• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Bonus acqua 2022: a quanto ammonta e quali sono le regole?

Al via il bonus idrico 2022: fissate le regole dall'Agenzia delle Entrate. Vediamo quanto vale, chi ne ha diritto e come effettuare la domanda per accedere.
Pubblicato il / Aggiornato il

Bonus idrico 2022: che cos'è


Con la Legge di Bilancio 2022 viene prorogato fino al 2023 il bonus idrico, ovvero il credito d'imposta introdotto dalla Manovra economica 2021, pari al 50% delle spese effettuate per l'acquisto di sistemi di depurazione per il miglioramento dell'acqua da bere. Se le risorse stanziate per il 2022 sono pari a 5 milioni di euro, la cifra scenderà a 1,5 milioni per il prossimo anno.

Con provvedimento del 16 giugno 2021 l'Agenzia delle Entrate ha stabilito i criteri per accedere all'agevolazione e ha stabiito regole operative e modalità di fruizione del bonus.


Chi ha diritto al bonus acqua potabile?


Possono fruire del bonus idrico 2022 coloro che acquistano sistemi finalizzati a migliorare la qualità dell'acqua potabile. Stiamo parlando dei sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica ad uso alimentare.

Bonus acqua potabile
La spesa potrà essere agevolata sia che si tratti di acquisto per la casa che per l'azienda. Un incentivo alla riduzione dell'uso dei contenitori di plastica e al miglioramento della qualità dell'acqua potabile.

Più nello specifico, potranno beneficiare del bonus idrico, per immobili posseduti o detenuti in base a titolo idoneo:

  • le persone fisiche;

  • i titolari di partita IVA esercenti attività d'impresa, arti e professioni;

  • gli enti non commerciali;

  • gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.


Bonus idrico 2022: quali sono i limiti di spesa


La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto un credito di imposta pari al 50% in riferimento alle spese sostenute per l'acquisto e l'installazione dei sistemi volti al miglioramento della qualità dell'acqua proveniente dall'acquedotto.


Bonus idrico 2021
Da tener presente che la spesa dovrà essere sostenuta nel lasso di tempo che va dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2023.

Sono previsti due diversi limiti di spesa, differenti a seconda della tipologia di beneficiario:

  • limite pari a 1000 euro per ciascun immobile in riferimento alle persone fisiche;

  • limite pari a 5000 euro, se trattasi di persone giuridiche, esercenti attività di impresa, arte o professione, per ogni immobile che sia destinato allo svolgimento dell'attività.


Come fare la domanda per il bonus idrico 2022


La Legge di Bilancio 2021 che ha introdotto il bonus idrico non lo ha subordinato alla presenza di un limite ISEE; esso dunque è accessibile a tutti per abitazioni private o immobili destinati ad uso commerciale.

Migliorare l'acqua corrente che si consuma negli edifici e ridurre l'utilizzo delle bottiglie di plastica è l'obiettivo che lo Stato si prefigge con la misura introdotta.

Per accedere al credito di imposta del 50% bisognerà presentare la domanda all'Agenzia delle Entrate che con il provvedimento del 16 giugno 2021 ha approvato l'apposito modello.

L'interessato dovrà scaricare, compilare e inviare il modello Comunicazione delle spese per il miglioramento dell'acqua potabile sul sito web delle Entrate.

Quando presentare la domanda


Si segnala che il modulo con il quale dovrà essere comunicata al Fisco la somma di denaro che è stata pagata per l'acquisto dei sistemi di depurazione dovrà essere inviato dal 1° febbraio al 28 febbraio dell'anno successivo a quello in cui è stata sostenuta la spesa.

Il modello, da inviare all'Agenzia delle Entrato per fare la domanda, dovrà essere trasmesso esclusivamente in via telematica, mediante il servizio web messo a disposizione dal Fisco nell'area riservata al contribuente.

Quest'ultimo potrà procedere direttamente o avrà facoltà di avvalersi del servizio di intermediari abilitati.

Una volta che il contribuente abbia effettuato l'invio della domanda, l'Agenzia delle Entrate entro il termine di 10 giorni provvederà a rilasciare la ricevuta con la quale si attesta la presa in carico o il rifiuto della richiesta, con indicazione di quelle che sono le motivazioni.

Novità arrivano infatti con il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2022 con il quale si porta a 10 giorni il termine prima fissato a 5 giorni per la ricevuta di scarto o accettazione della domanda. Più tempo dunque a disposizione del Fisco per dare l'ok al bonus.


Come effettuare il pagamento e i documenti da conservare


Tra i documenti comprovanti il diritto al bonus idrico vi sono la fattura elettronica e il documento commerciale che riporti il codice fiscale del soggetto che ne faccia richiesta.

Bonus sistemi depurazione acqua
Il pagamento deve essere effettuato: con versamento bancario o postale o, più in generale con mezzi di pagamento tracciabili.

Non tutto è perduto per chi ha già sostenuto la spesa prima dell'entrata in vigore del provvedimento del 16 giugno 2021 e ha pagato mediante l'uso di contanti.

Saranno validi infatti anche eventuali pagamenti avvenuti con modalità alternativa.

Condizione necessaria è che si provveda a integrare la fattura elettronica o il documento commerciale che certifica la spesa, con l'indicazione del codice fiscale del contribuente richiedente.


Modalità di utilizzo del credito di imposta


Per quanto concerne le modalità di utilizzo del codice di imposta, si specifica che vi sono due opzioni:

  • utilizzo in compensazione a favore dei titolari di partita Iva;

  • nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta nel quale è stata effettuata la spesa e in quelle successive, per le persone fisiche che non esercitano un'attività di impresa, arte o professione, oppure in compensazione.


Per ciò che concerne la compensazione tramite F24 si specifica che il codice tributo e le istruzioni verranno comunicati dall'Agenzia delle Entrate con apposita risoluzione.

riproduzione riservata
Bonus acqua 2022: ecco le regole
Valutazione: 4.55 / 6 basato su 11 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.943 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img checo79
Stavo cercando info ma trovo solo roba generica ovverosistemi difiltraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare dell’acquaUn...
checo79 14 Marzo 2023 ore 12:21 3
Img gennaroscarlato
Buongiorno a tutti, avrei bisogno di delucidazioni sul credito d'imposta prima casa. Vi spiego la mia situazione...Nel novembre 2019 ho venduto casa (prima casa) e ho acquistato...
gennaroscarlato 04 Marzo 2021 ore 17:54 3
Img lastshelter
Buongiorno, come da Decreto Crescita ora è possibile chiedere lo sconto in fattura o la cessione del credito per i lavori di efficientamento energetico e miglioramento del...
lastshelter 17 Maggio 2020 ore 13:10 3
Img serenabosco
La possibilità di cedere il credito d'imposta, all'azienda stessa che farà i lavori o a terzi a ad una banca, è possibile anche per semplici lavori...
serenabosco 17 Ottobre 2018 ore 11:41 1
Img serenabosco
La Legge di Bilancio 2018(L. 205/2017) ha esteso la possibilità di cedere il credito derivante dagli interventi di riqualificazione energetica anche per i lavori effettuati...
serenabosco 27 Luglio 2018 ore 17:29 1