Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Bioetanolo, il combustibile del biocamino che rispetta l'ambiente

Il bioetanolo e tutti i suoi segreti con tanti pro e pochissimi contro. Tutto quello che c'è da sapere su questo biocombustibile, forse troppo poco conosciuto.
28 Ottobre 2020 ore 11:44 - NEWS Impianti di riscaldamento
bioetanolo , camino bioetanolo , stufe a bioetanolo , biocamino

Cos'è il bioetanolo?


Il bioetanolo è un alcol al pari dell'etanolo che però viene prodotto in maniera differente; si ottiene dalla fermentazione delle biomasse di origine vegetale.

È anche considerato un carburante liquido e incolore, al pari della benzina, da cui però differisce per metodo di produzione, resa e impatto sull'ambiente.


Tanica di bioetanolo by Alcofiamma

Tanica di bioetanolo by Alcofiamma

Tanica di bioetanolo by Alcofiamma
Tanica da 20 litri di bioetanolo by Alcofiamma

Tanica da 20 litri di bioetanolo by Alcofiamma

Tanica da 20 litri di bioetanolo by Alcofiamma
Un biocamino in un soggiorno. Photo by @victoriaborodinova

Un biocamino in un soggiorno. Photo by @victoriaborodinova

Un biocamino in un soggiorno. Photo by @victoriaborodinova

Di seguito ecco le principali caratteristiche del bioetanolo:

• ha un elevato numero di ottani che lo rende ideale per aumentare le performance dei motori delle automobili. Spesso è utilizzato nelle gare automobilistiche per aumentare gli ottani della benzina;

• possiede un potere calorifico inferiore alla benzina, con un aumento dei consumi pari a circa il 15-30%;

non contiene zolfo, dannoso sia alla salute che per l'ambiente.

Vedremo a breve tutti i vantaggi che queste caratteristiche portano sia in termini di resa, sia di impatto ambientale. Il suo utilizzo è potenzialmente molto vasto ma, generalmente, prevale il suo impiego come combustibile per i settori dei trasporti e nel riscaldamento (camino al bioetanolo).


Un po' di storia sul bioetanolo


La molla che fece scattare l'interessamento a questo tipo di carburante iniziò nella prima metà degli anni Settanta, ricordati come il periodo della crisi petrolifera iniziato con l'attacco di Egitto e Siria. Questo potrò i paesi arabi che facevano parte dell'OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) a imporre un embargo petrolifero nel confronti degli USA e a tutte le nazioni filo israeliane.

CONSIGLIATO
Bioetanolo
...
prezzo € 19.77
COMPRA


Da qui iniziò a svilupparsi questa nuova tecnologia, figlia appunto di questa crisi. Successivamente, questa strada si raffreddò leggermente per poi tornare in auge negli anni successivi, nella spasmodica ricerca di combustibili che non inquinassero come quelli fossili.

Attualmente, il Brasile è il Paese con produzione e investimenti maggiori di questo biocombustibile, seguito dagli Stati Uniti. I numeri però sono ancora molto bassi a livello globale.


Come si produce il bioetanolo?


Tutto ha inizio dalla cosiddetta biomassa che può essere appositamente coltivata o risultare come scarto di alcuni prodotti. Questi sono composti da una miscela di polimeri come la cellulosa, i carboidrati, la lignina etc.

Questi materiali vengono pretrattati con sostanze acide in modo che le reazioni chimiche possano produrre zuccheri. Nel caso di determinate colture, come ad esempio la canna da zucchero, questo passaggio non viene effettuato perché basterà separare meccanicamente le parti della pianta che contengono lo zucchero dal resto.

canna da zucchero utilizzata per produrre bioetanolo rinnovabile
Questo tipo li lavorazione non lascia praticamente elementi di risulta perché le parti della pianta che vengono scartate (essenzialmente fibre), potranno essere utilizzate come materiale combustibile per la produzione di elettricità.

Nel caso del mais, invece, la lavorazione necessaria per produrre bioetanolo è leggermente più complessa. Vengono inizialmente macinati i chicchi (a secco o a umido) riducendoli a una consistenza molto simile a quella della farina che, successivamente, verrà immersa in acqua calda in modo che venga rilasciato l'amido.

