Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bonifico parlante per Superbonus 110 e altre detrazioni

Bonifico parlante cos'è e come compilarlo correttamente per essere in regola con le detrazioni fiscali, come il Superbonus 110, bonus 50%, Sismabonus, Bonus mobili
29 Giugno 2021 ore 09:58 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Il bonifico parlante per il Superbonus 110 e altre detrazioni fiscali


Negli ultimi anni, complice l’introduzione di diverse norme agevolative per il settore casa, come il Superbonus 110, si assiste spesso a richieste di utilizzo del bonifico parlante.

Cosa è il bonifico parlante e in che cosa si differenzia rispetto al più noto e diffuso bonifico ordinario?

Le prime e più generali informazioni sul bonifico parlante sono note ai più.

Bonifico parlante detrazioni fiscali
Ciò nondimeno, ci sono aspetti specifici che è bene conoscere con la dovuta attenzione, al fine di vedersi costretti a fornire spiegazioni all’Amministrazione finanziaria in sede di controllo o, in casi estremi, vedersi mettere in discussione l’incentivo fiscale.

Il pagamento mediante bonifico parlante, infatti, non è solo uno strumento di versamento ma è anche una condizione per usufruire dei vantaggi riservati dalla normativa fiscale. Dunque interessa tutti coloro che vogliono usufruire del Superbonus 110, dell'Ecobonus, Sismabonus e in generale tutti i bonus fiscali relativi alla casa.


Bonifico bancario parlante quando utilizzarlo?


Il bonifico parlante è la tipologia di pagamento per le spese sostenute per le detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione su immobile (a esempio ordinaria e straordinaria manutenzione) di proprietà o interventi di miglioramento energetico (ecobonus) e messa in sicurezza da un punto di vista sismico (sismabonus) o il superbonus 110 che li comprende.
Ma è anche previsto per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (bonus mobili).


Bonifico parlante e bonifico ordinario


È importante chiarire che, a seguito dell’introduzione di sistemi di monitoraggio fiscale, il bonifico parlante rappresenta la modalità di pagamento prevista ex lege per la totalità delle detrazioni fiscali.

Per definire cosa si intende per bonifico parlante è utile distinguerlo rispetto al bonifico ordinario.

Ciò che differenzia le citate modalità di pagamento è essenzialmente la tipologia e il numero di informazioni che sono ivi indicate: più dettagliate nel caso del bonifico parlante rispetto al bonifico ordinario.

Bonifico parlante e bonifico ordinario
Il bonifico parlante è a tutti gli effetti un bonifico bancario o postale che, fornisce ulteriori informazioni, atte a dimostrare la sussistenza delle condizioni e dei presupposti per accedere ai benefici fiscali previsti dalle norme agevolative.

A decorrere dall'1 luglio 2010 alla disposizione di pagamento effettuata con bonifico si applica la ritenuta di acconto di cui all'art. 25, D.L. n. 78/2010, attualmente fissata all'8%.


Come fare un bonifico parlante?


Il bonifico parlante deve contenere specifiche e tassative informazioni alcune delle quali sono analoghe al bonifico ordinario e, in particolare:

  • nome, cognome e indirizzo della persona a favore della quale si esegue il pagamento (in linea generale, l’impresa che esegue i lavori);

  • codice iban del soggetto nei cui confronti si versa l’importo;

  • causale, che riporta la motivazione dell’importo bonificato.


Oltre a tali informazioni, come rilevato, comuni rispetto al bonifico ordinario, il bonifico parlante deve altresì riportare:


  • il numero e la data della fattura (così come previsto dal DM 6.8.2020);

  • la causale del versamento. In particolare occorre riportare il riferimento normativo che disciplina l’agevolazione di cui si intende usufruire (a esempio nel caso di bonifico parlante per ristrutturazione;

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione;

  • il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

È importante precisare che nelle ipotesi in cui vi siano più beneficiari della detrazione che abbiano sostenuto le relative spese per gli interventi, il bonifico deve recare l'indicazione del codice fiscale di tutti i soggetti che intendono fruire delle agevolazioni.

Con riferimento a interventi eseguiti su parti comuni di edifici condominiali, il bonifico deve recare il codice fiscale del condominio o, nel caso dei condomini minimi per i quali a norma dell’art. 1129 c.c. non è prevista come obbligatoria la nomina di un amministratore, occorre indicare il codice fiscale del condòmino che provvede al pagamento (Agenzia delle Entrate, circolare 2 marzo 2016 n. 3).


Causale bonifico parlante


La parte forse più complessa da compilare è rappresentata dall’indicazione della causale bonifico parlante.

In tale sezione, come rilevato, occorre indicare anche il riferimento normativo dell’agevolazione di cui si intende usufruire.

Di seguito, per facilitare la compilazione, si indicano le causali dei principali bonus attualmente previsti:

  • causale bonifico ristrutturazione e/o Sismabonus 50 70 75 80 85%, deve recare l’indicazione art 16 bis dpr 917 86 causale bonifico;

  • causale bonus facciate 90%: art. 1, commi 219-224, della legge 27 dicembre 2019, n. 160;

  • causale bonifico ecobonus 50 e 65%: art. 1, commi 344-347. legge 296 / 2006;

  • causale bonus verde 36%: Legge Bilancio 2018, art. 1, commi 12,15;

  • causale bonifico bonus mobili 50%: art. 16, comma 2, DL 63/2013, convertito nella legge 90/2013;

  • causale bonifico Superbonus 110%: art. 119, decreto legge 19 maggio 2020, n. 34.

Nota: in riferimento alle detrazioni, si precisa che le percentuali sono variabili in base alla specifica tipologia di intervento in concreto eseguita.


