 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus casa, cessione credito e sconto in fattura che potrebbero interessarti


Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Superbonus 110%: proroga al 31 marzo del termine per comunicare la cessione del credito o lo sconto in fattura

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Slitta al 31 marzo il termine per poter inviare all'Agenzia delle Entrate il modulo con il quale optare per la cessione del credito in caso di Superbonus 110%

Ecobonus e Sismabonus al 110%: le novità del decreto di maggio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con il decreto maggio 2020 sale al 110% l'incentivo fiscale legato agli interventi di risparmio energetico e alle misure antisismiche. Ecco quali sono le novità

Bonus facciate: come funziona la cessione del credito col Decreto Rilancio?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile la cessione del credito d'imposta o lo sconto in fattura anche per il Bonus facciate al 90%. Lo afferma il Decreto Rilancio approvato a maggio 2020.

Superbonus 110: detrazione, sconto in fattura o cessione del credito?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di lavori rientranti nel Superbonus 110 in alternativa alla detrazione si può fruire dello sconto in fattura o della cessione del credito. Cosa dice l'AdE

Sconto Ecobonus nella legge di bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che ne è stato dello sconto in fattura per Ecobonus e Sismabonus? Facciamo il punto della situazione alla luce delle previsioni della legge di bilancio del 2020

Niente Superbonus 110% se il condòmino è moroso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il condomino moroso non ha diritto al Superbonus 110 e l'amministratore non deve comunicargli dati concernenti i lavori effettuati sulle parti comuni dello stabile

Agevolazioni fiscali 2020 legate agli interventi sulla casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali novità dalla legge di bilancio 2020 e dal decreto milleproroghe sulle agevolazioni riguardanti i lavori edili per abitazioni e condomini? Lo vediamo qui.

Cessione del credito a un familiare: si può fare?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate ha finalmente confermato la possibilità di cedere il credito di imposta derivante da interventi previsti dai bonus casa anche a familiari
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img claudio twok
Buongiorno a tutti,sto acquistando una casa antisismica con il sismabonus 110%, il costruttore mi farà lo sconto in fattura per un totale di € 96000. La domanda...
claudio twok 27 Luglio 2021 ore 22:51 2
Img stefanorenzetti
Salve,sto effettuando lavori di ristrutturazione (detrazione 50%), iniziate, pagate e finite entro aprile 2021.Per poter vedere il credito d'imposta a Poste Italiane (ricevendo...
stefanorenzetti 13 Marzo 2021 ore 17:59 1
Img luisolp
Salve, il condominio in cui abito dovrebbe effettuare dei lavori di coibentazione sfruttando il superbonus 110 e cedendo il credito ad una Esco. Contemporaneamente io vorrei...
luisolp 28 Febbraio 2021 ore 11:12 3
Img albemai20
Buongiorno,spero qualcuno possa aiutarmi.Io ho aperto pratica di ristrutturazione per lavori di efficientamento energetico sulla mia abitazione. Mi segue uno studio che ha...
albemai20 29 Gennaio 2021 ore 15:27 1
Img luca1954
Solo una domanda. Riguardo superbonus 110%, bisogna prima fare e pagare tutti i lavori e poi in seguito richedere la cessione del credito alla banca?Fosse così le cose...
luca1954 21 Ottobre 2020 ore 12:25 7