Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Presscontrol e autoclave

News di Impianti
Per un corretto funzionamento dei dispositivi installati nella rete idrica degli alloggi, occorre mantenere costante la pressione del circuito impiantistico.
Presscontrol e autoclave
Arch. Emanuele Distefano
Arch. Emanuele Distefano

Con l’avvento alcuni anni fa dei miscelatori monocomando, si è posta una rivoluzione (di ordine funzionale) nel settore impiantistico che ha soppiantato, in numerosi fabbricati, i tradizionali rubinetti con manovra a vite.

La differenza sostanziale tra i due dispositivi è necessariamente individuata su alcune caratteristiche costruttive e sul corretto funzionamento dovuto alla pressione dell’acqua che viaggia all’interno della rete idrica.

In epoche passate, e per fabbricati di modeste dimensioni, la pressione interna degli acquedotti, era determinata (per un fenomeno fisico), dall’altezza delle grandi cisterne comunali poste in prossimità del perimetro cittadino.

Questa sistema, almeno per le semplici condizioni di impiego dell'epoca, permetteva il regolare funzionamento dell’impianto idrico all’interno delle abitazioni.

Rispetto a quel periodo, le caratteristiche funzionali dei nuovi prodotti industriali, richiedono una maggiore pressione dell’acqua, all'interno dei circuiti.

Da questa esigenza, sorge la necessità di collocare apparecchiature che consentono, tramite una pompa ad azionamento elettrico, di aumentare questo valore.

In commercio esistono due strumenti, studiati per questo impiego, come il Presscontrol o l’Autoclave con vaso di espansione.

Il primo dispositivo (controllato da un sistema di controllo), si compone di una parte elettronica e una meccanica, ed entra in funzione non appena la pressione dell’impianto idrico si abbassa.

Non appena si determina questa condizione, un segnale consente l’accensione della pompa che, spingendo l’acqua con maggiore intensità, ristabilisce la perdita di tensione all’interno del circuito.

Solitamente quest’apparecchiatura, specie per chi non è del settore, è ritenuta tutt’una con la pompa, ma, nella realtà, sono due cose ben distinte.

L’autoclave con vaso di espansione, è uno strumento molto semplice dal punto di vista meccanico, ma che, rispetto al primo, richiede uno spazio maggiore all’interno del locale idrico.

È composto di un contenitore ermetico (vaso di espansione), dove si trova una camera d’aria posta a pressione e ripiena d’acqua.

Se all’interno di un alloggio è aperto un rubinetto (cucina e servizio igienico), o entra in funzione la lavatrice, lavastoviglie, ecc., la differenza di pressione tra l’interno del vaso di espansione e quella esterna (dal punto di erogazione), determinerà lo scorrimento dell’acqua all’interno della rete idrica.

All’origine di questo meccanismo, vi è una pompa che ha il compito di riempire l’interno del contenitore ermetico e di ristabilire, di volta in volta, le precedenti condizioni di pressione.

Questa caratteristica, molto semplice dal punto di vista meccanico, pone delle problematiche circa la perdita di tensione della membrana interna (con il trascorrere del tempo), e da qui la necessità di monitorare questo valore con la lettura periodica del manometro.

In ultimo, riagganciandosi a quanto detto poc’anzi, le dimensioni di questo contenitore e il materiale metallico di cui è costituito obbligano a collocare l’autoclave in spazi interni e ben protetti dalle intemperie.

Questi aspetti hanno comportato, per i nuovi impianti idrici, a una maggiore attenzione sull’argomento, non solo per ciò che riguarda la rete di distribuzione interna e delle dorsali impiantistiche, ma anche nella definizione della riserva idrica e del sistema di approvvigionamento alle singole unità abitative.

Nei moderni stabili, ma anche nei piccoli fabbricati, in genere è predisposto un locale idrico separato, contenente i singoli serbatoi (uno per utente e solitamente in polietilene) e collegati, tramite linee di trasmissione, alle pompe (distinte per alloggio).

Con questa soluzione, ogni famiglia avrà una propria dorsale impiantistica (con serbatoio e pompa) e quindi nessuna condotta in comune (condominiale) con gli altri occupanti dello stabile.

Per un'ulteriore precauzione è possibile prevedere anche due elementi (per solo utente) per consentire, in caso di guasto di una singola pompa, di attivare l’altra apparecchiatura.

In alternativa a questo sistema, vi è la possibilità di collocare un gruppo pressurizzato (autoclave) ed una linea principale cui saranno collegate tutte le varie diramazioni degli alloggi.

Vi sono tuttavia dei vecchi stabili, realizzati negli anni '60, dove vi era la consuetudine di prevedere una cisterna interrata e dei semplici motori che rinviano l’acqua a un serbatoio posto in sommità (terrazza o sottotetti).

In questi casi la pressione è determinata dall’altezza di questo contenitore rispetto ai punti di erogazione collocati alle varie quote.

Considerate le nuove esigenze domestiche (differenti rispetto al passato), e per ovviare a questo inconveniente, anche in considerazione di difficoltà operative, alcuni proprietari hanno risolto autonomamente il problema collocando, all’origine del punto di allaccio alla rete condominiale e su spazio privato (locali interni e ballatoi), delle pompe munite di presscontrol.

Con questa soluzione è possibile aumentare la pressione interna dell’impianto e consentire, tra l’altro, di utilizzare efficacemente i rubinetti con miscelatori monocomando oltre ad altre apparecchiature.

È evidente che, la maggiore difficoltà, rimane il punto dove collocare questa apparecchiatura all’interno degli alloggi, che comporta, evidentemente, vibrazioni e rumori trasmessi anche alle altre unità abitative.

