Appalto, difformita' e vizi dell'opera

NEWS DI Normative07 Giugno 2010 ore 08:34
Il contratto d'appalto per la costruzione di un immobile e le contestazioni per i vizi e le difformita' dell'opera. Come e contro chi agire ed in che tempi.
appalto appalto , difformitvizi , denuncia , codice civile
Avv. Alessandro Gallucci

AppaltoAi sensi dell'art. 1655 c.c., l'appalto è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro.


Sebbene si tratti di una tipologia contrattuale che si attaglia a diverse fattispecie (anche l'impresa che effettua il servizio di pulizia della scale di un immobile stipula un contratto d'appalto), la maggior parte delle norme codicistiche, ad essa relative, sono state dettate con specifico riferimento al contratto d'appalto per la costruzione di un immobile.


In effetti, anche per sentire comune, quando si parla d'appalto il pensiero va subito a tale fattispecie.


È cosa molto ricorrente che a seguito dell'edificazione e della consegna di uno stabile (sia esso un'abitazione unifamiliare, un condominio, un edificio destinato ad ospitare attività commerciali o ad uso promiscuo) il proprietario, o i proprietari, riscontrino dei problemi o, per meglio dire, dei veri e propri difetti.


Come agire per ottenere l'eliminazione di tali inconvenienti?


A chi rivolgersi?


Con quali tempistiche?


Rispondere a queste domande vuol dire comprendere come muoversi nella fase iniziale della contestazione dei difetti.


Il codice civile disciplina la garanzia che l'appaltatore è tenuto a prestate per i difetti dell'immobile in relazione ai vizi ed alle difformità dell'opera.


L'art. 1667 c.c. recita:


L'appaltatore è tenuto alla garanzia per le difformità e i vizi dell'opera. La garanzia non è dovuta se il committente ha accettato l'opera e le difformità o i vizi erano da lui conosciuti o erano riconoscibili, purché, in questo caso, non siano stati in mala fede taciuti dall'appaltatore.


Il committente deve, a pena di decadenza, denunziare all'appaltatore le difformità o i vizi entro sessanta giorni dalla scoperta. La denunzia non è necessaria se l'appaltatore ha riconosciuto le difformità o i vizi o se li ha occultati.


AppaltoL'azione contro l'appaltatore si prescrive in due anni dal giorno della consegna dell'opera. Il committente convenuto per il pagamento può sempre far valere la garanzia, purché le difformità o i vizi siano stati denunziati entro sessanta giorni dalla scoperta e prima che siano decorsi i due anni dalla consegna
.


Per difformità deve intendersi una discordanza dell'opera dalle prescrizioni contrattuali, mentre i vizi sono la mancanza di modalità e qualità che, anche se non espressamente pattuiti, devono comunque considerarsi inerenti all'opera secondo le regole dell'arte e la normalità delle cose (così Caringella - De Marzo, Manuale di diritto civile – il contratto – Giuffrè, 2007).


Si pensi, per fare un esempio di difformità, alla realizzazione di un'opera che nel progetto iniziale preveda la realizzazione dei bagni, o di altri ambienti con determinate caratteristiche e che al momento della realizzazione disattenda quelle indicazioni.


Quanto ai vizi si pensi ai pavimenti scheggiati, all'impianto idrico mal funzionante, ecc.


In questo caso il committente dovrà, a pena di decadenza, segnalare il fatto all'appaltatore (tecnicamente denunciare, seppur non nell'accezione penalistica del termine) entro 60 giorni dalla scoperta.


L'azione contro l'appaltatore per l'eliminazione dei vizi e delle difformità si estingue in due anni dalla consegna dell'immobile.


La garanzia non è dovuta se i succitati vizi e difformità erano conosciuti o riconoscibili purché tale riconoscibilità non sia stata taciuta dall'appaltatore.


Quali sono le azioni a disposizione del committente per far valere la garanzia?


La risposta al quesito è contenuta nell'art. 1668 c.c. che recita:


Il committente può chiedere che le difformità o i vizi siano eliminati a spese dell'appaltatore, oppure che il prezzo sia proporzionalmente diminuito, salvo il risarcimento del danno nel caso di colpa dell'appaltatore.


Se però le difformità o i vizi dell'opera sono tali da renderla del tutto inadatta alla sua destinazione, il committente può chiedere la risoluzione del contratto
.


