Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bonus ristrutturazione: cosa fare in caso di causale bonifico errata

Laddove il contribuente indichi nella causale del bonifico parlante un riferimento normativo sbagliato non ci sarà preclusione al diritto alla detrazione fiscale prevista
23 Febbraio 2020 ore 09:53 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Il pagamento delle spese di ristrutturazione


Al fine di godere della detrazione IRPEF del 50% per le spese relative ad interventi di recupero del patrimonio edilizio (ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo, ecc.) di cui all'art. 16-bis del DPR n. 917/86 (TUIR), come ben noto, è necessario che il pagamento dell'onere sia effettuato con bonifico bancario o postale (anche on line), da cui risultino:

  1. la causale del versamento, con riferimento alla norma;

  2. il codice fiscale del beneficiario della detrazione;

  3. il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

È questo il c.d. bonifico parlante. Nel caso in cui l'ordinante del bonifico sia persona diversa da quella indicata nella disposizione di pagamento quale beneficiario della detrazione, in presenza di tutte le altre condizioni previste dalla norma, la detrazione deve essere fruita da quest'ultimo.
Ciò lo ha precisato tempo fa l'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 17/E del 24 aprile 2015.

Bonifico bonus ristrutturazione
Tuttavia, è possibile pagare con altre modalità diverse dal bonifico quelle spese come ad esempio oneri di urbanizzazione, diritti per concessioni, autorizzazioni e denunce di inizio lavori, ritenute fiscali sugli onorari dei professionisti, imposte di bollo, ecc., per le quali in genere sono previste specifiche modalità di assolvimento (come il bollettino di c/c postale).

Si tenga altresì presente che laddove vi siano più soggetti che sostengono la spesa e tutti intendono fruire della detrazione, il bonifico deve riportare il numero di codice fiscale delle persone interessate al beneficio e che per gli interventi realizzati sulle parti comuni condominiali, oltre al codice fiscale del condominio è necessario indicare quello dell'amministratore o di altro condomino che effettua il pagamento.


Il pagamento per l'ecobonus


Fermo restando le regole sopracitate anche per la detrazione spettante in merito alle spese di riqualificazione energetica (c.d. ecobonus), ai fini di tale beneficio, le regole di pagamento dell'onere sono diverse a seconda che il contribuente sia titolare o meno di reddito d'impresa.

Nel dettaglio per chi non è titolare di reddito di impresa, il pagamento deve essere effettuato anche in tal caso con bonifico parlante (anche on line), da cui risultino: a) la causale del versamento, con indicazione degli estremi della norma agevolativa; b) il codice fiscale del beneficiario della detrazione; il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori).

Bonifico ecobonus
I contribuenti titolari di reddito di impresa sono invece esonerati dall'obbligo di pagamento tramite la predetta modalità, salvo che determinano il reddito applicando il principio di cassa (Risposta Agenzia delle Entrate n. 46 del 2018).

Infatti, per chi determina il reddito d'impresa secondo il regime ordinario (e non di cassa), il momento dell'effettivo pagamento della spesa non è rilevante per la determinazione di tale tipologia di reddito, poiché vale la regola secondo cui il momento di imputazione dei costi si verifica, per i servizi, alla data in cui sono ultimate le prestazioni e, per i beni mobili, alla data di consegna o spedizione, salvo che sia diversa e successiva la data in cui si verifica l'effetto traslativo.


La ritenuta sul bonifico parlante



Restano validi, sia ai fini del bonus ristrutturazioni che dell'ecobonus, anche i bonifici parlanti effettuati tramite conti aperti presso gli istituti di pagamento, cioè le imprese, diverse dalle banche, autorizzate dalla Banca d'Italia a prestare servizi di pagamento.

In questi casi, però, l'Agenzia delle Entrate ha precisato che per poter godere del beneficio, è necessario che l'istituto, in qualità di sostituto d'imposta, assolva tutti gli adempimenti riguardanti il versamento della ritenuta d'acconto, della certificazione della stessa (tramite modello CU) e della trasmissione della dichiarazione (modello 770).

Con riferimento alla ritenuta d'acconto si ricorda, infatti, che al momento del pagamento con bonifico parlante da parte del contribuente che intende avvalersi della detrazione, le banche, Poste Italiane Spa e gli altri istituti di pagamento devono operare una ritenuta dell'8% a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dall'impresa che effettua i lavori. La base di calcolo su cui operare la ritenuta è l'importo del bonifico diminuito dell'Iva. Nessuna ritenuta è operata, invece, in caso di pagamento con modalità diverse dal bonifico.

In caso di bonifico errato


Spesso può accadere che per distrazione oppure per confusione o ancora per scarsa conoscenza delle disposizioni normative previste, nel predisporre il bonifico parlante si indichi una causale errata. Ad esempio si riporta la causale prevista per la detrazione riguardante le spese di recupero del patrimonio edilizio quando in realtà l'intervento è inquadrabile come di riqualificazione energetica oppure viceversa.

