Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Amministratore di condominio e servitù

L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.
15 Aprile 2013 ore 15:06 - NEWS Condominio

Condominio e servitùPerché l'amministratore di condominio non può agire in giudizio per chiedere ed ottenere i riconoscimento di una servitù di passaggio a favore della compagine amministrata?

Alla domanda, nel solco d'una lunga sequela di precedenti di merito e di legittimità, ha dato risposta il Tribunale di Roma con una sentenza dello scorso febbraio.
Prima di osservare in che modo, è utile rispondere ad un altro quesito.



Quali sono i poteri dell'amministratore rispetto nel suo rapporto con il condominio?
La legge (cfr. art. 1129-1130 c.c.) riconosce al mandatario della compagine il potere di gestire le parti comuni dell'edificio.
Gestione, nella sostanza, vuol dire compimento degli atti necessari a mantenere lo status quo.
L'amministratore, quindi, può fare tutto ciò che è necessario a conservare e difendere le parti comuni da ogni tipo di azione ed evento pregiudizievole.
Tra gli atti che l'amministratore deve compiere rientrando i così detti atti conservativi delle parti comuni.
La situazione, al di là delle modifiche normative, rimarrà inalterata anche dopo l'entrata in vigore della riforma del condominio.
Questa situazione di fatto ha dei riflessi anche sui poteri giudiziari dell'amministratore condominiale.
In una sentenza del 2010, per citare uno dei numerosi pronunciamenti sul tema, il T.A.R. di Catania, ha ricordato che la legittimazione ad agire dell'amministratore del condominio è disciplinata dalle previsioni di cui al combinato disposto degli artt. 1130 e 1131 c.c., secondo le quali l'amministratore condominiale è legittimato a compiere autonomamente gli atti conservativi, anche di natura giudiziale, ex art. 1131 comma 1, c.c., dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio (art. 1130 n. 4) (T.A.R. Catania 9 luglio 2010 n. 2954).
In questo contesto di carattere generale, citiamo sempre la stessa sentenza ma si tratta dell'orientamento unanime della giurisprudenza, non può ricondursi tra gli atti conservativi la proposizione di un ricorso giurisdizionale finalizzato a pronunciamenti sulla titolarità ed il contenuto dei diritti medesimi, eccedenti la mera salvaguardia dell'integrità dell'immobile; d'altra parte, l'amministratore ha la rappresentanza processuale attiva dei condomini, oltre che in conformità alle citate attribuzioni di cui all'art. 1130 c.c., anche nei limiti dei maggiori poteri conferiti dal regolamento di condominio o dall'assemblea (art. 1131 cit.), ma occorre che ne sia fornita la Amministratore di condominiodimostrazione (tra le più recenti, T.A.R. Veneto Venezia, sez. II, 27 luglio 2009 , n. 2218) (T.A.R. Catania 9 luglio 2010 n. 2954).
In questo contesto s'inserisce il Tribunale di Roma che, rispondendo idealmente alla domanda che ci siamo posti in principio, ha ricordato che il Condominio è notoriamente un ente di gestione e, come tale, se può agire in via cautelare e urgente per eseguire interventi ed opere di manutenzione straordinaria al proprio stabile, non può chiedere il riconoscimento di un diritto di passaggio-servitù, competendo detti diritti reali sono a persone fisiche o giuridiche (Trib. Roma 11 gennaio 2013 n. 618).

Come dire: alla gestione dei diritti sulle parti comuni provvede anche l'amministratore ma al loro riconoscimento ex novo possono provvedere solamente i proprietari.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore di condominio e servitù
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Amministratore di condominio e servitù: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
327.937 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore di condominio e servitù che potrebbero interessarti


Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Condominio - Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.

Comodato e spese condominiali

Ripartizione spese - Il comodato d'uso è un contratto da cui deriva un diritto personale di godimento. La relazione tra comodato e spese condominiali e i vantaggi per il comodante.

Condominio, spese di conservazione e spese d'uso

Ripartizione spese - In tema di condominio negli edifici è utile effettuare una differenziazione delle spese tra quelle necessarie per la conservazione e quelle indispensabili per l'uso.

Impianti condominiali posizionati nelle parti di proprietà esclusiva

Parti comuni - La presenza di impianti condominiali nelle parti di proprietà esclusiva può essere indice dell'esistenza di servitù costituite per destinazione del padre di famiglia.

Superficie Accessoria che cos'è

Leggi e Normative Tecniche - La Superficie Accessoria di un edificio è la superficie di pavimento, cioè netta, di tutti gli spazi di servizio rispetto alla destinazione d’uso principale.

Obbligazioni condominiali sono parziarie o solidali?

Ripartizione spese - Basta con i recuperi dell'intero credito contro un solo condominio; tutti devono pagare ma ognuno deve farlo nel limite della propria quota millesimale, vediamo...

Spese condominiali straordinarie ed appartamento in comunione tra coniugi separati

Ripartizione spese - Nel caso di appartamento in comunione tra coniugi separati, il provvedimento di assegnazione della casa e le statuzioni sulle spese non hanno effeto per il condominio.

Servitù personali e servitù prediali

Leggi e Normative Tecniche - Per la configurazione di servitù prediali non basta scrivere in un contratto di essere titolare di una servitù, ma è necessario comprendere il contenuto del diritto.

Diritto di servitù: la modificazione è un contratto

Proprietà - Per modificare una servitù è necessario un contratto che incida sul diritto come inizialmente previsto: quali sono i requisiti formali e sostanziali dell'accordo?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gabrielefranzò
Salve, sono nuovo del forum e spero in un vostro aiuto. Il discorso riguarda l'ecobonus, abitiamo in una casa su due piani dove sotto, diciamo così, abitiamo noi e sopra i...
gabrielefranzò 21 Ottobre 2020 ore 07:44 4
Img mellino
Sono il proprietario di un'edificio costituito da due unità immobiliari (una a piano terra e una al primo piano) distintamente accatastate e funzionalmente indipendenti e...
mellino 30 Settembre 2020 ore 14:55 5
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se per mantenere un'area condominiale privata e non gravata da uso pubblico aperta e a disposizione della collettività, è necessario che...
carlocorneo 23 Luglio 2020 ore 19:30 5
Img simoneagostini
Buongiorno, vorrei gentilmente un parere relativo ad un intervento di demolizione e successiva ricostruzione (senza modifiche della volumetria) di un condominio sito in zona...
simoneagostini 01 Luglio 2020 ore 00:01 6
Img trucris
Buongiorno, nel locale delle pompe (parti comuni) che si trova interrato dove ci sono i garage, c'è una perdita d'acqua che viene dal soffitto in corrispondenza del...
trucris 20 Dicembre 2019 ore 12:27 2