Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Stufa a pellet: quando l'aliquota IVA può essere al 10%

L'acquisto e la posa in opera della stufa a pellet può avvenire con IVA agevolata del 10% solo laddove siano rispettati i requisiti dall'Agenzia delle Entrate.
27 Marzo 2020 ore 09:40 - NEWS Impianti di riscaldamento

L'IVA sui lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria


Per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio qualificati come lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria (che danno diritto alla detrazione fiscale del 50%) trova applicazione l'IVA agevolata con aliquota ridotta del 10%.

Tale aliquota trova applicazione certamente sulle prestazioni di servizi rese nell'ambito dei lavori (quindi ad esempio sull'opera di demolizione e rifacimento della tramezzatura).

Trova altresì applicazione anche sui beni ma solo se ceduti nell'ambito del contratto di appalto.

Tuttavia, quando quest'ultimo fornisce beni di valore significativo, l'Iva ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi.

In pratica, in questo caso l'IVA al 10% si applica solo sulla differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi.

CONSIGLIATO amazon-seller
Confezione di Pellets di legno
30 kg di pellet, 2 x 15 kg...
prezzo € 15
COMPRA


Sono considerati beni significativi quelli individuati dal decreto 29 dicembre 1999 (ascensori e montacarichi, infissi esterni e interni, caldaie, video citofoni, apparecchiature di condizionamento e riciclo dell'aria, sanitari e rubinetteria da bagni, impianti di sicurezza).

Si ricorda, inoltre che con la manovra di bilancio 2018 il legislatore ha fornito una norma di interpretazione autentica, spiegando come individuare correttamente il valore dei beni significativi quando con l'intervento vengono forniti anche componenti e parti staccate degli stessi beni (si pensi, per esempio, alle tapparelle e ai materiali di consumo utilizzati in fase di montaggio di un infisso).

Con essa si è definito il principio generale secondo cui la determinazione del valore va effettuata sulla base dell'autonomia funzionale delle parti staccate rispetto al manufatto principale. Si veda a tal proposito anche la Circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 15/E del 2018.

IVA beni significativi
Dalla guida dell'Amministrazione finanziaria si evince, comunque, che in ogni caso l'aliquota IVA ridotta non trova applicazione per i materiali o ai beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori; i materiali o ai beni acquistati direttamente dal committente; le prestazioni professionali, anche se effettuate nell'ambito degli interventi finalizzati al recupero edilizio; le prestazioni di servizi resi in esecuzione di subappalti alla ditta esecutrice dei lavori (in questa ipotesi, la ditta subappaltatrice deve fatturare con l'aliquota Iva ordinaria del 22% alla ditta principale che, successivamente, fatturerà la prestazione al committente con l'Iva al 10%, se ricorrono i presupposti per farlo).

Le stesse regole si applicano anche per il lavori di riqualificazione energetica ossia quelli che danno diritto al c.d. ecobonus.


L'IVA sui lavori di ristrutturazione


Per il resto degli interventi di recupero del patrimonio edilizio (restauro e risanamento conservativo; ristrutturazione) trova, invece, sempre applicazione l'aliquota Iva del 10% e ciò sia con riferimento alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto o d'opera sia per:

  • l'acquisto di beni, con esclusione di materie prime e semilavorati, forniti per la realizzazione degli interventi stessi;

  • la forniture dei cosiddetti beni finiti, vale a dire quei beni che, benché incorporati nella costruzione, conservano la propria individualità (per esempio, porte, infissi esterni, sanitari, caldaie, eccetera).

Il beneficio vale anche quando i sopracitati beni sono acquistati e forniti dallo stesso committente/contribuente e non solo quando sono forniti dall'impresa che esegue i lavori.

È bene ricordare che sono qualificati come interventi di restauro e risanamento conservativo ad esempio mirati all'eliminazione e alla prevenzione di situazioni di degrado; all'adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti; all'apertura di finestre per esigenze di aerazione dei locali. Insommo sono tali tutti quegli interventi destinati a conservare l'immobile e assicurarne la funzionalità per mezzo di un insieme di opere che, rispettandone gli elementi tipologici, formali e strutturali, ne consentono destinazioni d'uso con esso compatibili.

IVA ristrutturazione
Rientrano, invece, tra le opere di ristrutturazione quelli rivolti a trasformare un fabbricato mediante un insieme di opere che possono portare a un fabbricato del tutto o in parte diverso dal precedente senza aumentarne la volumetria (demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell'immobile preesistente; modifica della facciata; realizzazione di una mansarda o di un balcone; trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda; apertura di nuove porte e finestre; costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti, ecc.).


