Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bollette più chiare, recesso più semplice, cambio fornitore: le novità

Importanti novità imposte dall'Unione Europea per la fornitura di energia elettrica. Bollette più chiare, maggiori tutele per i clienti e obblighi per i fornitori
- NEWS Normative

Bollette e mercato libero: novità per il settore energetico


In arrivo importanti novità in materia di mercato dell'energia elettrica.

L'attuale Esecutivo è infatti al lavoro per emettere un provvedimento in grado di rispettare (seppure con notevole ritardo) i diktat europei in materia di trattamento dei dati e fornitura dell'energia elettrica, contenuti nella Direttiva 2019/944 del 5 giugno 2019, relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica e che modifica la Direttiva 2012/27/UE.

Direttiva Unione Europea mercato energia elettrica
Gli Stati membri avrebbero dovuto recepire tale Direttiva entro e non oltre il 31 dicembre 2020.

L'Italia ha mancato l'impegno, guadagnando una procedura di infrazione (n. 2021/0059).

Diversi gli obiettivi assegnati dalla Direttiva gli Stati membri:

  • garantire che nel mercato interno dell'energia elettrica non vi siano barriere ingiusti ficate per quanto riguarda l'ingresso nel mercato, l'attività nel mercato e l'uscita dallo stesso;

  • consentire la realizzazione di un mercato dell'energia elettrica completamente liberalizzato e ben funzionante;

  • garantire e tutelare i consumatori di energia elettrica mettendo loro a disposizione informazioni semplici e univoche sui loro diritti in relazione al settore energetico.

Tali obiettivi, riguardano anche il comparto casa, poiché impongono un ripensamento delle attuali politiche di gestione dei dati personali da parte delle società di fornitura e un nuovo modello di regolamentazione dei rapporti con i consumatori fiscali, improntato a una maggiore trasparenza.

In altri termini, questa sfida posta dall'Unione obbliga l'Italia a mettere nuovamente mano in materia di diritti dei consumatori e a mettere a punto nuovi modelli o formulari contenenti condizioni contrattuali eque e trasparenti fra fornitori e consumatori.


Maggiori tutele dei consumatori


Uno degli obiettivi più importanti che gli Stati membri devono realizzare, è rappresentato dalla creazione di un mercato più trasparente attraverso anche la garanzia di maggiori informazioni al consumatore finale.

Bollette 2021: più tutetali i consumatori
La bozza del provvedimento sul quale il Governo è impegnato mira a garantire i consumatori a ricevere una comunicazione più rapida, chiara e comprensibile dalle società che gestiscono il servizio, durante tutto il corso del rapporto di fornitura.

Vediamo quali sono le principali novità, seguendo lo schema della bozza trasmessa per l'approvazione, che potrebbe ancora essere suscettibile di modifiche.

Informazione trasparente


In particolare, l'art. 5 della bozza, relativo i diritti contrattuali dei clienti, stabilisce che il cliente finale ha diritto a ricevere, prima della conclusione del contratto, un documento informativo recante una sintesi, scritta in un linguaggio semplice e conciso, dei diritti del cliente finale e delle ulteriori condizioni contrattuali.

Bolletta trasparente
Le eventuali limitazioni dei diritti del consumatore devono essere debitamente evidenziate all'interno del documento informativo.

La violazione di tali disposizioni è causa di nullità del contratto di fornitura, rilevabile anche d'ufficio dal giudice, a favore del cliente.

Nel caso di mutamento delle condizioni contrattuali, disposte unilateralmente dalle società di fornitura, i clienti finali hanno il diritto di ricevere dal fornitore una comunicazione chiara, comprensibile e tempestiva, ove siano riportate le modalità di esercizio della facoltà di recedere dal contratto.


Facoltà di recesso fornitore energia


In caso di modifiche contrattuali, il cliente finale può recedere dal contratto, con dichiarazione inviata al fornitore, mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, ovvero mediante posta elettronica, anche ordinaria, entro il termine indicato dal fornitore, comunque non inferiore a dieci giorni lavorativi, decorrente dal ricevimento della comunicazione prevista dal presente comma.

La comunicazione indica gli indirizzi, ivi compreso almeno un indirizzo di posta elettronica ordinaria, ai quali la dichiarazione di recesso può essere trasmessa.


Adeguamento dei prezzi energia elettrica


In caso di adeguamento del prezzo di fornitura, i clienti finali devono essere informati dei motivi specifici che hanno determinato l'innalzamento dei prezzi e l'entità dell'aumento, nel rispetto di un preavviso di almeno due settimane ovvero di almeno un mese, qualora si tratti di clienti civili, rispetto alla data di applicazione del medesimo adeguamento.


Modalità di pagamento


I fornitori devono garantire diverse modalità di pagamento.

La scelta di uno o dell'altro metodo non può costituire causa per l'applicazione di condizioni discriminatorie o più o meno vantaggiose.

