Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

APE e preliminare di vendita

Il D.L. 63/2013 stabilisce che il proprietario deve rendere disponibile l'attestato di prestazione energetica (APE) all'avvio delle trattative per la vendita.
- NEWS Normative

attestato di prestazione energeticaIl D.L. 63/2013, convertito poi nella Legge 3 agosto 2013 n.90, ha apportato notevoli cambiamenti relativamente alle trattative di vendita di immobili e di conseguenza anche al preliminare, in particolare per quanto concerne l'obbligo di dotazione e consegna dell'Attestato di Prestazione Energetica (APE).

Ricordo a tal proposito che il medesimo decreto introduce l'APE in luogo dell'ACE (Attestato di Certificazione Energetica). L'APE è un documento che sostanzialmente non varia rispetto al precedente ACE e che, in parole semplici, fornisce sempre le medesime indicazioni sui consumi energetici dell'immobile.


Normativa su APE e preliminare prima del D.L. 63/2013


In precedenza al D.L. 63/2013, in occasione del trasferimento a titolo oneroso di un immobile era fatto obbligo di produrre l'attestato di certificazione energetica entro il momento della stipula dell'atto traslativo (al momento del rogito finale quindi e non obbligatoriamente prima), a cui l'attestato andava e va tuttora allegato.

Qualora l'offerta di vendita venisse riportata su annunci commerciali, l'obbligo subentrava precedentemente alla stipula dell'atto, poiché all'interno dell'annuncio stesso si doveva già fornire la classe energetica dell'immobile e il relativo indice di prestazione energetica invernale. Quest'ultimo obbligo valeva (e vale) per qualsiasi mezzo di diffusione dell'annuncio: giornali, internet, annunci presso agenzie immobiliari, radio, televisione, ecc.


Cambiamenti introdotti dal D.L. 63/2013


Con il D.L. 63/2013 è comparsa un'importante novità. Cito il decreto: il proprietario deve rendere disponibile l'Attestato di Prestazione Energetica al potenziale acquirente o al nuovo locatario all'avvio delle rispettive trattative e consegnarlo alla fine delle medesime.

Da queste poche righe si deducono molte informazioni importanti. Innanzitutto si parla di rendere disponibile l'APE sin dall'inizio delle trattative. Ciò significa che l'APE deve essere disponibile molto prima della stipula del preliminare o molto prima della stipula dell'atto traslativo nel caso in cui le parti intendano rinunciare alla fase del contratto preliminare.

preliminare di venditaIn secondo luogo si parla di rendere prima disponibile e poi di consegnare l'APE. Ne consegue che l'obbligo di consegna non è immediato, lo è invece l'azione di mettere a disposizione il documento permettendo quindi all'acquirente di conoscere le informazioni in esso presenti. L'obbligo di consegna del documento originale subentra solo alla fine delle trattative, quindi al momento della stipula del preliminare o nel momento in cui si raggiunga un accordo per il contratto traslativo nel caso in cui si decida di saltare la fase del preliminare.

Se ne conclude che ora il proprietario è tenuto a:
- dotare l'immobile di Attestato di Prestazione Energetica nel momento stesso in cui prende la decisione di vendere, indipendentemente dal fatto di ricorrere o meno ad annunci pubblicitari;
- mettere a disposizione l'APE al futuro acquirente all'avvio delle trattative di compravendita;
- consegnare l'APE all'acquirente al momento della stipula del preliminare o nel momento in cui si raggiunge un accordo per stipulare l'atto definitivo nei casi in cui si salta la fase del preliminare.


Cosa scrivere nel preliminare



L'entrata in vigore di nuovi obblighi relativi all'APE e alla vendita di immobili rende opportuno inserire nel preliminare alcune nuove indicazioni al fine di testimoniare la corretta informazione resa all'acquirente.

È infatti consigliabile segnalare nel preliminare che l'immobile oggetto di vendita è dotato di Attestato di Prestazione Energetica e che tale documento è stato messo a disposizione del promissario acquirente dal venditore sin dall'inizio delle trattative per la compravendita.

Qualora l'immobile sia stato pubblicizzato mediante annunci, è utile riportare che nei medesimi è stata pubblicata la classe energetica dell'immobile, corredata dell'indice di prestazione energetica invernale.

Infine è bene segnalare che l'Attestato di Prestazione Energetica è stato consegnato dal venditore al promissario acquirente alla conclusione delle trattative durante la stipula del preliminare. Volendo si può anche anticipare la dichiarazione che generalmente viene resa dall'acquirente durante il rogito definitivo, ossia che l'acquirente ha ricevuto le informazioni inerenti le prestazioni energetiche dell'immobile ed anche il relativo APE.

compravenditaSi potrebbe da ultimo allegare l'APE al preliminare, in modo da documentare effettivamente il rispetto degli obblighi previsti in tutte le fasi della trattativa. Ricordo che l'allegazione non è obbligatoria, è solo un'attenzione in più, e la mancata allegazione dell'APE al preliminare non pregiudica assolutamente la validità dell'atto.

