Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Autocertificazione per Imu ridotta su immobili inagibili

Se l’immobile è inagibile e non utilizzato l’Imu da pagare sarà ridotta del 50%. A tal fine basterà un’autocertificazione come spiegato dalla Corte di Cassazione
- Fisco casa

Autocertificazione per riduzione Imu: quando è possibile?


Qualora si possieda un immobile inagibile, inabitabile e di fatto non utilizzato ci si potrà rivolgere al Comune dove lo stesso è situato per poter beneficiare della riduzione dell'Imu. La tassa sulla casa verrà versata solo al 50% per tutto il tempo in cui permarranno le condizioni di non utilizzo.

Come fare per ottenere l'agevolazione? La questione è stata trattata dalla Corte di Cassazione che si è pronunciata in merito, con la recente sentenza n. 1263 del 21 gennaio 2021.

Imu e autocertificazione
In primo luogo è necessario rivolgersi al Comune dove è situato l'immobile.
L'ufficio tecnico comunale potrà accertare la condizione di inagibilità tramite perizia di un esperto in materia, con oneri a carico del proprietario dell'immobile.

Tuttavia, in alternativa a tale accertamento, il proprietario contribuente avrà altresì facoltà di presentare un'autocertificazione nella forma di dichiarazione sostitutiva volta ad attestare l'inabitabilità dell'immobile, ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.
Dunque, al posto della perizia rilasciata dal tecnico comunale, si potrà presentare un'autocertificazione in merito allo stato dell'immobile.

La pronuncia della Corte di Cassazione si fonda su un orientamento giurisprudenziale costante in materia di ICI ed esprime alcuni principi consolidati sull'argomento.

I Giudici Supremi sottolineano che la riduzione del 50% dell'ammontare dell'imposta perdura per tutto il tempo in cui le condizioni di inabilità e inutilizzabilità, accertate o autodichiarate che siano, dovessero perdurare.

C'è di più. Qualora lo stato di fatto in cui si trova l'immobile sia già noto al Comune, non vi sarà nemmeno la necessità di un'ulteriore autocertificazione per poter fruire del pagamento ridotto. Quanto affermato si basa sui principi di collaborazione e buona fede, imposti dallo Statuto del contribuente e concernenti i rapporti tra il contribuente e l'ente impositore (si veda l'articolo 10, legge 212 del 2000). In virtù delle regole di buona fede il contribuente non è tenuto a ribadire informazioni di cui il Comune è già a conoscenza.

riproduzione riservata
Articolo: Autocertificazione per riduzione Imu immobili inagibili
Valutazione: 5.40 / 6 basato su 5 voti.

Autocertificazione per riduzione Imu immobili inagibili: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Autocertificazione per riduzione Imu immobili inagibili che potrebbero interessarti

Imu ridotta del 20% se si paga con domiciliazione bancaria

Fisco casa - Decreto Rilancio: sconto per chi paga l'Imu usando la domiciliazione bancaria quale mezzo di pagamento. Ma saranno i Comuni a decidere se applicare la riduzione

Imu e Tari 2021: quando spettano riduzioni ed esenzioni

Fisco casa - Imu e Tari: vediamo in quali casi si ha diritto a riduzioni ed esenzioni. Ecco le novità per il 2021 in merito all'imposta municipale unica e alla tassa sui rifiuti

Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Fisco casa - L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.


Vivere in una casa senza agibilità: quali sono le conseguenze?

Comprare casa - Vivere in un immobile privo di agibilità perché non in possesso di requisiti igienico sanitari e di sicurezza è un rischio, anche in caso di vendita o affitto.

Come indicare i redditi dei fabbricati nel modello Unico

Fisco casa - Oltre al 730 per dichiarare i redditi c'è anche il modello Unico: ecco una mini guida per la compilazione del quadro RB per indicare i redditi dei fabbricati.

Novità sulle agevolazioni prima casa per inagibilità causata dal sisma

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si può usufruire nuovamente dell'agevolazione prima casa se la precedente è stata dichiarata inagibile. Lo dice la Risoluzione Agenzia delle Entrate n° 107-2017

Si può smettere di pagare il canone di locazione in caso di infiltrazioni?

Affittare casa - È legittima l'interruzione del pagamento del canone di locazione solo se i vizi impediscono completamente (e non semplicemente limitano) il godimento dell'immobile.

Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Fisco casa - La Tari, la nuova tassa rifiuti nata con la IUC, che ha sostituito la Tarsu e la Tares non deve essere pagata sempre. Ecco i casi di riduzione ed esenzione.

Ravvedimento per regolarizzare contratti di locazione

Affittare casa - Per alcune violazioni fiscali in materia di contratti di locazione ed entro certi termini si può regolarizzare la propria posizione mediante il ravvedimento operoso.