Errore causale bonifico parlante


Sovente accade che per inesperienza o per effettiva difficoltà nell’interpretare le numerose norme agevolative a oggi vigente che spesso prevedono anche analoghi interventi si incorra in una errata indicazione della causale di versamento.

In questi casi si perde il beneficio fiscale?

La risposta è, in linea di massima, no.

Errore bonifico parlante
Superato un primo approccio eccessivamente formalistico e rigoroso sostenuto dall’Amministrazione finanziaria, l’errore occorso nella indicazione della causale di versamento non comporta la perdita del vantaggio fiscale.

In tale senso si è espressa l’Agenzia delle Entrate, la quale ha chiarito che se nel bonifico parlante sono riportati, per mero errore materiale, i riferimenti normativi errati l'agevolazione può comunque essere riconosciuta senza necessità di ulteriori adempimenti (Circolare n. 11/E del 2014).

Sarà l'Amministrazione finanziaria, in sede di controllo, verificherà se il comportamento risulta posto in essere per eludere il rispetto della normativa sull'applicazione della ritenuta.


Come compilare il bonifico per ristrutturazione edilizia


Chiarite le principali informazioni che il bonifico parlante deve necessariamente contenere, proviamo a capire come compilare il bonifico per ristrutturazione edilizia.

Preliminarmente occorre precisare che i diversi istituti di crediti offrono soluzioni semplificate ad hoc, mettendo a disposizione del correntista un apposito modello bonifico per agevolazioni fiscali.



Qualora, in casi a oggi non frequenti, l’istituto di credito non abbia predisposto la disposizione per procedere con bonifico parlante, in tale caso, è possibile utilizzare il bonifico ordinario avendo cura di rispettare, in ogni caso le indicazioni previste per il bonifico parlante e tutte le informazioni previste


Fac simile bonifico parlante


Supponiamo di aver eseguito interventi di ristrutturazione edilizia e di dover procedere al versamento degli importi pattuiti con la ditta che ha eseguito l’intervento.

In tale caso, di seguito le voci e le informazioni da indicare:

  • Nome del titolare del conto corrente, che dispone il bonifico;

  • Nome del beneficiario del pagamento;

  • IBAN del beneficiario;

  • Paese: ossia “Italia”;

  • Importo del bonifico;

  • causale bonifico parlante: Bonifico per inteventi edilizi che danno diritto alla detrazione di cui all’art.16-bis D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Pagamento fattura n. XX del gg/mm/aa a favore di (nome beneficiario del pagamento) partita Iva XX. Beneficiario della detrazione (nome beneficiario della detrazione) codice fiscale XX.

riproduzione riservata
Articolo: Bonifico parlante detrazioni fiscali
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Bonifico parlante detrazioni fiscali: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.092 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonifico parlante detrazioni fiscali che potrebbero interessarti


Bonifico detrazioni errato: come rimediare?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Una condizione essenziale per godere delle detrazioni è quella del pagamento tramite bonifico parlante: vediamo quali sono le informazioni corrette da inserire.

Bonus ristrutturazione: cosa fare in caso di causale bonifico errata

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Laddove il contribuente indichi nella causale del bonifico parlante un riferimento normativo sbagliato non ci sarà preclusione al diritto alla detrazione fiscale prevista

Detrazioni fiscali casa: come effettuare i pagamenti

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali per la casa: il pagamento si fa col bonifico parlante, con eccezioni e alcuni possibili correttivi in caso di errore. Vediamoli in dettaglio.

Bonifico detrazioni errato

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cosa accade quando si sbaglia ad effettuare il bonifico per lavori che beneficiano della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni o sul risparmio energetico?

Bonus verde: è possibile la detrazione delle spese di progettazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate fornisce dei chiarimenti sul bonus verde: possibile effettuare la detrazione anche delle spese sostenute per la progettazione dei lavori.

Installazione addolcitore d'acqua: quando scattano i benefici fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si ritiene possibile, a determinate condizioni, godere della detrazione IRPEF del 50% e dell'IVA agevolata per l'acquisto e l'istallazione dell'addolcitore di acqua

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.

Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sui bonifici per le detrazioni banche e poste devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dall'impresa che effettua i lavori

Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico pagati con finanziamento sono ammesse, ma solo se vengono rispettate alcune procedure.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giodeco
Salve, La ditta che sta eseguendo i lavori di ristrutturazione provvederà a fare le varie pratiche per le detrazioni e l'invio dei documenti a ENEA. I lavori in questione...
giodeco 15 Febbraio 2021 ore 11:35 3
Img cloubuubuclo
Buongiorno, tramite la mia home-banking ho provato a usare lo strumento "bonifico per detrazioni" comodo per inserire tutte le informazioni necessarie per il bonifico parlante.Ho...
cloubuubuclo 24 Giugno 2020 ore 17:07 1
Img diabolik2009
Salve a tutti, vorrei chiedere una info riguardo l'acquisto di una nuova caldaia a condensazione per poter usufruire della detrazione del 50% come previsto dalla norma, ma chiedo...
diabolik2009 19 Giugno 2020 ore 10:17 5
Img paolaok
Buongiorno, ho sostituito la mia vecchia caldaia con una a condensazione, installando anche le valvole termostatiche. Già che c'ero ho anche cambiato due vecchi caloriferi...
paolaok 08 Aprile 2020 ore 18:26 2
Img nando84
Buongiorno al forum,al completamento dei lavori di rifacimento facciata della mia casa mi sorge ora il problema di compilare correttamente il bonifico parlante. Ho provato a...
nando84 30 Marzo 2020 ore 12:41 4