L'acquisto e posa in opera della stufa a pellet



Tra i beni significativi di cui al citato DM del 1999 il legislatore inserisce le caldaie.

Non sono, quindi, menzionate le stufe a pellet. Si è sempre posto il dubbio, quindi, se queste potessero essere assimilate alle caldaie e, quindi, godere anch'esse dell'aliquota ridotta del 10%.

La questione è stata affrontata in passato dall'Agenzia delle Entrate in risposta ad apposita istanza di interpello (nota del 22 maggio del 2014).

L'Amministrazione in tale sede ha esordito evidenziando che con riferimento con riferimento alla cessione con posa in opera di stufa a pellet, al fine di stabilire se applicare o meno l'aliquota ridotta del 10%, occorre in primis comprendere se tale bene, in considerazione delle sue caratteristiche abbia o meno le stesse funzionalità di una caldaia, definita dall'art. 2, comma 1, lettera g) del D. Lgs. 19 agosto 2005 n. 192 come il complesso bruciatore – caldaia che permette di trasferire al fluido termovettore il calore prodotto dalla combustione.

In linea generale, ha proseguito l'Agenzia delle Entrate, la stufa a pellet può essere utilizzata sotto il profilo funzionale come:

a) impianto generatore di calore, da utilizzare per riscaldare l'acqua che alimenta il sistema di riscaldamento, oltre che per produrre acqua sanitaria;

b) impianto utilizzato per il solo riscaldamento dell'ambiente, senza possibilità di produrre acqua sanitaria ovvero acqua che alimenti il sistema di riscaldamento.


Stufa a pellet come caldaia
L'Amministrazione ha ritenuto che rientrano tra le caldaie, e di conseguenza tra i beni significativi di cui al D.M. 29 dicembre 1999, quegli impianti, nel caso specifico alimentati a pellet, che utilizzano l'acqua come fluido vettore, a prescindere dalla denominazione commerciale utilizzata.

Per contro se la stufa a pellet è utilizzata per il solo riscaldamento dell'ambiente, senza possibilità di produrre acqua sanitaria ovvero acqua che alimenti il sistema di riscaldamento, questa non dovrà essere ricompresa tra i beni significativi.

Dunque, sintetizzando, nel caso la stufa abbia le funzionalità di cui al punto a) potrà trovare applicazione l'aliquota del 10% con le regole evidenziate nel precedenti paragrafi.

Nel caso di cui al punto b), invece, l'IVA sarà al 22% (in questo caso, tuttavia, è stato precisato che a quest'ultima tipologia di stufa, dovrà essere considerata parte indistinta della prestazione di servizi come chiarito dalla Circolare 7 aprile 2000, n.71/E del Ministero delle Finanze, qualora la prestazione venga realizzata nell'ambito di un intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria su un fabbricato a prevalente destinazione abitava, dunque, interamente assoggettata ad aliquota Iva ridotta del 10%).

riproduzione riservata
Articolo: Acquisto stufa a pellet: IVA al 4% o al 10%
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Acquisto stufa a pellet: IVA al 4% o al 10%: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Paola
    Paola
    Venerdì 16 Aprile 2021, alle ore 18:33
    Ho sostituito una vecchia caldaia a legna con una stufa a pellet idro e sto cercando di fare la pratica per il conto termico 2.0.
    Il mio Idraulico, che ha piazzato la stufa e mi ha fornito i tubi della canna fumaria mi ha chiesto se la fattura la deve fare con l'Iva al 10% oppure al 22%.
    Qualcuno mi può aiutare a capire come la devo far fare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Paola
      Sabato 17 Aprile 2021, alle ore 16:16
      La sostituzione dI una stufa a legno con una a pellet rientra nei lavori di efficientamento energetico (65%) o per interventi di ristrutturazione (50%), a seconda del rendimento se superiore o meno al 90%.  Ne consegue che la fattura complessiva, costo della stufa e manodopera, sconta l'Iva agevolata al 10%. Naturalmente il pagamento deve avvenire esclusivamente con bonifico parlante. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Paola
        Paola Pasquale
        Sabato 17 Aprile 2021, alle ore 21:49
        Grazie mille!
        rispondi al commento
  • Emily
    Emily
    Lunedì 1 Marzo 2021, alle ore 20:00
    Devo sostituire una vecchia caldaia per il riscaldamento con una stufa a pellet idro.
    Il venditore mi dice che l'IVA è al 22% mentre io asseriscono che l'IVA è al 10% .
    Volendo usufruire del Ecobonus al 65% ,aiutatemi a capire chi ha ragione.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Emily
      Martedì 2 Marzo 2021, alle ore 18:10
      Per acquistare in proprio e beneficiare dell'iva agevolata al 10% deve testimoniare che i lavori in corso di esecuzione rientrano tra quelli previsti per il recupero del patrimonio edilizio esistente (restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione). Nello specifico deve risultare da un provvedimento autorizzativo rilasciato dal comune. Se, invece, l'acquisto lo fa attraverso la ditta, può ottenere l'iva al 10% sia sulla fornitura che sulla manodopera. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Emily
        Emily Pasquale
        Martedì 2 Marzo 2021, alle ore 18:57
        Grazie mille.
        rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.272 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Acquisto stufa a pellet: IVA al 4% o al 10% che potrebbero interessarti