In definitiva il committente, resosi conto della difformità dell'opera o di un suo vizio, dovrà darne notizia all'appaltatore, entro 60 giorni dalla scoperta, chiedendo l'eliminazione dei vizi e/o delle difformità riscontrate.


È consigliabile che tale denuncia sia fatta con lettera raccomandata con avviso di ricevimento o comunque con altro metodo che dia certezza della ricezione.


AppaltoFatto ciò, nel caso di mancato intervento o di disaccordo, il committente avrà due anni, che decorrono dal giorno di consegna dell'opera, per far valere la proprie ragioni in giudizio.


Il termine dei due anni non deve essere considerato allorquando sia l'appaltatore ad agire per ottenere il pagamento delle proprie spettanze.


Si tratta, chiaramente, di quelle ipotesi in cui il mancato pagamento è dovuto a contrasti sulla corretta esecuzione dell'opera sicché in questo modo non si preclude al committente di far valere in quel giudizio le proprie ragioni nel modo più ampio possibile.


avv. Alessandro Gallucci

riproduzione riservata
Articolo: Appalto, difformita' e vizi dell'opera
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Appalto, difformita' e vizi dell'opera: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Davis
    Davis
    Martedì 11 Settembre 2012, alle ore 14:46
    Buongiorno, sono il sig. Gatta di Torino nel lontano luglio 2008 dovevo ristrutturare il mio alloggio e povero me scelsi un'impresa (tutto compreso) ad agosto 2008.
    Mi accorgo per caso che in comune i progetti presentati dal loro architetto erano stati sbagliati e bocciati, ma loro cercavano di raggirare il problema dicendomi che si sarebbero aggiustati loro, ma a mia insaputa, dato che la ditta doveva solo eseguire lavori dove non occorreva l'autorizzazione del comune fino a quando sarebbero stati approvati ma così non fu, i lavori in casa mia erano quasi terminati e pagati 15000 euro di 16000 euro, alorrchè caccio la ditta da casa mia e prometto lora una perizia su i danni così a gennaio 2009 dopo varie telefonate incarico un geometra nella perizia dei vizi e ne do comunicazione.
    Nel frattempo faccio causa all'architetto e dopo 2 anni vinco la causa e viene condannato al pagamento di 5000 euro + spese legali.
    Un bel giorno, maggio 2010, la ditta si sveglia e mi manda una raccomandata da un avvocato dicendomi che in casa mia sono stati effettuati lavori straordinari per 3600 euro nel 2008 e minacciano decreto ingiuntivo, lei adesso su due piedi cosa direbbe?
    Loro alla raccomandata dei vizi non hanno risposto e hanno chiamato il mio avvocato dicendo che non si sarebbe più fatto nulla delle richieste di pagamento.
    Un azienda si può svegliare così e chiedere dei soldi dopo due anni nonostante siano stati notificati dei vizi che hanno reso il mio alloggio non più abitabile?
    Loro dicono che è colpa dell'architetto, e l'archietto dice che sono loro che non si sono attenuti al proggetto e quindi la ditta chiede il compenso a me nonostante abbiano fatto vizi gravi penso io.
    Cordiali saluti
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Appalto, difformita' e vizi dell'opera che potrebbero interessarti
Definizione Contratto Appalto

Definizione Contratto Appalto

Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.
Appalti e Subappalti

Appalti e Subappalti

In vari casi di appalti di un certo livello, l'impresa detentrice dell'appalto si avvale di diverse ditte subappaltatrici per diverse lavorazioni specifiche...
Capitolato d'appalto: quando va utilizzato

Capitolato d'appalto: quando va utilizzato

Il capitolato d'appalto è un documento che regola i rapporti tra l'appaltante e l'appaltatore, obbligatorio negli appalti pubblici, opzionale nei lavori privati...
Decreto Sviluppo

Decreto Sviluppo

Via libera in Consiglio dei Ministri al Decreto Sviluppo, che prevede misure anche per il settore casa.
Aspetti del contratto di prestazione d'opera manuale

Aspetti del contratto di prestazione d'opera manuale

Nel contratto d'opera manuale una persona si impegna a compiere un'opera o servizio non intellettuale con lavoro prevalentemente proprio e senza subordinazione.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.379 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Risanamento muratura
    Risanamento muratura...
    3190.00
  • Armadio a tre
    Armadio a tre...
    134.00
  • Fioriera in legno
    Fioriera in legno...
    95.00
  • Ridea othello plate 62 0x69 0 verniciature
    Ridea othello plate 62 0x69 0...
    661.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.