Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Agevolazioni prima casa: possibili anche in presenza di altro immobile non idoneo

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali08 Febbraio 2018 ore 15:12
Si può godere delle agevolazioni fiscali prima casa anche se si possiede un altro immobile non in grado di soddisfare le esigenze abitative del nucleo familiare

Agevolazioni prima casa: quali sono i requisiti


Si può fruire delle agevolazioni acquisto prima casa anche in presenza di precedente alloggio che di fatto non sia idoneo ad essere abitato per dimensioni e caratteristiche complessive.
Lo ha detto la Corte di Cassazione con la recentissima sentenza n. 2565, depositata il 2 febbraio 2018.

Con la pronuncia in questione la Corte Suprema riconosce il beneficio fiscale anche sulla seconda casa, qualora l’immobile già posseduto non sia suscettibile di poter essere abitato.
Facciamo un passo indietro. Che cos'è il bonus prima casa ? Il bonus prima casa è uno sconto sulle imposte, previsto a favore di chi acquista una casa in presenza di determinati requisiti.

Quali sono le agevolazioni e i requisiti richiesti per ottenere i benefici fiscali?
Anche per il 2018 sono state confermate le seguenti agevolazioni:

- imposte catastali e ipotecarie pari a 50 euro (in caso di acquisto da venditore privato);
- imposte catastali e ipotecarie pari a 200 euro (qualora si acquisti da un’impresa).
- imposta di registro pari al 2% anziché al 9% (se si acquista da privato);
- Iva versata pari al 4% (in caso di acquisto da impresa).

Agevolazioni fiscali prima casa
Per poter fruire degli sconti sono necessarie determinate condizioni:
- l'immobile acquistato non deve essere un immobile di lusso, cioè non deve trattarsi di abitazione appartenente alle categorie catastali A/1 (abitazione di tipo signorile), A/8 (villa) e A/9 (immobili di pregio artistico e storico);

- l'acquirente dell'immobile deve trasferire la propria residenza nel Comune dove è situato l’immobile. Il requisito sussiste anche nel caso in cui il contribuente lavori o svolga un'attività di studio nel Comune dove si trova l’immobile. Non necessariamente la residenza deve essere fissata presso l’immobile stesso. La legge inoltre consente all’acquirente di trasferire la residenza nel Comune anche successivamente al rogito notarile, purché entro il termine di 18 mesi dall’acquisto;

- l’acquirente non deve possedere (in via esclusiva o in comunione con il coniuge) altra casa di abitazione nello stesso Comune, a titolo di proprietà o di usufrutto;

- l’acquirente non deve possedere altri immobili, su tutto il territorio nazionale, acquistati con benefici prima casa.

Nell'intento del legislatore il bonus prima casa spetta solo una volta, a meno che non si venda la casa per acquistarne una nuova. L’eventuale vendita non deve essere effettuata prima che siano trascorsi 5 anni dall’atto di acquisto. Diversamente, sarà necessario versare le maggiori imposte dovute e che in precedenza non sono state pagate.


Agevolazioni fiscali anche per la seconda casa: ecco quando


Il bonus fiscale vale anche per la seconda casa?
Si può fruire delle agevolazioni fiscali quando l'acquirente dell'immobile possieda nel medesimo Comune un'altra abitazione? A questa domanda la Corte di Cassazione ha dato una risposta chiara e precisa, offrendo un'importante interpretazione della legge in materia.

Partendo dalla normativa, ribadiamo che le agevolazioni fiscali non spettano nell'ipotesi in cui l'acquirente risulti già titolare di altra casa di abitazione. Il caso affrontato dalla Corte Suprema concerne proprio l'interpretazione del concetto di casa di abitazione.

A tal fine analizziamo la fattispecie che ha dato origine alla pronuncia in questione.

L’Agenzia delle Entrate notificava ad una coppia di coniugi due avvisi di accertamento al fine di contestare la decadenza dal beneficio prima casa e recuperare le maggiori imposte dovute.

Il Fisco asseriva che la coppia era già in possesso di un immobile e non aveva diritto a godere degli sgravi fiscali prima casa.

I contribuenti impugnavano il provvedimento, lamentando che in sede di acquisto del precedente immobile non avevano beneficiato di alcun bonus fiscale.

Tale alloggio era privo dei requisiti di abitabilità, di ridotte dimensioni (meno di 50 mq) e non in grado a far fronte alle esigenze abitative del nucleo familiare composto da 4 persone.
I giudici di primo e secondo grado rigettavano le loro richieste, ritenendo l'appartamento idoneo in senso oggettivo, vista l'iscrizione catastale dello stesso e il suo mancato declassamento.
I coniugi ricorrevano così in Cassazione, la quale accoglieva la loro tesi difensiva.

Bonus prima casa
La Corte di Cassazione, dopo aver ribadito i presupposti per ottenere l’agevolazione prima casa, affermava, aderendo all’orientamento maggioritario, che è possibile fruire del beneficio fiscale prima casa, anche possedendo altro immobile nello stesso Comune, purché del tutto privo dei requisiti di abitabilità, come si poteva evincere nel caso in esame dal certificato dell’Asl competente.
È possibile quindi godere dello sconto fiscale anche possedendo più immobili, purché sussistano determinate condizioni.