Farina di mais pronta per la produzione di bioetanolo
Arrivati a questo punto, grazie a un processo di idrolisi, questa soluzione è pronta per essere fermentata per ottenere l'etanolo. La sostanza utilizzata perché questo avvenga è il semplice lievito di birra e temperature che oscillano tra i 250° e i 300° C.

Da sottolineare il fatto che anche il lievito di birra è perfettamente naturale e quindi a impatto ambientale nullo. Per concludere, il bioetanolo prodotto sarà sottoposto a un ultimo processo per eliminare l'acqua in eccesso presente.

Riassumendo quindi, le sostanze da cui è possibile estrarre l'etanolo sono:

  • canna da zucchero;

  • canna comune;

  • cellulosa;

  • mais;

  • cereali.


Vantaggi del bioetanolo


Il Bioetanolo, esattamente come altri combustibili (come il biodiesel) ha l'enorme vantaggio di avere un impatto ambientale nullo, rispetto ai combustibili di origine fossile.
Trattandosi poi di prodotti ottenuti da biomasse viene da se che rappresentano delle fonti rinnovabili.

Le emissioni che producono durante la combustione, inoltre, sono molto basse e si tratta per lo più anidride carbonica (Co2). Quest,a oltretutto, grazie alla sintesi clorofilliana, viene eliminata proprio dalle colture da cui si ricava il bioetanolo. Si viene a creare quindi, una sorta di ciclo di compensazione interno al processo di produzione.

Inoltre, durante la combustione non vengono sviluppati odori, fuliggine o fumi di alcun tipo.
Oltre alla Co2 prodotta, l'unico altro elemento risultante sarà una quantità minima di vapore acqueo.


Svantaggi del bioetanolo


Anche per l'uso del bioetanolo qualche contro c'è, ma del resto non siamo ancora arrivati al punto di sviluppare forme di energie senza alcun difetto. Anche se la combustione dell'etanolo produce meno CO2 rispetto alla benzina (2,88 kg contro i 3,08 kg per la benzina) è pur vero che produce quantità maggiori di NOx.

Con questa sigla si intendono in maniera generale tutti gli ossidi di azoto che si formano tramite combustione e che sono nocivi per la salute.

L'esempio più conosciuto è il monossido di azoto (formula bruta NO).

Un grande stabilimento industriale per la produzione di bioetanolo.
Il problema è risolvibile grazie a veicoli che sono appositamente progettati con catalizzatori speciali che permettono di eliminare questo difetto. Il problema è che sul mercato (per via essenzialmente di interessi economici) sono difficilmente reperibili.

In italia, ad esempio, non è proprio possibile trovarne. La Svezia per contro detiene il primato per numero di veicoli e stazioni di servizio per sfruttare questo tipo di carburante.

Un altro svantaggio è che attualmente questo combustibile viene prodotto solamente da grandi impianti industriali, quindi incide moltissimo sul suo prezzo finale il trasporto.
Sarebbe ottimo investire di più su piccoli impianti distribuiti su tutto il territorio ma per ora passi significativi in questo senso non sono ancora stati fatti.


Prezzo bioetanolo


1 litro di bioetanolo in italia può costare tra i 2,40 e i 4,60 euro. Questa sostanziale fluttuazione è data dal prezzo del trasporto che come detto, incide tantissimo sul totale finale.
Più la zona di produzione sarà lontana, più il suo costo sarà alto.

Può però essere acquistato su Amazon oppure direttamente dal rivenditore come ad esempio l'azienda Alcofiamma.

Risultano particolarmente utili i pratici rubinetti a dosaggio controllato presenti su quasi tutte le taniche. Vari anche i formati disponibili, adatti a tutti i tipi di consumo familiare (dai 10 ai 20 litri).

Per dare un'idea della resa del bioetanolo, con circa 20 litri sarà possibile riscaldare per circa 10 giorni un ambiente fino a 60 mq.


Gli usi dell'etanolo: carburanti e camino a bioetanolo


Additivi per benzine: come detto il bioetanolo possiede un alto numero di ottani (più del normale carburante). Viene quindi aggiunto alla benzina per migliorarne le prestazioni.

Per capire in che concentrazione è presente basterà controllarne la sigla (E15, E30, E45 etc) in cui il numero rappresenta la percentuali di etanolo presente. Attenzione però, perché questo additivo risulta corrosivo, soprattutto in alte concentrazioni.