La mancata allegazione dell'APE all'atto finale di compravendita rende invece l'atto nullo. Ciò comunque è quanto valido al momento, visto che è al vaglio la proposta di sostituire la nullità dei contratti di compravendita privi di APE con una multa di 500 euro.

riproduzione riservata
Articolo: APE e preliminare di vendita
Valutazione: 5.29 / 6 basato su 7 voti.

APE e preliminare di vendita: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Timo
    Timo
    Martedì 27 Maggio 2014, alle ore 14:09
    In questo interessante articolo leggo: "La mancata allegazione dell'APE all?atto finale di compravendita rende invece l?atto nullo" Posso chiedere quale specifico art. del D.L. 63/2013 stabilisce la sanzione della nullità in caso di mancata allegazione dell'APE al rogito?razie.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.482 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano APE e preliminare di vendita che potrebbero interessarti


Vendita immobile: il contenuto del preliminare e le verifiche da fare

Proprietà - Contratto con cui le parti si impegnano a stipulare una futura compravendita, nel preliminare devono esserci elementi essenziali ed è necessario fare delle verifiche.

APE anche per edifici non trasferiti

Normative - Il Consiglio del Notariato ha diffuso un documento, secondo il quale l'APE deve essere predisposto anche in alcuni casi nei quali non c'è trasferimento dell'immobile.

Immobili esclusi dall'obbligo APE

Leggi e Normative Tecniche - Non tutti gli immobili devono essere dotati dell'attestato di prestazione energetica, l'APE. Ecco quali sono gli esclusi secondo il Consiglio Nazionale del Notariato.

Donazione: quando è previsto l'APE

Proprietà - In caso di trasferimento a titolo gratuito, come la donazione, vi è l'obbligo di dotazione dell'APE, l'attestato di prestazione energetica, e non di allegazione.

Nuove regole per gli annunci immobiliari

Normative - Dal primo gennaio 2012 sarà obbligatorio riportare l'indice di prestazione energetica negli annunci di compravendite immobiliari, ai sensi del D.Lgs 28/2011.

Affitto e obbligo di APE

Affittare casa - In occasione di un contratto di affitto in quali casi bisogna dotarsi di Attestato di Prestazione Energetica, allegarlo al contratto o consegnarlo al conduttore?

APE e annunci immobiliari

Comprare casa - Il d.l. n. 63/2013 ha sancito l'obbligo di inserire l'indice di prestazione energetica e la classe energetica negli annunci di vendita o locazione di immobili.

APE nelle aste giudiziarie

Leggi e Normative Tecniche - Uno studio del Notariato analizza la normativa per individuare se nel caso di aste giudiziarie è necassario l'Attestato di Prestazione Energetica dell'immobile.

Vendita e locazione senza APE

Normative - Il decreto Destinazione Italia stabilisce che, in caso di assenza di APE negli atti di compravendita immobiliare, possano scattare maxi multe fino a 18.000 euro.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img ggianne
Salve,sto valutando una vendita di un appartamento tramite agenzia immobiliare.La casa ha avuto problemi in passato, in quanto i professionisti a cui ci eravamo affidati hanno...
ggianne 09 Agosto 2022 ore 16:05 3
Img pacobo
Ciao a tutti,Questa che vi sto per raccontare è un'esperienza al quanto incredibile.Febbraio 2021: trovo un annuncio di un immobile di nuova costruzione all'interno di un...
pacobo 01 Marzo 2022 ore 18:32 2
Img trix67
Buongiorno a tutti,Spero di aver indovinato la sezione corretta dato che vorrei qualche delucidazione. Ho visto tramite agenzia un appartamento praticamente pronto in una...
trix67 28 Novembre 2021 ore 16:23 1
Img schiaparelli2
Buongiorno,sono una giovane lavoratrice.A maggio dell'anno scorso firmo una proposta d'acquisto per un appartamento che dall'agenzia mi viene descritto come un appartamento di...
schiaparelli2 02 Aprile 2021 ore 13:15 4
Img vincenzosanseviero
Buongiorno, volevo chiedervi informazioni riguardo il progetto preliminare che bisogna allegare alla scia/dia, per chiedere il titolo abilitativo al comune. Gli oneri di tale...
vincenzosanseviero 04 Febbraio 2021 ore 09:18 3