Corte di Cassazione e agevolazioni prima casa
La conclusione cui giunge la Corte di Cassazione consente di fare chiarezza sulla materia trattata dal D.p.r. 131/1986 (fiscalità prima casa) che considera elemento ostativo alla fruizione delle agevolazioni la pre-possidenza di altra casa di abitazione, impiegando il termine casa di abitazione in modo generico, senza fornire ulteriori dettagli sulle caratteristiche strutturali dell’immobile. A fronte della indeterminatezza della normativa, l’Agenzia delle Entrate aveva ritenuto significativa, per negare le agevolazioni, esclusivamente l’idoneità oggettiva dell’immobile, a nulla rilevando l'inidoneità soggettiva dello stesso.

La Corte di Cassazione dichiara, in contrasto con quanto sostenuto dal Fisco, che un immobile è privo del requisito di abitabilità, non solo quando a fronte di un terremoto non è più oggettivamente idoneo all'uso cui è destinato ma anche, ad esempio, quando la famiglia si allarga e l'immobile è privo dei locali necessari per soddisfare le esigenze di tutti.

L’orientamento assunto dalla Corte di Cassazione è in linea con quanto già sostenuto dalla Corte Costituzionale con ordinanza n. 203 del 22 giugno 2011, ai sensi della quale, costituisce ostacolo all’applicazione dell’agevolazione fiscale solo il possesso di un’altra casa già idonea a soddisfare le esigenze abitative dell’interessato.

riproduzione riservata
Articolo: Agevolazioni prima casa quando l'altro immobile non è idoneo
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Agevolazioni prima casa quando l'altro immobile non è idoneo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.349 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Inferriate corazzate acciaio
    Inferriate corazzate acciaio...
    329.00
  • Cancelli estensibili di acciaio
    Cancelli estensibili di acciaio...
    176.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Tavolo quadrato in legno scolpito
    Tavolo quadrato in legno scolpito...
    308.00
  • Montalatte elettrico
    Montalatte elettrico...
    10.99
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    150.00
Notizie che trattano Agevolazioni prima casa quando l'altro immobile non è idoneo che potrebbero interessarti


Agevolazioni prima casa anche se si possiede altro immobile in affitto

Leggi e Normative Tecniche - Si può beneficiare del bonus prima casa nel caso in cui si è proprietari di altro immobile dato in locazione. Vediamo i chiarimenti della Corte di Cassazione.

No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

Prima casa: agevolazione prevista per i proprietari di studi professionali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Cassazione con recente ordinanza afferma che il possessore di uno studio professionale può ottenere benefici prima casa in caso di acquisto di nuovo immobile

Bonus prima casa: con la veranda l'immobile è di lusso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si decade dalle agevolazioni fiscali prima casa se con la veranda l'immobile diventa di lusso. Lo ha affermato la Corte di Cassazione con una recente ordinanza.

Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Comunicazione Enea: slitta ad aprile il termine per l'invio dati bonus casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Slitta la scadenza per la trasmissione all'Enea dei documenti relativi a lavori di ristrutturazione che comportino un risparmio energetico o energia rinnovabile

Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus: non spetta a chi acquista casa da impresa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se l'impresa che esegue lavori di recupero del patrimonio edilizio e risparmio energetico vende l'immobile? I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Agevolazioni prima casa e nuda proprietà: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si può usufruire delle agevolazioni prima casa se c'è nuda proprietà di altro immobile? Si evita la decadenza dai benefici con l'acquisto della nuda proprietà?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img erbie
Salve,ho ereditato da mia madre 1/5 di casa posseduta attualmente da i miei zii, adesso vorrei acquistare una nuova casa (tra privati) posso usufruire delle agevolazioni come...
erbie 29 Agosto 2015 ore 12:51 2
Img kaiser soze
Un mio amico ha acquistato più di 5 anni fa una casa con le agevolazioni per la prima casa.Per motivi famigliari non è riuscito a portare la residenza entro 18 mesi...
kaiser soze 12 Aprile 2011 ore 15:10 2
Img emmeemme
Buongiorno,ho un dubbio legato ad una successione (che non è ancora stata presentata, ma è in scadenza imminente) che poi porterà ad una divisione tra eredi...
emmeemme 13 Luglio 2015 ore 18:46 1
Img agav
Buongiorno,ho perso a causa di una grave malattia la mia compagna e sto facendo le pratiche per la successione sono erede testamentaria, testamento registrato regolarmente, volevo...
agav 19 Agosto 2015 ore 12:54 3
Img marcocaeran
Buongiorno,vorrei porvi un quesito, mio padre ha una casa vecchia grande dove tuttora vive, l'idea sarebbe quella di dividere la casa frazionandola in due, fare un passaggio di...
marcocaeran 09 Luglio 2015 ore 09:24 2