Differenze fra stufe, caldaie e termostufe a pellet

Impianti di riscaldamento - Gli impianti a pellet possono essere dotati di vari tipi di generatori, come le stufe, le caldaie e le termostufe, che hanno diverse modalità di funzionamento.

IVA per stufe a pellet

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Come si applica l'aliquota IVA in caso di installazione di stufe a pellet all'interno di fabbricati ad uso abitativo di nuova costruzione o già esistenti.

Riscaldare in modo sostenibile con stufe, termostufe e caldaie a pellet

Impianti di riscaldamento - Ariel Energia, propone diversi tipi di stufe, termostufe e caldaie a pellet, modelli belli e funzionali per riscaldare le proprie case rispettando l'ambiente.

Stufe, termostufe e caldaie a pellet: la tecnologia del calore per risparmiare sui costi di riscaldamento

Impianti di riscaldamento - Stufe, termostufe e caldaie a pellet Ariel Energia: delle soluzioni in grado di garantire calore e benessere in casa, per avere ambienti sani e confortevoli.

Scelta alimentazione di una stufa: a legna o a pellet?

Impianti di riscaldamento - Acquistare ora una stufa o un termocamino, necessita attenzione su molti aspetti, tra i quali uno dei primi è la scelta dell'alimentazione: a legna o a pellet?

Stufe a pellet Ariel Energia: come risparmiare rispettando l'ambiente

Impianti di riscaldamento - Risparmiare scegliendo di utilizzare le stufe a pellet: Ariel Energia propone tanti modelli diversi di stufe e caldaie proprio per accontentare tutte le esigenze

Guida al riscaldamento

Impianti di riscaldamento - Come scegliere il sistema più adatto per riscaldare al meglio la tua casa.

Novità a Progetto Fuoco 2012

Arredamento - A circa una settimana dalla chiusura di Progetto Fuoco 2012, le novità proposte fanno ancora parlare per originalità, design, innovazione.

Stufe e caldaie promiscue a biomassa

Impianti di riscaldamento - I sistemi a biomassa, cioè le stufe e le caldaie alimentate a pellet e a legna, così come i sistemi che sfruttano il sole, si stanno sempre più diffondendo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img andret1
Buongiorno a tutti,sto ristrutturando una casa da 260 mq su due piani, l'obiettivo è dividerla per avere due appartamenti indipendenti (un appartamento per piano).Vorrei...
andret1 03 Agosto 2021 ore 21:15 1
Img awhin
Salve,stiamo per acquistare casa e abbiamo trovato un appartamento che ci piace ma dove è stato installato un impianto canalizzato.La casa è da poco ristrutturata,...
awhin 30 Luglio 2021 ore 13:40 1
Img lombardilorenzo
Ciao. Ho. Vecchia. Caldaia. Eolo 24 sostituito valvola gruppo. E vie mail problena che riscalda caloriferi. Non e risolto. Che. Fare. Aiuto. Grazie...
lombardilorenzo 29 Luglio 2021 ore 11:59 2
Img monibinis
Buongiorno,stiamo rifinendo i pavimenti della nostra casa e vogliamo qualcosa che sia attuale ma non vogliamo cadere nella trappola di una tendenza.Amo davvero i pavimenti...
monibinis 28 Luglio 2021 ore 12:23 2
Img julia reci
Buona sera,ho bisogno di sapere come posso fare per annullare un contratto per la ristrutturazione del bagno, ho dato un'anticipo di 200€, ma leggendo attentamente non mi...
julia reci 27 Luglio 2021 ore 18:23 1