Il contribuente, tuttavia, può stare tranquillo in questo caso poiché, nel rispetto di tutte le altre condizioni previste non perderà il diritto al beneficio. Infatti, come si apprende anche dalla guida predisposta dall'Agenzia delle Entrate, quando sul bonifico sono stati riportati, per mero errore materiale, i riferimenti normativi della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio, l'agevolazione può comunque essere riconosciuta senza necessità di ulteriori adempimenti (Circolare n. 11/E del 2014).

Ciò in quanto, comunque, il comportamento del contribuente non inficia sulla corretta applicazione della ritenuta d'acconto da parte della banca/posta. Inoltre dalla stessa guida si apprende anche che se per errore è stato effettuato un bonifico diverso da quello dedicato (quindi è stato eseguito un bonifico ordinario) o non sono stati indicati sul bonifico tutti i dati richiesti, e non è stato possibile ripetere il bonifico stesso, la detrazione spetta solo qualora il contribuente sia in possesso di una dichiarazione sostitutiva di atto notorietà rilasciata dall'impresa, con la quale quest'ultima attesta che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati correttamente contabilizzati ai fini della loro imputazione nella determinazione del reddito (Circolare n. 43/2016).

In sede di controllo, comunque, l'Amministrazione finanziaria verificherà se il comportamento risulta posto in essere per eludere il rispetto della normativa sull'applicazione della ritenuta.

riproduzione riservata
Articolo: Bonifico lavori di ristrutturazione ed errore nella causale
Valutazione: 4.70 / 6 basato su 10 voti.

Bonifico lavori di ristrutturazione ed errore nella causale: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Anna
    Anna
    Giovedì 24 Dicembre 2020, alle ore 12:22
    Ho ristrutturato casa ma per ignoranza, nella causale del bonifico in merito agli infissi installati ad efficienza energetica, ho messo per ristrutturazione e non per efficienza energetica, quindi invece di avere il 50%, vorrei portare il 65 % .
    Come posso fare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Anna
      Lunedì 28 Dicembre 2020, alle ore 12:48
      Non si preoccupi, non perderà la detrazione fiscale del 65%.  La Circolare n. 11/E del 14 maggio 2014 chiarisce che il mero errore materiale nella compilazione del bonifico parlante non è causa della perdita dei benefici di legge. E' importante che l'impresa le faccia una dichiarazione sostitutiva di atto notorietà, con la quale quest'ultima attesta che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati correttamente contabilizzati ai fini della loro imputazione nella determinazione del reddito (Circolare n. 43/2016). Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Tommaso
    Tommaso
    Venerdì 4 Dicembre 2020, alle ore 17:13
    Per errore ho fatto un bonifico parlante all'amministratore del Condominio anzichè fare un bonifico ordinario.
    Adesso l'amministratore mi invita a versare l'importo della ritenuta operata sull'importo del bonifico.
    La banca non può più stornare il bonifico perchè sono passati 11 mesi dal bonifico.
    Sapete dirmi come mi devo comportare e se devo rimetterci ?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Tommaso
      Lunedì 7 Dicembre 2020, alle ore 19:08
      L'amministratore per poter fare fronte ai pagamenti deve essere integrato della cifra che la banca ha trattenuto per Suo conto. Contestualmente, però, a Lei le deve "ritornare" della stessa cifra versata in eccesso nel modo più semplice possibile. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Emanuele4
    Emanuele4
    Martedì 9 Giugno 2020, alle ore 11:50
    Buongiorno,l anno scorso abbiamo svolto la ristrutturazione del tetto, ed ho pagato tramite un bonifico.Quest'anno facendo il 730 volevo portare in detrazuine tali spese ,pero' l'agenzia dove mi sono rivolto mi ha fatto notare che tali bonifici erano errati ed non era possibile portarli in detrazione.Volevo sapere se con un autocerificazione della ditta che ha effettuato il lavoro,posso portare in detrazione i bonifici o se cera una data di scadenza(dato che e' passato un anno)per presentare l'autocertificazuine .grazie e cordiali saluti
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Emanuele4
      Giovedì 11 Giugno 2020, alle ore 13:01
      La circolare n. 43/E del 18 novembre 2016, apre le porte ai possibili errori effettuati nella compilazione di bonifici.  Se trattasi della mancata applicazione della ritenuta dell'8% da parte della banca può essere superata da una dichiarazione di atto notorio fatta dal titolare dell'impresa o dall'amministratore, che queste somme sono state regolarmente portate in contabilità ai fini della corretta determinazione del reddito. Tale documentazione va esibita al Caf o al Suo commercialista. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Emanuele4
    Emanuele4
    Martedì 9 Giugno 2020, alle ore 11:25
    L'anno scorso abbiamo svolto la ristrutturazione del tetto, ed ho pagato tramite un bonifico.
    Quest'anno facendo il 730 volevo portare in detrazione tali spese, però l'agenzia dove mi sono rivolto mi ha fatto notare che tali bonifici erano errati ed non era possibile portarli in detrazione.
    Volevo sapere se con un autocerificazione della ditta che ha effettuato il lavoro, posso portare in detrazione i bonifici o se cera una data di scadenza (dato che e' passato un anno) per presentare l'autocertificazuine.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Emanuele4
      Giovedì 11 Giugno 2020, alle ore 13:02
      La risposta la trova al post precedente. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Pirone
    Pirone
    Martedì 25 Febbraio 2020, alle ore 08:28
    Laddove il contribuente abbia omesso di riportare nella prima dichiarazione dei redditi la spesa (bonifico) che dà diritto alla detrazione, potrà intanto presentare una dichiarazione integrativa in cui riportare la quota omessa, continuando poi regolarmente la detrazione delle quote residue nelle dichiarazioni successive.
    Pasquale Pirone
    rispondi al commento
  • Gio@alice.it
    Gio@alice.it
    Lunedì 24 Febbraio 2020, alle ore 11:37
    Volevo chiedere se dopo una certa età si può detrarre l'intero importo in un unica rata e non in 10 anni, oppure?
    rispondi al commento
    • Pirone
      Pirone Gio@alice.it
      Lunedì 2 Marzo 2020, alle ore 18:07
      Questa possibilità non è prevista ad oggi.
      La detrazione deve avvenire in 10 quote annuali.
      rispondi al commento
  • Maurizio11
    Maurizio11
    Domenica 23 Febbraio 2020, alle ore 21:21
    Manca un altro caso quando si è dimenticata la detrazione di un bonifico e si vorrebbe inserirla nel modello 730 dell’anno successivo.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.724 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonifico lavori di ristrutturazione ed errore nella causale che potrebbero interessarti