Modalità pagamento bollette
Le eventuali differenze negli oneri relativi ai diversi metodi di pagamento e ai differenti sistemi di prepagamento devono essere oggettive, non discriminatorie, proporzionate e, in ogni caso, non possono superare i costi diretti a carico del beneficiario.

Nella bozza viene inoltre stabilito che i clienti finali ricevono una fattura di conguaglio definitiva dal fornitore entro sei settimane dall'avvenuto cambio di fornitore.


Nuove bollette per l'energia elettrica


Precise indicazioni sono fornite per la predisposizione delle bollette di fornitura dell'energia elettrica.

Ai sensi dell'art. 6, le nuove bollette dovranno contenere informazioni di fatturazione accurate, facilmente comprensibili, chiare, concise, di facile consultazione e idonee a facilitare confronti con i servizi offerti da altri fornitori.

In caso di dubbi, i clienti potranno ricevere, in via gratuita, informazioni e spiegazioni dai fornitori sul modo in cui una determinata bolletta è stata compilata.

Diritto informazione chiara in bolletta
Tali chiarimenti possono essere ricevuti dal consumatore finale, su richiesta, in formato elettronico, anche tramite posta elettronica ordinaria.

Nello specifico per conoscere come sarà predisposto il nuovo modello di bollette, inviate ai clienti, per l'energia elettrica, occorrerà attendere un apposito provvedimento di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti Ambiente), che dovrà essere emesso entro mesi 6 dall'entrata in vigore della versione definitiva del Decreto.

Diritto di cambiare fornitore energia elettrica


La bozza del Decreto in merito all'esercizio del diritto di cambiare fornitore stabilisce che il passaggio deve avvenire nel più breve tempo possibile, e, comunque, entro un termine massimo di tre settimane dalla data di ricevimento della bolletta senza discriminazione di costi, oneri e tempi.



Entro un anno dall'entrata in vigore del decreto, Arera dovrà avviare una consultazione con gli operatori attivi sul mercato dell'energia elettrica e delle associazioni dei consumatori al fine di adottare misure atte a garantire al più tardi a far data dal 1 gennaio 2026, il diritto dei clienti a cambiare fornitore entro 24 ore dalla richiesta.

riproduzione riservata
Articolo: Bollette, recesso, cambio fornitore: ecco le novità
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Bollette, recesso, cambio fornitore: ecco le novità: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.192 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bollette, recesso, cambio fornitore: ecco le novità che potrebbero interessarti


Rimedio ai rincari bollette: è possibile con le fonti rinnovabili?

Impianti rinnovabili - Un'azione utile a contrastare gli aumenti in bollette dell'energia elettrica, è data dal processo di sviluppo delle risorse rinnovabili, in Italia e nel mondo.

Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Burocrazia e utenze - Stop alle maxibollette della luce; dal 1° marzo riconosciuta la prescrizione breve di 2 anni a tutela dei consumatori. Lo dice l'Arara con una recente delibera.

Bollette luce e gas

Impianti - Se davvero dovesse verificarsi la discesa dei prezzi delle bollette energetiche, i risultati saranno davvero sorprendenti: dall'inizio del 2009, sarà di oltre 230 euro l'anno il risparmio rispetto ai costi sostenuti a fine del 2008.

Stangata in vista per gli italiani: quadruplicati i costi di gas e luce!

Burocrazia e utenze - Nuova bastonata in arrivo, dal mese di ottobre rincari per quanto riguarda le bollette di gas e luce. Si attivano famiglie e imprese per far quadrare i conti!

Bollette luce e gas in aumento da ottobre 2015

Fisco casa - Scattano da ottobre 2015 gli aumenti delle bollette di luce e gas di casa. Tuttavia, a lungo termine, per le famiglie si prevede un risparmio totale di 60 euro.

Aumento della bolletta dell’energia elettrica per i consumi domestici

Impianti elettrici - Accorgimenti che possiamo mettere in campo per attenuare la sfera dei consumi giornalieri degli apparecchi elettrodomestici per non far incrementare le bollette

Si va verso l’addio del canone Rai in bolletta

Fisco casa - Possibile eliminazione dell'importo del canone rai tv dalla bolletta dell'energia elettrica. È quanto annunciato dal Premier Draghi per motivi di trasparenza.

Rincari bollette, secondo Cingolani si avrà un aumento del 40% in autunno

Impianti elettrici - Cingolani dichiara quali sono le motivazioni che causano l’aumento costante dell’energia elettrica, senza che il ritorno al nucleare sia da considerare un tabù.

Novità in ambito di efficienza energetica degli edifici

Leggi e Normative Tecniche - Nuove regole per l'edilizia in campo energetico. Ecco le linee guida che il Governo dovrà seguire per attenersi alle disposizioni contenute nella normativa UE.