Bisognerà, quindi, sostituire tubi e guarnizioni ad hoc per non rischiare sgradevoli inconvenienti. Ne è quindi sconsigliato l'uso su modelli di macchine desuete.
Ma nulla di nuovo, questo problema decenni fa si pose già quando la benzina al piombo cedette il passo a quella verde.

La dicitura E10 indica la percentuale di bioetanolo nel carburante.
Attualmente invece il bioetanolo è usato essenzialmente come fonte di riscaldamento delle case grazie al biocamino e alle stufe a bioetanolo. Questa è l'alternativa migliore alle classiche caldaie a gas, inquinano pochissimo e presentano veramente molti vantaggi.

Il metano è molto meno inquinante di carbone e petrolio ma questo non vuol dire che non sia dannoso. Il bioetanolo per contro, si trova al terzo gradino tra le fonti energetiche meno inquinanti, scalzato solamente da energia solare ed eolica ma che attualmente hanno rese enormemente inferiori.


Un altro vantaggio del camino a bioetanolo per appartamenti, è la possibilità di poter regolare agevolmente il consumo e conseguentemente il calore generato, permettendo un perfetto controllo sui consumi e sulla temperatura desiderata.
Questa rappresenta una soluzione che andrebbe presa seriamente in considerazione, sia per motivi ecologici che economici.

Il biocamino dona ad un appartamento tanto calore quanta eleganza.
Concludendo, altre importanti applicazioni del bioetanolo, ma ancora poco sfruttate sono:

• utilizzo per la produzione di energia pulita mediante combustione;

• carburante nei sistemi di cogenerazione, ovvero, quel processo che produce in contemporanea energia meccanica e calore, utilizzato per il riscaldamento ;

• materia prima nell’industria chimica;

• carburante per celle a combustibile.


riproduzione riservata
Articolo: Bioetanolo combustibile per stufe bio
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Bioetanolo combustibile per stufe bio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.155 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bioetanolo combustibile per stufe bio che potrebbero interessarti


Riscaldamento a bioetanolo

Impianti di riscaldamento - Il riscaldamento a bioetanolo viene considerato ecologico e conveniente per la facilità di installazione ma, come per ogni cosa, ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Camini da esterno al bioetanolo

Impianti di riscaldamento - Anche negli spazi esterni è possibile dotarsi di biocamini: grazie alla fiamma alimentata dal bioetanolo, è possibile creare atmosfera e riscaldare gli ospiti all'aperto.

Caminetti ecologici per l'inverno

Impianti di riscaldamento - In vista della stagione invernale, molti cercano la soluzione ideale per riscaldare la casa: una possibilità che comporta molti vantaggi è il caminetto a bioetanolo.

Camino combinato legna, gas, bioetanolo

Impianti di riscaldamento - La presenza di un camino in casa permette non solo di riscaldare le stanze ma anche di creare un'atmosfera accogliente e rilassata.

Camini alimentati a bioetanolo

Impianti di riscaldamento - Il camino al bioetanolo è una valida soluzione che coniuga estetica e alta efficienza, richiama l'ancestrale focolare domestico, con qualche vantaggio in più.

Perché preferire i camini a bioetanolo al classico camino a legna

Impianti di riscaldamento - Ad oggi la crescente diffusione dei camini a bioetanolo e il classico focolare domestico, si sono trasformati in un complemento d'arredo dall'appeal ricercato.

Biocamino

Impianti di riscaldamento - Il biocamino, l'innovazione dell'arredamento per poter godere dell'atmosfera rilassante del camino tradizionale in qualsiasi luogo della casa senza inquinare.

Caminetto integrato al mobile

Impianti di riscaldamento - Niente canna fumaria, né legna da depositare, solo il calore e l'atmosfera particolare della fiamma di un camino che si integra perfettamente nella parete attrezzata.

Stufe e biocamini contro il freddo

Impianti di riscaldamento - E' arrivato il gelo invernale, ormai, ed il benessere ed il tepore delle nostre abitazioni diventano una necessità imprescindibile
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alessandroguglielmetti
Buongiorno,vorremmo farci costruire da una impresa un camino a bioetanolo, fornitura e posa in opera dello stesso, non faremmo nessun altro lavoro in casa, vorremmo sapere se...
alessandroguglielmetti 23 Gennaio 2015 ore 14:37 2