Articolo: Presscontrol e autoclave
Valutazione: 3.89 / 6 basato su 19 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 2
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Presscontrol e autoclave
Caratteri rimanenti
  • Salvatore Oliva
    Mercoledì 20 Febbraio 2013, alle ore 15:37
    Buongiorno o letto il suo articolo e le chiedevo se è a conoscenza della norma UNI di riferimento per la certificazione di una autoclave o gruppo di pressurizzazione.
    In attesa di una sua gradita risposta, cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Arch. Emanuele Distefano Salvatore Oliva
      Mercoledì 20 Febbraio 2013, alle ore 17:37
      Per Salvatore Oliva: Non mi sono soffermato al problema e quindi non posso dare una risposta.
      rispondi al commento
  • Gaetano Alvino
    Lunedì 7 Gennaio 2013, alle ore 10:54
    Ho fatto scavare un pozzo con una pompa immersa, per l'irrigazione di un giardino e per innaffiare vasi di fiori e bordure.
    Vorrei sapere se conviene installare un'autoclave o un presscontrol, e se comunque ambedue necessitano di una cisterna di accumulo di acqua.
    Dovendo installare le apparecchiature all'interno di un garage posto sotto l'abitazione vorrei anche sapere se le suddette apparecchiature sono rumorose.
    rispondi al commento
  • Salvatore
    Martedì 21 Agosto 2012, alle ore 12:16
    Gentile Arch. Distefano, io avrei necessità, a causa dell' irregolare erogazione dell' acqua nel mio comune (molte volte manca, e, quando arriva, è a pressione ridicola in casa), di fare un impiantino di autoclave di piccole dimensioni, max 200 litri. A causa della mia esperienza lavorativa da strumentista, sono arrivato all' assunto che la semplicità, se intelligente, è un valore (l' unica cosa che non si rompe è quella che non c'è...ahahah). Volevo sapere se, vista l' entità non elevata (150-200 litri), si può ipotizzare un serbatoio atmosferico sulla mansarda (punto più alto), e utilizzare per le utenze la forza di gravità. Il motorino mi servirebbe in sostanza solo per agevolare la ricarica del serbatoio...è fin troppo semplice o potrebbe funzionare? L' autoclave sarebbe collegata, in mandata (utenze) e aspirazione (ricarica) al tubo principale, subito in uscita dal contatore. Come logica sembrerebbe funzionare, ma leggendo di strumentazione molto più complessa, ho il timore che sbaglio qualcosa...
    rispondi al commento
    • Consulente Salvatore
      Mercoledì 22 Agosto 2012, alle ore 12:02
      Per Salvatore: L'autoclave viene posto a piano terra, poiché la sua funzione è di spingere l'acqua verso i piani più alti. Esistono infatti diverse macchine in funzione ovviamente dell'altezza dell'edificio. Per il resto valgono le considerazioni indicate nell'articolo, così come dell'importanza di avere una sufficiente riserva idrica a piano terra. Per altre soluzioni tecniche è consigliabile rivolgersi a tecnici che operano espressamente nel settore impiantistico.
      rispondi al commento
Notizie che trattano Presscontrol e autoclave che potrebbero interessarti
Come posizionare un autoclave

Come posizionare un autoclave

Consigli pratici per un corretto impianto di autoclave.
Manutenzione sistema autoclave

Manutenzione sistema autoclave

I problemi di pressione dell'acqua, soprattutto per le abitazioni in edifici con diversi piani, sono solitamente risolti con l'utilizzo di sistemi ad autoclave.
Installazione di un’autoclave

Installazione di un’autoclave

L?impianto di sollevamento dell?acqua, più spesso detto autoclave (termine che tecnicamente indica il solo serbatoio in pressione facente parte dell?intera installazione)
Controllo flusso idrico

Controllo flusso idrico

E' possibile eliminare i tonfi provenienti dall'impianto idrico alla chiusura delle intercettazioni del flusso d'acqua, con un controllore di pressione.
Impianto idraulico

Impianto idraulico

L'impianto idraulico domestico deve svolgere tre funzioni: procurare l'acqua, distribuirla ai vari locali della casa, smaltire le acqua nere, quelle di scarico.
IMMOBILIARE
prezzi impianti
costi impianti
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Papillon pergola gazebo a parete in legno impregnato in autoclave 280x300 cm papillon
      Papillon pergola gazebo a parete...
      156.59
    • Dakota tortora 40x170
      Dakota tortora 40x170...
      115.00
    • Casetta bambini
      Casetta bambini...
      829.00
    • Ferplast cuccia per cani in legno di pino domus mini (50x65x47,5 cm)
      Ferplast cuccia per cani in legno...
      79.70
    • Papillon pergola gazebo in legno impregnato in autoclave 300x300 cm papillon
      Papillon pergola gazebo in legno...
      183.72
    • Pergola autoportante
      Pergola autoportante...
      1279.00
    • Ripostiglio addossato
      Ripostiglio addossato...
      159.00
    • Fioriera con vaso per giardino in legno di pino cm 75x30x180 h
      Fioriera con vaso per giardino in...
      50.32
    • Impianto irrigazione per giardini
      Impianto irrigazione per giardini...
      500.00
    • New plast altalena da giardino per bambini in legno e giunti in metallo, altezza 190 cm
      New plast altalena da giardino per...
      151.07
    • Piscine in legno
      Piscine in legno...
      2425.00
    • New plast altalena da giardino per bambini in legno e giunti in metallo, altezza 190 cm
      New plast altalena da giardino per...
      136.80

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE