Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Accertamento tributi locali: si al pagamento sanzioni ridotte e al ricorso per l'imposta

Si può prestare acquiescenza parziale all'avviso di accertamento, pagando le sanzioni ridotte e contestare il solo tributo locale? La decisione della Cassazione
- NEWS Fisco casa

Avviso di accertamento tributi locali


La notifica avviso di accertamento imu o in materia di altro tributo locale, spesso getta in confusione i non addetti ai lavori.

Non è sempre agevole comprendere le ragioni sottese alla pretesa e, conseguentemente, scegliere come procedere.

Avviso accertamento IMU

Di recente, sul punto, è intervenuta la Corte di Cassazione che, con la sentenza 29 ottobre 2021, n. 30884, ha affermato un importante principio spesso oggetto di diverse interpretazioni, a causa di un non chiaro dettato normativo, equiparando i tributi locali alle imposte ad esempio sui redditi e IVA nei casi di avvisi di accertamento.


Avviso di accertamento IMU, cosa fare?


Il mancato pagamento dei tributi locali, nello specifico IMU o ICI (per contenziosi ancora in essere, aventi a oggetto l’ omesso versamento ici), TOSAP e altri, espone il contribuente inadempiente per l’omessa corresponsione del tributo (totale o parziale) alla possibilità di essere destinatario di un avviso di accertamento tributi locali.

Avviso accertamento IMU
Stiamo parlando di un atto avente natura impositiva, emesso dall’Amministrazione finanziaria, in particolare dall’Ente comunale competente, con il quale è richiesto il pagamento del tributo con i relativi interessi e delle sanzioni.

In questi casi, il contribuente ha a disposizione essenzialmente due strade:

  • prestare acquiescenza accertamento, ovverosia corrispondere l’intero importo richiesto dall’avviso di accertamento. In questo caso, il contribuente chiude la partita con il Fisco, versando l’importo richiesto con l’atto di accertamento che solitamente comprende il tributo non versato (a esempio imu non versata o imu errato versamento), oltre ai relativi interessi e alle sanzioni in misura ridotta;

  • impugnare l’avviso di accertamento e instaurare un contenzioso tributario innanzi alla Commissione tributaria territorialmente competente, contestando integralmente l’avviso di accertamento e, pertanto, formulando eccezioni per contestare la debenza dell’imposta e altresì delle sanzioni.


Avviso di accertamento imu e pagamento sanzioni in forma ridotta


Per la quasi totalità di tributi, l’ordinamento tributario contempla una terza strada percorribile dal contribuente raggiunto da un avviso si accertamento: prestare acquiescenza accertamento, definendo le sole sanzioni e ricorrere per contestare la debenza dell’imposta.

Tale facoltà è prevista dall’art. 17, secondo comma, D.Lgs., 18 dicembre 1997, n. 472 a norma del quale è ammessa definizione agevolata, con il pagamento di un importo pari ad un terzo della sanzione irrogata e comunque non inferiore a un terzo dei minimi edittali previsti, entro il termine previsto per la proposizione del ricorso.

Che succede se non pago l imu

In altri più specifici termini, tale norma consente di ricorrere avverso la debenza del tributo (imposte sui redditi e Iva) e contestare le sanzioni in misura ridotta.

Ne consegue che, qualora il contribuente dovesse ottenere sentenza favorevole da parte della Commissione Tributaria, con conseguente annullamento dell’avviso di accertamento, l’eventuale versamento delle sanzioni per effetto dell’acquiescenza prestata, non può essere ripetuto.

Pertanto, il contribuente non potrà ottenere il rimborso di quando corrisposto a titolo di trattamento sanzionatorio.

Vantaggio pagamento irrogate con avviso di accertamento


Nonostante la non ripetibilità di quanto versato a titolo di sanzioni per acquiescenza accertamento parziale, la diposizione di cui all’art. 17, secondo comma, D.Lgs., 18 dicembre 1997, n. 472, può rappresentare un'alternativa, in alcuni casi vantaggiosa, perché consente di pagare le sanzioni ridotte e ricorrere avverso il tributo.

La proposizione del ricorso, infatti, comporta che, in caso di esito negativo per il contribuente, questi sia tenuto a provvedere al pagamento, oltre che del tributo e dei relativi interessi, anche delle sanzioni che possono essere, in alcuni casi, a seconda delle imposte e delle contestazioni, di importo anche superiore all’imposta stessa.


Avviso di accertamento tributi locali e pagamento sanzioni ridotte


L’applicazione della previsione di cui all’art. 17, secondo comma, D.Lgs., 18 dicembre 1997, n. 472 anche in materia di avviso di accertamento tributi locali è da sempre stata controversa, spesso oggetto di interpretazioni giurisprudenziali contrastanti.

In linea generale, gli avvisi di accertamento emessi da enti locali e aventi a oggetto tributi locali, recano fra le avvertenze la possibilità di definire le sanzioni in misura ridotta solo nel caso di contestuale pagamento dei tributi e degli interessi prima della scadenza del termine per la presentazione del ricorso.

In altri termini, in caso di avviso di accertamento tributi locali la giurisprudenza, in particolare di merito, non ha sempre affermato la possibilità per il contribuente di definire le sole sanzioni, prestando acquiescenza parziale all’avviso di accertamento e di ricorrere per contestare la fondatezza della pretesa impositiva, come previsto per la quasi totalità degli altri tributi.

Ciò in quanto, le leggi istitutive dei vari tributi locali, generalmente, prevedono che possono essere versate le sanzioni in misura ridotta, per effetto delle disposizioni di cui agli artt. 16 e 17 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 se, entro il termine per ricorrere alle Commissioni tributarie, interviene l’adesione del contribuente con il pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione.


Corte di Cassazione: sì all'acquiescenza accertamento per le sanzioni e sì al ricorso per il tributo


Come rilevato, di recente, si è pronunciata sul tema anche la Corte di Cassazione, con la sentenza 29 ottobre 2021, n. 30884.



Con il citato decisum, la Corte apre alla possibilità di equiparare i tributi locali alle imposte sui redditi e all’IVA, consentendo la facoltà per il contribuente di prestare acquiescenza accertamento parziale, con esclusivo riferimento alle sanzioni, usufruendo della notevole riduzione e ricorrere per la sola debenza dell’imposta.

Tale principio è stato affermato dalla Suprema Corte in un giudizio avente a oggetto l’imposta sugli immobili ma si ritiene sia applicabile alla totalità dei tributi locali.

riproduzione riservata
Articolo: Accertamento IMU-ICI: pagamento sanzioni e ricorso per imposta
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Accertamento IMU-ICI: pagamento sanzioni e ricorso per imposta: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.002 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Accertamento IMU-ICI: pagamento sanzioni e ricorso per imposta che potrebbero interessarti


Pagamento sanzioni catastali con F24

Catasto - Dal 1 giugno 2015 le sanzioni catastali, dovranno essere pagate usando il modello di versamento unificato F24. Novità anche per il ravvedimento operoso.

Imu e Tari: possibile proroga dei tributi locali per Covid-19

Fisco casa - Imu e Tari: si ipotizza una sospensione dei termini di pagamento delle imposte sulla casa. Vediamo il piano messo a punto dal Governo con il sostegno della CdP.

Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

Fisco casa - La Legge di Stabilità, introducendo il ravvedimento medio, prevede la facoltà di pagare il saldo IMU e Tasi 2014 entro il 16 marzo 2015 con la sanzione ridotta al 3,33%.

In caso di abusi edilizi e falsi permessi paga il committente

Leggi e Normative Tecniche - A parere del Consiglio di Stato il cliente che viene frodato e che richiede il permesso di costruire in sanatoria non è esonerato dal pagamento delle sanzioni.

Accertamento di conformità urbanistica

Normative - Anche se si riscontrano delle difformità, rispetto al progetto autorizzato, vi possono essere le condizioni per un eventuale condono.

Modello F24: di cosa si tratta e come deve essere compilato

Fisco casa - Cos'è il modello F24, per quali tipologie di imposte può essere utilizzato. Vediamo quali sono le istruzioni per effettuare il pagamento senza commettere errori

Nuova Imu 2020: sanzioni e ravvedimento in caso di mancato pagamento

Fisco casa - Cosa succede in caso di mancato pagamento dell'Imu nei termini previsti dalla legge? Sanzioni e ravvedimento operoso per chi paga in ritardo. Di cosa si tratta?

Come fare un ricorso al Catasto

Catasto - Se arriva un avviso di accertamento da parte del Catasto, con l'indicazione di una rendita più elevata e di sanzioni da pagare, è possibile presentare un ricorso.

Pace fiscale per i tributi comunali: ecco di cosa si tratta

Fisco casa - Non solo multe e bollo auto potranno beneficiare della pace fiscale; il condono è consentito anche per quei tributi comunali sulla casa come IMU, TASI e TARI.