Detrazioni fiscali: il bonifico parlante

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Adempimento necessario per poter fruire delle detrazioni fiscali per interventi su immobili, è pagare le spese relative con bonifico bancario o postale parlante

Ecobonus e bozza del decreto Mise

Leggi e Normative Tecniche - Quali sono le novità introdotte con la bozza del decreto del Mise in ambito di Ecobonus. Previsti nuovi limiti di spesa e nuove modalità di calcolo degli sconti

Installazione addolcitore d'acqua: quando scattano i benefici fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si ritiene possibile, a determinate condizioni, godere della detrazione IRPEF del 50% e dell'IVA agevolata per l'acquisto e l'istallazione dell'addolcitore di acqua

Bonus condizionatori anche per il 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La sostituzione, riparazione o installazione di condizionatori nelle proprie casa, negozi e uffici, può dar diritto anche per le spese 2020 a detrazioni fiscali

Bonus verde: è possibile la detrazione delle spese di progettazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate fornisce dei chiarimenti sul bonus verde: possibile effettuare la detrazione anche delle spese sostenute per la progettazione dei lavori.

Ecobonus e Sismabonus: le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate per lo sconto in fattura

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le regole dell'Agenzia delle Entrate per dare attuazione al DL Crescita in caso di risparmio energetico e misure antisismiche: modalità per lo sconto in fattura

Bonifico detrazioni errato: come rimediare?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Una condizione essenziale per godere delle detrazioni è quella del pagamento tramite bonifico parlante: vediamo quali sono le informazioni corrette da inserire.

Ecobonus e Sismabonus al 110%: le novità del decreto di maggio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con il decreto maggio 2020 sale al 110% l'incentivo fiscale legato agli interventi di risparmio energetico e alle misure antisismiche. Ecco quali sono le novità

Ritardo nella comunicazione Enea: l'Ecobonus resta valido

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se si presentano i documenti all'Enea oltre il termine di 90 dalla fine dei lavori? L'Ecobonus non può essere messo in discussione. Vediamo perché.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luigi.mortari
Buongiorno. Ringrazio gli amministratori del sito per questo spazio. Mi rivolgo a voi per questa questione difficile per me da derimere. Se il costo dei miei impianti di...
luigi.mortari 14 Gennaio 2021 ore 11:39 1
Img fabiosetale
Salve, sto studiando da settimane, ed anche con i nuovi "aggiornamenti" la risposta alla mia domanda ancora non la trovo scritta esplicitamente in nessuna legge o guida o decreto...
fabiosetale 13 Gennaio 2021 ore 13:08 21
Img andrvici
Buongiorno, ho acquistato una villetta a schiera ultimata (pavimenti e rivestimenti, fine lavori 2013), ma priva di infissi e impianto di riscaldamento. Posso usufruire...
andrvici 12 Gennaio 2021 ore 11:51 2
Img giodeco
Salve, attualmente il mio appartamento è all'interno di un condominio di 6 unità costruito negli anni '70, dunque con scarso isolamento termico; ho da poco fatto dei...
giodeco 05 Gennaio 2021 ore 12:42 2
Img nicoladiliso
Buonasera. Ho ereditato una casa vecchia che ho acquistato totalmente dando la quota all'altro erede, mia sorella. È una casa vecchissima quindi da demolire e ricostruire.
nicoladiliso 04 Gennaio 2021 ore 16:15 6