Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Agevolazione prima casa e comunione dei beni

In caso di comunione di beni, l'agevolazione prima casa si considera fruita da entrambi i coniugi, anche se in precedenza effettivamente uno solo ne ha beneficiato
- Detrazioni e agevolazioni fiscali

L'agevolazione prima casa si estende anche al coniuge che non ne ha usufruito


In tema di agevolazioni prima casa, se l’acquirente, coniugato in regime di comunione dei beni, titolare di altro immobile acquistato anche in parte dall’altro coniuge, questi usufruendo del regime agevolato, non può acquistare un nuovo immobile avvalendosi dell'agevolazione tributaria.

Agevolazione prima casa e comunione dei beni

È questa l’interpretazione, ribadita dall’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello 1 agosto 2022, n. 400, in merito all’applicabilità dell’agevolazione fiscale per l’acquisto della prima casa in caso di comunione dei beni.

Condizioni per l’applicazione dell’agevolazione prima casa


Nel citato documento di prassi, l’Agenzia delle Entrate affronta nuovamente il tema dell’applicabilità del regime fiscale per l’acquisto della prima casa, in caso di acquisto di un nuovo immobile da parte di un contribuente, coniugato in regime di comunione dei beni e già titolare di una parte di una abitazione insieme all’altro coniuge, il quale, in via esclusiva, aveva fruito in precedenza del regime di favore.

L’Amministrazione, nella risposta all’interpello ricorda che, ai fini della fruibilità delle agevolazioni prima casa, ai sensi della lettera c) del comma 1 della Nota II-bis all'articolo 1 della Tariffa, Parte prima, allegata al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nell’atto di acquisto l’acquirente deve dichiarare di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni.

Interpretazione ribadita dall’Agenzia delle Entrate


Secondo l’Agenzia, la citata norma è chiara nello stabilire che se il contribuente, comproprietario di immobile in comunione di beni, acquistato con l’altro coniuge, limitatamente alla sua quota con le agevolazioni prima casa, il regime di favore si estende anche nei confronti del contribuente che, in relazione alla sua parte, non ha usufruito del vantaggio fiscale.

In altri più specifici termini, l’agevolazione prima casa anche, se fruita da uno solo dei coniugi in comunione dei beni, si estende ope legis anche all’altro coniuge.

Ciò comporta, che l'acquisto agevolato, effettuato soltanto da uno dei due coniugi in regime di comunione legale dei beni, comporta l’automatica esclusione dall'agevolazione anche nei confronti dell’altro coniuge, con riferimento a successivi acquisti.

Tale interpretazione, precisa la risposta all’interpello, non ha carattere innovativo essendo già stata affermata in precedenti documenti di prassi (circolare, 1 marzo 2001, n. 19/E; circolare 12 agosto 2005, n. 38/E, par. 2; risoluzione 20 agosto 2010, n. 86/E).


riproduzione riservata
Articolo: Agevolazione prima casa: cosa cambia in comunione dei beni
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Agevolazione prima casa: cosa cambia in comunione dei beni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Agevolazione prima casa: cosa cambia in comunione dei beni che potrebbero interessarti

Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Quali sono i vantaggi del regime di comunione dei beni?

Proprietà - Quando conviene la comunione dei beni? Quali sono gli effetti del regime patrimoniale scelto dai coniugi? I beni rientranti in comunione e loro amministrazione.

Acquisto della casa nel matrimonio e comunione legale dei beni

Comprare casa - Se i coniugi optano per la comunione legale, la casa, acquistata insieme o no dopo il matrimonio, rientra nella comunione, a meno che non si tratti di un bene personale.


Si può dare in locazione un immobile senza il consenso del coniuge?

Affittare casa - Affitto di immobili in comunione dei beni: per il Tribunale di Cremona non è necessario il consenso di entrambi i coniugi per poter dare in locazione un immobile

Spese per la casa familiare di proprietà esclusiva e scioglimento della comunione

Proprietà - Le somme spese durante il matrimonio per le migliorie della casa di proprietà esclusiva dell'altro coniuge, vanno restituite in sede di scioglimento della comunione?

Casa acquistata prima del matrimonio: che succede in caso di morte del coniuge

Comprare casa - Qual è la sorte dei beni acquistati prima delle nozze qualora il coniuge venga a mancare. Vediamo cosa dice la legge e quali le tutele per il coniuge superstite

Casa su terreno di un solo coniuge: che succede in caso di separazione?

Proprietà - In caso di separazione, la casa costruita in costanza di matrimonio sul fondo di proprietà di un solo coniuge è di proprietà di questi anche in caso di comunione

Bonus prima casa, vale anche prima dell'omologa di separazione?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si può beneficiare del Bonus prima casa nell'ipotesi di separazione consensuale dei coniugi? La risposta dell'Agenzia delle Entrate al quesito del contribuente.

Ristrutturazione casa coniugale: possibile il rimborso dopo la separazione?

Leggi e Normative Tecniche - Cosa succede se dopo i lavori di ristrutturazione nella casa coniugale i coniugi si separano? È previsto il rimborso dei costi sostenuti da un solo coniuge?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img maddaisid
Salve, avrei bisogno di un vostro supporto riguardo la mia situazione attuale..Sono sposato nell'Aprile 2019.Io ho la residenza nel comune "A"Mia moglie, unitamente a nostro...
maddaisid 24 Gennaio 2020 ore 17:40 1
Img maxmiura
Buon giorno a tutti, Quesito: Io e la mia compagna nel 2012 abbiamo acquistato un abitazione con le agevolazioni prima casa, adesso l'Agenzia delle Entrate mi chiede il pagamento...
maxmiura 25 Marzo 2015 ore 09:32 1
Img steff70
Due appartamenti distinti, ma adiacenti.Uno mia prima casa, l'altro prima casa di mia moglie.Sono stati messi in comunicazione con passaggio funzionale abbattendo il muro...
steff70 02 Dicembre 2014 ore 09:17 5
Img steff70
Il geometra ha presentato la CILA al comune, per cui sono in procinto di iniziare a fare i bonifici ai fornitori, ma in previsione del futuro, non vorrei fare errori e vi chiedo...
steff70 04 Luglio 2014 ore 00:11 2